separatore
icona fisi  
 icona fantaski titoletto linguaicona italia icona bandiera italia icona bandiera svizzeraicona bandiera inglese icona bandiera inglese icona bandiera americanatitoletto tedesco icona bandiera germania icona bandiera austria icona bandiera svizzeratitoletto francia icona bandiera francia icona bandiera svizzera 
fantaski_header
icona baffo fantaski titoletto home icona baffo fantaski titoletto cosa fantaski icona baffo fantaski titoletto faq help icona baffo fantaski titoletto regolamento icona baffo fantaski titoletto forum icona baffo fantaski titoletto fotogallery  
domenica 15 dicembre 2019 - ore 21.42 
titoletto coppa del mondo
separatore
titoletto coppa fantaski
separatore
titoletto gioca fantaski

Poslovite Valencic, Sayonara Sasaki

Clicca sulla foto per ingrandire
Foto: Sandi Fiser
Vai al profilo di Valencic M.
commenti 15 Commenti icona rss

Al termine di un quadriennio olimpico è sempre tempo di bilanci e non sono pochi gli atleti che, giunti a fine stagione, salutano per sempre il Circo Bianco.

Nelle settimane passate hanno già annunciato il ritiro il canadese Micheal Janyk (oggi 15/o), i francesi Bertrand, Bouillot, De Tessieres e Sandrine Aubert e l'elvetica Aufdenblatten. E altri ci stanno pensando, come Manfred Pranger o Tanja Poutiainen.

Al termine dello slalom odierno di Kranjska Gora altri due atleti, due veterani, hanno salutato il Grande Sci: lo sloveno Mitja Valencic e il giapponese Akira Sasaki.
In realtà l'atleta di casa avrebbe voluto arrivare alle Finali, ma l'uscita nella prima manche ha distrutto i suoi sogni: "qui ho esordito in Coppa del Mondo, nel gennaio del 1997, quel giorno in gigante era in gara gente come Alberto Tomba, Kjetil Andre Aamodt, Michael Von Grueningen, Jure Kosir... è significativo che su questo bellissimo pendio chiuda il mio rapporto con lo sci agonistico..." Tra le due gare Mitja, classe 1978, ha indossato 179 pettorali di CdM nell'arco di 16 stagioni.
Due anni fa, nel 2012, la sua miglior stagione: a punti in 8 gare e tre volte nei top10, 14/o nella classifica finale di specialità.
Nel complesso Valencic è entrato 11 volte nei top10, sfiorando il podio a Zagabria nel 2010, in quella che rimane la miglior gara della carriera, nel giorno della prima vittoria di Giuliano Razzoli.
Lo sloveno può vantare ben 7 partecipazioni mondiali, da Vail 1999 a Schladming 2013, e tre Olimpiche (Torino 2006, Vancouver 2010, Sochi 2014). Come un mese prima la sua strada si incrocia con il nostro Razzoli: nella prima manche manche dello slalom olimpico in terra canadese è secondo alle spalle dell'emiliano, ma nella seconda sbaglia troppo e scivola al sesto posto, che rimane comunque uno dei migliori risultati della carriera.
Valencic ha fatto parte di quel gruppo di slalomisti sloveni cresciuti nelle ultime stagioni del grande Jure Kosir, come Drago Grubelnik, Mitja Dragsic, Mitja Kunc, Bernard Vajdic.

"Lo sci mi ha dato tanto - dichiara Mitja - non ho rimpianti. Ci sono stati anche momenti brutti, ma altri molto belli. Se mi guardo indietro forse avrei gestito meglio il materiale, cambiando quando non mi trovavo. Peccato per oggi, avrei voluto fare meglio. Il futuro? Ora voglio pensare un po' alla famiglia, ma un giorno mi piacerebbe tornare nel Circo come allenatore"

Saluti finali anche per Akira Sasaki, tra i più importanti atleti nipponici degli ultimi 20 anni, con Kiminobu Kimura e Kentaro Minagawa. Il simpatico Akira lascia dopo 143 pettorali e 10 stagioni in Coppa del Mondo.

