separatore
icona fisi  
 icona fantaski titoletto linguaicona italia icona bandiera italia icona bandiera svizzeraicona bandiera inglese icona bandiera inglese icona bandiera americanatitoletto tedesco icona bandiera germania icona bandiera austria icona bandiera svizzeratitoletto francia icona bandiera francia icona bandiera svizzera 
fantaski_header
icona baffo fantaski titoletto home icona baffo fantaski titoletto cosa fantaski icona baffo fantaski titoletto faq help icona baffo fantaski titoletto regolamento icona baffo fantaski titoletto forum icona baffo fantaski titoletto fotogallery  
sabato 30 maggio 2020 - ore 20.43 
titoletto coppa del mondo
separatore
titoletto coppa fantaski
separatore
titoletto gioca fantaski

Il vento ferma la Saslong, ma non le polemiche

Clicca sulla foto per ingrandire
Hujara G.
Hujara G.
commenti 10 Commenti icona rss
LIVE - Il dio Eolo detta la sua legge sulla Saslong. Dopo la neve di ieri nel superG questa volta è toccata al dio vento metterci lo zampino chiudendo i conti per la vittoria finale già dopo i primi 16 atleti al traguardo e dopo che si era deciso di abbassare di 150 metri circa la partenza. Una vittoria di Pirro perchè purtroppo alla fine si è dovuto alzare bandiera bianca nel rispetto per la sicurezza degli atleti. Per una volta Guenther Hujara ha fatto la scelta giusta hanno commentato all'unisono i discesisti di tutte le squadre, anche se qualche polemica prenderà sicuramente vigore nelle prossime ore: si doveva o no cancellare. Una discesa apparsa comunque subito mutilata e che ha relegato i big a semplici comprimari, con il francese Clarey che sembrava poter assaggiare insieme al suo compagno di squadra Theaux, secondo, e allo svizzero Kueng, terzo il piacere della vittoria e del podio. Guarda a caso i tre sono scesi tutti uno dopo l'altro rispettivamente con i pettorali 10, 9 ed 8: nell'unico momento in cui le condizioni meteo erano regolari. Poi il vento ha fatto i dispetti ed a pagare più di tutti è stato Didier Cuche letteralmente sballottato a destra e sinistra e finito a quasi due secondi e mezzo dal francese. Lunga interruzione (mezz'ora circa), poi la ripresa con Svindal e Kroell incapaci anche loro di tenere a bada le folate di vento. A quel punto la decisione di Hujara è giunta inevitabile: tutti a casa!. In casa azzurra anche con il vento in poppa la rotta non è cambiata gran chè. Due soli nostri portacolori al traguardo fino alla cancellazione: Heel ed Innerhofer che non hanno mostrato nulla di particolarmente diverso rispetto a ieri. Innerhofer sicuramente avrebbe voluto festeggiare in modo diverso i suoi 27 anni. La torta fatta dalla mamma con la quale ha festeggiato al parterre d'arrivo ha solo addolcito un po' l'amaro in bocca lasciato da una prestazione non certo all'altezza del "Winnerhofer" di bavarica memoria. Il campione iridato di superG comunque non rinuncerà ad un po' di riposo. Farà bene? Lui replica così: "Domani c'è il gigante in Alta Badia, quindi la gara esibizione ad Andalo e poi Bormio. Io sono sempre pronto e vediamo". Su Werner Heel abbiamo speso molte parole in queste settimane per cercare di capire il suo momento no. Anche oggi stava per chiudere con un ritardo elevato (+2.14 da Clarey): ancora troppo sulla difensiva, incapace di trova la giusta chiave di lettura di questa Saslong e con dei materiali coi quali non sembra trovare mai il giusto feeling. “Sulla neve molle non andiamo – si difende il finanziere della Val Passiria – e con le condizioni che si sono venute a creare nella notte con la nevicata per noi è stato ancora più difficile. Non siamo abituati”. A questo punto sorge spontanea una domanda anche in chiave Sochi 2014 dove le condizioni neve potrebbero essere le stesse di quelle odierne: non sarebbe il caso di cambiare i tracciati sui quali ci si allena?
Ora però l'attenzione di tutti si sposta dall'altra parte del passo Gardena dove domani si festeggiano i 30 anni del gigante in Alta Badia: il gigante per eccellenza insieme ad Adelboden. Prima manche ore 10.30; seconda alle ore 13.30.

