separatore
icona fisi  
 icona fantaski titoletto linguaicona italia icona bandiera italia icona bandiera svizzeraicona bandiera inglese icona bandiera inglese icona bandiera americanatitoletto tedesco icona bandiera germania icona bandiera austria icona bandiera svizzeratitoletto francia icona bandiera francia icona bandiera svizzera 
fantaski_header
icona baffo fantaski titoletto home icona baffo fantaski titoletto cosa fantaski icona baffo fantaski titoletto faq help icona baffo fantaski titoletto regolamento icona baffo fantaski titoletto forum icona baffo fantaski titoletto fotogallery  
mercoledì 20 novembre 2019 - ore 10.46 
titoletto coppa del mondo
separatore
titoletto coppa fantaski
separatore
titoletto gioca fantaski

Coppa del Gobbo - Un gregge di montoni?

Clicca sulla foto per ingrandire
Gobbo C.
Gobbo C.
commenti 95 Commenti icona rss

Scusate, ma a Kitz vogliono proprio che qualche discesista si faccia tanto, ma tanto, ma tanto male in pista?!?
 
Capisco come la marea di denaro e di interessi che ruotano attorno alla Settimana dell'Hannenkam possano richiedere compromessi che, talvolta, non rispettino lo sport, l'etica e soprattutto i concorrenti, ma questa volta ho proprio la sensazione che si sia esagerato!
 
Scusate, capisco come lo spettacolo abbia certe esigenze ed il pubblico, con il solito regale parterre di Vip, sia forse attratto in egual misura dalle rovinose cadute e dai gesti tecnici che i ragazzi siano in grado di esprimere a 140 kilometri all'ora...capisco...ma non lo condivido per niente!
 
Kitz è qualcosa di diverso, qualcosa di speciale, si dice da sempre! Beh! Intanto ricordiamo come a Wengen il Trofeo del Lauberhorn, che è iniziato prima, ha fatto nel tempo un sacco di migliorie tecniche. Con l’avvento di nuovi materiali, dal Naso del Cane non si salta più, alla curva Kernen non si sbatte più...e all’arrivo, dopo la morte di Reinstadler, le reti sono state via sostituite da alti teli di plastica. Anche i pali che reggono i sacconi dove i discesisti si appoggiano stremati sono ben protetti!
La morte del povero sciatore austriaco ha sollecitato misure di sicurezza estreme, tanto da svilire la S finale! Ma ciò che conta è l’integrità fisica degli atleti!
 
A Kitz, dopo la botta di Brian Stemmle nel 1989 che costò agli organizzatori un bel po' di soldini (Stemmle, dopo anni, vinse la causa che aveva intentata), il sig.Christian Poley  - diventato fino al 2009 Presidente del Comitato Organizzatore, si inventò la famosa "Dichiarazione Liberatoria", con la quale, salvo particolarissime situazioni e condizioni tecniche, l’atleta si assumeva ogni responsabilità in caso di incidenti durante la gara...eccetera!
 
Questo foglietto, mi pare, giri ancora ad inizio stagione in Coppa del Mondo.
 
A Kitz, dunque, le brutali cadute di tanti ragazzi e mi limito a ricordare Hans Knauss, Andreas Schifferer (ai quali per fortuna i soccorsi evitarono che ingoiasse la lingua), Scott MacCartney e Daniel Albrecht, ed ancora Hans Grugger NON hanno proprio insegnato qualcosa ??!!
 
Il supergigante di Kitz godeva di condizioni meteo fantastiche, tante altre volte si era gareggiato nonostante la pioggia, nonostante nevicasse in maniera copiosa! Al limite della regolarità, al limite del rischio, ma in quelle occasioni il tracciato era edulcorato e lo show, per il Mondo Vip e per la classe dirigente della Federsci austriaca, era assicurato! Vi ricordate però quante volte i ragazzi, all’arrivo, si pulissero gli occhiali con gesti eloquenti di disapprovazione! Dicevo del Superg di venerdì, ma era il caso che si lasciasse una tracciatura così nel tratto finale, violentando la velocità e lo spettacolo che a Kitz è alimento di cui saziarsi?!
 
Veniamo alla discesa, io NON sono un tecnico, solo un appassionato, ma mi dite per favore perchè, dopo la nevicata della notte che non credo avesse resa ancor più dura la pista  all’HausbergKante, quella compressione dove sono stati "sbalzati in aria" TRE professionisti della velocità, abbia "fatto danni" senza che ci fossero interventi tecnici! Ricordo molto bene come, in una gara di Coppa del Mondo, Gunter Hujara fosse intervenuto dopo pochi passaggi per smussare un "dente" che – secondo lui – stava diventando pericoloso...e  come, in un’altra gara di velocità, una porta, in alto, fosse spostata!
 
Capisco che a Kitz lo spettacolo "debba essere assicurato", ma questa volta l'"esigenza" arreca un danno enorme alla 50/a Edizione della Coppa del Mondo Maschile perchè, senza Svindal, non ci sarà più interesse. ..SECONDA PARTE


(lunedì 25 gennaio 2016)



@RIPRODUZIONE RISERVATA

  • sabato 2 novembre 2019

    La Coppa del Gobbo - Cala il Sipario

    mercoledì 16 ottobre 2019

    Kitz: montepremi record per la 80/a edizione

    venerdì 23 agosto 2019

    Se ne è andato a 80 anni Egon Zimmermann

  • martedì 6 agosto 2019

    Kitz: un'altra gondola per Dominik Paris

    domenica 10 febbraio 2019

    La Coppa del Gobbo: Aksel e Lindsey, Grazie!

    lunedì 28 gennaio 2019

    Supergigante: non è facile vincere con il n.1

  • lunedì 28 gennaio 2019

    Paris: "il podio dà tante soddisfazioni"

