separatore
icona fisi  
 icona fantaski titoletto linguaicona italia icona bandiera italia icona bandiera svizzeraicona bandiera inglese icona bandiera inglese icona bandiera americanatitoletto tedesco icona bandiera germania icona bandiera austria icona bandiera svizzeratitoletto francia icona bandiera francia icona bandiera svizzera 
fantaski_header
icona baffo fantaski titoletto home icona baffo fantaski titoletto cosa fantaski icona baffo fantaski titoletto faq help icona baffo fantaski titoletto regolamento icona baffo fantaski titoletto forum icona baffo fantaski titoletto fotogallery  
lunedì 18 novembre 2019 - ore 12.12 
titoletto coppa del mondo
separatore
titoletto coppa fantaski
separatore
titoletto gioca fantaski

La Coppa del Gobbo - II -Possiamo tornare Giganti?

Clicca sulla foto per ingrandire
Gobbo C.
Gobbo C.
commenti 15 Commenti icona rss
Con la gara di Soelden abbiamo assistito ad un evento che, in futuro, potrebbe diventare il riferimento temporale di una specialità - il gigante - avviata ormai ad una profonda trasformazione tecnica. Sulle tematiche relative ai materiali abbiamo assistito ad uno scontro ciclopico tra la FIS, guidata da Guenter Hujara e gli atleti capeggiati da Cuche, Svindal, Miller, Paerson (assenti gli austriaci)...Sono state dette molte parole ma ho l'impressione che, a meno di un miracolo politico di Kilian Albrecht, la FIS vada avanti per la propria strada, peraltro già avviata con il "rigore" nei confronti delle tracciature! In pratica, anche nelle prove tecniche, Hujara si è riservato il diritto di controllare l'operato dei tracciatori sino al punto di "ritracciare" le manches se queste fossero giudicate "non idonee". E' un atteggiamento molto duro e, tenuto conto della imponente contestazione degli atleti non è escluso che si possa arrivare ad una energica prova di forza. Chissà, intanto nella prima manche femminile abbiamo visto Poutiainen e Karbon ruzzolare sulla neve dopo aver infilato un braccio tra le porte, il telo non si è staccato (come invece doveva accadere). Grande rischio per Denise che ha poi ha toccato con la coda di uno sci il palo di una porta successiva subendo un forte contraccolpo al ginocchio. I teli sono di una azienda austriaca! Proprio brave le azzurre, anche se l'aritmetica della classifica non può che tenere conto solo del riscontro cronometrico. Federica Brignone ha dato un sontuoso saggio delle sue qualità, un'autentica leader. Denise Karbon sente rinascere le sensazioni di un tempo e fra poco cancellerà dal suo casco quel punto interrogativo così ingeneroso. Ho ancora negli occhi l'immagine di Manuela Moelgg, rannicchiata sulla neve, come in un un tenero e sofferto abbraccio al candore della natura. Le positive prove di Irene Curtoni e di Giulia Gianesini, l'impegno di Elena Curtoni, Francesca Marsaglia, Anna Hofer, Lisa Agerer, la tenacia generosa di Camilla Alfieri. Ragazze giovani che si amalgamano con l'esperienza delle veterane, piano piano, guardando in modo particolare ai Giochi di Sochi! Lo stesso obiettivo dei nostri ragazzi che, spesso , hanno avuto difficoltà a gestire il tratto finale della pista di Soelden. La leggerezza con la quale Hirscher, Raich, Myhrer, Defago hanno accarezzato la parte finale della pista non è un tratto delle qualità di Blardone e compagni, anche se Borsotti è stato bravissimo e Ploner si è difeso con molto orgoglio. Peccato perché sul muro Moelgg e Blardone sono saliti in cattedra! Ma ci sono stati parziali e segnali di grande conforto per Theolier per cui, con l'innesto di un motivatissimo Peter Fill e di un Marsaglia in bella crescita, la squadra italiana tornerà presto sul podio. Davide Simoncelli ha dimostrato che quando si apre il cancelletto non ci sono acciacchi e dolori alla schiena capaci di frenarne il talento. La sua prima manche è stata molto bella e, forse per uno strano gioco della regia, la ripresa dall'alto ci ha permesso di seguire la sua impeccabile azione in drift. Di Borsotti c'è poi da dire che, senza la rottura della rondella del bastoncino alla partenza della seconda manche, non sarebbe incorso in quello svarione in alto ed il suo piazzamento sarebbe stato di gran lunga migliore! Giovanni ha 21 anni e Pinturault uno in meno. Certo, il transalpino oggi è di un altro pianeta, ma Borsotti non è troppo distante. Che disavventura per De Aliprandini, non pensava di aver inforcato con lo sci sinistro ed ha continuato la prima manche della sua carriera in Coppa del Mondo. Poi all'arrivo la squalifica e la multa di 999 franchi svizzeri! (continua qui)
(mercoledì 26 ottobre 2011)