(sabato 17 dicembre 2011)





Alta Badia | Slalom Gigante | 18.12.2011 - 10.30

4. Ted Ligety (USA) +0.58s
5. Marcel Hirscher (AUT) +0.71s
6. Thomas Fanara (FRA) +0.98s
7. Fritz Dopfer (GER) +1.36s
8. Aksel Lund Svindal (NOR) +1.41s
9. Didier Defago (SUI) +1.43s
10. Davide Simoncelli (ITA) +1.72s
11. Cyprien Richard (FRA) +1.78s
12. Giovanni Borsotti (ITA) +2.08s
13. Sebastien Pichot (FRA) +2.43s
14. Benjamin Raich (AUT) +2.60s
15. Steve Missillier (FRA) +2.62s
16. Bode Miller (USA) +2.78s
17. Ivica Kostelic (CRO) +2.85s
18. Tim Jitloff (USA) +3.03s
19. Manfred Moelgg (ITA) +3.09s
20. Thomas Frey (FRA) +3.29s
21. Marcus Sandell (FIN) +3.32s
22. Matts Olsson (SWE) +3.36s
23. Carlo Janka (SUI) +3.43s
24. Romed Baumann (GER) +3.74s
24. Jean-Philippe Roy (CAN) +3.74s
26. Leif Kristian Haugen (NOR) +4.86s
27. Marcel Mathis (AUT) +10.70s

@RIPRODUZIONE RISERVATA

  • martedì 26 maggio 2020

    I calendari per la stagione 2020/2021

    venerdì 22 maggio 2020

    Gardena, Kronplatz e poi Sestriere in calendario

    martedì 19 maggio 2020

    Come sarà la prossima Coppa del Mondo?

  • lunedì 30 marzo 2020

    Si è spento a 80 anni l'ex azzurro Ivo Mahlknecht

    sabato 14 marzo 2020

    Shiffrin e Pinturault Paperoni della Coppa 2020

    giovedì 12 marzo 2020

    Cancellate le gare di Kranjska Gora.Coppa a Kilde

  • giovedì 12 marzo 2020

    Kranjska Gora: ha davvero senso?

    mercoledì 11 marzo 2020

    Fede Brignone: "si realizza il sogno di una vita!"

    mercoledì 11 marzo 2020

    Roda: "E' un successo epocale per Federica!"