    lunedì 28 gennaio 2019

    Fantaski Stats - Kitzbuhel - superg maschile

    domenica 27 gennaio 2019

    Superg Kitz: Ferstl vince su Clarey e Paris


    Tutt i commenti disponibili:
    1 | Admin il 25/01/2016 23.08.59
    SECONDA PARTE Sarebbe bastato, vedendo tutti i meravigliosi replay in slow motion, rendere meno maligna quella zona dell’HausbergKante dove, sabato, si sono infrante le speranze di Streitberger, Reichelt e Svindal. Già...senno di poi! Lo slalom ci priva di Giuliano Razzoli in modo altrettanto brutale ed inatteso! Qualcosa nell’aria Giuliano forse l’aveva fiutata...purtroppo! Alla partenza ad un certo punto sta per uscire dal cancelletto...poi si ferma torna leggermente indietro e guarda il giudice alla sua destra, gli parla, poi parte! Pochi secondi, un’eternità per il Campione Olimpico, ed il suo ginocchio martoriato si arrende alla severità della pista! "Non siamo un gregge di montoni", dirà Julien Lizeroux, colpito più di tanti altri dall’infortunio a Razzoli. " Non possiamo continuare a non essere noi i protagonisti del nostro sport. Così rischiamo di scomparire"! E Julien di ospedali, operazioni, rientri, infortuni ne sa qualcosa! Ho sentito dire come lo slalom di Kitz sia in definitiva una bella pista, un ritorno alle piste del passato! Già, ma allora c’erano altre tracciature, altri sci, altre porte, altri materiali, altre preparazioni fisiche dei ragazzi...altro , altro , altro! Sapete cosa non ci fosse un tempo: denaro, soldi, premi vertiginosi, luci della celebrità, fama, e tanto business... E su questo altare si consumano compromessi, legamenti, crociati, storie di atleti...Povero sci! Caro Peter Fill, ti prego di scusarmi se non ho parlato di te, lo farò prestissimo! Tu sei talmente bello dentro, pulito nell’anima...da meritare un palcoscenico tutto tuo!
    2 | fabio farg team il 25/01/2016 23.52.03
    Quello che ha detto Carlo Gobbo qui sopra,su alcune cose,le avevo gia scritte a modo mio alla discussione:Un Sabato bestiale sulla Streif.
    3 | franz62 il 26/01/2016 6.32.54
    Non ho visto tutti questi problemi a Kitz, fermo restando che dal punto di vista prettamente sportivo bisognava invertire le due gare. Le condizioni erano normali con visibilità scarsa come in mille altre gare, se atterri da quel salto in quella compressione e vedi poco devi stare alto di posizione e prendere un po' di spazio, Reichelt e Svindalone volevano vincere e si son cacciati dritti spianati, il rischio a volte paga a volte no...Paris vista la situazione ha aggredito la Steilhang come loro e dopo non ha rischiato, sono scelte. La liberatoria la firmi prima di tutti alla FIS se vuoi far le gare, quindi il problema è a monte da quel lato.. Dopo lo schianto di Albrecht hanno limato il salto finale così come fatto a Wengen...i teloni al posto della rete son stati messi ovunque Steilhang compresa, ovvio che dove puoi e hai spazio metti le reti B...meno decelerazione, non ti fai male, hanno funzionato perfettamente anche l'altro giorno con i due cinghiali a 100 all'ora. Lo slalom altro discorso, si smontano le ginocchia tutti i giorni per 200 giorni all'anno con quegli sci del czzo, ci mancherebbe che devi far slalom sul piatto invece che a Kitz...cambiate gli sci del czzo e gli slalomisti smetteranno di smontarsi le ginocchia..con buona pace di De Chiesa... è riuscito a dire che in slalom è difficile farsi male alle ginocchia, ma un ordine di partenza davanti al naso ce l'ha o rientra tra le cose che non gli interessano?
    4 | franz62 il 26/01/2016 6.53.44
    Anche il superg mi è parso meglio del solito anche se mai sarà una pista da superg...normalmente era una discesa frenata con due angoli a czzo solo pericolosi, stavolta girava con più continuità e aveva più senso.
    5 | Hundschopf il 26/01/2016 7.29.32
    Pur capendo poco di queste questioni, tendo a dare ragione a Franz; mi sembrano polemiche un po' appunto da "senno di poi" Soprattutto per Razzoli non capisco cosa si possa imputare agli organizzatori
    6 | Fairyking il 26/01/2016 7.57.09
    Franz ha completamente ragione: le tre uscite fotocopia alla compressione dell'ingresso della diagonale finale furono dovute al fatto che i tre atleti si sono voluti prendere dei rischi per vincere (svindal e reichelt) ignorando gli avallamenti (la pista l'avevano pur provata due volte) e purtroppo è andata male per loro. Fill per dirne una ha fatto per rischiare meno una traiettoria leggermente diversa. Ed anche la maggioranza degli altri. Poi va beh la storia della discesa e della Streiff è nota ed è esaltata proprio perché qualche rischio c'è. In slalom invece non vedo il motivo della polemica. Razzoli purtroppo è arrivato bello arretrato sulla gobbetta ed atterrando male si è girato il ginocchio, ma figlio di un errore tecnico che ci sta...
    7 | didibi il 26/01/2016 9.01.40
    Concordo su tutto quanto detto da Franz. Poi ricordo che tra venerdì e sabato era prevista neve che poi però non c'è stata. Sulla gestione del passaggio sulla stradina da parte della nostra squadra di slalom caliamo un velo pietoso
    8 | brunodalla il 26/01/2016 11.19.36
    io credo che il senso del discorso di Carlo vada ricercato sul fatto che lo spettacolo dello sci è si dato dalle grandi piste, come la streif e la gansler, ma che soprattutto è dato dal vedere svindal o altri scendere dalla streif. se per assurdo si fanno male tutti, chi scende dalla streif? i simari birkner? (con tutto il rispetto per i simpatici argentini, che si fanno il mazzo come tutti gli altri, se non di più, perchè tecnicamente inferiori. forse bastava poco, cioè invertire le gare, cosa possibilissima, e ancora non ho capito il perchè non è stato fatto, per avere condizioni meteo più favorevoli, e magari evitare gli incidenti. poi è tutto vero quello che dice franz, gli sciatori vanno in pista e rischiano, ma il compito degli organizzatori è quello di dare maggiori condizioni di sicurezza possibili, che forse (dico, forse) si sarebbero potute verificare invertendo le gare. diverso il discorso dello slalom, legato più che altro all'evoluzione dei materiali. forse quello che vuole esprimere lizeroux (non certo carlo, che riprende le sue parole) è che si dovrebbe fare di più per lo studio dei materiali riguardo alla protezione delle articolazioni, discorso già affrontatissimo e di difficile soluzione, ma da qualche parte forse bisogna iniziare.
    9 | mntr86 il 26/01/2016 11.28.56
    Concordo anche io al 100% con Franz e come tabnte altre volte si cercano scuse non volendo dare la colpa agli atleti. ovvio che se tagli o provi una linea aggressiva l'errore e la caduta possono succedere. Se nonn ci vedi non rischi, come hanno fatto in tanti...e lo fa chiunque va a sciare la domenica se c'è nebbia... Per Razzoli ha chiaramente sbagliato lui oltre ad avere un ginocchio già delicato di suo, purtroppo è lo sci..
    10 | lbrtg il 26/01/2016 11.47.16
    D'accordo anch'io. Forse sarebbe stato sufficiente invertire l'ordine delle due gare veloci. Per quanto riguarda l'infortunio del Razzo, mi è sembrato tanto sfortunato, quanto non imputabile al tracciato.
    11 | rebus il 26/01/2016 11.50.36
    Però l'inversione delle gare avrebbe probabilmente, come dice Bruno, garantito maggiore sicurezza e non è stata fatta credo solo per motivi economici e di visibilità dell'evento. Capisco perfettamente l'impegno (anche economico) degli organizzatori per mettere in piedi un evento come Kitz e il tentativo di disputare a tutti i costi la discesa il sabato, ma è anche vero che senza gli sciatori non ci sarebbe nessun evento: non dovrebbero tutelare prima loro? Se no togliamo pure anche le reti, tanto poi se uno si fa male è perché ha sbagliato, non perché non c'erano le reti. Un conto è non voler snaturare una disciplina (come a volte è successo per troppo scrupolo), un altro rendersi conto di un pericolo serio e far finta di nulla... in discesa ci si può fare male mooooolto seriamente...
    12 | mntr86 il 26/01/2016 11.55.00
    Purtroppo è un discorso complicato, lo spostamento magari sarebbe anche fattibile ma con minimo 4-5 gg di preavviso credo, e ilo meteo a 4-5 gg è imprevedibile con certezza in montagna. Io francamente ho visto gare in condizioni ben peggiori, chi si è fatto male in discesa ha sbagliato ripeto.
    13 | franz62 il 26/01/2016 12.10.36
