separatore
icona fisi  
 icona fantaski titoletto linguaicona italia icona bandiera italia icona bandiera svizzeraicona bandiera inglese icona bandiera inglese icona bandiera americanatitoletto tedesco icona bandiera germania icona bandiera austria icona bandiera svizzeratitoletto francia icona bandiera francia icona bandiera svizzera 
fantaski_header
icona baffo fantaski titoletto home icona baffo fantaski titoletto cosa fantaski icona baffo fantaski titoletto faq help icona baffo fantaski titoletto regolamento icona baffo fantaski titoletto forum icona baffo fantaski titoletto fotogallery  
lunedì 6 aprile 2020 - ore 08.14 
titoletto coppa del mondo
separatore
titoletto coppa fantaski
separatore
titoletto gioca fantaski

TdG - Una strada in salita,ma che corre in discesa

Clicca sulla foto per ingrandire
Delago N.
Foto: Val Gardena Marketing
Vai al profilo di Delago N.
commenti 2 Commenti icona rss

Lo sci agonistico ‘è uno sport di alti’, e spiegheremo subito il significato di quest’espressione.

La progressione (gli ‘step’) viene svolta per tentativi successivi: finché non si supera l’asticella, occorre riprovare.

Quando la si supera, si è in presenza di un ‘alto’, cioè di un risultato che, da solo o con un altro paio, permette di ‘fare uno step’.

I ‘bassi’ (i cattivi risultati) e i ‘medi’ (i risultati normali, cioè quelli che rispecchiano il livello raggiunto), non sono importanti.

Si può cadere molte volte, fare brutte gare, purché poi si riesca ad infilarne qualcuna buona: sono queste ultime a fare la differenza e a dare la ‘dimensione’ di un atleta.

Perciò, niente drammi per due o tre gare andate male: gli sciatori lo sanno bene, ma è utile ripeterlo. Ci si deve preoccupare solo se gli ‘alti’ mancano per un periodo significativo, diciamo un mese o due.

In una stagione intera, nella quale un atleta ‘in progressione’ corre da un minimo di trenta fino a quaranta gare ed oltre, occorre centrarne almeno una decina per fare passi significativi nella giusta direzione.

Se le gare con un ‘alto’ sono più di dieci, si entra nell’eccellenza: per questi atleti, qualunque fosse il livello di partenza, si apre un orizzonte davvero nuovo.

Fino al successivo: può essere che poi l’orizzonte non si sposti più, che lo sguardo dell’atleta non riesca a spingersi oltre: in questo caso, la corsa è a rischio, e può finire. Non possiamo dire se quello è proprio il suo limite, ma il dato oggettivo è che l’atleta non riesce a superarlo.

Forse gli mancano i mezzi, forse il contesto.

Sui primi c’è poco da fare, sul resto vale la pena di tentare per provare a ripartire.

La salita ai piani alti dell’agonismo consiste proprio nel superare gli ostacoli crescenti, senza scoraggiarsi per i ‘bassi’.

I punti FIS, i ‘maledetti punti’, sono una rappresentazione buona (ma imperfetta) del punto in cui ci trova, soprattutto se sono ‘punti nuovi’, fatti nella stagione in corso.

L’asticella, dicevamo, sale, e con essa aumentano le difficoltà: talvolta un atleta dimostra di poterla alzare molto, è in rampa di lancio, dà la sensazione di non fermarsi mai. In questo caso si può fare un azzardo, buttandolo in mezzo al mare in tempesta, per vedere se sta a galla. È un rischio calcolato, tuttavia, è un rischio che può essere corso.

C’è, infatti, un tempo in cui l’atleta, anche se non maturo, ha i ‘numeri’ per farcela e, finché non lo si butta in quel mare tempestoso, non si può sapere come reagirà: potrebbe non riuscire, ma non sarebbe un fallimento, o potrebbe stare a galla, o addirittura nuotare: se accade ciò, l’atleta con una sola gara compie uno step, ed è pronto per i successivi.

Tutto questo, l’abbiamo detto all’inizio ed è bene ribadirlo, vale soprattutto per i giovani, cioè coloro i quali sono chiamati a crescere nell’agonismo e veloci nell’apprendere: di questi giovani è il futuro non troppo lontano.

Chi è già arrivato al vertice, o quasi, ha infine un problema nuovo, cui accennavamo prima: a questo atleta si chiede soprattutto di confermare il livello, di essere costante.

È un compito molto difficile: l’aria per chi sta su è sottile, e tira un gran vento. I posti al vertice sono pochissimi, e si combatte contro tutti i più forti.

Insomma, per un atleta di gran talento che comincia, la strada è fatta di step per arrivare alla cima e di perseveranza, fortuna e voglia di restarci quando la si è raggiunta.

È entusiasmante per un atleta di talento progredire fino alla cima ed è bello vederlo combattere e migliorarsi. Lo sport, qualunque sport, è questo.

A noi tra gli sport piace soprattutto lo sci.

Una strada in salita, ma che corre in discesa.