Nel 2001 fa il suo esordio nel circuito maggiore, nella gara casalinga di Shigakogen, ma per 13 gare e due stagioni non riesce neanche a qualificarsi per la seconda manche, quando improvvisamente il 19 gennaio 2003, a Wengen, parte con il pettorale 65 e fa segnare il settimo tempo di manche a meno di mezzo secondo dai leader Rocca-Kostelic. Nella seconda si scatena e con il miglior tempo di frazione chiude a soli 4 centesimi dal livignasco,che quel giorno conquista la prima vittoria in carriera. Salire sul podio con un pettorale superiore al 60 è evento raro, accaduto a Berthod, Janka, Zardini, Kostelic e, appunto, al giapponese che nello stesso giorno conquista i primi punti e il primo podio in carriera.
Chiude quella la stagione al 15/o posto della specialità, crescendo fino all'anno olimpico 2006 in cui è 7/o, stabilmente tra i migliori dei rapid gates, conquistando due podi a Schladming e Shigakogen.

Ha preso il via a tutti a 7 Mondiali e 4 Olimpiadi tra il 2001 e il 2014, per un totale di 20 pettorali tra slalom e gigante. E' stato campione nazionale nel 2007, 2012 e 2013.


(lunedì 10 marzo 2014)



@RIPRODUZIONE RISERVATA

  • venerdì 6 settembre 2019

    L'addio di Hirscher: l'omaggio di Atomic

    domenica 7 luglio 2019

    Si ritira il canadese Phil Brown

    giovedì 13 giugno 2019

    Margot Bailet saluta il Circo Rosa

  • mercoledì 29 maggio 2019

    Si ritira il finlandese Andreas Romar

    sabato 11 maggio 2019

    Jasmine Fiorano dice basta

    venerdì 10 maggio 2019

    Michelangelo Tentori saluta l'agonismo

  • martedì 7 maggio 2019

    Taina Barioz saluta il Circo Rosa

    lunedì 29 aprile 2019

    Si ritira Philipp Schoerghofer

    giovedì 4 aprile 2019

    Si ritirano Magg e Patricksson


    Tutt i commenti disponibili:
    1 | mntr86 il 10/03/2014 9.51.39
    Per quanto riguarda la squadra Italiana invece? Karbon. Blardone, Simoncelli continuano? Thaler non l'ho messo perchè è obbligatorio che continui almeno un altra stagione!
    2 | marc girardelli il 10/03/2014 10.10.56
    E Deville?
    3 | brunodalla il 10/03/2014 11.12.01
    io credo che quest'anno smetteranno in parecchi.
    4 | jos235 il 10/03/2014 12.35.28
    Sasaki ha chiuso in bellezza
    5 | GRINGO il 10/03/2014 16.40.46
    Secondo me gente come Thaler, Blardone, Simoncelli e Karbon devono continuare, oltretutto sono tutti ancora nei 30 delle loro specialita´. Discorso diverso per Deville e Eisath che mi sembrano alla frutta non solo fisicamente.
    6 | Ravattina il 10/03/2014 17.09.28
    Denise mi sembra già impossibile che sia ancora in attività dopo tutti gli infortuni che ha avuto per tutta la carriera...se me lo avessero detto 10 anni fa non ci avrei creduto e invece [;)] Comunque l'espressione devono continuare non ha molto senso...devono aspettare per forza di essere usciti dai 30 per ritirarsi? Uno po' lasciare che è ancora in primo gruppo e magari nell'ultima stagione ha anche fatto podio, così come può decidere di continuare anche se i risultati non arrivano più...Sono scelte personali [;)]Alla fin fine c'è chi ha figli a casa, chi magari ha voglia di fare altro, chi è stanco di allenarsi ed essere sempre a zonzo...chi lo sa...ovviamente per quanto mi riguarda vorrei che non si ritirassero mai![:(][:(][;)]
    7 | GRINGO il 10/03/2014 17.29.43
    Mi riferivo al fatto che ancora hanno qualche carta da giocare, Thaler fino a 3 4 anni fa faceva fatica a qualificarsi per la seconda manche ed era addirittura fuori dalla squadra A, se si fosse ritirato avrebbe rinunciato agli anni piu´belli della carriera
    8 | Ravattina il 10/03/2014 17.40.16
