separatore
icona fisi  
 icona fantaski titoletto linguaicona italia icona bandiera italia icona bandiera svizzeraicona bandiera inglese icona bandiera inglese icona bandiera americanatitoletto tedesco icona bandiera germania icona bandiera austria icona bandiera svizzeratitoletto francia icona bandiera francia icona bandiera svizzera 
fantaski_header
icona baffo fantaski titoletto home icona baffo fantaski titoletto cosa fantaski icona baffo fantaski titoletto faq help icona baffo fantaski titoletto regolamento icona baffo fantaski titoletto forum icona baffo fantaski titoletto fotogallery  
lunedì 18 novembre 2019 - ore 09.14 
banner 120x90
titoletto coppa del mondo
separatore
titoletto coppa fantaski
separatore
titoletto gioca fantaski

La Coppa del Gobbo - III - Amneville

Clicca sulla foto per ingrandire
Gobbo C.
Gobbo C.
commenti 41 Commenti icona rss
Sarebbe un grosso errore dare un voto negativo allo slalom indoor di Amnéville e alla Federazione che lo ha allestito, soffocando sul nascere una esperienza che potrebbe segnare un momento storico nel cammino futuro dello sci! E' una mia valutazione personale...di semplice appassionato e addetto ai lavori (...che ha faticato un po’ per tenere alta l'attenzione durante tutta la gara...) Come ho detto in telecronaca lo sci alpino ha bisogno di nuovi stimoli e differenti espressioni comunicative per restare in vita...c'è bisogno di un progetto televisivo che tenga conto dei ritmi di cui la società dispone e che si traducono in un minor spazio da dedicare alla permanenza davanti ai teleschermi..., c'è bisogno di cambiare le riprese televisive dello sci alpino, trovando soluzioni simili a quelle adottate dal biathlon, dallo slittino...per farti vivere le emozioni in modo più forte...come se fosse il telespettatore a scendere sugli sci...evitando le buchette, saltando sulle gobbe, sfiorando le porte...! Non mi dicano, coloro che reggono il comando, che questi sono sogni dispendiosi da realizzare...o cose del genere... La tecnologia applicata sulle auto di F1 o sulle moto del MotoGP può essere "trasportata" sulla neve, lo sostengo da tempo, e allora...se la nuova federazione vorrà davvero recitare un ruolo "diverso" per dare un’impronta tale da proiettare lo sci nel futuro, bisognerà fare gare DIVERSE da quella di Amnéville, scandendo in modo più concreto il binomio sci/spettacolo! Altrimenti non si andrà da nessuna parte, anzi! Voglio vedere come sia possibile trovare spazi, nella prossima stagione, per inserire le previste tre o quattro gare all'aperto...sempre ammesso che la FIS non mostri i muscoli! A proposito...chi abbia seguito la gara su Eurosport avrà ascoltato il presidente Kasper dire: "Per noi è una gara irregolare!" e la risposta di Morzenti "se saremo colpiti duramente reagiremo con colpi altrettanto duri!" Le scorciatoie ci sono, ci sono state, anche per il gigante della Paganella, ma senza la Fis non credo ci sia tanto futuro... A me lo slalom, nel suo insieme, non è dispiaciuto…molti ragazzi/e hanno fatto un buon allenamento su come "mantenere la velocità nei pianetti" e tanti ski men hanno mugugnato sui sassolini che hanno devastato spigoli e solette, ma è stata una bella festa, un prologo comunque positivo allo slalom di Levi. Bene gli azzurri, soprattutto Innerhofer, Moelgg e Karbon (piazzamenti a parte…), bravi i francesi (uomini e donne), che hanno saputo trarre vantaggio dai numerosi allenamenti fatti nell'impianto. Giusto che sia così! Ma quando ne facciamo uno simile nel nostro paese? E pensare che anche l'Olanda ne ha uno! Vabbè, è sempre la solita storia, in ogni caso saremmo sempre gli ultimi a realizzarlo...E' evidente come una struttura simile abbia costi elevati ed è logico ragionare in termini di uso/polivalente, però resto dell'idea che lo sci debba ANCHE avvicinarsi alla città...credo sia un'esigenza culturale! In fin dei conti tanta, tanta gente conosce poco dello sci, fatica a capirne i gesti e l'importanza della sua valenza sportiva, non ha mai visto una gara! Le cattedrali storiche restano, certo, ma bisognerà fare delle scelte! Qualcosa sta già filtrando, si pensa a mantenere in vita tre specialità, ma restando sempre sui monti si rischia di perdere per sempre la città, ed è questa, secondo me, la scommessa che dovrebbe stimolare la Nuova Federazione!
(martedì 10 novembre 2009)



@RIPRODUZIONE RISERVATA

  • sabato 2 novembre 2019

    La Coppa del Gobbo - Cala il Sipario

    martedì 6 agosto 2019

    Azzurri tra Stelvio e Amneville

    venerdì 5 luglio 2019

    Gruppo Coppa Europa ad Amneville

  • mercoledì 29 maggio 2019

    Azzurri: il programma estivo degli allenamenti

    domenica 10 febbraio 2019

    La Coppa del Gobbo: Aksel e Lindsey, Grazie!