@RIPRODUZIONE RISERVATA

  • giovedì 14 novembre 2019

    Luce verde per la tappa di Levi

    mercoledì 6 novembre 2019

    Niente Killington per Alice Robinson

    sabato 2 novembre 2019

    La Coppa del Gobbo - Cala il Sipario

  • mercoledì 30 ottobre 2019

    Chi ospiterà il parallelo tra Soelden e Levi?

    domenica 27 ottobre 2019

    Fantaski Stats - Soelden 2019 - gigante maschile

    domenica 27 ottobre 2019

    De Aliprandini:"nella seconda mi son sentito bene"

  • domenica 27 ottobre 2019

    Francia sugli scudi, gigante a Pinturault

    domenica 27 ottobre 2019

    300 pettorali di passione per Manfred Moelgg

    domenica 27 ottobre 2019

    Pinturault comanda gigante, azzurri lontani


    Tutt i commenti disponibili:
    1 | Admin il 26/10/2011 0.23.38
    (continua La Coppa del Gobbo) Innerhofer poteva farcela per la seconda manche ma gli mancano ancora le malizie che sa usare con abilità in discesa e superg. Sarà per la prossima volta. Se Florian Eisath potesse pensare di gareggiare in Coppa Europa invece che nel Circo Maggiore riuscirebbe a capire come gestire il complicato meccanismo che blocca la sua testolina! Coraggio Florian, e bravo Gufler che non molla mai. Schieppati è piaciuto parecchio, la sua tecnica è intatta e quando la base atletica lo supporterà lo rivedremo risalire in fretta gli ordini di partenza. C'è bisogno anche del suo apporto per ridare vigore al gruppo che ha solo bisogno di ritrovare fiducia. Incredibile la capacità che ha Bode Miller di dialogare con la neve, le piste non hanno più segreti per lui ed il recupero "ragionato" sul muro, nella seconda manche, sono la conferma di quanta voglia abbia ancora di gareggiare. Grazie Bode! Chi pensava che Kostelic potesse essere, in un certo senso, sazio dopo gli allori della passata stagione ha dovuto ricredersi ed è molto importante per lo sci che si crei sin dall'inizio una vivacità agonistica: in gigante la Francia dominerà l'intera stagione anche perche, tra poco, arriverà anche Grange. Sarà esaltante assistere alle sfide tra Ligety e Pinturault, uno spettacolo di maestria e di bellezza estetica, come quelli che ci regalavano Alberto Tomba e Michael Von Grunigen!
    2 | franz62 il 26/10/2011 8.46.51
    parole di incoraggiamento che fanno sempre bene. quella delle malizie in gigante per un atleta di 27 anni plurimedagliato non riesce a non farmi sorridere, già sentita i giorni scorsi, ne avrà fatte giusto un paio di prove di gigante in vita sua.[:D] Inner pare già abbastanza malizioso, a 40 anni è tardi per andare forte in gigante, spero per lui che ce la faccia prima, se non ce la fa pazienza...forte lo stesso. Però non più di tre anni fa si facevano fantasiosi gruppi dei polivalenti con Blardone e Simoncelli... Questo le qualità di base le ha per essere un polivalente da coppa, non è che ne nascano da buttare. Fermo restando che per me può anche far solo discesa e SG ci sarà anche qualcuno responsabile della gestione degli atleti....se la risposta è che a 27 anni il nostro polivalente non ha ancora la malizia per andare in gigante mentre l'anno scorso sarebbe dovuto andar forte in slalom non andiamo molto lontano. Resta la fiducia perchè lui è forte..
    3 | lbrtg il 26/10/2011 9.08.10
    Finalmente qualche parola che infonde fiducia al settore maschile del Gigante. In fondo, si è disputata solo la prima gara. Ce n'è di tempo per rifarsi.
    4 | leo85 il 26/10/2011 9.51.06