    Tutt i commenti disponibili:
    1 | capriolo il 17/12/2011 16.43.44
    nello sci purtroppo le eguali condizioni per tutti non verranno mai garantite, una volta partiti, se non c'era pericolo effettivo, la gara si doveva concludere anche se i migliori avevono condizioni peggiori, del resto una gara si può perdere anche per un centesimo per aver preso una buchetta che prima non c'era. ai mondiali(ed erano mondiali) di val d'isere i migliori vennero palesemte dannegiati nella visibilità da una nube(in particolare ricordo miller)e allora la gara si concluse e vinse kucera, non certo il favorito.
    2 | brunodalla il 17/12/2011 17.20.26
    capriolo ha scritto: , se non c'era pericolo effettivo,
    questa frase, mi pare, è il nocciolo di tutta la questione. evidentemente hujara ha deciso che c'era pericolo effettivo, e del resto non si può dargli torto. sulle gobbe se prendevano una folata sbagliata potevano essere dolori per qualcuno, idem al sochers, oppure al ciaslat, opppure sul salto finale, come abbiamo visto con cuche (a cui fortunatamente non è successo nulla). fortunatamente appunto, forse su una cosa atleti e fis si sono messi d'accordo: non si può più fare affidamento sulla fortuna, perchè anche se soltanto un atleta si fa male, non è più accettabile. quindi va bene buttarsi in discesa a 130 all'ora (che rimane comunque pericoloso, e sappiamo bene che lo sci rimane sempre uno sport pericoloso), gli atleti sono consapevoli dei rischi che corrono, ma quando le condizioni meteo lasciano un minimo dubbio di sicurezza, allora hujara ha il dovere di interrompere, e bene ha fatto (io l'ho spesso criticato, ma stavolta nulla da dire). anche perchè mi pare, sentendo i vari atleti al parterre che sono stati intervistati, cuche in primis, traspare questa cosa come novità: mi sembra che gli atleti abbiano ottenuto una linea precisa di comportamento nei casi di condizioni meteo pericolose, da parte della fis, cioè la sicurezza prima di tutto. in passato gare del genere ne ho viste parecchie, sono sempre continuate, dopo anche vari stop, stavolta no. anche se in passato magari, in condizioni simili, non si è comunque fatto male nessuno, stavolta si è deciso di non andare a vedere se anche oggi sarebbe successo. e non mi sembra una cosa da poco.
    3 | cancliatomic il 17/12/2011 17.23.26
    FantaskiNews ha scritto: “Sulla neve molle non andiamo – si difende il finanziere della Val Passiria – e con le condizioni che si sono venute a creare nella notte con la nevicata per noi è stato ancora più difficile. Non siamo abituati”. A questo punto sorge spontanea una domanda anche in chiave Sochi 2014 dove le condizioni neve potrebbero essere le stesse di quelle odierne: non sarebbe il caso di cambiare i tracciati sui quali ci si allena?<br/>
    è quello che mi chiedo sempre io da un bel pò, quando la nazionale va a fare allenamento le piste devono essere sempre barrate per avere il fondo ghiacciato come piace a loro, poi in gare capita sempre più spesso di aver condizioni differenti e le prestazioni sono negative. Non è il caso di fare allenamenti su piste "più normali" per avere la possibilità di essere pronti ad ogni situazione? Poi è chiaro ognuno ha delle preferenze e si trova meglio in certe siutazioni piuttosto che in altre, ma il Campione è quello che sa vincere in più di una condizioni.
    4 | Wolf III il 17/12/2011 17.23.31
    Gara giustamente cancellata causa condizioni meteo pericolosissime. Perchè i nostri cercano solitamente giustificazioni nelle condizioni meteo o della neve? Gli altri atleti riescono a gareggiare e vincere in ogni condizione di neve o tracciato mentre i nostri hanno bisogno della giornata perfetta. Poi? Quest'anno, tranne che nello speciale, siamo in ritardo di preparazione.
    5 | cancliatomic il 17/12/2011 17.26.10
    brunodalla ha scritto:
    capriolo ha scritto: , se non c'era pericolo effettivo,
    questa frase, mi pare, è il nocciolo di tutta la questione. evidentemente hujara ha deciso che c'era pericolo effettivo, e del resto non si può dargli torto. sulle gobbe se prendevano una folata sbagliata potevano essere dolori per qualcuno, idem al sochers, oppure al ciaslat, opppure sul salto finale, come abbiamo visto con cuche (a cui fortunatamente non è successo nulla). fortunatamente appunto, forse su una cosa atleti e fis si sono messi d'accordo: non si può più fare affidamento sulla fortuna, perchè anche se soltanto un atleta si fa male, non è più accettabile. quindi va bene buttarsi in discesa a 130 all'ora (che rimane comunque pericoloso, e sappiamo bene che lo sci rimane sempre uno sport pericoloso), gli atleti sono consapevoli dei rischi che corrono, ma quando le condizioni meteo lasciano un minimo dubbio di sicurezza, allora hujara ha il dovere di interrompere, e bene ha fatto (io l'ho spesso criticato, ma stavolta nulla da dire). anche perchè mi pare, sentendo i vari atleti al parterre che sono stati intervistati, cuche in primis, traspare questa cosa come novità: mi sembra che gli atleti abbiano ottenuto una linea precisa di comportamento nei casi di condizioni meteo pericolose, da parte della fis, cioè la sicurezza prima di tutto. in passato gare del genere ne ho viste parecchie, sono sempre continuate, dopo anche vari stop, stavolta no. anche se in passato magari, in condizioni simili, non si è comunque fatto male nessuno, stavolta si è deciso di non andare a vedere se anche oggi sarebbe successo. e non mi sembra una cosa da poco.