    lunedì 21 gennaio 2019

    La Coppa del Gobbo - Non Esiste L'Impossibile

  • lunedì 24 dicembre 2018

    La Coppa del Gobbo - La calda neve

    mercoledì 14 novembre 2018

    Coppa del Gobbo - il CSE da Courmayeur a Brunico

    mercoledì 3 ottobre 2018

    Infiammazione per Moelgg;Brignone a Saas Fee


    Tutt i commenti disponibili:
    1 | Grigo il 10/11/2009 11.45.35
    Ciao Carlo.. ho visto l'evento in diretta. A primo impatto, dopo tutte le attività di promozione ed i messaggi di necessità di innovazione, da parte della Esf, devo dire lo ho trovato moooolto deludente. E non darei colpa al pendio. Secondo me se si vuole fare qualcosa di innovativo, bisogna studiarlo, provarlo, e poi , una volta terminati i test ed una formula accettabile, presentarlo al pubblico in TV. Quello che invece è stato fatto, è portare un normale slalom, in un Dome. Il tracciato lo ho trovato inadeguato. Ritmo lento. Poche asperità del terreno (ondulazioni, mini salti?). Neve... lasciamo perdere: dopo pochi passaggi una striscia marroncina! E' come se alla prima gara di F1 che hanno fatto ad Abu Dhabi si trovavano l'asfalto con le buche! ma che promozione è? Sono perfettamente d'accordo con te che siamo molto indietro sul far partecipare interattivamente lo spettatore. Non è possibile, che per far vedere le immagini debbano metterti addosso 2 kg di roba. Ormai ci sono degli occhi con antenna integrata che li puoi mettere ovunque, e neanche ti accordi di averli. La mia impressione è che tra Fis ed Esf sia solo una battaglia politica tra due personaggi (Kasper e Schroecksnadel). E si fa un po il gioco forza per ottenere... qualcosa! Domanada: ma se invece di fare una gara fine a se stessa, senza un senso preciso, non programmassero un circuito professionistico nei vari dome o colline delle città, prendendo magari spunto dal tennis, dove fanno vari tornei oltre agli slam con in paglio punti ( a seconda dell'importanza del torneo stesso) per avanzare nel ranking. Si porterebbe così lo show nelle città promuovendo la montagna: i dome dovrebbero essere ampliati e dare la possibilità agli spettatori di guardare la competizione. Manche brevi, con continui scontri diretti,e su tracciati adeguati, magari non solo copiati dallo slalom ma anche da un mini gs. In questo modo si darebbe la possiblità a più specialisti di gareggiare competitivamente. E poi parlando di idee sono sicuro che ne salterebbero fuori a bizzeffe... non trovi? Ciao
    2 | Admin il 10/11/2009 12.09.48
    sono riflessioni molto interessanti, entrambe. è vero, idee ce ne potrebbero essere tantissime (io mi sogno ancora un Evento con la E maiuscola sulla collinetta di Milano).. però provo a fare il bastian contrario: il tennis, il basket e persino il fondo possono essere organizzati anche nel prato di casa (esagero)...ma lo sci? fare un Dome non è così semplice evidentemente altrimenti una città come Milano dovrebbe averne già uno. per fare una gara hai bisogno ALMENO: 1) di un pendio decente 2) di un po' di neve 3) garanzia di poter svolgere l'evento e sono condizioni che comunque devi soddisfare...e non sono così facili... tornando poi allo spettacolo: posizionare una microcamera OBBLIGATORIA su ogni atleta (con le dovute garanzie tecniche e di sicurezza) non penso sia impossibile e darebbe ai registi la possibilità di creare uno prodotto televisivo senz'altro più emozionante... sono meno d'accordo sul discorso ondulazioni/salti: secondo me c'è il rischio di snaturare la disciplina MA mi rendo conto che è un pensiero mio, probabilmente sono molto conservatore in questo senso
    3 | lbrtg il 10/11/2009 12.22.01
    D'accordo con Grigo: "Spettacolo molto deludente". Sono del parere che lo sci, come specialità, ponga dei limiti "fisici" ed economici allo spostamento dell'attività nelle città... E poi, per dirla tutta, io sono mooooolto conservatore. L'innovazione bisognerebbe pensarla per introdurla nello svolgimento classico dello sci. E cioè all'aperto. In questo senso bisogna lavorare. O no?
    4 | jos235 il 10/11/2009 12.25.29
    FantaskiNews ha scritto:
    La Coppa del Gobbo - III - Amneville<br>di Matteo Pavesi<br><br><img align="left]http://www.fantaski.it/images/media/img_gt9718.jpg" id="left[/img] Ma quando ne facciamo uno simile nel nostro paese? E pensare che anche l'Olanda ne ha uno! Vabbè, è sempre la solita storia, in ogni caso saremmo sempre gli ultimi a realizzarlo...
    Però è anche vero che da noi, per fortuna, ci abbiamo le montagne (e che montagne, direi..)[:D]
    5 | bomba il 10/11/2009 13.18.06
    [:)][:)][:)] Ciao Carlo sono d'accordissimo con te , gli sport invernali devono spostarsi anche in citta' cosa che in certi settori stanno gia facendo vedi lo snowboard. LONDRA WORLD CUP di BIG.AIR 15.OOO PERSONE PAGANTI ALLO STADIO BARCELLONA WORLD CUP di BIG.AIR 20.OOO PERSONE PAGANTI SEMPRE ALLO STADIO,questi sono gli ultimi 2 eventi FIS di freestyler inoltre vedo che tutti gli anni aumentano questi tipi di eventi si vede che gli sponsor interessano tirano a metterci degli euro e ance tanti. inoltre vorrei chiedere a te CARLO se ti sembra giusto che nel sito FISI visto che esiste un addetto stampa pagato dalla federazione e quindi da noi altri non mettano una news di questo genere a BARCELLONA c'erano 2 nostri atleti BUZZONI E MUNARI azzurri laggiu tra l'altro sempre a loro spese , tra l'altro il BUZZONI per o,9 centesimi non è entrato in finale pero' nel trainnig ha avuto il punteggio piu alto. TRA L'ALTRO europort l'ha trasmessa in diretta........live.. CIAO carlo.
    6 | quilodico2 il 10/11/2009 13.35.44
    Lo snowboard, lapalissiano, non è lo sci. Un half pipe lo fai più o meno ovunque. Aggiungo: lo snowboard ha MOLTO PIU' bisogno dello sci di avvicinarsi alle metropoli. E' uno sport senza copertura TV, e senza televisione non esisti, lo sappiamo tutti. Questo perché in TV lo snowboard rende meno di zero. Sarà ma resto della mia idea tradizionalista: lo sci è un'altra cosa, semplicemente. Piuttosto: perché non si pensa a riproporre qualche bel parallelo?
    7 | Ciclone il 10/11/2009 14.06.09
    Lo sci è un’altra cosa. E per fortuna, aggiungo io. Se allo SL – parola grossa definirlo tale quello di Amneville – tolgo il risultato finale di due italiani sul podio, per il resto a me ha fatto francamente pena. Se questo è il futuro dello sci agonistico … siamo di fronte ad un malato terminale. Spero solo che a nessuno in Italia venga in mente di violentare la Natura costruendo un capannone climatizzato per “avvicinare” gli sport della neve alle città. Di ecomostri il nostro paese ne è già abbastanza pieno. Lo sci è per sua essenza una disciplina che si fa a diretto contatto con la Natura, rispettandola ed amandola; la Federazione deve percorrere altre strade per portare i giovani sulle piste e nelle montagne. Lasciamo sotto i tendoni i funamboli del Circo; noi sciatori “accontentiamoci” di quello che ci ha regalato la Natura, apponiamo la nostra “firma” sul manto bianco. Questo nostro segno sparirà alla prossima nevicata. Io amo lo sci. Il resto è un’altra cosa, è “scivolare”.