    Beh Franz, scusa se mi permetto di dissentire...ma Kostelic (e che non mi si fraintenda subito dicendo che faccio paragoni insensati o azzardati perchè non è proprio nel mio intento!!!) non mi sembrava a 27 anni fosse un mostro in gigante o nelle altre discipline ...lo è diventato col tempo in un paio d'anni....(è vero anche a causa di diversi infortuni, ma anche il nostro Inner ha avuto un infortunio non da poco che ha frenato la sua crescita nella polivalenza) Ovvio che Ivica è materia talentuosa allo stato puro, supportato da una testa e determinazione incredibili....ma io penso che anche il nostro Inner sia un eccellente cavallo di razza...e, se, al pari di Kostelic prima quasi esclusivamente nello slalom, saprà essere regolare al vertice nelle veloci (cosa che deve assolutamente ancora dimostrare), avrà la possibilità di essere da top10 anche in gigante. Di questo ne sono convinto! Tornando invece all'articolo di Carlo, sempre preciso ed impeccabile nelle sue analisi, io, a differenza di quello che si è sentito dire, son abbastanza soddisfatto della prova dei nostri ragazzi...è vero, c'è tanto da lavorare ancora, ma il gap che c'è è ampiamente recuperabile! Quindi, al lavoro!!![;)]
    5 | larousse il 26/10/2011 9.59.57
    Kostelic più' che un talento è un gran lavoratore, forse anche grazie al papa' Ante
    6 | GM1966 il 26/10/2011 10.00.10
    Articolo scritto benissimo come sempre, ma giudizi forse troppo generosi con i/le nostri/e.
    7 | franz62 il 26/10/2011 10.07.53
    Ovvio che Ivica è materia talentuosa allo stato puro? Per quale motivo spari sempre 'ste cose senza senso? (a parte non capire su cosa dissenti) Kostelic ti fa allenamento di discesa e poi per gradire 10 prove di slalom ma non da quaranta porte...da sessanta.. Il nostro a livello di potenziale fisico e tecnico dovrebbe partire tutte le gare e fare il Kulo a Kostelic in discesa, Sg e gigante, poi facendo metà dello slalom che fa Kostelic arrivargli vicino. Come ho già detto non è nemmeno che mi importi molto su quali obiettivi ha deciso di fare la sua carriera Inner e nemmeno quali siano eventualmente i suoi problemi se li ha. Dico solo che i polivalenti non nascono sotto i cavoli tutti gli anni e le cose tipo "non ha ancora la malizia per il gigante" possono andare a raccontarle a qualcun'altro. tra l'altro mi viene in mente la "giornata tipo" di usciuaia[:D] una discussione di quest'estate, mi pare che Kostelic non ci vada.
    8 | leo85 il 26/10/2011 10.58.14
    franz62 ha scritto:
    Per quale motivo spari sempre 'ste cose senza senso?
    Semplice...Per fare incazzare i tipi come te...[;)] A livello di potenza fisica Inner a tutte le carte in regola per poetr fare quello che hai appena sottolineato. Dissento sul fatto che secondo me non arriverà a quarant'anni in gigante...ma arriverà molto prima...qui lo dico e lo sottoscrivo! Aspettiamo di vederlo in questa stagione...poi ne riparleremo con dati alla mano.
    9 | franz62 il 26/10/2011 11.40.09
    ah...beh...lo spero anch'io. quello che sento invece è che ancora non ha la malizia, poi sento lui e dice che il gigante sarà la sua specialità l'anno prossimo, spero che l'anno prossimo non si dica che sarà lo slalom la sua specialità del 2013 e via di questo passo.[:D] certo che se lo sottoscrivi tu mi spariscono tutti i dubbi[:D] non che io abbia chissà quali certezze...qualche dubbio sulla gestione da parte della nostra federazione temo sia lecito, il tempo di Inner è adesso, con troppa fiducia ci vuole un attimo perchè il suo tempo diventi ieri. per il resto mi fai inczzre un sacco di volte...una più o una meno che importa?[:D]
    10 | humdrum il 26/10/2011 14.05.49
    leo85 ha scritto:
    è vero, c'è tanto da lavorare ancora, ma il gap che c'è è ampiamente recuperabile! Quindi, al lavoro!!![;)]
    lo dici anche quando arrivano ultimo penultimo terzultimo [:D][:D][:D]
    11 | eugenio il 26/10/2011 14.15.08
    Leo... tenuto conto che a Hubertus von Hohenlohe gliene davo già parecchie quando eravamo giovani e universitari (a Lamine Gueye non ne parliamo...), dimmi che ho speranze per Sochi [;)][:D]