    Sì...ho capito, è proprio di quello che parlavo sopra...ma, come spiegavo, credo che dietro alla decisione di lasciare ci siano anche altre motivazioni personali che noi non possiamo conoscere...Thaler è rinato, non capita a molti! Per quanto riguarda Denise e Max hanno vinto molto in passato e non so quanto potranno fare ancora, ma se vorranno continuare sarà perché se la sentiranno e noi saremo contenti così [8)][8)][8)][8)]
    9 | TEX il 10/03/2014 18.38.32
    Ravattina ha scritto:
    Per quanto riguarda Denise e Max [...] se vorranno continuare sarà perché se la sentiranno e noi saremo contenti così
    Tradotto: se il prossimo anno l' AlgoLothar mi prezza Blardone e Karbon a 1, li compro subito [:246]
    10 | Ravattina il 10/03/2014 18.51.48
    Ma non valgono 1!![}:)][}:)]
    11 | TEX il 10/03/2014 19.04.18
    Si, ma l'AlgoLothar fa di testa sua [:246]
    12 | Ale85 il 10/03/2014 23.24.27
    Per quanto riguarda la squadra azzurra Blardone e Karbon sono in netto declino... Simoncelli qualche manche buona ogni tanto la tira fuori ancora anche se non serve per puntare al podio[:(] Deville come Blardone (o anche peggio): dopo la stagione più bella il buio più fondo[:0] Passare dal primo gruppo di merito al pettorale 45 nel giro di due stagioni complete ha davvero dell'inspiegabile[:(] Capitolo stranieri. Raich? Il podio di sabato non è certo un caso, ma a me piange sempre il cuore nel vedere campionissimi del loro calibro "trascinarsi" per la coppa del mondo sapendo di non riuscire a ottenere più quei risultati che fino a due/tre stagioni fa inseguivano ogni volta che si allacciavano gli scarponi e chiudevano gli attacchi[:(] Così fece a suo tempo la Paerson e così ha fatto in questi ultimi due anni la simpaticissima Poutiainen. Tra l'altro non ho mai capito perché Raich abbia abbandonato totalmente il superg dopo quella vittoria magnifica a Crans Montana due anni fa: poteva essere la disciplina dei suoi ultimi anni nella quale togliersi ancora tante soddisfazioni insieme al gigante. Nello slalom invece - nonostante la sciata sempre perfetta - è evidente quanto abbia perso in rapidità rispetto solo a un Matt che gli è minore di un solo anno. In casa Austria anche Pranger mi sembra in procinto di salutare... Chiudo: e Miller che cosa combinerà? Inseguirà anche l'anno prossimo il successo sulla Streif? Me lo auguro proprio[:D]
    13 | lbrtg il 11/03/2014 9.11.00
    Hai ragione Ale. Anche per me, la crisi di Deville rimane un mistero.
    14 | marc girardelli il 11/03/2014 9.28.36
    E dell'81, 2 anni in meno rispetto a Matt, volendo può ancora provarci...ma deve essere convinto lui....le capacità tecniche ce le ha alla grande....credo sia più un problema di testa.....
    15 | Ale85 il 11/03/2014 10.38.50
    Di sicuro. Anche Matt tre anni fa si era ritrovato a partire con 45 e poi è riuscito a vincere le Olimpiadi: questo è un fenomeno - va bene - ma in casa nostra abbiamo avuto il nostro Matt che si chiama Patrick Thaler[;)] Forza Cristian: ti aspettiamo ancora alla grande[:)]



      Cerca una parola nelle news:        

      Ultime 15 Notizie correlate: (Mitja Valencic Akira Sasaki fine carriera )

      [06/09/2019] L'addio di Hirscher: l'omaggio di Atomic
      [07/07/2019] Si ritira il canadese Phil Brown
      [13/06/2019] Margot Bailet saluta il Circo Rosa
      [29/05/2019] Si ritira il finlandese Andreas Romar
      [11/05/2019] Jasmine Fiorano dice basta
      [10/05/2019] Michelangelo Tentori saluta l'agonismo
      [07/05/2019] Taina Barioz saluta il Circo Rosa
      [29/04/2019] Si ritira Philipp Schoerghofer
      [04/04/2019] Si ritirano Magg e Patricksson
      [01/04/2019] Si ritira il croato Natko Zrncic-dim
      [01/04/2019] Si ritira la norvegese Kristine Haugen
      [29/03/2019] Si ritira il francese Steve Missillier
      [28/03/2019] Anna Hofer saluta l'agonismo
      [19/03/2019] Saluta anche Thomas Mermillod Blondin
      [16/03/2019] Ciao Felix! Si ritira Neureuther