    8 | bomba il 10/11/2009 15.35.07
    quilodico2 ha scritto:
    Lo snowboard, lapalissiano, non è lo sci. Un half pipe lo fai più o meno ovunque. Aggiungo: lo snowboard ha MOLTO PIU' bisogno dello sci di avvicinarsi alle metropoli. E' uno sport senza copertura TV, e senza televisione non esisti, lo sappiamo tutti. Questo perché in TV lo snowboard rende meno di zero. Sarà ma resto della mia idea tradizionalista: lo sci è un'altra cosa, semplicemente. Piuttosto: perché non si pensa a riproporre qualche bel parallelo?
    Lo snowboard ha bisogno dello sci''''?????? NON HO MICA CAPITO ripeto europsport live in diretta 20.000 persone che hanno pagato per vederlo in uno stadio, penso che questi siano dati importanti. quale tv non lo fanno vedere''???? SI LE TV PRIMO CANALE SECONDO CANALE canale 5 ect mah e chi le guarda ste tv. mi sembra che anche CARLO GOBBO lavori per EUROSPORT chiedi a lui come mai'''?????? POI lo sci è lo sci lo snowboard è lo snowboard come il fondo ect. spostati fuori dall'italia e vedi dove investono gli sponsor ect altro dato non mio ma sui giornali la media di bambini dai 6 ai 30 anni che vanno in negozio chiedono a noleggio o per comperare info sullo snowboard dopo i 30 chiedono per lo sci , anche questi sono fatto dai ragaz non chiudiamo gli occhi.
    9 | Admin il 10/11/2009 15.50.46
    bomba, perdonami, non si capisce niente del tuo intervento. puoi riscriverlo? grazie
    10 | Grigo il 10/11/2009 16.12.03
    ehi bomba, ma tutti gli interventi che scrivi sembri sempre inca..... e non si capisce mai nulla.. ma nello snowboard vi esprimete... o a causa dei fazzoletti sulla bocca, fate solo gesti???[:D][:D][:D] E' logicamente una battuta, non prendertela... E' forse vero che all'estero ci sono dei sistemi diversi , ma noi siamo in Italia, ed abbiamo i sistemi italiani e non puoi cambiare tutti i sistemi di pensare della gente.. o almeno non puoi farlo a breve.. Ma se non ti va bene puoi sempre andare all'estero... almeno fai un'esperienza nuova. Ma ricorda, l'erba del vicino sembra sempre più verde... o la neve più bianca. ma sarà poi vero???
    11 | bomba il 10/11/2009 17.13.20
    Avete ragione scrvo da far schifo chi mi conosce sa che sono piu sui fatti che parole non è una scusante. Quello che volevo dire è che i tempi cambiano e noi in italia siamo indietro per quanto riguarda lo sport di montagna a cominciare dalla nostra federazione . se dico che organizzando una gara di coppa del mondo in uno stadio ci sono 20.000 persone che pgano per vederla fa pensare... o no''??? CERTO CHE ANDREBBE BENE ANCHE UN PARALLELO CITTADINO anzi . poi che l'erba del vicino è sempre piu bella e che dovrei cambiare mi sembra una gran mi***iata, le cose penso che si possano cambiare quando dicevo che in un negozio di articoli sportivi invernali gente sotto i 30 anni chiede info sullo snowboard oltre chiede per lo ski, cioe è gente che sa gia sciare. chi deve cominciare chiede della tavola degli scarponi del freestyler in generale street ect e se ve lo dico è un fatto anche perche' ci lavoro. altra cosa sulle tv eurosport trasmette in diretta i big.air cittadini e tutte le gare di snowboard come quelle di ski live.... quindi la federazione dovrebbe guardare oltre e investire anche su questo. magari ci fossero anche contest cittadini di ski magari... i tempi di TOMBA sono finiti da un pezzo sarebbe ora di guardare avanti.... tutto qua..
    12 | StracchinoPolentoso il 10/11/2009 17.34.39
    Admin ha scritto:
    sono riflessioni molto interessanti, entrambe. è vero, idee ce ne potrebbero essere tantissime (io mi sogno ancora un Evento con la E maiuscola sulla collinetta di Milano)..
    Non vorrei infrangere il tuo sogno Admin [:D] ma forse oggi sul monte Stella, se è la collinetta alla quale ti riferisci, sarebbe un po' difficile organizzare un parallelo. Sono cresciute un po' di piante.
    13 | franz62 il 10/11/2009 18.05.43
    vabbè le tagliamo...che ci frega?[:D]
    14 | mauri_63 il 10/11/2009 18.25.25
    Le riflessioni sono interessanti. Non ho visto l'evento quindi non posso esprimere un giudizio nel merito (se adeguato o inadeguato). Mi trovo abbastanza d'accordo con Carlo che soffocare sul nascere tale tipo di iniziativa potrebbe essere un'opportunità persa per lo sci moderno che ha sicuramente bisogno di nuovi stimoli. L'idea di grigo di un circuito pro nelle città è davvero molto interessante e andrebbe sviluppata. Vedo due rischi per il futuro di tali manifestazioni: il primo è legato agli aspetti politici della vicenda e alla lotta Fis ed Esf: siamo sicuri che una lotta di potere (se non sbaglio anche tra federazioni in quanto i Francesi e gli Italiani non hanno valutato così negativamente l'evento) possa fare il bene del nostro sport? Il secondo aspetto è legato agli aspetti organizzativi dell'evento stesso che non hanno permesso ai telespettatori di godere appieno ne delle nuove tecnologie(e spettacolari) di ripresa ne, a quanto ho capito, di una non proprio organizzazione perfetta. Poi se penso a cosa è nato con un Evento alla collinetta di San Siro....
    15 | leo85 il 10/11/2009 18.51.40
    Secondo me tutto quello che porta a parlare di sci, è bene!!!! Per troppi anni questo meraviglioso sport ha vissuto nell'ombra. E' giusto che si provino questi format, soprattutto se atleti del calibro di Grange, Moelgg, Karbon....ecc...sono contenti di parteciparvi...evidentemente non sono così contrari... Anche se sono eventi che apparentemente non piacciono...ma fanno parlare e ci si può confrontare per trovare la soluzione più giusta! La speranza è che si possano abbandonare le ascie di guerra tra Fis ed Esf...perchè questo si che non porta niente di buono! Altro che questi eventi che servono solo per far avvicinare la gente a conoscere questo sport meraviglioso! La formula giusta arriverà! Ben detto Carlo![;)]
    16 | draghetto il 10/11/2009 21.10.46
    FantaskiNews ha scritto:
    [b] A proposito...chi abbia seguito la gara su Eurosport avrà ascoltato il presidente Kasper dire: "Per noi è una gara irregolare!"
    Peggio, ha detto "illegale"! Come se gli organizzatori fossero dei criminali! Sono sostanzialmente d'accordo con l'analisi di Carlo Gobbo. A chi critica il tracciato e la neve dell'impianto va ricordato che si trattava di una "prima" anche per loro. Si erano fatti dei campionati francesi, ma è un'altra cosa quando si iniziano ad organizzare gare a livello internazionale. Poi come ha detto leo gli atleti sembravano contenti di parteciparvi e molti hanno dato fondo a tutte le loro energie in gara, inoltre il pubblico era abbastanza numeroso e sicuramente in futuro si potrà fare meglio. Esperimenti come Amnéville o come lo stesso parallelo di Mosca sono importanti nello sci. Come si dice: se Maometto non va dalla montagna, la montagna va da Maometto.