    12 | emanueza il 26/10/2011 21.20.31
    Carlo più che il giornalista avresti dovuto fare il motivatore....davvero encomiabile la tua capacità di scorgere sempre e comunque il lato positivo in ogni cosa facendo risultare così il bicchiere mezzo pieno ma...mentre per le ragazze mi trovi d'accordo e attendiamo con fiducia le prossime gare anche perchè si preannuncia un derby Brignone-Karbon, tra i maschietti, pur riconoscendo tutte le attenuanti del caso, bisogna essere realisti ed il risultato di Soelden è semplicemente frutto, non tanto di circostanze sfortunate, ma bensì del reale valore degli atleti in questo momento...siamo tra il 15 ed il 25 posto. Da sottolineare le prove di carattere di Simoncelli, Schieppati e soprattutto di Ploner che, soprattutto quest'ultimo, hanno gettato il cuore oltre l'ostacolo e dovrebbere essere presi ad esempio dai ragazzini per impagare a come si stringe i denti. ...Ma dov'è finita la squadra che solo 2 stagioni fa contava ben 4/5 atleti in primo gruppo ed era da tutti definita a ragione la squadra più forte del mondo?
    13 | blossom il 26/10/2011 22.03.58
    Eu.... quello che ti manca.... credo è il loro conto in banca e un nuovo passaporto... per il resto sei pronto[:D][;)][:o)]
    14 | allegra74 il 28/10/2011 19.34.58
    franz62 ha scritto:
    parole di incoraggiamento che fanno sempre bene. quella delle malizie in gigante per un atleta di 27 anni plurimedagliato non riesce a non farmi sorridere, già sentita i giorni scorsi, ne avrà fatte giusto un paio di prove di gigante in vita sua.[:D] Inner pare già abbastanza malizioso, a 40 anni è tardi per andare forte in gigante, spero per lui che ce la faccia prima, se non ce la fa pazienza...forte lo stesso. Però non più di tre anni fa si facevano fantasiosi gruppi dei polivalenti con Blardone e Simoncelli... Questo le qualità di base le ha per essere un polivalente da coppa, non è che ne nascano da buttare. Fermo restando che per me può anche far solo discesa e SG ci sarà anche qualcuno responsabile della gestione degli atleti....se la risposta è che a 27 anni il nostro polivalente non ha ancora la malizia per andare in gigante mentre l'anno scorso sarebbe dovuto andar forte in slalom non andiamo molto lontano. Resta la fiducia perchè lui è forte..
    Inner fa parte di un ristretto gruppo di atleti (appunto il Gruppo Polivalenti)il cui responsabile è da 2 anni un certo Max Carca. Se il nome non ti dice niente informati su chi ha allenato prima di lui.. e poi nel proseguio della stagione mi dirai qualcosa sui progressi di Inner in gigante (..se non hai visto come ha sciato a Soelden. In quanto allo slalom ti ricordo che lo scorso anno la medaglia d'argento ai mondiali l'ha fatta in combinata = discesa + slalom..
    15 | franz62 il 28/10/2011 19.45.26
    Infatti a non aver capito tu è che sono il primo tifoso del talento tecnico e fisico di Inner... Ho detto che mi fa ridere sentir parlare di "malizia" a 27 anni...e per inciso non è nemmeno un'accusa a Carlo Gobbo...lui è un giornalista e riporta quello che sente. Se invece mi vuoi dire che in Italia come federazione siamo dei fenomeni nella gestione e programmazione degli atleti mi metto a ridere, ma senza mettermi a discutere con te, tu rimani della tua idea e io della mia. Ti ricordo interviste a Nadia Fanchini un paio di ginocchia addietro quando fresca fresca prima di un mondiale in combinata esce dicendo di non aver mai fatto un palo di slalom in stagione....quella irriconoscente di Isolde Kostner che sputa nel piatto in cui mangia quando parla di trasferte sud americane senza portare i pali.... Appena vinciamo una coppa generale con un polivalente dopo Gustavo smetto di ridere. Naturalmente spero che sia quest'anno.