    Quando parlo di inversione delle gare mi riferivo al lato sportivo, riguardo alla sicurezza siamo nel campo del "forse" non sta scritto da nessuna parte che non rischi in superg con poca visibilità senza prove, un ginocchio saltato e tre cadute ci potevano stare anche in superg ovviamente.
    14 | franz62 il 26/01/2016 12.13.04
    Se poi contate che il super era abbinato a una combinata con mezzo milione di concorrenti non son sicuro di come sarebbe finita, solo che a me interessa la discesa a Kitz[:D]
    15 | Fairyking il 26/01/2016 12.29.58
    Si ma nessuno dice che non si devono tutelare gli atleti in discesa ci mancherebbe, ma Sabato c'era visibilità un po' piatta ma come detto da altri ho visto anch'io discese con nevischio e visibilità ben peggiori. I grandi ed esperti come Svindal e Reichelt hanno forse un po' sottovalutato un po' quel punto fatto con maggiore prudenza e traiettoria versa da altri compreso il vincitore, il nostro Fill. Probabile che abbiano fatto invece il ragionamento: io ho grossa tecnica, potenza e conoscenza per affrontare ogni punto del tracciato, mi prendo il rischio di andare a palla anche in quel tratto per percorrere la diagonale che immette sullo schuss conclusivo al massimo della velocità. E' un ipotesi eh....
    16 | eugenio il 26/01/2016 12.43.29
    Mi riesce difficile pensare che Svindal, in particolare quest'anno che aveva preso un briciolo di confidenza con le discipline veloci ([8D]) prevedesse strategie diverse dall'andare a palla dappertutto...
    17 | Fairyking il 26/01/2016 12.52.30
    eugenio ha scritto:
    Mi riesce difficile pensare che Svindal, in particolare quest'anno che aveva preso un briciolo di confidenza con le discipline veloci ([8D]) prevedesse strategie diverse dall'andare a palla dappertutto...
    Capisco.... ma anche i fuoriclasse devono e possono capire se per caratteristiche delle pista e non perfetta visibilità si debba tirare o meno al 100% in tutti i punti. O meglio tirare anche a palla ma magari scegliendo una linea diversa...
    18 | quilodico il 26/01/2016 12.58.19
    mi piacerebbe leggere una dichiarazione di Hermann Maier in proposito... quello che ha criticato le cinque gare italiane in cinque giorni, e che si è dimenticato che in Austria c'erano cinque gare in cinque giorni... con la differenza che il numero di infortuni nelle prime è stato enormemente minore.
    19 | lbrtg il 26/01/2016 13.33.22
    Guardatevi l'omaggio che RACE ha fatto a Peter. Ha sciato talmente bene, tanto da far sembrare perfetta la pista ed il meteo. Poi, ognuno, è libero di fare le proprie considerazioni..... http://raceskimagazine.it/fill-video-successo/
    20 | franz62 il 26/01/2016 13.45.48
    eugenio ha scritto:
    Mi riesce difficile pensare che Svindal, in particolare quest'anno che aveva preso un briciolo di confidenza con le discipline veloci ([8D]) prevedesse strategie diverse dall'andare a palla dappertutto...
    Non ho il minimo dubbio al riguardo, in virtù della confidenza acquisita ultimamente[:D] penso fosse ben conscio dei rischi che si prendeva...solo per il fatto che lui e il nano malefico per la loro sfida di basso livello giusto primo o secondo avevano a disposizione nelle loro gare[:D]
    21 | Umberto il 26/01/2016 16.08.29
    due dei tre che si sono fatti male hanno rischiato più di altri... Svindal e Reichelt hanno voluto fare quella linea più verso le reti per preparare meglio la diagonale e essere più veloci...hanno sottovalutato quell'avvallamento... Streitberger invece forse ne avrebbe fatto a meno di passare là, ha semplicemente sbagliato linea... Fill è stato bravissimo! sia sulla Steilang, entrando più veloce di tutti sulla stradina, che all'Ausberg dove è stato davvero un computer: è passato dove si doveva passare dando una frenatina per non finire basso nella traversa! E' stato fantastico! Svindal anche rimanendo in piedi non credo sarebbe arrivato davanti. In definitiva, perchè tante volte a Kitz succedono incidenti così gravi? perchè tutti vogliono vincere, per il prestigio, per la fama... a Santa Caterina, Svindal, per sua stessa ammissione non ha tirato perchè temeva di farsi male e compromettere la stagione... a Kitz invece non l'ha pensata così... ma lo capisco eh... c'è stata una strage di austriaci perchè ovviamente per loro Kitz vale più di qualsiasi altra gara...tutti hanno cercato di tirare... chi per vincere come Reichelt e chi per conquistarsi il posto in prova (almeno credo) non mi sembra che gli organizzatori e la Fis abbiano giocato alla roulette russa con gli atleti... mi sembra vero il contrario invece... hanno cercato di rendere le cose meno pericolose... la Steilang quest'anno era più facile, hanno abbassato la partenza per non rischiare che sulla Mausefalle qualche raffica di vento disturbasse il salto. E anche all'Ausberg il tentativo è stato quello di rallentarli, imponendo una linea diversa... capitolo visibilità: non mi sembra che fosse così pessimo... certo occorreva prendersi qualche precauzione in più... cosa che non hanno fatto Svindal e Reichelt... pare che Svindal dopo la caduta abbia chiesto il tempo all'ultimo intermedio... questo per far capire quanto ci tenesse...
    22 | giovannino1963 il 26/01/2016 16.38.49
    franz62 ha scritto:
    Non ho visto tutti questi problemi a Kitz, fermo restando che dal punto di vista prettamente sportivo bisognava invertire le due gare. Le condizioni erano normali con visibilità scarsa come in mille altre gare, se atterri da quel salto in quella compressione e vedi poco devi stare alto di posizione e prendere un po' di spazio, Reichelt e Svindalone volevano vincere e si son cacciati dritti spianati, il rischio a volte paga a volte no...Paris vista la situazione ha aggredito la Steilhang come loro e dopo non ha rischiato, sono scelte. La liberatoria la firmi prima di tutti alla FIS se vuoi far le gare, quindi il problema è a monte da quel lato.. Dopo lo schianto di Albrecht hanno limato il salto finale così come fatto a Wengen...i teloni al posto della rete son stati messi ovunque Steilhang compresa, ovvio che dove puoi e hai spazio metti le reti B...meno decelerazione, non ti fai male, hanno funzionato perfettamente anche l'altro giorno con i due cinghiali a 100 all'ora. Lo slalom altro discorso, si smontano le ginocchia tutti i giorni per 200 giorni all'anno con quegli sci del czzo, ci mancherebbe che devi far slalom sul piatto invece che a Kitz...cambiate gli sci del czzo e gli slalomisti smetteranno di smontarsi le ginocchia..con buona pace di De Chiesa... è riuscito a dire che in slalom è difficile farsi male alle ginocchia, ma un ordine di partenza davanti al naso ce l'ha o rientra tra le cose che non gli interessano?
    De chiesa ha pienamente ragione,guarda la WCSL di slalom,dei primi 30 oggi l'unico assente per infortunio al crociato è proprio Razzoli.Perché ce l'hai sempre con De chiesa?Secondo me è il miglior telecronista tra rai e eurosport,a volte è un po'ripetitivo ma è molto competente azzecca sempre quando uno va forte e l'intermedio gli da sempre ragione ed è anche tifoso al punto giusto.Se non condividi le sue idee sui nuovi sci o sul fatto che spesso critichi sua maestà Hirscher l'intoccabile non è che lo devi criticare su tutto quello che dice anche perché secondo me ma solo secondo me ha quasi sempre ragione.
    23 | TEX il 26/01/2016 17.00.18
    Ammesso che l'unico fermo oggi sia Razzoli...ma in passato (e non parliamo di preistoria...) ? Scorrendo la WCSL, al volo mi vengono in mente : GRANGE (crociato, un paio di volte..forse 1 in GS) LIZEROUX (crociato, ennemila volte) BYGGMARK (crociato) FELLER (ernia) BAECK (crociato) AERNI (ernia...e non è una battuta [:246]) ... non sono pochi già questi, probabile che ce ne siano anche altri...che ora non mi ricordo . Tra ginocchia e schiena ci si è fatti e ci si fa male anche con gli sciettini, con buona pace di Pablo de Iglesias [;)]
    24 | mntr86 il 26/01/2016 17.32.10
    C'è anche da dire che alcuni atleti sono più predisposti di altri agli infortuni, vuoi per costituzione, vuoi per tecnica di sciata. Non è certo solo questione di sci, come in tutti gli sport. nessuno tiene conto di questo. Io non vedo sinceramente un problema "infortuni", mi sembra normale e ovvio che capitino a chi scia e aggiungo che rispetto ad anni fa il livello medio dei primi 30 nelle discipline tecniche è enormemente più alto e questo obbliga tutti ad andare sempre a manetta...
    25 | Lothar il 26/01/2016 17.47.25