    17 | StracchinoPolentoso il 10/11/2009 21.11.15
    franz62 ha scritto:
    vabbè le tagliamo...che ci frega?[:D]
    Non si fa prima a montare una pista che scende dall'ultimo anello di san siro?[:D] Comunque seriamente secondo me più che il monte stella serve il campione che scende dal monte stella. Quando Rocca e Karbon hanno infilato diverse vittorie, c'è stato sicuramente più interesse. Quando c'era Tomba non c'è bisogno di dirlo. Credo che la maggior parte della gente si appassioni di più ad un personaggio vincente che allo sport specifico, al gesto tecnico, alla bravura dei campioni stranieri, alla formula della gara o alla ripresa. Certo il campione non nasce tutti i giorni e nel frattempo si fa quel che si può ma il salto di qualità lo si fa con il fenomeno. E' così che uno sport diventa "popolare".
    18 | draghetto il 10/11/2009 21.18.56
    Beh è quasi sempre così: a parte il calcio, in Italia gli sport hanno alti e bassi a seconda dei risultati. La F1 la seguono tutti solo se la Ferrari vince, il motomondiale lo seguono se vince Rossi o la Ducati, il pattinaggio velocità era quasi diventato lo sport nazionale con Fabris a Torino, il nuoto diventa sacro se a vincere solo la Filippi e la Pellegrini, ora il tennis è diventato popolarissimo (per una settimana) dopo la vittoria di Fed Cup e così via.
    19 | brunodalla il 10/11/2009 22.36.07
    Grigo ha scritto: La mia impressione è che tra Fis ed Esf sia solo una battaglia politica tra due personaggi (Kasper e Schroecksnadel). E si fa un po il gioco forza per ottenere... qualcosa!
    sono completamente in sintonia con questo pensiero. e l'ho pensato da quando è nata questa ESF. poi le varie considerazioni che ho letto da parte di molti vanno benissimo. va bene fare qualcosa di nuovo (l'abbiamo sempre detto) per "svecchiare" la coppa del mondo, va bene le gare indoor, va bene il circuito in città. e possiamo tirar fuori tutte le più belle idee che vogliamo. nello specifico di questo singolo avvenimento, ho paura che le cose stiano come dice il grigo. ed ho paura che a rimetterci possa essere qualche atleta, e di conseguenza lo spettacolo, quindi noi che lo seguiamo. perchè se per fare questa "guerra di potere". fra organismi internazionali, qualche atleta potrebbe venire squalificato, vuol dire che non lo vedremo al cancelletto di partenza,e non vedremo spettacolo. perchè possiamo trovare tutte le formule nuove che vogliamo, ma lo spettacolo nello sci lo fanno sempre gli sciatori che gareggiano su delle piste innevate.
    20 | mauri_63 il 11/11/2009 0.00.53
    e' indubbio che la lotta di potere è già in corso e secondo me, a rimetterci di più è lo sci in toto non qualche singolo atleta. Il rischio di una battaglia snervante come quella avvenuta in F1 tra mosley e costruttori non conviene nessuno, soprattutto perchè lo sci non ha lo stesso "circo mediatico" della F1. La F1, oltre alla crisi economica internazionale, sta anche pagando i risultati di questa lotta con il ritiro sia di grandi Team (Honda Toyota Bmw) e di grandi gruppi/sponsor (bridgestone). Speriamo che, come per la F1 non siano le gare nei paesi arabi a rilanciare il nostro Sport ( una gara di sci nel deserto non riesco nemmeno io ad immginarla, ma del resto se non ricordo male a Dubai...) Lo so: tutto questo è un po' un azzardo....
    21 | draghetto il 11/11/2009 1.05.58
    Speriamo non si arrivi a questi livelli, anche perchè lo sci non può proprio permetterselo.
    22 | Grigo il 11/11/2009 9.16.34
    draghetto ha scritto:
    Sono sostanzialmente d'accordo con l'analisi di Carlo Gobbo. A chi critica il tracciato e la neve dell'impianto va ricordato che si trattava di una "prima" anche per loro. Si erano fatti dei campionati francesi, ma è un'altra cosa quando si iniziano ad organizzare gare a livello internazionale. Poi come ha detto leo gli atleti sembravano contenti di parteciparvi e molti hanno dato fondo a tutte le loro energie in gara, inoltre il pubblico era abbastanza numeroso e sicuramente in futuro si potrà fare meglio. Esperimenti come Amnéville o come lo stesso parallelo di Mosca sono importanti nello sci. Come si dice: se Maometto non va dalla montagna, la montagna va da Maometto.
    Draghetto, anche io sono d'accordo con l'analisi di Carlo. Ho solo cercato di tirar fuori degli spunti di riflessione. Non ho detto che questi eventi non bisogna farli, ma farli così per me non ha gran senso. Se andiamo un po più a fondo: cosa ha avuto di innovativo questo evento??? 1- In Italia, le TV digitali (ora si dice così... e ci sono una valanga in più di canali) non l'hanno neanche preso in considerazione. Solo Eurosport, a pagamento, lo ha trasmesso. Mi sembra quindi, che da un punto mediatico, non ci sia stata innovazione. Le riprese... beh ha già detto Carlo, che è molto dentro il settore, come la pensa. 2- Il tracciato: un normale tracciato di slalom, anzi tracciato anche un po ampio, rallentando ulteriormente l'azione visiva degli atleti 3- La neve: beh, Draghetto permettimi di dissentire in toto da ciò che hai scritto. Vero che hanno fatto solo i campionati francesi (cavolo! mica i campionati Arabi!), ma come ho scritto nel post precedente, prima di rendere ufficiale al grande pubblico un evento...innovativo, va preparato e testato! Tutte le squadre nazionali fanno un sacco di allenamento negli indoor. 4- Gli atleti e la loro grinta: un atleta, soprattutto un atleta Vero, anche se gli fai fare una banale sfida tira fuori tutto, perchè è allenato anche mentalmente per non arrivare mai secondo. Figurati se gli fai fare una sfida in ciò che gli piace (lo sci!) 5- L'evento in generale: scusa ma non è stato inventato nulla di nuovo. Gare così, negli indoor è già qualche anno che se ne fanno, valide per il circuito di coppa europa! E la formula del Ko è stata pensata qualche annetto fa proprio da un Italiano. Quindi...in che cosa si sono scervellati, che cosa hanno immesso di nuovo, per portare più gente, più visibilità, per rendere lo sci più appetibile??? Ripeto, personalmente non sono negativo su questo tipo di eventi, anzi, ma rimango dell'idea che in questo momento si tratti più di una lotta politica, dove vengono messi in mezzo tecnici ed atleti, per ottenere qualcosa. Ben venga il sviluppare idee nuove, ma visto che si dice che ci sono soldi e sponsor, bisogna veramente svilupparle!
    23 | draghetto il 11/11/2009 15.18.33
