separatore
icona fisi  
 icona fantaski titoletto linguaicona italia icona bandiera italia icona bandiera svizzeraicona bandiera inglese icona bandiera inglese icona bandiera americanatitoletto tedesco icona bandiera germania icona bandiera austria icona bandiera svizzeratitoletto francia icona bandiera francia icona bandiera svizzera 
fantaski_header
icona baffo fantaski titoletto home icona baffo fantaski titoletto cosa fantaski icona baffo fantaski titoletto faq help icona baffo fantaski titoletto regolamento icona baffo fantaski titoletto forum icona baffo fantaski titoletto fotogallery  
lunedì 6 aprile 2020 - ore 08.13 
banner 120x90
titoletto coppa del mondo
separatore
titoletto coppa fantaski
separatore
titoletto gioca fantaski

TdG - Paralleli solo gli sci

Clicca sulla foto per ingrandire
Parallelo
Foto: Ezio Romano
Parallelo
commenti 7 Commenti icona rss

A noi ‘paralleli’ piacciono solo gli sci, lo diciamo subito, e spiegheremo il perché.

La storia recente della specialità del ‘parallelo’ è tormentata: disciplina che valeva come slalom o come gigante, a seconda dei casi, non dando tuttavia (e meno male...) punti nella WCSL (né in slalom né in gigante), ma ‘soltanto’ quelli per le due classifiche e per la generale (un'assurdità assoluta), fino al cambio di rotta di quest’ultima stagione: disciplina ‘autonoma’, che assegna addirittura una Coppa del Mondo (e i cui punti finiscono nel computo per la ‘generale’); specialità che nelle intenzioni della FIS era candidata a sostituire il vuoto dell’abolizione della combinata, poi rientrata ‘a furor di Kitz’, soprattutto; disciplina considerata la ‘nuova via’ dello spettacolo anche in notturna, sulla falsariga di altre specialità.

Alla FIS forse credevano di scoprire l’acqua calda, applicando un sistema sperimentato in altre discipline, ed anche nello sci alpino: coinvolgere pubblico, televisioni, sponsor, tutti assieme appassionatamente.

Purtroppo la FIS si era dimenticata un paio di cosette: per prima cosa la sicurezza degli atleti, per seconda l’equità dei risultati, per terza il reale interesse suscitato dal ‘parallelo’.

Sicurezza: molto carente, salti inutili, piste che bucano, atleti costretti a spingere ‘per qualche punto in più’.

E Dio non voglia che un atleta parta per la tangente scontrandosi con l’altro...

Equità dei risultati: chi dice che il tracciato ‘rosso’ e quello ‘blu’ sono uguali perché si usano misurazioni laser per tracciare o è un ingenuo o è in malafede. Si può tracciare al millimetro, ma è il fondo a non essere  uguale: dunque, o la pista è costruita ad hoc (con molta precisione) o l’uguaglianza resta una pia illusione.

Interesse del pubblico: qualunque slalom in notturna riscuote un interesse almeno quadruplo da parte degli appassionati; slalom batte parallelo a mani basse. Inseguire il miraggio di eventi ‘cittadini’, poi, non produce buoni risultati. Non è questo il modo di avvicinare il pubblico allo sci, ammesso che il volano agonistico possa farlo. Sono altre le iniziative da pensare, casomai, ma non è questa l’occasione per parlarne, perché l’argomento merita un approfondimento separato.

Il parallelo non è riuscito, nemmeno nella nuova versione, a scrollarsi di dosso l’evidenza di essere una specialità di ‘serie B’, ad essere generosi.

Nessuno lo ritiene ‘serio’, gli atleti in primis.

E quando un giudizio è pressoché unanime, occorre dire, dopo averlo analizzato razionalmente, vox populi vox dei.

Traduco: se tutti o quasi la pensano in un certo modo le cose stanno proprio così.


(giovedì 13 febbraio 2020)



@RIPRODUZIONE RISERVATA

  • domenica 5 aprile 2020

    TdG - Liberatore, la forza delle idee

    venerdì 3 aprile 2020

    TdG - Maurberger, la pazienza paga

    mercoledì 1 aprile 2020

    TdG - Nani, oggi e domani

  • sabato 28 marzo 2020

    La stagione FIS è finita...in Russia!