    anticipando che il mio parere conta meno di zero...certamente la possibilità di poter invertire le due gare c'era, ma poi chi ti dice che non sarebbero saltati tre legamenti in superg e saremmo stati qui a scrivere perchè non hanno annullato il superg...tanto la classica discesa l'hanno già disputata di sabato e nessuno si è fatto male....... per quanto riguarda il rischio di farsi male gli atleti ne sono consapevoli e i loro guadagni non certo da fame ne tengono ampiamente conto. Sono convinto che Svindal non sia arrabbiato, è un professionista e sa perfettamente che scendendo a Kitz in quel modo le possibilità di farsi male sono alte...ha giustamente rischiato (se non rischi non vinci e non guadagni) e putroppo per lui è andata male. Sono invece più perplesso per gli infortuni nelle discipline tecniche che probabilmente sono causati anche dai materiali. Razzoli è solo stato sfortunato in seguito ad un sue palese errore, nessun altro ha colpe specifiche. Per quanto concerne l'articolo di Carlo, si è ben capito cosa intende dire, ma la coperta in questi casi è sempre corta....vuoi lo spettacolo beccati il rischio, vuoi la noia contieni il rischio. La formula 1 adesso la guidano i minorenni e infatti troppa sicurezza e zero spettacolo...noia mortale.
    26 | Fairyking il 27/01/2016 11.44.16
    concordo in pieno. La sicurezza deve essere al primo posto quanto lo spettacolo altrimenti nessuno seguirebbe più lo sci e già spesso ci sono cali negli ascolti. Non è facile contemperare le due cose ma si deve fare...Passi avanti nella sicurezza ne sono stati fatti da anni parecchi, enormi direi, ma il rischio se si vogliono ANCHE gare spettacolari non si puo' eliminare del tutto. Caspita, senza parlare di gente andata in coma o morta, ma vi ricordate anche solo anni dopo con filmati per chi è piu' giovane, l'incidente di Girardelli al Sestriere in SuperG credo nel 89/90. Beh reti quasi inesistenti che hanno avvolto solo per un istante Marc come un tonno facendolo poi rotolare credo vicino a delle roccie. Sta di fatto che rischio' lì di terminare la carriera. Cose così per fortuna non accadono piu'.
    27 | franz62 il 27/01/2016 12.47.05
    giovannino1963 ha scritto:
    franz62 ha scritto:
    Non ho visto tutti questi problemi a Kitz, fermo restando che dal punto di vista prettamente sportivo bisognava invertire le due gare. Le condizioni erano normali con visibilità scarsa come in mille altre gare, se atterri da quel salto in quella compressione e vedi poco devi stare alto di posizione e prendere un po' di spazio, Reichelt e Svindalone volevano vincere e si son cacciati dritti spianati, il rischio a volte paga a volte no...Paris vista la situazione ha aggredito la Steilhang come loro e dopo non ha rischiato, sono scelte. La liberatoria la firmi prima di tutti alla FIS se vuoi far le gare, quindi il problema è a monte da quel lato.. Dopo lo schianto di Albrecht hanno limato il salto finale così come fatto a Wengen...i teloni al posto della rete son stati messi ovunque Steilhang compresa, ovvio che dove puoi e hai spazio metti le reti B...meno decelerazione, non ti fai male, hanno funzionato perfettamente anche l'altro giorno con i due cinghiali a 100 all'ora. Lo slalom altro discorso, si smontano le ginocchia tutti i giorni per 200 giorni all'anno con quegli sci del czzo, ci mancherebbe che devi far slalom sul piatto invece che a Kitz...cambiate gli sci del czzo e gli slalomisti smetteranno di smontarsi le ginocchia..con buona pace di De Chiesa... è riuscito a dire che in slalom è difficile farsi male alle ginocchia, ma un ordine di partenza davanti al naso ce l'ha o rientra tra le cose che non gli interessano?
    De chiesa ha pienamente ragione,guarda la WCSL di slalom,dei primi 30 oggi l'unico assente per infortunio al crociato è proprio Razzoli.Perché ce l'hai sempre con De chiesa?Secondo me è il miglior telecronista tra rai e eurosport,a volte è un po'ripetitivo ma è molto competente azzecca sempre quando uno va forte e l'intermedio gli da sempre ragione ed è anche tifoso al punto giusto.Se non condividi le sue idee sui nuovi sci o sul fatto che spesso critichi sua maestà Hirscher l'intoccabile non è che lo devi criticare su tutto quello che dice anche perché secondo me ma solo secondo me ha quasi sempre ragione.
    Ce l'ho con De Chiesa perchè ho ovviamente massimo rispetto come sciatore, ci mancherebbe...grande campione[:D] solo che nessuno lo obbliga a fare il commentatore tecnico, può tranquillamente giocare a golf. Per favore non dire stupidate alla De Chiesa al riguardo, non ha nessun significato dire chi è assente in questo momento tra i 30...devi contare quanti in carriera da quando si usano scietti emm***a ha subito infortuni al ginocchio tra gli slalomisti e magari è attualmente fuori dai trenta oppure ha già smesso...e conta bene anche solo tra quelli attualmente nei trenta quanti son stati ricuciti, ripuliti ecc.. ti dico alla De Chiesa che a me non interessa farlo[:D] già la so la verità...come lui[:D]
    28 | franz62 il 27/01/2016 13.40.39
    Tra le altre cose visto che Paolino se non sbaglio è pure direttore di una rivista di settore potrebbe fermarsi un attimo..lo sci non è golf, tauromachia, valanga azzurra e basta[:)] 'sti scietti del czzo se vai in giro per le piste non li usa più un cane morto, persino il turista più avanzato quasi bravo da far paletti[:D]...succube totale del fascino della coppa si è rotto le palle di usarli. Scommettiamo che che se fai usare un 175 e un 180 intorno al 18/19 di raggio e poi scrivi sopra Semola e Shiffrin sul corrispondente modello commerciale oltre a far rompere molte meno ginocchia agli slalomisti ne vendi un botto? La scommessa visto che è un golfista la farei con De Chiesa più che con te[:D] e non voglio sentirgli dire che non si potrebbero girare...basta tauromachia. (mi faceva ridere quel comico[:)])
    29 | franz62 il 27/01/2016 13.41.52
    Semola e Barillina...la Shiffrin la conoscono tutti.[:)]
    30 | eugenio il 27/01/2016 13.53.16
    Ho due SL 165 da vendere.... [:D] non sono tornato per questo, ma devo dare ragione a Franz... sia sotto l'aspetto agonistico che dal punto di osservazione di un turista (più avanzato[;)]) non è sostenibile che l'attuale sci da slalom non sia responsabile di tanti infortuni... la sua geometria permette una sciata entusiasmante e apparentemente bella da vedere, ma è quantomeno portatrice di fortissima usura a carico di schiena e ginocchia nell'utilizzo agonistico, anche quando non ti regala il colpo di grazia. Il turista li sta abbandonando perché ora ci sono degli attrezzi che danno più soddisfazione, anche se vuoi fare 4000 curve. Parola di un ignorante curvaiolo.
    31 | Fairyking il 27/01/2016 14.45.31
    interessante questa disquisizione... fino a qualche anno fa a livello commerciale si tendeva a venderti sci sempre piu' corti e sciancrati perché " così anche un bue fa le curve da esperto"....Che poi la gran massa di turisti anche quelli di buon livello tecnico non fa pali, vuol dire che sono discorsi fumosi che non hanno nessuna attinenza con i discorsi che si fanno per gli sci di hirscher o kristoffersen. Se ti vuoi divertire a fare serpentine strette in neve libera non cambia una mazza avere 1.65 o 1,75. Cio' detto in effetti speriamo che sugli sci dei campioni si faccia qualcosa, basta che però il commentatore non ci renda esausti sulle tracciature e attrezzi e amenità simili soprattutto sul gigante.
    32 | Gobbo Carlo il 27/01/2016 14.47.50
    Fairyking ha scritto:
    concordo in pieno. La sicurezza deve essere al primo posto quanto lo spettacolo altrimenti nessuno seguirebbe più lo sci e già spesso ci sono cali negli ascolti. Non è facile contemperare le due cose ma si deve fare...Passi avanti nella sicurezza ne sono stati fatti da anni parecchi, enormi direi, ma il rischio se si vogliono ANCHE gare spettacolari non si puo' eliminare del tutto. Caspita, senza parlare di gente andata in coma o morta, ma vi ricordate anche solo anni dopo con filmati per chi è piu' giovane, l'incidente di Girardelli al Sestriere in SuperG credo nel 89/90. Beh reti quasi inesistenti che hanno avvolto solo per un istante Marc come un tonno facendolo poi rotolare credo vicino a delle roccie. Sta di fatto che rischio' lì di terminare la carriera. Cose così per fortuna non accadono piu'.
    33 | TEX il 27/01/2016 14.50.06
    Fairyking ha scritto: basta che però il commentatore non ci renda esausti sulle tracciature e attrezzi e amenità simili soprattutto sul gigante.