    1- Se le televisioni non prendono in considerazione un evento non è colpa di chi lo organizza, in alcune stagioni la cdm è stata trattata malissimo dalle reti nazionali. Eurosport è un canale europeo ed è visibile gratuitamente nella versione tedesca, oltre al fatto che trasmette spesso gratuitamente in streaming su internet. 2- Il tracciato cambia da gara a gara, quante volte siamo stati critici con i trattati di cdm? 3- Non credo che la pista per un allenamento venga preparata come per una gara e oltretutto sicuramente si possono fare lavori di miglioramento, senza dimenticare che di impianti come Amnéville ne esistono anche altri. 4- Potrebbe subentrare anche la logica del non rischiare, avviene anche in gare più importanti. 5- Il format esisteva già ma non aveva mai avuto questa visibilità, chi lo conosceva oltre agli addetti ai lavori?
    24 | Lucas il 12/11/2009 18.22.48
    draghetto ha scritto:
    Eurosport è un canale europeo ed è visibile gratuitamente nella versione tedesca, oltre al fatto che trasmette spesso gratuitamente in streaming su internet.
    Draghetto, cerchiamo di essere precisi (che qui legge più gente di quanto pensi[;)]): OK per la versione tedesca sul sat, ma non c'è alcuno streaming gratuito sul web, semmai uno a pagamento tramite abbonamento (peraltro non sottoscrivibile in Italia). Qualsiasi altra cosa tu possa trovare in giro non è ufficiale, e pertanto...
    25 | Lucas il 12/11/2009 18.34.42
    FantaskiNews ha scritto:
    c'è bisogno di cambiare le riprese televisive dello sci alpino, trovando soluzioni simili a quelle adottate dal biathlon, dallo slittino...per farti vivere le emozioni in modo più forte...come se fosse il telespettatore a scendere sugli sci...evitando le buchette, saltando sulle gobbe, sfiorando le porte...! Non mi dicano, coloro che reggono il comando, che questi sono sogni dispendiosi da realizzare...o cose del genere... La tecnologia applicata sulle auto di F1 o sulle moto del MotoGP può essere "trasportata" sulla neve, lo sostengo da tempo, e allora...
    E' comunque una cosa che andrebbe studiata bene, Carlo. Per esempio, è interessante vedere la soggettiva dell'apripista (solitamente illustre) prima della gara, ma non so se lo sarebbe altrettanto vedere tutti gli atleti così. Forse si potrebbe fare "un po' e un po'"... tipo appunto la Formula 1 che alterna le "camera car" alle telecamere normali.
    26 | Lucas il 12/11/2009 18.38.43
    Admin ha scritto:
    è vero, idee ce ne potrebbero essere tantissime (io mi sogno ancora un Evento con la E maiuscola sulla collinetta di Milano)..
    Siamo in due (lì o in struttura idonea)!! Ma sarebbe pure bastato che il Parallelo di Natale ogni tanto fosse tornato a Milano: per lo sci sarebbe stata un'enorme promozione. Perchè, come abbiamo detto spesso, per il grande pubblico lo sciatore e il suo mondo rimangono qualcosa di distante...
    27 | draghetto il 12/11/2009 21.51.27
    Lucas ha scritto:
    draghetto ha scritto:
    Eurosport è un canale europeo ed è visibile gratuitamente nella versione tedesca, oltre al fatto che trasmette spesso gratuitamente in streaming su internet.
    Draghetto, cerchiamo di essere precisi (che qui legge più gente di quanto pensi[;)]): OK per la versione tedesca sul sat, ma non c'è alcuno streaming gratuito sul web, semmai uno a pagamento tramite abbonamento (peraltro non sottoscrivibile in Italia). Qualsiasi altra cosa tu possa trovare in giro non è ufficiale, e pertanto...
    Va bene, diciamo così. Comunque resta la versione tedesca gratuita sul satellite visibile anche in Italia. Ma la conclusione a cui volevo giungere è che non si può dire che un evento trasmesso da Eurosport non abbia una copertura mediatica. Poi se gli altri dormono...
    28 | Grigo il 13/11/2009 8.45.18
    Perdona Draghetto, ma leggi bene... 1- In Italia, le TV digitali (ora si dice così... e ci sono una valanga in più di canali) non l'hanno neanche preso in considerazione. Solo Eurosport, a pagamento, lo ha trasmesso. Mi sembra quindi, che da un punto mediatico, non ci sia stata innovazione. Le riprese... beh ha già detto Carlo, che è molto dentro il settore, come la pensa. Allora, delle nuove TV digitali e nazionali, non fa parte Eurosport. E fin qui ci siamo? Eurosport è a pagamento. E quando dico che da un punto di vista mediatico non c'è innovazione, vuol proprio dire che se ti vuoi guardare la gara free, devi fare mille escamotages come si è fatto gli ultimi anni. E poi non tutti vedono Eurosport tedesco! E poi non ti senti Carlo, ma ti senti un commento straniero!
    29 | Grigo il 13/11/2009 9.06.01
    draghetto ha scritto:
    1- Se le televisioni non prendono in considerazione un evento non è colpa di chi lo organizza, in alcune stagioni la cdm è stata trattata malissimo dalle reti nazionali. Eurosport è un canale europeo ed è visibile gratuitamente nella versione tedesca, oltre al fatto che trasmette spesso gratuitamente in streaming su internet. 2- Il tracciato cambia da gara a gara, quante volte siamo stati critici con i trattati di cdm? 3- Non credo che la pista per un allenamento venga preparata come per una gara e oltretutto sicuramente si possono fare lavori di miglioramento, senza dimenticare che di impianti come Amnéville ne esistono anche altri. 4- Potrebbe subentrare anche la logica del non rischiare, avviene anche in gare più importanti. 5- Il format esisteva già ma non aveva mai avuto questa visibilità, chi lo conosceva oltre agli addetti ai lavori?
    1- e di chi sarebbe la colpa? nostra? se fai un evento, lo pubblicizzi, e dici che si farà qualcosa di innovativo, di mediatico per attirare più gente, cercherai anche la copertura televisiva.. o no? se gli eventi non hanno copertura televisiva, non hanno grande riscontro. Eurosport è una Tv europea, di enorme valore, ma rimane pur sempre una Tv a pagamento. E il riscontro mediatico non lo hai con una Tv a pagamento dove al max raggiungi 100 o 200 mila telespettatori (italiani). Diversi i numeri di una Tv nazionale o comunque free. 2- non si tratta di cambiare il tracciato, ma si tratta di metodo di tracciatura. non si può tracciare al chiuso su un pendio...piano come si traccia all' aperto su un pendio vario. 3- ah no??? cioè vuoi dirmi che quelli che vanno ad allenarsi nei dome, spendendo un sacco di soldi, lo fanno per andare ad allenarsi nei sassi e nelle buche? mah sono perplesso. Va bene difendere i tuoi amati francesi, ma c'è un limite 4- non rischiare? forse non conosci bene il mondo atleti. Un atleta va piano perchè ha paura di sbagliare, negli eventi o nelle manche per lui importanti. Ma non corre mai in una gara pensando di andar piano 5- e quale visibilità avrebbe avuto? Da Tv , solo Eurosport (grazie che ci hanno permesso di vederlo!) , giornali, un sesto di pagina in terz ultima su gazzetta. E diciamo il vero, se non ci fosse stata la diatriba con Kasper, ne avrebbe avuta molto meno. Parla pure con la gente, che di sci non ne mastica. Nessuno sa che c'è stato questo evento. E se proprio vogliamo dirla tutta, anche il sito esf-ski non riporta quasi nulla, tranne una foto di Grange e Zuzulova