    venerdì 27 marzo 2020

    Rimandato il Congresso FIS 2020

    giovedì 26 marzo 2020

    Tanguy Nef vince il premio Matteo Baumgarten

  • domenica 22 marzo 2020

    TdG - Pensieri in quarantena

    giovedì 19 marzo 2020

    Kasper:"la famiglia dello sci deve rimanere unita"

    domenica 15 marzo 2020

    TdG - I bilanci al tempo del Covid-19


    Tutt i commenti disponibili:
    1 | GM1966 il 13/02/2020 19.07.02
    Vox populi vox dei ma purtroppo non vox FIS.
    2 | letski82 il 13/02/2020 20.06.39
    d'accordissimo, facciano qualche slalom notturno in piu... tanto poi se uno si deve appassionare si appassiona vedendo uno slalom o un gigante normali, altrimenti non e' cmq lo sport per lui... funziona cosi', per qualunque sport. e se vuoi fare appassionare gente che ama solo sport in cui c'e' lo scontro diretto, allo sci alpino in ogni caso non si appassionera' MAI, a meno che alla fis non abbiano altri oscuri piani... a me non appassiona il salto con gli sci. per farmi appassionare che fanno, due trampolini incrociati con due atleti che partono insieme e cercano di schivarsi? cmq alla fis sono incomprensibili, perche' se l'obiettivo e' quello, allora se un ragazzino come prima gara di sci che vede in tv o dal vivo dovesse assistere a una combinata, penso proprio che non vedra' mai piu una gara di sci in vita sua e poi, per la discesa ci tengono giustamente alla sicurezza, fanno airbag etc, benissimo, tutti contenti. ma poi addirittura snaturano discese limando eccessivamente i salti, e nei paralleli mettono i salti, cosi' a c...o??? tumler e ford c'e' mancato pochissimo che si scontrassero, la dovrebbero prendere come campanello d'allarme. tanto nessuno vuole diventare un campione di sci con lobiettivo di fama mondiale e ricchezza, va bene anche cosi', no? con numeri non eccelsi di appassionati e meno soldi. questa e' gente che va anche a 140 orari su due sci perche' ama lo sci e vuole competere e vincere, e che la fis li tratti con rispetto e' proprio il minimo sindacale. poi se vogliono piu' gente appassionata si puo' anche pensare di organizzare qualche gara verso settembre in nuova zelanda e sudamerica, per aprire la coppa del mondo. il mercato potenziale e' ampio
    3 | fabio farg team il 14/02/2020 3.03.56
    letski82 ha scritto:
    d'accordissimo, facciano qualche slalom notturno in piu... tanto poi se uno si deve appassionare si appassiona vedendo uno slalom o un gigante normali, altrimenti non e' cmq lo sport per lui... funziona cosi', per qualunque sport. e se vuoi fare appassionare gente che ama solo sport in cui c'e' lo scontro diretto, allo sci alpino in ogni caso non si appassionera' MAI, a meno che alla fis non abbiano altri oscuri piani... a me non appassiona il salto con gli sci. per farmi appassionare che fanno, due trampolini incrociati con due atleti che partono insieme e cercano di schivarsi? cmq alla fis sono incomprensibili, perche' se l'obiettivo e' quello, allora se un ragazzino come prima gara di sci che vede in tv o dal vivo dovesse assistere a una combinata, penso proprio che non vedra' mai piu una gara di sci in vita sua e poi, per la discesa ci tengono giustamente alla sicurezza, fanno airbag etc, benissimo, tutti contenti. ma poi addirittura snaturano discese limando eccessivamente i salti, e nei paralleli mettono i salti, cosi' a c...o??? tumler e ford c'e' mancato pochissimo che si scontrassero, la dovrebbero prendere come campanello d'allarme. tanto nessuno vuole diventare un campione di sci con lobiettivo di fama mondiale e ricchezza, va bene anche cosi', no? con numeri non eccelsi di appassionati e meno soldi. questa e' gente che va anche a 140 orari su due sci perche' ama lo sci e vuole competere e vincere, e che la fis li tratti con rispetto e' proprio il minimo sindacale. poi se vogliono piu' gente appassionata si puo' anche pensare di organizzare qualche gara verso settembre in nuova zelanda e sudamerica, per aprire la coppa del mondo. il mercato potenziale e' ampio
    D'accordissimo con te.
    4 | Debeski il 14/02/2020 10.11.37
    Ma infatti, mi sembra che tanti anni fa ci fosse una tappa di Coppa del Mondo in Australia ad Agosto. Per quale motive è stata eliminata? Che poi le squadre nazionali affrontano comunque costi notevoli per fare trasferte in Sudamerica! Poi la chiamano "Coppa del Mondo" ma su 40 gare 5 sono programmate nel continente americano, 4 in Asia (solo negli anni in cui non ci sono Mondiali o Olimpiadi) e il resto in Europa. E' vero che molte Nazioni non offrono piste preparate adeguatamente, però non mi pare che la gara vista a Saalbach sia tanto meglio.
    5 | Thunder6508 il 14/02/2020 11.20.41
    La verità è che l'unico modo per provare a garntire un tracciato uniforme (almeno per quanto riguarda dislivelli e morfologia) è usare le corsie di discesa e decelerazione dei trampolini del salto con gli sci ... Sempre ammesso che il fondo (a questo punto creato ad arte con barrature ed altro) regga il passaggio di 64 atleti ... L'unica formula accettabile sarebbe lo slalom con il palo singolo e gli sci da SL per evitare il rischio di infortuni dovuti alle sollecitazioni dei materiali. Poi airbag tra una corsia e l'altra e un limite al numero di persone in pista (su un racciato di 20" non ci possono essere 200 persone ...) Quindi meglio restare nelle discipline classiche (DH,SG,GS,SL), magari con eventi MIX sulle piste meno esigenti dal punto di vista fisico e TEAM con somma dei tempi dei diversi atleti. Le combinate il più delle volte fanno vomitare quindi meglio avere weekend lunghi con 3 specialità e garantire la possibilità di competere in più discipline nello stesso weekend. Per quano riguarda i salti, il problema è che non si insegna a saltare a livello giovanile (lo fanno solo i maestri di sci in mezzo ai turisti, così tanto per rompere le balle al prossimo) ... non si può pretendere che si impari a saltare 70 metri a Kitz se non ne sai saltare 20 a Pila o a Cervinia ...[}:)]
    6 | brunodalla il 14/02/2020 22.37.45
    oddio, non è che con gli sci da slalom non ci si fa male , eh. comunque concordo. l'idea di fondo del parallelo (cioè vedere due atleti che si sfidano) rimane valida, ma se deve essere organizzato col fondoschiena allora è meglio non farli.
    7 | quilodico il 14/02/2020 22.50.23
    se si vogliono fare paralleli con un minimo di senso sportivo, bisogna fare le due manche sui due tracciati. quindi, giocoforza, limitarli ai primi 16 della classifica per non creare mostri da una giornata intera e per limitare l'usura della pista.