    la decisione di oggi è stata ineccepibile. La sicurezza prima di tutto.
    6 | blossom il 17/12/2011 21.21.25
    io ero a bar in partenza.... non vedevo gli atleti particolarmente allarmati e quando Cuche ha "sbagliato" il salto si sono messi anche a ridere.... in primis fill che avevo a poche sedie da me.... devo dire però che sec ondo me la gara non doveva nemmeno partire.... c' è stato vento a raffica dalle 9 alle 14.... fino a poco dopo l' annullamento.... per i primi non era pericoloso perndere le raffiche??? cambiando discorso: per far scorrevolezza, gli italiani, perchè non li mndano tutti in castellazzo[;)] li si impari ad essere uno slittone
    7 | tirodilima il 17/12/2011 21.54.51
    decisione ineccepibile - sulle gobbe, pochi secondi dopo il salto di Kroell c'è stata una follata che avrebbe potuto creare problemi enormi...... Riguardo a Heel penso che si debba smettere di cercare scuse nel materiale - ieri 4 nei prii 5 usavano i suoi materiali.... forse è necessario un più profondo esame di coscenza...... a tutti i livelli
    8 | lbrtg il 18/12/2011 0.19.42
    Volete la polemica? Eccola. Servita da un'intervista "RACE". DISCESA, SCOPPIA IL CASO DELLA PREPARAZIONE ESTIVA. Live - Heel: «Ma che materiali, ci siamo allenati poco in discesa» Al traguardo Werner Heel ci mette parecchio tempo a raggiunerci. La gara è ferma per il vento, ma il 'jet' della Val Passiria sta con lo sguardo fisso nel vuoto. Pensa e scruta, non parla e stringe i suoi Head al petto. Werner è deluso, ma subito mette in chiaro una cosa: «Ora basta parlare degli sci, dei materiali. Ieri sono arrivato quarantesimo in superG, ma in alto, nella parte più scorrevole sono stato undicesimo. Oggi, e non c'era vento quando son partito, ero buono in alto. I problemi non sono gli sci. Vado poco sulla neve morbida e soprattutto faccio fatica in ingresso curva, in particolare quando bisogna attaccare curvoni lunghi su pendii dolci. Faccio troppo attrito, sono troppo brusco». Werner aspetta Bormio e poi gennaio, quindi pone l'accento anche sul fatto che in allenamento ha fatto poca discesa: «Adesso arrivano i pendii più adatti alle mie caratteristiche. Speriamo. Mi mancano comunque giorni di lavoro estivi ed autunnali. Da due anni non andiamo più a Las Lenas, solo a Ushuaia. In Terra del Fuoco quest'estate abbiamo trovato condizioni non ottimali e comunque cosa sono 35 secondi di discesa? Nemmeno un test materiali... Poi con il fatto che non andiamo a Zermatt è dura fare discesa sugli altri ghiacciai alpini. Abbiamo fatto praticamente superG sui ghiacciai austriaci. Forse l'anno scorso andavamo bene perchè sfruttavamo il lavoro fatto ancora l'estate precedente...». Ma è così costoso programmare per l'alto livello un periodo a Las Lenas, o altrimenti in Cile o Nuova Zelanda? Ma la Fisi non doveva tagliare tutto tranne l'attività? Non doveva tagliare sull'amministrazione, su via Piaranesi, rispetto ai training e alla programmazione in vista di Schladming 2013 e Sochi 2014? Costa così tanto fare tre settimane per i discesisti e le discesiste di Coppa del Mondo in estate dove ci sono piste idonee e soprattutto allenanti per la scorrevolezza, che è poi il nostro punto debole? Vabbè...pista Stelvio salvaci tu...
    9 | fabio farg team il 18/12/2011 2.23.38
    tirodilima ha scritto:
    decisione ineccepibile - sulle gobbe, pochi secondi dopo il salto di Kroell c'è stata una follata che avrebbe potuto creare problemi enormi...... Riguardo a Heel penso che si debba smettere di cercare scuse nel materiale - ieri 4 nei prii 5 usavano i suoi materiali.... forse è necessario un più profondo esame di coscenza...... a tutti i livelli
    L'ho notata anche io la folata nel salto di Kroell. CAMPIONE REGIONALE MASCHILE 2010-2011,2009-2010 SECONDO CLASSIFICA REGIONALE MASCHILE 2010-2011 CAMPIONE REGIONALE FEMMINILE 2006-2007 CAMPIONE REGIONALE FANTAMONDIALI MASCHILE 2011 CAMPIONE REGIONALE FANTAMONDIALI FEMMINILE 2011
    10 | draghetto il 19/12/2011 11.52.05
    brunodalla ha scritto:
    capriolo ha scritto: , se non c'era pericolo effettivo,
    questa frase, mi pare, è il nocciolo di tutta la questione. evidentemente hujara ha deciso che c'era pericolo effettivo, e del resto non si può dargli torto. sulle gobbe se prendevano una folata sbagliata potevano essere dolori per qualcuno, idem al sochers, oppure al ciaslat, opppure sul salto finale, come abbiamo visto con cuche (a cui fortunatamente non è successo nulla).
    Significativo il fatto che sia stato proprio Cuche a dire che NON c'era pericolo per gli atleti.