    30 | franz62 il 13/11/2009 11.18.07
    Non l'ho visto...faceva davvero schifìo il fondo? Il pregio per lo slalom al coperto è che riesci a sciare sul duro anche a Luglio a mezzogiorno ....sono riusciti a prepararlo male?[:D]
    31 | Lucas il 13/11/2009 12.32.29
    Grigo ha scritto:
    e di chi sarebbe la colpa? nostra? se fai un evento, lo pubblicizzi, e dici che si farà qualcosa di innovativo, di mediatico per attirare più gente, cercherai anche la copertura televisiva.. o no? se gli eventi non hanno copertura televisiva, non hanno grande riscontro. Eurosport è una Tv europea, di enorme valore, ma rimane pur sempre una Tv a pagamento. E il riscontro mediatico non lo hai con una Tv a pagamento dove al max raggiungi 100 o 200 mila telespettatori (italiani). Diversi i numeri di una Tv nazionale o comunque free.
    Mah, io comunque non ne farei una "tragedia". E' del tutto evidente che una manifestazione nuova abbia bisogno di tempo per prendere piede; e anche fosse stato tutto perfetto a livello di pubblicizzazione e quant'altro dubito che alcune televisioni (a livello mondiale) si sarebbero svenate per trasmetterla. E non dimentichiamoci che in fondo lo sci negli ultimi anni ha goduto di una grandissima visibilità nel nostro Paese, molto più di altri sport in alcuni casi decisamente più seguiti.
    32 | tiga il 13/11/2009 14.40.31
    Ciao a tutti.. una premessa: mi sono riavvicinato alle gare di sci (e ho scoperto questo bel sito) dopo i fasti Tombiani, grazie ai risultati di Denise Karbon e Manfred Moelgg, due anni fa. E credo di far parte di quella grandissima massa di medio/appassionati/inesperti che si gusta (o gustava) le gare più per lo spettacolo con la sua tensione e le sue emozioni che per vera passione al puro gesto tecnico, oltre ovviamente al tifo per il campione di turno.... so benissimo di far parte di quel pubblico, definiamolo simpaticamente, "Caprone"[;)] che ai palati fini probabilmente fa, a volte, storcere il naso e che dai tempi di Tomba (per l'Italia) ha progressivamente abbandonato l'interesse per lo sci agonistico... E Credo, ma posso certamente sbagliare, che le televisioni e il marketing in generale mirino a questa grande fetta di pubblico ormai lontana, più che agli esperti e veri appassionati che sostanzialmente non hanno mai smesso di seguire le gare (quando si vedono). L'evento Francese, secondo me, era mirato proprio al recupero parte di questo tipo di pubblico grazie al quale si muovono sponsor, media e quindi SOLDI!! Bene, definito l'obbiettivo, o uno degli obbiettivi, di questa manifestazione, cerco di capire se è stato raggiunto o se comunque si è sulla buona strada. Mi pare, per le sensazioni da me provate, che non ci siamo.. Mi spiego: Innanzi tutto il tracciato. A me, che non vedo la piccola spigolata o l'inclinazione dovuta al dosso quasi impercettibile o altre particpolarità prettamente tecniche, ha sostanzialmente annoiato.. Troppo piatto, senza difficoltà apparenti e molto (troppo) poco spettacolare. Altro aspetto, l'ambiente: grigio!!!! moooolto ma moooolto grigio!!! va bene l'utilità del capannone (tutta ancora da dimostrare per le gare), ma mi sembra che si stia trascurando l'importanza che ha un ambiente montano con cime innevate. Ho letto in precedenza diversi interventi dove certamente tutti sono consapevoli della bellezza di una gara in montagna, ma forse (ipotesi..) sfugge in questo momento l'importanza fondamentale che ha per questo sport e per ciò che ruota attorno ad esso. Il Paesaggio E' PARTE DI QUESTO SPORT e se vai al chiuso ne perdi oggettivamente un bel pezzo che devi sostituire con qualcosa d'altro di pari importanza.... non si può trascurare o mascherare il "problema" dell'ambiente chiuso con l'utilità dello stesso.. sono aspetti che stanno su piani molto diversi..!!! Ultima considerazione, i protagonisti: leggo in precedenza che avete evidenziato l'impegno degli sciatori e dei vari staff. Per carità non è nemmeno da mettere in dubbio.. ma ho ascoltato la telecronaca di Carlo Gobbo e soprattutto ho ascoltato le parole degli intervistati italiani. Caspita a me è arrivato chiaramente un unico messaggio (dall'allenatore Italiano - Ravetto? - a Moelgg e Razzoli, mi pare) e cioè che la manifestazione è stata un buon allenamento per Levi!!!! Ma allora dov'è lo spettacolo?? dov'è la tensione di una gara importante?? era come una amichevole estiva di calcio??? onestamente non ho percepito ne grande agonismo e neppure grandi emozioni.. Certo non era la coppa del mondo, ma se gli stessi protagonisti vedono un tal evento come un "buon allenamento", capite che di pubblico, "caprone" ma numeroso, ne verrà attirato ben poco!!!!!! Concludendo credo che se l'intenzione era di creare un evento accattivante per il pubblico di massa, bisognava inventarsi un qualcosa di totalmente nuovo e diverso e non un ibrido di ciò che esiste già in ambienti molto più affascinanti e una sorta di competizione "all-year"..... Grazie dello spazio e scusate la lungaggine[:I]!! Inoltre, visto che non l'ho mai fatto, faccio i complimenti ai gestori/creator del sito e del forum per l'ottimo lavoro[;)][;)]!!! Ciao ciao. God save the pistudy!!
    33 | draghetto il 13/11/2009 17.07.51
    Grigo ha scritto:
    Perdona Draghetto, ma leggi bene... 1- In Italia, le TV digitali (ora si dice così... e ci sono una valanga in più di canali) non l'hanno neanche preso in considerazione. Solo Eurosport, a pagamento, lo ha trasmesso. Mi sembra quindi, che da un punto mediatico, non ci sia stata innovazione. Le riprese... beh ha già detto Carlo, che è molto dentro il settore, come la pensa. Allora, delle nuove TV digitali e nazionali, non fa parte Eurosport. E fin qui ci siamo? Eurosport è a pagamento. E quando dico che da un punto di vista mediatico non c'è innovazione, vuol proprio dire che se ti vuoi guardare la gara free, devi fare mille escamotages come si è fatto gli ultimi anni. E poi non tutti vedono Eurosport tedesco! E poi non ti senti Carlo, ma ti senti un commento straniero!
    Almeno vedi le immagini però che è meglio di niente. Comunque bisogna vedere anche cosa intendi tu per "innovazione mediatica", visto che comunque non sarebbe stata una innovazione in questo senso nemmeno se fosse stata trasmessa dalla Rai, visto che anche loro ogni tanto trasmettono le gare. Visto che lo sci il massimo a cui può aspirare al momento è una diretta sulla gara, mi pare che queste innovazioni che tu auspichi non siano possibili.