    Da una parte sarei curioso di vedere gli slalomisti cimentarsi con i grissini, dall'altra avrei una certa paura ad accendere la TV [xx(][xx(]
    34 | didibi il 27/01/2016 14.52.18
    Io avevo un SL 165 per scivolare giù o stare in piedi a bordo pista a guardare i pazzi che scendono, ora sono passato a 170 perché comunque il ginocchio è sollecitato anche a fare nulla, ma per sciare per conto mio mai sotto i 180
    35 | Gobbo Carlo il 27/01/2016 14.55.00
    ...un piccolissimo intervento ..sulle riflessioni di Fairy..., direi che sono accadute ancora ..., Paolo ed io commentammo con grande amarezza la caduta del campione OLimpico di Nagano 94 , Jean Luc Cretier che , in Gardena , in alto ...finì sulle rocce ( ..non c'erano protezioni..) e concluse lì la sua carriera !! Ricordate Deneriaz , campione olimpico a Torino 2006 , che in Scandinavia finì sotto le reti e fu quasi strangolato dal sottogola del casco ...e non si riprese più !
    36 | Fairyking il 27/01/2016 15.01.40
    TEX ha scritto:
    Fairyking ha scritto: basta che però il commentatore non ci renda esausti sulle tracciature e attrezzi e amenità simili soprattutto sul gigante.
    Da una parte sarei curioso di vedere gli slalomisti cimentarsi con i grissini, dall'altra avrei una certa paura ad accendere la TV [xx(][xx(]
    Discorso da bar: se si tornasse a sci di 10/15 cm piu' lunghi in slalom ovviamente con un sciancratura adattata, chi sarebbe di piu' a beneficiare? lo slalomista di fino e leggero o quello di potenza? Mi direte che dipende dalla tracciatura stretta o meno e dalla angolatura, piu' che dal singolo atleta....
    37 | didibi il 27/01/2016 15.02.31
    Carlo, io quel giorno che Cretier cadde ero li. Gli partì il ginocchio curvando verso sx, salto, atterraggio su gamba finferla e pertanto caduta giù fino nei mughi. Li c'erano dei mughi, le rocce erano nelle vicinanze ma non dove finì Cretier e lo so perché il giorno prima Schmalzl ispezionò quel canalino ed io ero li. Quel giorno la cosa più pericolosa fu il medico francese che partì in pista per andare da Cretier mentre Maier stava scendendo e gli incrociò la traiettoria. Quella si che poteva essere una tragedia.
    38 | TEX il 27/01/2016 15.06.35
    Fairyking ha scritto:
    TEX ha scritto:
    Fairyking ha scritto: basta che però il commentatore non ci renda esausti sulle tracciature e attrezzi e amenità simili soprattutto sul gigante.
    Da una parte sarei curioso di vedere gli slalomisti cimentarsi con i grissini, dall'altra avrei una certa paura ad accendere la TV [xx(][xx(]
    Discorso da bar: se si tornasse a sci di 10/15 cm piu' lunghi in slalom ovviamente con un sciancratura adattata, chi sarebbe di piu' a beneficiare? lo slalomista di fino e leggero o quello di potenza? Mi direte che dipende dalla tracciatura stretta o meno e dalla angolatura, piu' che dal singolo atleta....
    Quelli più bravi van forte con tutto [:D]
    39 | Fairyking il 27/01/2016 15.09.25
    Gobbo Carlo ha scritto:
    ...un piccolissimo intervento ..sulle riflessioni di Fairy..., direi che sono accadute ancora ..., Paolo ed io commentammo con grande amarezza la caduta del campione OLimpico di Nagano 94 , Jean Luc Cretier che , in Gardena , in alto ...finì sulle rocce ( ..non c'erano protezioni..) e concluse lì la sua carriera !! Ricordate Deneriaz , campione olimpico a Torino 2006 , che in Scandinavia finì sotto le reti e fu quasi strangolato dal sottogola del casco ...e non si riprese più !
    Si Carlo, in realtà incidenti gravi ne sono ancora successi, certo, quello di Girardelli mi colpiì particolarmente perché misero delle reti poco piu' che posticcie senza resistenza all'urto di un atleta di 90 kg che arrivava minimo a 90-100 km/h. Se mi ricorso infatti Giradelli padre inizio' una causa con gli organizzatori. poi non ricordo come finì....
    40 | Fairyking il 27/01/2016 15.16.53
    TEX ha scritto:
    Fairyking ha scritto:
    TEX ha scritto:
    Fairyking ha scritto: basta che però il commentatore non ci renda esausti sulle tracciature e attrezzi e amenità simili soprattutto sul gigante.
    Da una parte sarei curioso di vedere gli slalomisti cimentarsi con i grissini, dall'altra avrei una certa paura ad accendere la TV [xx(][xx(]
    Discorso da bar: se si tornasse a sci di 10/15 cm piu' lunghi in slalom ovviamente con un sciancratura adattata, chi sarebbe di piu' a beneficiare? lo slalomista di fino e leggero o quello di potenza? Mi direte che dipende dalla tracciatura stretta o meno e dalla angolatura, piu' che dal singolo atleta....
    Quelli più bravi van forte con tutto [:D]
    Certo è evidente, magari però c'è chi si adatterebbe meglio e/o piu' in fretta.
    41 | franz62 il 27/01/2016 15.42.03
    Fairyking ha scritto:
    interessante questa disquisizione... fino a qualche anno fa a livello commerciale si tendeva a venderti sci sempre piu' corti e sciancrati perché " così anche un bue fa le curve da esperto"....Che poi la gran massa di turisti anche quelli di buon livello tecnico non fa pali, vuol dire che sono discorsi fumosi che non hanno nessuna attinenza con i discorsi che si fanno per gli sci di hirscher o kristoffersen. Se ti vuoi divertire a fare serpentine strette in neve libera non cambia una mazza avere 1.65 o 1,75. Cio' detto in effetti speriamo che sugli sci dei campioni si faccia qualcosa, basta che però il commentatore non ci renda esausti sulle tracciature e attrezzi e amenità simili soprattutto sul gigante.
    la questione è vil commercio sul quale però campa lo sci come il resto del mondo, inizialmente slalom 165 e anche 155 donna ce n'erano in giro parecchi sulle piste ai piedi di tutti senza bisogno di far pali... ora venderesti i Semola e i Barillina come il nuovo sci che è una f**ata ed è quello come lo usano in coppa. a me personalmente importa poco, mi diverto a sciare con tutto sotto i piedi in funzione delle condizioni, anzi mi diverto a cambiarli perchè non son più buono con nessuno e quindi dopo un po' mi annoio[:D] però se devo sciar bene da un punto di vista dimostrativo sui vari archi lo sci giusto è quello di cui stiamo parlando, esiste già, mica invento niente...sarebbe solo da usare per migliorare la salute degli slalomisti e i conti delle aziende..tutto lì.
    42 | franz62 il 27/01/2016 16.24.45
    Fairyking ha scritto: Discorso da bar: se si tornasse a sci di 10/15 cm piu' lunghi in slalom ovviamente con un sciancratura adattata, chi sarebbe di piu' a beneficiare? lo slalomista di fino e leggero o quello di potenza? Mi direte che dipende dalla tracciatura stretta o meno e dalla angolatura, piu' che dal singolo atleta....
    non cominciare a pensare di cambiarmi i parametri di tracciatura che altrimenti non serve a una mazza...sennò per reazione ti metto babbo Kostelic tracciatore unico con sci da 185[:D][:o)]
    43 | franz62 il 27/01/2016 16.28.21
    TEX ha scritto: Da una parte sarei curioso di vedere gli slalomisti cimentarsi con i grissini, dall'altra avrei una certa paura ad accendere la TV [xx(][xx(]
    Chiamare grissini quello sci potrebbe dirlo De Chiesa in polemica[:D][:o)] abbi fede.
    44 | TEX il 27/01/2016 16.32.39
    franz62 ha scritto: Chiamare grissini quello sci potrebbe dirlo De Chiesa in polemica[:D][:o)] abbi fede.
    Per preservare la salute tornerei al 155 per gli uomini, con 15 metri tra una porta e l'altra [:D]
    45 | franz62 il 27/01/2016 16.39.56
    ah...avevi paura del commento, non delle immagini televisive, scusa..capito ora[:D]
    46 | TEX il 27/01/2016 16.40.53
    [:246]
    47 | TEX il 27/01/2016 16.51.52
    Fairyking ha scritto:
    TEX ha scritto:
    Fairyking ha scritto:
    TEX ha scritto:
    Fairyking ha scritto: basta che però il commentatore non ci renda esausti sulle tracciature e attrezzi e amenità simili soprattutto sul gigante.
    Da una parte sarei curioso di vedere gli slalomisti cimentarsi con i grissini, dall'altra avrei una certa paura ad accendere la TV [xx(][xx(]
    Discorso da bar: se si tornasse a sci di 10/15 cm piu' lunghi in slalom ovviamente con un sciancratura adattata, chi sarebbe di piu' a beneficiare? lo slalomista di fino e leggero o quello di potenza? Mi direte che dipende dalla tracciatura stretta o meno e dalla angolatura, piu' che dal singolo atleta....
    Quelli più bravi van forte con tutto [:D]
    Certo è evidente, magari però c'è chi si adatterebbe meglio e/o piu' in fretta.
    Immagine:

    86,99 KB Immagine:

    74,72 KB (da: pagina fb Agence Zoom) due giri di allenamento e questi si sono già adattati, sono nati adattati. Forse al primo basta solo un giro [:246] [:D]
    48 | Gobbo Carlo il 27/01/2016 17.09.22
    Ciao Didibi,..perbacco ..mi fa piacere che tu fossi vicino ...noi in genere raccontiamo quello che vediamo spesso a centinaia di kilometri di distanza ..!! Ricordo anch'io l'episodio del dottore ....mi dispiacque molto per Jean Luc con il quale avevo parlato spesso a Nagano..quando Cornaz e Didier Bonvin fecero una bella corsetta ...ex voto ..sulle strade dei Jappi ...!!
    49 | didibi il 27/01/2016 17.25.46
    Fairyking ha scritto: Si Carlo, in realtà incidenti gravi ne sono ancora successi, certo, quello di Girardelli mi colpiì particolarmente perché misero delle reti poco piu' che posticcie senza resistenza all'urto di un atleta di 90 kg che arrivava minimo a 90-100 km/h. Se mi ricorso infatti Giradelli padre inizio' una causa con gli organizzatori. poi non ricordo come finì....
    Il problema in quel caso fu che non essendoci neve le reti non erano ancorate bene nel terreno. Girardelli padre come capo squadra lo aveva fatto presente ma nessuno se lo era filato .... fino all'incidente. Non so se ci fosse stata una causa ma ovviamente come succedeva spesso quello che diceva magari anche in modo poco diplomatico o elegante papà Girardelli alla fine risultava essere vero.
    50 | Katunga il 27/01/2016 17.28.16
    didibi ha scritto:
    Io avevo un SL 165 per scivolare giù o stare in piedi a bordo pista a guardare i pazzi che scendono, ora sono passato a 170 perché comunque il ginocchio è sollecitato anche a fare nulla, ma per sciare per conto mio mai sotto i 180
    Ti straquoto. Mai divertito tanto come con un Dynastar Curse 66 da 184. L'ho usato fino all'inverosimile, avrà 1/10 di lamina e a volte mi vien voglia di prenderlo ancora.
    51 | Katunga il 27/01/2016 17.41.32
    Poi ho preso dal fondo del mio magazzino [:D] un Dynastar SF 192, però avevo vergogna per via delle punte, quindi le ho tagliate, arrotondate, c'ho messo il parapunta del Curse 66 e via a sciare. Era il 1° gennaio dello scorso anno a Folgaria. Mi son divertito un mondo Immagine:

    56,2 KB
    52 | franz62 il 27/01/2016 18.12.04
    [:246] fossi in Dynastar ti darei uno sci nuovo... ma il 12 a pennarello cosa significa? sigla segreta?[:D]
    53 | TEX il 27/01/2016 20.29.40
    Ma porca di quella stramaledetta put.tana ... https://www.facebook.com/Ted-Ligety-118675723439/ https://www.instagram.com/p/BBDbotCpS73/ http://www.skiracing.com/stories/ted-ligety-tears-acl-in-gs-training-crash e basta, ma che caz.zo è ??? [:0][:142] ditemi che è una bufala....
    54 | Fairyking il 27/01/2016 20.38.52
    ??????
    55 | TEX il 27/01/2016 20.42.28
    Ligety Crociato anteriore Allenamento GS Oberjoch pubblicata da lui stesso su fb-twitter-instagram e ripresa da Skiracing...venti minuti fa
    56 | Fairyking il 27/01/2016 20.43.39
    Adesso ho visto sul sito dell'Equipe che si sarebbe rotto i legamenti crociati. Cazzarola....[B)]
    57 | cancliatomic il 27/01/2016 20.44.14
    Letto anche io il suo post su fb...su internet non ho trovato altre notizie al momento
    58 | cancliatomic il 27/01/2016 20.45.55
    Letto anche io il suo post su fb...su internet non ho trovato altre notizie al momento
    59 | Fairyking il 27/01/2016 20.47.24
    http://www.lequipe.fr/Ski/Actualites/Fin-de-saison-pour-ted-ligety-victime-d-une-rupture-des-ligaments-croises/628817
    60 | TEX il 27/01/2016 20.48.42
    Per ora trovato su google USA solo il rimando all'articolo su Skiracing.com che riprende i suoi post sui social ...
    61 | franz62 il 27/01/2016 20.52.26
    Noooo...gli ha preso dentro lo spigolo ed è rimbalzato quasi come con uno sci vecchio...era da un po' che non vedevo una dinamica del genere in gigante..che annata.
    62 | Fairyking il 27/01/2016 20.56.03
    Già era nata male l'annata per Ted, dispiace veramente. Speriamo che sia finita per quest'anno ma sembra veramente maledetto.
    63 | TEX il 27/01/2016 20.56.11
    Stesso pensiero. Rimbalzo da sci vecchio...
    64 | franz62 il 27/01/2016 20.58.02
    stava divertendosi con un 27 metri[:D] ormai le curve le tira uguali in questo filmato
    65 | TEX il 27/01/2016 21.01.24
    Stesso pensiero 2.0
    66 | franz62 il 27/01/2016 21.02.15
    al nano malefico manca Semola poi li ha seccati tutti, pensa al tipo di ieri sera cosa gli sta fumando il cervello[:D] e continua a far caldo e non nevicare..
    67 | TEX il 27/01/2016 21.03.53
    Sto già sentendo il pippone televisivo sui raggi con 4 giorni di anticipo [:142][:142]
    68 | Fairyking il 27/01/2016 21.10.34
    Si però ragazzi a parte pippe e pipponi di De Church (sono il primo a biasimarlo), c'è qualcosa che non quadra. Realmente TROPPI infortuni.
    69 | TEX il 27/01/2016 21.14.15
    Non quadrano i 15 gradi che c'erano oggi pomeriggio a Torino e un caz.zo di neve da nessuna parte. Quello non quadra [}:)]
    70 | Fairyking il 27/01/2016 21.16.34
    anticiclone sub tropicale.... ho letto che razionano l'acqua in diversi comuni del Nord a Gennaio. quella poca neve è già marcia.[:(!]
    71 | franz62 il 27/01/2016 21.20.00
    settimana scorsa in engadina -29 di notte a celerina, ieri birra in maglietta al diavolezza a 3000 metri...ghiacciaio con crepacci aperti come ad agosto, una spanna di neve ovunque.
    72 | Katunga il 27/01/2016 21.20.20
    franz62 ha scritto:
    [:246] fossi in Dynastar ti darei uno sci nuovo... ma il 12 a pennarello cosa significa? sigla segreta?[:D]
    12= nulla di particolare, era il mio dodicesimo Dynastar Dynastar: mi sa che non me lo danno, devono avere ancora il mio nome nella black list [:D] [:D][:D]
    73 | franz62 il 27/01/2016 21.30.58
    cosa gli hai fatto a Dynastar? P.S. in engadina comunque piste davvero perfette nonostante il meteo, useranno champagne per far l'artificiale..azzo ne so[:)]
    74 | Katunga il 27/01/2016 21.56.59
    Aspettavo 2 GS contratto atleti, avevo venduto i vecchi ed ero senza. Al tempo in Italia erano distribuiti da Now Sport. Telefonato più bolte ma nulla, fax, nulla. Il 23/12 mando un fax in Francia, il 7/1 dalla sede mi chiama Grammatica (penso conosci), mi dice che prima di scrivere in Francia sarebbe stato meglio contattarli in Italia (ma vah?). Nel pomeriggio mi chiamano da Bergamo per dirmi che mi avrebbero fatto un upgrade e che gli sci erano là. Ci sono andato al volo prima che cambiassero idea. Erano due paia superbelli [:D]
    75 | Umberto il 28/01/2016 10.45.46
    sugli sci da slalom ci sarebbe da fare qualche riflessione: però è vero che negli ultimi 3/4 anni non ci sono stati troppi infortuni... quello di Razzoli riapre la casistica... però da vedere così non mi sembra che il vincolo sci/neve abbia prodotto torsioni esagerate... in slalom ci si infortuna più per usura probabilmente...e nel caso di razzoli credo che l'infortunio si sia rovinato essenzialmente da una situazione clinica già un po' compromessa... in gs nonostante la diminuzione della velocità di almeno 10 15 kmh nelle tracciature, lo sci nuovo invece produce sempre vittime... secondo me per ridurre gli incidenti si poteva anche evitare di cambiare gli sci... con le tracciature di oggi e gli sci di 4 anni fa non ci sarebbero stati più problemi di oggi...
    76 | franz62 il 28/01/2016 10.58.45
    le tracciature le avevano già strette prima di cambiare gli sci.
    77 | Umberto il 28/01/2016 12.28.20
    ma non è vero Franz! nel 2012, ultimo anno dei 27 metri, le tracciature erano diverse... si andava più forte... guarda Crans Montana 2012, vittoria di Blardo, e guarda Garmisch 2015, vittoria di Hirscher... prima si stava sempre sui 27 metri e oltre... negli ultimi anni invece si va anche sotto ai 24... almeno 10 15 kmh in meno. per me per ridurre al minimo il pericolo spigolate/torsione e infortuni alle ginocchia con i vecchi sci, bastava tracciare come tracciano adesso... anche perchè con i nuovi sci il pericolo non si è azzerato... e in più è aumentata l'usura delle articolazioni perchè è uno sci che richiede più forza... con conseguenti problemi di mal di schiena ecc ecc... Fenninger, Borsotti, Ligety ecc si sono fatti male con lo sci nuovo... La FIS ha fatto una grandissima boiata.
    78 | franz62 il 28/01/2016 12.37.18
    per me no...non sono d'accordo su nessuna delle tue considerazioni ma ho già scritto tutto quello che penso nelle discussioni passate quando furono cambiati gli sci e non ho nessuna voglia di rifare tutte le considerazioni tecniche e sul fisico degli atleti, per cui ognuno si può tenere tranquillamente la propria idea. Unica cosa certa è che gli infortuni di quest'anno rispetto ai tre anni recedenti sono dovuti alle condizioni di innevamento che non son così scarse da vent'anni...nei tre anni precedenti abbiamo visto molti meno incidenti in gigante rispetto al passato ed è un dato oggettivo che puoi notare anche dal divano guardandoti le gare spaparanzato, poi ovvio che ognuno ritira fuori polemiche di tre anni addietro nel momento in cui c'è l'occasione, pensa a De Chiesa la prossima gara[:D]
    79 | Mikko il 28/01/2016 12.56.36
    Il problema di questa discussione sulla pericolosità degli sci da gigante è che si ragiona senza dati alla mano, ma si fanno valutazioni basate sulla notorietà dell'infortunato del momento; ed è naturale dimenticarsi degli infortuni avvenuti a distanza di anni. Occorerebbe avere lo storico degli infortuni dovuti a torsione del ginocchio ad esempio del 2012 per i primi 500 delle liste FIS e quelli del 2014: allora potremmo fare raffronti. Probabilmente una delle innumerevoli commissioni F.I.S. eleborerà qualche studio al riguardo. Fino a quel momento, per quel che mi riguarda, nessuno riuscirà a convincermi della maggior pericolosità degli attuali 35 metri.
    80 | Umberto il 28/01/2016 15.32.06
    bah io non sono d'accordo sull'assioma poca neve = infortuni... le piste di quest'anno mi sembra siano state più o meno tutte preparate bene... non si è mai corso in condizioni limite... si fosse corso il gs di adelboden su neve fradicia ti avrei dato ragione... no, sinceramente che abbia nevicato poco per me non ha una stretta correlazione... anzi, se ripenso a tutte la gare di coppa da quando si è tornati in Europa non ricordo situazioni di piste al limite dell'impraticabilità: Val d'Isere, Val Gardena, Badia, Santa Caterina, Adelboden Slalom, Wengen e Kitz... ricordo certe annate molto più al limite... weekend con temperature esagerate... tanto per fare un esempio ricordo il weekend di Wengen nel 2006/2007 con lo slalom della combinata maschile, vinta da Matt, in cui gli ultimi a scendere avevano la terra sotto i piedi e neve poltiglia che sembrava acqua... quella era una condizione pericolosa per me l'incidente di Ligety non mi sembra provocato da condizioni limite della pista dovute alla poca neve... pista liscia, dura... in discesa penso che se dovessimo trovare proprio delle motivazioni dovremmo andarle a cercare nella volontà della FIS di preparare piste con più dossi e asperità... ma questa è una scelta dettata dalla volontà di ridurre le velocità andando a indebolire il vincolo sci/neve... più si sta per aria con gli sci meno si va forte... secondo me non è sbagliato... certo che se poi atleti dell'esperienza di Svindal e Reichelt sfidano le forse gravitazionali all'Ausberg... beh questo è un altro discorso...
    81 | Umberto il 28/01/2016 15.33.36
    comunque se fossimo tutti d'accordo non esisterebbe nemmeno il forum, quindi ci sta pensarla in modo differente :-)... io rispetto tutte le idee e cerco di confrontarmi...
    82 | franz62 il 28/01/2016 16.05.46
    Umberto ha scritto:
    bah io non sono d'accordo sull'assioma poca neve = infortuni... le piste di quest'anno mi sembra siano state più o meno tutte preparate bene... non si è mai corso in condizioni limite... si fosse corso il gs di adelboden su neve fradicia ti avrei dato ragione... no, sinceramente che abbia nevicato poco per me non ha una stretta correlazione... anzi, se ripenso a tutte la gare di coppa da quando si è tornati in Europa non ricordo situazioni di piste al limite dell'impraticabilità: Val d'Isere, Val Gardena, Badia, Santa Caterina, Adelboden Slalom, Wengen e Kitz... ricordo certe annate molto più al limite... weekend con temperature esagerate... tanto per fare un esempio ricordo il weekend di Wengen nel 2006/2007 con lo slalom della combinata maschile, vinta da Matt, in cui gli ultimi a scendere avevano la terra sotto i piedi e neve poltiglia che sembrava acqua... quella era una condizione pericolosa per me l'incidente di Ligety non mi sembra provocato da condizioni limite della pista dovute alla poca neve... pista liscia, dura... in discesa penso che se dovessimo trovare proprio delle motivazioni dovremmo andarle a cercare nella volontà della FIS di preparare piste con più dossi e asperità... ma questa è una scelta dettata dalla volontà di ridurre le velocità andando a indebolire il vincolo sci/neve... più si sta per aria con gli sci meno si va forte... secondo me non è sbagliato... certo che se poi atleti dell'esperienza di Svindal e Reichelt sfidano le forse gravitazionali all'Ausberg... beh questo è un altro discorso...
    con 20 centimetri di neve preparata perfettamente a 80 all'ora in piega sei sempre in condizioni limite ad ogni gobbetta che con mezzo metro di neve non c'è.. non mi sembri uno che non ha mai visto la neve...anche Ted ieri, pur vedendo non tanto bene con la ripresa da dietro, deve aver preso un dossetto o un buco con l'interno per piantarlo lì e avvitarcisi sopra...dai Umberto...non so se hai mai provato ma con 35 metri se ti appendi all'interno vai dritto..li abbiamo visti 50 volte uscire così in questi tre anni, più diminuisci il raggio e più rischi l'avvitamento anche sul liscio, per un'internata o un arretramento. sempre che Ted non si stessse divertendo con un racecarve[:o)] fan gigante anche con quelli da slalom ogni tanto[:)]
    83 | franz62 il 28/01/2016 16.34.47
    tra l'altro si è rotto il destro che non è nemmeno quello con cui è rimasto agganciato...ho controllato adesso, manco lo sapevo..se è saltato quando si è piantata la coda a fine caduta è imputabile proprio solo alla sf**a in questo caso..
    84 | Umberto il 28/01/2016 16.35.41
    beh allora ti rispondo affermando l'inverso... anche gli inverni in cui nevica spesso trovi tante gobbette, fondi poco consistenti che diventano poi pericolosi perchè si segnano... in questi 4 anni di 35 m. se ne sono visti tanti di infortuni... meno di prima? non lo so...forse si... però so anche che accanto alla minore sciancratura si è andati verso tracciature più lente di almeno 10 15 kmh...e' un dato inconfutabile, anche se tu non ne sei convinto, quindi non so dirti se con le tracciature di prima e gli sci attuali ne avremmo visti meno di infortuni... se avessero 10 15 kmh orari in più vedresti che lo deformerebbero meglio lo sci con risposte diverse e più imprevedibili di quanto non siano a 50 kmh mai provati i 35 m. e neanche mi sognerei di provarli...:-) di certo la minor sciancratura diminuisce la probabilità che possa esserci una presa di spigolo anomala... ma non credo che gli attuali sci non abbiano controindicazioni... ha ragione Mikko quando afferma che ci vorrebbe un'indagine statistica...
    85 | franz62 il 28/01/2016 17.08.10
    un indagine statistica ci vorrebbe senz'altro, infortuni o gran capottoni in gara di coppa comunque zero fino a quest'anno, dico zero, basta aver guardato le gare. sul fatto delle gobbette quando c'è tanta neve devi essere su un pendio con delle grandissime tette o su un pendio mal preparato...altrimenti le tette vengono coperte dalla neve, per cui l'inverso non è semplicemente sostenibile. se invece vuoi dire che un pendio mal preparato con la neve è pericoloso quanto un pendio ben preparato senza neve è ovvio..
    86 | Admin il 28/01/2016 17.47.21
    http://www.fantaski.it/home/leggotag.asp?tag=infortunio
    87 | Umberto il 28/01/2016 17.48.07
    beh quando vengono anche solo 30 cm. di neve il giorno dopo non puoi pretendere che ci sia il fondo duro e compatto o addirittura il barrato... io le stagioni migliori che ricordo sono quelle in cui nevica ad inizio, e poi, tempo bello e freddo... magari una nevicata di richiamo a gennaio e febbraio... quando nevica 4 volte a settimana come 3 anni fa, non trovi mai condizioni belle sia per divertirti che per allenarti... a meno che non decidi di farti dei bei fresconi ... e comunque nelle stazioni serie come quelle di coppa del mondo e anche dove si allenano sappiamo benissimo tutti che le ruspe d'estate spianano e tirano i pendii in bolla... poi d'inverno ci pensa l'innevamento programmato a sopperire alla neve naturale... comunque è verò che certi cappottoni non si sono più visti ma, torno al discorso di prima , sono cambiati i tracciati e le velocità... sono capoccione come vedi...[:D][:)]
    88 | franz62 il 28/01/2016 18.04.03
    Beh...ti può aiutare il link di Admin ad ammorbidire la capoccia, vai sul 2013 e 2014 e troverai Noesig Borsotti e De Aliprandini in mezzo ai soliti 4/5 slalomisti per anno e sette/otto discesisti...dovrebbe anche convincerti sul fatto che se prepari le piste con la neve invece che con le ruspe ci si fa meno male.[:)] riguardo agli slalomisti bisognerebbe passsarlo anche a De Chiesa Il link[:)]
    89 | franz62 il 28/01/2016 18.07.08
    'ste czze di notizie dentro nel sito le trova solo Admin, troppo scienziatissimo...non ditemi che le trovate tutti.[:D]
    90 | franz62 il 28/01/2016 18.17.56
    e contate che in gigante ci sciano tutti quanti, non solo i gigantisti...per 200 giorni all'anno, mentre slalom pochino per chi slalomista non è.
    91 | franz62 il 28/01/2016 18.21.16
    adesso arriva De Chiesa e dice..."ecco perchè stan male gli slalomisti..perchè usano anche gli sci da gigante"[:D]
    92 | kaiser il 30/01/2016 6.38.22
    Una domanda sorge spontanea..... ma com'è possibile che gli attacchi siano praticamente sempre gli stessi dall'ivenzione dei salomon 727? Stimao per andare su Marte e ai piedi degli sciatori ci son sempre le stesse due molle del kaiser a far si che gli sci si stacchin o meno..... mah...... Sparo una vaccata..... ma non sarebbe possibile trovare un sistema che all'apertura dell'airbag faccia in modo che gli attacchi si sgancino dallo scarpone?
    93 | franz62 il 30/01/2016 9.16.36
    Già è un problema piazzare la bomboletta di aria compressa per gonfiare un palloncino, cosa cacchio usi per far aprire un qualcosa che sopporta il carico di uno sciatore? Nitroglicerina nel tacco degli scarponi?[:D]
    94 | seba92r il 30/01/2016 9.36.33
    basterebbe un interruttore, ce ne sono di minuscoli ora...
    95 | franz62 il 30/01/2016 9.59.56
    e allora che czzo aspetti? perditempo...[:D]