      Altre notizie di Coppa del Mondo:

      [15/12/2019] Infortunio ad Andalo per Asja Zenere
      [15/12/2019] Paolo De Chiesa risponde ai sui fans
      [15/12/2019] CE: Cillara, gran podio ad Andalo
      [15/12/2019] Fantaski Stats - Val d Isere 2019 - SL maschile
      [15/12/2019] Gross:"un podio meritato per tutta la fatica fatta
      [15/12/2019] A Vlhova il parallelo di St. Moritz, 6/a Brignone
      [15/12/2019] Isere: Pinturault domina, Gross 3/o!
      [15/12/2019] Isere: Pintu comanda la 1a manche. Gross 9/o
      [14/12/2019] Mikaela Shiffrin rinuncia al parallelo
      [14/12/2019] Fantaski Stats - St.Moritz 2019 - sg femminile
      [14/12/2019] CE Andalo: Zenere 3/a nella festa norvegese
      [14/12/2019] Goggia: "il clima in squadra è molto positivo"
      [14/12/2019] Isere:cancellato per il meteo lo slalom maschile
      [14/12/2019] Goggia-Brignone premiata ditta a St. Moritz
      [14/12/2019] Federica Sosio deve operarsi nuovamente
      [14/12/2019] Val d'Isere: il vento abbassa la partenza slalom
      [13/12/2019] Ad Hangar7 Hirscher parlerà del suo futuro
      [13/12/2019] Vento forte e neve,vigilia tribolata a Val d'Isere
      [13/12/2019] Dieci anni fa iniziava l'era di Marcel Hirscher
      [12/12/2019] CE: Prast, un fulmine a Zinal
      [12/12/2019] Anna Veith torna in superg a St.Moritz
      [12/12/2019] St.Moritz: solo 12 le azzurre in gara
      [12/12/2019] Val Isere:i convocati azzurri per slalom e gigante
      [12/12/2019] Fassa: Aperta la stagione dello Ski Stadium Aloch
      [11/12/2019] A St. Moritz debutto di Albano al posto di Zenere
      [11/12/2019] CE: Worley vince in superg, Cillara ottima 6/a
      [11/12/2019] Innerhofer al rientro in Val Gardena
      [11/12/2019] Le 13 Azzurre per St.Moritz.Debutta Asja Zenere
      [11/12/2019] Val d'Isère: 50 anni fa nasceva il mito Thoeni
      [10/12/2019] CE: Dannewitz a segno in superg, Bassino 7/a
      [10/12/2019] CE: Prast 5/o a Santa Caterina, vince Weber
      [10/12/2019] Alice Robinson in allenamento all'Alpe di Lusia
      [10/12/2019] Ledecka sempre più alpina: sarà a St.Moriz
      [10/12/2019] Val d'Isere: maltempo cambia programma gare
      [10/12/2019] Francesi e Svizzeri per St.Moritz e Isere
      [09/12/2019] CE: in Valfurva la Francia domina la combinata

      Altre notizie Fantaski:

      [26/03/2019] La Thuile: diamo una manche al Telefono Azzurro
      [23/02/2018] Fantanotti Olimpiche - Analisi dei Giochi 2018
      [06/02/2018] Aperte le FantaOlimpiadi 2018!
      [14/12/2017] Fantaski.it disponibile anche su Telegram !
      [05/12/2017] A La Thuile stagione aperta dal 2 dicembre
      [03/11/2017] Fantaski 2018 - mercato maschile aperto fino Levi
      [05/12/2016] Aperto il primo mercato - stagione 2016/2017
      [13/11/2016] A Milano di scena il Big Air Snowboard
      [21/03/2016] La Thuile: il 9 Aprile gara per Telefono Azzurro
      [26/02/2016] La Thuile: 1/a Gara dei Sogni in favore di FISIP



     
    titoletto copyright fantaski
     baffo fantaski titoletto contatti baffo fantaski titoletto riconoscimenti