      Cerca una parola nelle news:        

      Ultime 15 Notizie correlate: (Coppa del Gobbo FIS Soelden gigantisti )

      [14/11/2019] Luce verde per la tappa di Levi
      [06/11/2019] Niente Killington per Alice Robinson
      [02/11/2019] La Coppa del Gobbo - Cala il Sipario
      [30/10/2019] Chi ospiterà il parallelo tra Soelden e Levi?
      [27/10/2019] Fantaski Stats - Soelden 2019 - gigante maschile
      [27/10/2019] De Aliprandini:"nella seconda mi son sentito bene"
      [27/10/2019] Francia sugli scudi, gigante a Pinturault
      [27/10/2019] 300 pettorali di passione per Manfred Moelgg
      [27/10/2019] Pinturault comanda gigante, azzurri lontani
      [27/10/2019] Slalomisti a Soelden, slalomiste in Senales
      [26/10/2019] Stagione finita per Bernadette Schild
      [26/10/2019] Soelden: i gigantisti azzurri pronti ad attaccare
      [26/10/2019] Meravigliosa Alice
      [26/10/2019] Si teme infortunio grave per Bernadette Schild
      [26/10/2019] Brignone: "ho sbagliato l'ingresso sul muro"

      Altre notizie di Coppa del Mondo:

      [18/11/2019] Michelle Gisin presenta il libro del suo oro
      [17/11/2019] Innerhofer sempre più vicino al rientro
      [17/11/2019] Semaforo verde FIS per Lake Louise
      [16/11/2019] Elena Curtoni e le sorelle Delago verso Copper
      [16/11/2019] Francesi e Svizzeri per Levi
      [16/11/2019] Operazione riuscita per Elena Fanchini
      [14/11/2019] Luce verde per la tappa di Levi
      [13/11/2019] Le 6 Azzurre per Levi, dentro Gulli
      [12/11/2019] Liensberger torna ad allenarsi con le compagne
      [12/11/2019] Casa Bode Miller si allarga: nati i due gemellini
      [12/11/2019] Solda: cancellate per maltempo le gare Fis
      [12/11/2019] Marco Schwarz ritorna in gara a Levi
      [12/11/2019] La Aloch pronta ai nastri di partenza
      [12/11/2019] I nove slalomisti azzurri per Levi
      [11/11/2019] Zinal: allenamento per 7 slalomiste
      [11/11/2019] Manuel Feller è diventato papà
      [11/11/2019] Azzurre verso gli Usa, Schnarf resta a casa
      [11/11/2019] Brignone: "A Lake Louise solo superG".
      [10/11/2019] GP Italia 2019/2020: regole e calendari
      [10/11/2019] Solda: stage per Osservati centro-sud
      [08/11/2019] Il caso Liensberger non è ancora risolto
      [08/11/2019] Manuel Osborne-Paradis tornerà nel 2020/2021
      [07/11/2019] Sofia Goggia illesa dopo un tamponamento
      [06/11/2019] Niente Killington per Alice Robinson
      [06/11/2019] Milano-Cortina 2026: il CEO sarà Novari
      [06/11/2019] Sabato i velocisti voleranno verso il Nord America
      [06/11/2019] A Lake Louise latita la neve, Copper ok
      [05/11/2019] Mario Cotelli non c'è più,se ne è andato a 76 anni
      [05/11/2019] Slalomiste e polivalenti in Val Senales
      [04/11/2019] Esce oggi in Norvegia la biografia di Svindal
      [04/11/2019] Slalomgigantisti in Val Senales
      [04/11/2019] Erik Guay entra nel board di Alpine Canada
      [04/11/2019] Paris cittadino onorario di Bormio
      [02/11/2019] La Coppa del Gobbo - Cala il Sipario
      [01/11/2019] Le slalomiste per Levi e Killington
      [01/11/2019] Dorothea Wierer atleta Fisi dell'anno 2019

      Altre notizie Fantaski:

      [26/03/2019] La Thuile: diamo una manche al Telefono Azzurro
      [23/02/2018] Fantanotti Olimpiche - Analisi dei Giochi 2018
      [06/02/2018] Aperte le FantaOlimpiadi 2018!
      [14/12/2017] Fantaski.it disponibile anche su Telegram !
      [05/12/2017] A La Thuile stagione aperta dal 2 dicembre
      [03/11/2017] Fantaski 2018 - mercato maschile aperto fino Levi
      [05/12/2016] Aperto il primo mercato - stagione 2016/2017
      [13/11/2016] A Milano di scena il Big Air Snowboard
      [21/03/2016] La Thuile: il 9 Aprile gara per Telefono Azzurro
      [26/02/2016] La Thuile: 1/a Gara dei Sogni in favore di FISIP



     
    titoletto copyright fantaski
     baffo fantaski titoletto contatti baffo fantaski titoletto riconoscimenti