      Cerca una parola nelle news:        

      Ultime 15 Notizie correlate: (Coppa del Gobbo Kitzbuehel )

      [02/11/2019] La Coppa del Gobbo - Cala il Sipario
      [16/10/2019] Kitz: montepremi record per la 80/a edizione
      [23/08/2019] Se ne è andato a 80 anni Egon Zimmermann
      [06/08/2019] Kitz: un'altra gondola per Dominik Paris
      [10/02/2019] La Coppa del Gobbo: Aksel e Lindsey, Grazie!
      [28/01/2019] Supergigante: non è facile vincere con il n.1
      [28/01/2019] Paris: "il podio dà tante soddisfazioni"
      [28/01/2019] Fantaski Stats - Kitzbuhel - superg maschile
      [27/01/2019] Superg Kitz: Ferstl vince su Clarey e Paris
      [27/01/2019] Aksel Lund Svindal:"Dopo Are 2019 mi ritiro"
      [26/01/2019] Kitz: Noel beffa ancora Hirscher, sua la Ganslern
      [26/01/2019] Fantaski Stats - Kitzbuhel - discesa maschile
      [26/01/2019] Kitz: Zenhaeusern comanda lo slalom dopo la 1a
      [25/01/2019] Kitz: Max Franz stagione finita
      [25/01/2019] Paris: "Ho fatto la differenza nel tratto finale!"

      Altre notizie di Coppa del Mondo:

      [19/11/2019] Gigantisti al lavoro a Livigno,torna Ballerin
      [19/11/2019] Stagione finita per Charlotta Saefvenberg
      [19/11/2019] Cortina 2021:i 50 anni di Ghedina e un nuovo salto
      [19/11/2019] Slalomisti azzurri approdano a Levi
      [18/11/2019] Serio infortunio per Nicole Good
      [18/11/2019] Cornelia Huetter torna sulla neve
      [18/11/2019] Michelle Gisin presenta il libro del suo oro
      [17/11/2019] Innerhofer sempre più vicino al rientro
      [17/11/2019] Semaforo verde FIS per Lake Louise
      [16/11/2019] Elena Curtoni e le sorelle Delago verso Copper
      [16/11/2019] Francesi e Svizzeri per Levi
      [16/11/2019] Operazione riuscita per Elena Fanchini
      [14/11/2019] Luce verde per la tappa di Levi
      [13/11/2019] Le 6 Azzurre per Levi, dentro Gulli
      [12/11/2019] Liensberger torna ad allenarsi con le compagne
      [12/11/2019] Casa Bode Miller si allarga: nati i due gemellini
      [12/11/2019] Solda: cancellate per maltempo le gare Fis
      [12/11/2019] Marco Schwarz ritorna in gara a Levi
      [12/11/2019] La Aloch pronta ai nastri di partenza
      [12/11/2019] I nove slalomisti azzurri per Levi
      [11/11/2019] Zinal: allenamento per 7 slalomiste
      [11/11/2019] Manuel Feller è diventato papà
      [11/11/2019] Azzurre verso gli Usa, Schnarf resta a casa
      [11/11/2019] Brignone: "A Lake Louise solo superG".
      [10/11/2019] GP Italia 2019/2020: regole e calendari
      [10/11/2019] Solda: stage per Osservati centro-sud
      [08/11/2019] Il caso Liensberger non è ancora risolto
      [08/11/2019] Manuel Osborne-Paradis tornerà nel 2020/2021
      [07/11/2019] Sofia Goggia illesa dopo un tamponamento
      [06/11/2019] Niente Killington per Alice Robinson
      [06/11/2019] Milano-Cortina 2026: il CEO sarà Novari
      [06/11/2019] Sabato i velocisti voleranno verso il Nord America
      [06/11/2019] A Lake Louise latita la neve, Copper ok
      [05/11/2019] Mario Cotelli non c'è più,se ne è andato a 76 anni
      [05/11/2019] Slalomiste e polivalenti in Val Senales
      [04/11/2019] Esce oggi in Norvegia la biografia di Svindal

      Altre notizie Fantaski:

      [26/03/2019] La Thuile: diamo una manche al Telefono Azzurro
      [23/02/2018] Fantanotti Olimpiche - Analisi dei Giochi 2018
      [06/02/2018] Aperte le FantaOlimpiadi 2018!
      [14/12/2017] Fantaski.it disponibile anche su Telegram !
      [05/12/2017] A La Thuile stagione aperta dal 2 dicembre
      [03/11/2017] Fantaski 2018 - mercato maschile aperto fino Levi
      [05/12/2016] Aperto il primo mercato - stagione 2016/2017
      [13/11/2016] A Milano di scena il Big Air Snowboard
      [21/03/2016] La Thuile: il 9 Aprile gara per Telefono Azzurro
      [26/02/2016] La Thuile: 1/a Gara dei Sogni in favore di FISIP



     
    titoletto copyright fantaski
     baffo fantaski titoletto contatti baffo fantaski titoletto riconoscimenti