(martedì 18 febbraio 2020)



@RIPRODUZIONE RISERVATA

  • domenica 5 aprile 2020

    TdG - Liberatore, la forza delle idee

    venerdì 3 aprile 2020

    TdG - Maurberger, la pazienza paga

    mercoledì 1 aprile 2020

    TdG - Nani, oggi e domani

  • domenica 22 marzo 2020

    TdG - Pensieri in quarantena

    domenica 15 marzo 2020

    TdG - I bilanci al tempo del Covid-19

    martedì 10 marzo 2020

    TdG - Si chiude (quasi) il sipario

  • mercoledì 4 marzo 2020

    TdG - Luce verde per i Mondiali Juniores di Narvik

    giovedì 27 febbraio 2020

    TdG - La squadra femminile per i Mondiali Juniores

    mercoledì 26 febbraio 2020

    TdG - La squadra maschile per i Mondiali Juniores


    Tutt i commenti disponibili:
    1 | Lothar il 18/02/2020 11.35.31
    Complimenti, hai reso perfettamente l'idea del percorso agonistico.
    2 | Grasscutter il 18/02/2020 13.00.08
    Grazie, Lothar.



      Cerca una parola nelle news:        

      Ultime 15 Notizie correlate: (Il Taglio di Grasscutter gare FIS giovani crescita )

      [05/04/2020] TdG - Liberatore, la forza delle idee
      [03/04/2020] TdG - Maurberger, la pazienza paga
      [01/04/2020] TdG - Nani, oggi e domani
      [22/03/2020] TdG - Pensieri in quarantena
      [15/03/2020] TdG - I bilanci al tempo del Covid-19
      [10/03/2020] TdG - Si chiude (quasi) il sipario
      [04/03/2020] TdG - Luce verde per i Mondiali Juniores di Narvik
      [27/02/2020] TdG - La squadra femminile per i Mondiali Juniores
      [26/02/2020] TdG - La squadra maschile per i Mondiali Juniores
      [21/02/2020] TdG - Il ritorno di Roberto Nani
      [18/02/2020] TdG - Una strada in salita,ma che corre in discesa
      [15/02/2020] TdG - Talenti, team privati, e Squadre nazionali
      [14/02/2020] TdG - I tre giorni in EC di Giovanni Franzoni
      [13/02/2020] TdG - Paralleli solo gli sci
      [10/02/2020] TdG - La "nuova" discesa femminile

      Altre notizie di Coppa del Mondo:

      [05/04/2020] TdG - Liberatore, la forza delle idee
      [03/04/2020] Roda e le Azzurre salutano Hanna Schnarf
      [03/04/2020] TdG - Maurberger, la pazienza paga
      [03/04/2020] Cortina2021: al via lavori funivia Tofane-5 Torri
      [02/04/2020] Federica Brignone:"ho ancora fame di vittorie!"
      [02/04/2020] All'asta i premi di Cortina 2020 per beneficenza
      [02/04/2020] La tedesca Veronique Hronek lascia l'agonismo
      [02/04/2020] Hanna Schnarf chiude la carriera
      [01/04/2020] TdG - Nani, oggi e domani
      [30/03/2020] Si è spento a 80 anni l'ex azzurro Ivo Mahlknecht
      [28/03/2020] Il tedesco Benedikt Staubitzer chiude la carriera
      [28/03/2020] La stagione FIS è finita...in Russia!
      [27/03/2020] Rimandato il Congresso FIS 2020
      [27/03/2020] Vlhova e Magoni: avanti insieme
      [26/03/2020] Elena Curtoni: "Il lavoro paga, sempre!"
      [26/03/2020] Tanguy Nef vince il premio Matteo Baumgarten
      [25/03/2020] Tina Weirather chiude la carriera
      [25/03/2020] Covid-19, caso Ischgl: le autorità indagano
      [25/03/2020] Federica, ora puoi baciare la Coppa!
      [23/03/2020] Si ritira il velocista tedesco Klaus Brandner
      [22/03/2020] Shiffrin dedica una canzone a Barilla e all'Italia
      [22/03/2020] TdG - Pensieri in quarantena
      [21/03/2020] Covid-19: il brutto caso di Ischgl
      [21/03/2020] Ivica Kostelic nuovamente papà
      [20/03/2020] Nina Haver-Loeseth saluta il Circo Rosa
      [20/03/2020] Si ritira il tedesco Dominik Stehle
      [19/03/2020] Kasper:"la famiglia dello sci deve rimanere unita"
      [18/03/2020] Si ritira Elia Zurbriggen
      [17/03/2020] Il bilancio di Petra Vlhova
      [15/03/2020] TdG - I bilanci al tempo del Covid-19
      [15/03/2020] Si ritira la tedesca Christina Ackermann
      [14/03/2020] Matts Olsson chiude la carriera
      [14/03/2020] La Svizzera vince tra le Nazioni.Italia 1/a donne
      [14/03/2020] Shiffrin e Pinturault Paperoni della Coppa 2020
      [13/03/2020] Anche Austria e Svizzera chiudono gli impianti
      [13/03/2020] Fritz Dopfer chiude la carriera

      Altre notizie Fantaski:

      [18/01/2020] Benvenuto Luigi! Al via il Taglio di Grasscutter
      [04/10/2019] Circo Bianco: ritiri e cambi di materiale (2020)
      [26/03/2019] La Thuile: diamo una manche al Telefono Azzurro
      [23/02/2018] Fantanotti Olimpiche - Analisi dei Giochi 2018
      [06/02/2018] Aperte le FantaOlimpiadi 2018!
      [14/12/2017] Fantaski.it disponibile anche su Telegram !
      [05/12/2017] A La Thuile stagione aperta dal 2 dicembre
      [03/11/2017] Fantaski 2018 - mercato maschile aperto fino Levi
      [05/12/2016] Aperto il primo mercato - stagione 2016/2017
      [13/11/2016] A Milano di scena il Big Air Snowboard



     
    titoletto copyright fantaski
     baffo fantaski titoletto contatti baffo fantaski titoletto riconoscimenti