      Cerca una parola nelle news:        

      Ultime 15 Notizie correlate: (Guenther Hujara Coppa del Mondo Val Gardena )

      [26/05/2020] I calendari per la stagione 2020/2021
      [22/05/2020] Gardena, Kronplatz e poi Sestriere in calendario
      [19/05/2020] Come sarà la prossima Coppa del Mondo?
      [30/03/2020] Si è spento a 80 anni l'ex azzurro Ivo Mahlknecht
      [14/03/2020] Shiffrin e Pinturault Paperoni della Coppa 2020
      [12/03/2020] Cancellate le gare di Kranjska Gora.Coppa a Kilde
      [12/03/2020] Kranjska Gora: ha davvero senso?
      [11/03/2020] Fede Brignone: "si realizza il sogno di una vita!"
      [11/03/2020] Roda: "E' un successo epocale per Federica!"
      [11/03/2020] Cancellata la tappa di Are, Coppa a Brignone!
      [08/03/2020] Kvitfjell:annullato superg,coppetta a Caviezel
      [07/03/2020] Kvitfjell: Mayer vince discesa, Kilde in vetta
      [02/03/2020] Hinterstoder:Pinturault vince gigante,5/o Finferlo
      [02/03/2020] Hinterstoder: Pinturault comanda gigante
      [01/03/2020] Hinterstoder:Pintu re della combinata,5/o Tonetti

      Altre notizie di Coppa del Mondo:

      [29/05/2020] Gli Azzurri ripartono dallo Stelvio!
      [29/05/2020] Mikaela Shiffrin rinnova con Atomic
      [28/05/2020] Buzzi rinnova con Head,Marsaglia con Salomon
      [28/05/2020] FISI:aggiornate le disposizioni per gl allenamenti
      [27/05/2020] Roda: "Saracco non sarà sostituito"
      [27/05/2020] Roda:"Mondiali Cortina 2022 al posto delle Finali"
      [26/05/2020] I calendari per la stagione 2020/2021
      [26/05/2020] Tutte le decisioni del Consiglio FIS
      [25/05/2020] Rinvio Cortina 2021: decisione Fis il 1 luglio
      [25/05/2020] Asta di beneficenza per i cimeli di Fede Brignone
      [25/05/2020] Rinvio Cortina 2021: il segreto di Pulcinella
      [25/05/2020] Murisier passa ad Head,Chable a Salomon
      [24/05/2020] Cortina 2021 verso il rinvio di un anno
      [24/05/2020] Donazione privata per salvare Wengen
      [23/05/2020] E' ufficiale: Anna Veith si è ritirata
      [23/05/2020] TdG - Saracco torna in famiglia
      [22/05/2020] Roberto Saracco lascia i gigantisti azzurri
      [22/05/2020] Marta Rossetti si affida a Energiapura
      [22/05/2020] Zermatt annuncia la discesa più lunga del mondo
      [22/05/2020] Gardena, Kronplatz e poi Sestriere in calendario
      [22/05/2020] Oltre 100 resort sperano di riaprire in giugno
      [22/05/2020] Brignone su RaiUno il 2 giugno
      [21/05/2020] Parallelo: cambiano le regole
      [21/05/2020] FISI: Nota del 17/o Consiglio Federale
      [20/05/2020] Veith annuncerà il ritiro sabato sulla ORF?
      [20/05/2020] Zermatt sostituirà Wengen dal 2022?
      [20/05/2020] Wengen a rischio cancellazione dal 2021-22
      [19/05/2020] Come sarà la prossima Coppa del Mondo?
      [17/05/2020] Riaprono a breve Hintertux e Les Deux Alpes?
      [17/05/2020] L'amarezza di Maren Skjoeld
      [15/05/2020] I Norvegesi per la stagione 2020/2021
      [15/05/2020] Primo caso Covid19 nell'Austria Ski Team
      [14/05/2020] Le squadre tedesche per la stagione 2020/2021
      [14/05/2020] Maurberger: "il recupero sta andando bene"
      [14/05/2020] Schroecksnadel guiderà la OESV fino a giugno 2021
      [14/05/2020] Ilka Stuhec torna ad allenarsi sugli sci

      Altre notizie Fantaski:

      [18/01/2020] Benvenuto Luigi! Al via il Taglio di Grasscutter
      [04/10/2019] Circo Bianco: ritiri e cambi di materiale (2020)
      [26/03/2019] La Thuile: diamo una manche al Telefono Azzurro
      [23/02/2018] Fantanotti Olimpiche - Analisi dei Giochi 2018
      [06/02/2018] Aperte le FantaOlimpiadi 2018!
      [14/12/2017] Fantaski.it disponibile anche su Telegram !
      [05/12/2017] A La Thuile stagione aperta dal 2 dicembre
      [03/11/2017] Fantaski 2018 - mercato maschile aperto fino Levi
      [05/12/2016] Aperto il primo mercato - stagione 2016/2017
      [13/11/2016] A Milano di scena il Big Air Snowboard



     
    titoletto copyright fantaski
     baffo fantaski titoletto contatti baffo fantaski titoletto riconoscimenti