    34 | Lucas il 13/11/2009 17.10.32
    Osservazioni interessanti Tiga. In particolare dovrebbe far riflettere la considerazione (direi quasi scontata) che gli atleti avevano dell'evento... ecco, se loro stessi lo prendono come un divertimento o un buon allenamento è un po' difficile pretendere chissà quale interesse da parte dei media.
    35 | draghetto il 13/11/2009 17.13.41
    Grigo ha scritto:
    draghetto ha scritto:
    3- Non credo che la pista per un allenamento venga preparata come per una gara e oltretutto sicuramente si possono fare lavori di miglioramento, senza dimenticare che di impianti come Amnéville ne esistono anche altri
    3- ah no??? cioè vuoi dirmi che quelli che vanno ad allenarsi nei dome, spendendo un sacco di soldi, lo fanno per andare ad allenarsi nei sassi e nelle buche? mah sono perplesso. Va bene difendere i tuoi amati francesi, ma c'è un limite 4- non rischiare? forse non conosci bene il mondo atleti. Un atleta va piano perchè ha paura di sbagliare, negli eventi o nelle manche per lui importanti. Ma non corre mai in una gara pensando di andar piano 5- e quale visibilità avrebbe avuto? Da Tv , solo Eurosport (grazie che ci hanno permesso di vederlo!) , giornali, un sesto di pagina in terz ultima su gazzetta. E diciamo il vero, se non ci fosse stata la diatriba con Kasper, ne avrebbe avuta molto meno. Parla pure con la gente, che di sci non ne mastica. Nessuno sa che c'è stato questo evento. E se proprio vogliamo dirla tutta, anche il sito esf-ski non riporta quasi nulla, tranne una foto di Grange e Zuzulova
    Leggi bene e poi dici se difendo o meno i francesi. Ho evidenziato in rosso una frase che forse ti è sfuggita. Sbagliare e rischiare, spiegami la differenza. Lo sbaglio non è un rischio nella gara? La gente che non si interessa di sci non sa nemmeno che in questo week-end ci sono le gare di Levi, anzi, non sa nemmeno dove sta Levi. Figuriamoci poi se sanno delle gare americane. La visibilità della cdm, purtroppo, non è così superiore a quella della gara di Amnèville.
    36 | Grigo il 13/11/2009 19.15.19
    @ Draghetto. Spero ti risponda qualcuno più competente di me. Comunque Levi lo conoscono per la bellezza del posto, le saune, l'aurora boreale ed i cani da slitta.
    37 | FASSA il 14/11/2009 0.08.09
    draghetto ha scritto:
    A chi critica il tracciato e la neve dell'impianto va ricordato che si trattava di una "prima" anche per loro. Si erano fatti dei campionati francesi, ma è un'altra cosa quando si iniziano ad organizzare gare a livello internazionale.
    no. ad amneville si è corsa la coppa europa 2008-2009 con esiti disastrosi per quel che concerne la pista: una sassaiola. si erano giustificati dicendo che, avendo allungato la pista, a causa dei lavori sono finiti sassi dentro l'impianto. questo era novembre 2008. a fine agosto 2008 la situazione era ancora ai limiti, anzi, ben oltre i limiti della vergogna: sassi e neve marroncina, piena di terriccio. ho visto gli sci dei nostri il giorno dopo della gara del 7 novembre e, sorpresa!?!??!, sembravano fossero passati sopra una grattuggia. ora, è palese che amneville è il peggior capannone d'europa, vuoi per la logistica delle infrastrutture, vuoi per i problemi con la manutenzione della pista, ma io mi chiedo "ti capita un'occasione d'oro, la germania e l'olanda non hanno aderito alla esf e quindi rimani solo tu col tuo freezer di lamiera, ma fai sto benedetto sforzo di cambiare la neve e rimettere le cose a posto...capisco che economicamente non sia un'operazione di poco conto, ma perchè continuare a scavarsi la fossa quando già sei bollato male????"
    38 | FASSA il 14/11/2009 0.21.37
    franz62 ha scritto:
    Non l'ho visto...faceva davvero schifìo il fondo? Il pregio per lo slalom al coperto è che riesci a sciare sul duro anche a Luglio a mezzogiorno ....sono riusciti a prepararlo male?[:D]
    amneville fa schifo a priori, indipendentemente dall'evento (gara o semplice allenamento) per cui viene utilizzato. poggia su una collina e le cose, prima che decidessero di ampliare verso l'alto la struttura, andavano quantomeno decentemente. in seguito ai lavori e alla fiera delle ruspe utilizzate, il capannone è diventato un VERO ghiacciaio alpino: sassi e terriccio. risultato? dopo 15-20 secondi hai gli sci completamente andati, filo a farsi benedire e con lui il gesto tecnico se esce un pò di ghiaccio sottostante. una 3 giorni di allenamento significa BUTTARE 2 paia di sci. in secundis, le infrastrutture: non c'è un hotel annesso al capannone (cosa che invece c'è a landgraaf e wittenburg -il migliore in assoluto, over the top-) e l'unico "ristorante" presente nella struttura credo che sia il peggiore di tutta la francia, colonie africane e caraibiche comprese. quindi che succede? ti sbattono a destra o a manca, a volte lontani anche 10-15km, per notte e prima colazione, mentre per i pasti, dopo aver constatato l'immangiabilità delle pietanze, ti rifugi al mcdonald (che è tutto dire...) in tertiis: visto che germania e olanda non hanno aderito alla esf, era palese che amneville sarebbe stata l'unica località indoor papabile. nonostante ciò non ha nemmeno provato a rifare la neve per meritarsi qualche applauso invece delle solite palate di letame. contenta lei, contenti tutti...skimen e aziende escluse...
    39 | jos235 il 14/11/2009 10.16.40
    Per come la vedo io, se per far divertire la gente di città bisogna offrir loro uno sci distorto (in peggio) in questo modo, è meglio che piuttosto gli facciano delle piste di pattinaggio che tra l'altro costano sicuramente molto meno... Se lo sci per proporsi alla gente ha bisogno di ridursi a questo, è meglio che resti uno sport praticato da quattro gatti, e me ne frega assai se TV e aziende guadagnano un pò meno, anche perchè io non ci credo proprio che siano ridotte così in miseria come vogliono farci credere.. Mi ricordo benissimo di quanta fosse la gente sulle piste 15 anni fa e quanta (tanta) ce ne sia adesso in più, e vogliono farci credere che non vendono? Ma per favore..
    40 | steb il 21/11/2009 17.08.11
    Il mio intervento è assai tardivo in questa discussione,ma lasciatemi dire che lo sci al chiuso è veramente un controsenso...anche da proporre in Tv!...ma i gusti televisivi della gente per me sono diventati un mistero,per cui non mi meraviglierei più di niente...[:(][:(][:(] Per me è un controsenso anche andare con una tavola in pista...dico: hai sotto i piedi qualcosa che galleggia anche nell'acqua e non ne approfitti?[;)]
    41 | franz62 il 21/11/2009 18.26.49
    Visto adesso Fassa il tuo messaggio... conoscevo solo landgraaf e pensavo che lo standard fosse quello riguardo al fondo...(comunque il filo lo rifai ogni due per tre....)



      Cerca una parola nelle news:        

      Ultime 15 Notizie correlate: (Coppa del Gobbo Amneville )

      [02/11/2019] La Coppa del Gobbo - Cala il Sipario
      [06/08/2019] Azzurri tra Stelvio e Amneville
      [05/07/2019] Gruppo Coppa Europa ad Amneville
      [29/05/2019] Azzurri: il programma estivo degli allenamenti
      [10/02/2019] La Coppa del Gobbo: Aksel e Lindsey, Grazie!
      [21/01/2019] La Coppa del Gobbo - Non Esiste L'Impossibile
      [24/12/2018] La Coppa del Gobbo - La calda neve
      [14/11/2018] Coppa del Gobbo - il CSE da Courmayeur a Brunico
      [03/10/2018] Infiammazione per Moelgg;Brignone a Saas Fee
      [28/09/2018] Moelgg,Gross,Bacher,Razzoli e Tonetti ad Amneville
      [18/03/2018] La Coppa del Gobbo - Grazie Manu
      [28/02/2018] La Coppa del Gobbo - Gli eroi dietro le quinte
      [07/02/2018] La Coppa del Gobbo - Senza fiamma e braciere, 1924
      [02/02/2018] La Coppa del Gobbo - Olimpiade "dal tubo"!
      [16/01/2018] La Coppa del Gobbo - Non sarà facile!

      Altre notizie di Coppa del Mondo:

      [17/11/2019] Innerhofer sempre più vicino al rientro
      [17/11/2019] Semaforo verde FIS per Lake Louise
      [16/11/2019] Elena Curtoni e le sorelle Delago verso Copper
      [16/11/2019] Francesi e Svizzeri per Levi
      [16/11/2019] Operazione riuscita per Elena Fanchini
      [14/11/2019] Luce verde per la tappa di Levi
      [13/11/2019] Le 6 Azzurre per Levi, dentro Gulli
      [12/11/2019] Liensberger torna ad allenarsi con le compagne
      [12/11/2019] Casa Bode Miller si allarga: nati i due gemellini
      [12/11/2019] Solda: cancellate per maltempo le gare Fis
      [12/11/2019] Marco Schwarz ritorna in gara a Levi
      [12/11/2019] La Aloch pronta ai nastri di partenza
      [12/11/2019] I nove slalomisti azzurri per Levi
      [11/11/2019] Zinal: allenamento per 7 slalomiste
      [11/11/2019] Manuel Feller è diventato papà
      [11/11/2019] Azzurre verso gli Usa, Schnarf resta a casa
      [11/11/2019] Brignone: "A Lake Louise solo superG".
      [10/11/2019] GP Italia 2019/2020: regole e calendari
      [10/11/2019] Solda: stage per Osservati centro-sud
      [08/11/2019] Il caso Liensberger non è ancora risolto
      [08/11/2019] Manuel Osborne-Paradis tornerà nel 2020/2021
      [07/11/2019] Sofia Goggia illesa dopo un tamponamento
      [06/11/2019] Niente Killington per Alice Robinson
      [06/11/2019] Milano-Cortina 2026: il CEO sarà Novari
      [06/11/2019] Sabato i velocisti voleranno verso il Nord America
      [06/11/2019] A Lake Louise latita la neve, Copper ok
      [05/11/2019] Mario Cotelli non c'è più,se ne è andato a 76 anni
      [05/11/2019] Slalomiste e polivalenti in Val Senales
      [04/11/2019] Esce oggi in Norvegia la biografia di Svindal
      [04/11/2019] Slalomgigantisti in Val Senales
      [04/11/2019] Erik Guay entra nel board di Alpine Canada
      [04/11/2019] Paris cittadino onorario di Bormio
      [02/11/2019] La Coppa del Gobbo - Cala il Sipario
      [01/11/2019] Le slalomiste per Levi e Killington
      [01/11/2019] Dorothea Wierer atleta Fisi dell'anno 2019
      [01/11/2019] Corty, la mascotte di Cortina 2021

      Altre notizie Fantaski:

      [26/03/2019] La Thuile: diamo una manche al Telefono Azzurro
      [23/02/2018] Fantanotti Olimpiche - Analisi dei Giochi 2018
      [06/02/2018] Aperte le FantaOlimpiadi 2018!
      [14/12/2017] Fantaski.it disponibile anche su Telegram !
      [05/12/2017] A La Thuile stagione aperta dal 2 dicembre
      [03/11/2017] Fantaski 2018 - mercato maschile aperto fino Levi
      [05/12/2016] Aperto il primo mercato - stagione 2016/2017
      [13/11/2016] A Milano di scena il Big Air Snowboard
      [21/03/2016] La Thuile: il 9 Aprile gara per Telefono Azzurro
      [26/02/2016] La Thuile: 1/a Gara dei Sogni in favore di FISIP



     
    titoletto copyright fantaski
     baffo fantaski titoletto contatti baffo fantaski titoletto riconoscimenti