      Cerca una parola nelle news:        

      Ultime 15 Notizie correlate: (Il Taglio di Grasscutter FIS Parallelo )

      [05/04/2020] TdG - Liberatore, la forza delle idee
      [03/04/2020] TdG - Maurberger, la pazienza paga
      [01/04/2020] TdG - Nani, oggi e domani
      [28/03/2020] La stagione FIS è finita...in Russia!
      [27/03/2020] Rimandato il Congresso FIS 2020
      [26/03/2020] Tanguy Nef vince il premio Matteo Baumgarten
      [22/03/2020] TdG - Pensieri in quarantena
      [19/03/2020] Kasper:"la famiglia dello sci deve rimanere unita"
      [15/03/2020] TdG - I bilanci al tempo del Covid-19
      [12/03/2020] Cancellate le gare di Kranjska Gora.Coppa a Kilde
      [12/03/2020] Kranjska Gora: ha davvero senso?
      [10/03/2020] Cancellate le Finali di Coppa Europa a Saalbach
      [10/03/2020] TdG - Si chiude (quasi) il sipario
      [09/03/2020] Il CEO di Head Eliasch si candida a presidente FIS
      [06/03/2020] Finali Cortina 2020: la mossa di Flavio Roda

      Altre notizie di Coppa del Mondo:

      [05/04/2020] TdG - Liberatore, la forza delle idee
      [03/04/2020] Roda e le Azzurre salutano Hanna Schnarf
      [03/04/2020] TdG - Maurberger, la pazienza paga
      [03/04/2020] Cortina2021: al via lavori funivia Tofane-5 Torri
      [02/04/2020] Federica Brignone:"ho ancora fame di vittorie!"
      [02/04/2020] All'asta i premi di Cortina 2020 per beneficenza
      [02/04/2020] La tedesca Veronique Hronek lascia l'agonismo
      [02/04/2020] Hanna Schnarf chiude la carriera
      [01/04/2020] TdG - Nani, oggi e domani
      [30/03/2020] Si è spento a 80 anni l'ex azzurro Ivo Mahlknecht
      [28/03/2020] Il tedesco Benedikt Staubitzer chiude la carriera
      [28/03/2020] La stagione FIS è finita...in Russia!
      [27/03/2020] Rimandato il Congresso FIS 2020
      [27/03/2020] Vlhova e Magoni: avanti insieme
      [26/03/2020] Elena Curtoni: "Il lavoro paga, sempre!"
      [26/03/2020] Tanguy Nef vince il premio Matteo Baumgarten
      [25/03/2020] Tina Weirather chiude la carriera
      [25/03/2020] Covid-19, caso Ischgl: le autorità indagano
      [25/03/2020] Federica, ora puoi baciare la Coppa!
      [23/03/2020] Si ritira il velocista tedesco Klaus Brandner
      [22/03/2020] Shiffrin dedica una canzone a Barilla e all'Italia
      [22/03/2020] TdG - Pensieri in quarantena
      [21/03/2020] Covid-19: il brutto caso di Ischgl
      [21/03/2020] Ivica Kostelic nuovamente papà
      [20/03/2020] Nina Haver-Loeseth saluta il Circo Rosa
      [20/03/2020] Si ritira il tedesco Dominik Stehle
      [19/03/2020] Kasper:"la famiglia dello sci deve rimanere unita"
      [18/03/2020] Si ritira Elia Zurbriggen
      [17/03/2020] Il bilancio di Petra Vlhova
      [15/03/2020] TdG - I bilanci al tempo del Covid-19
      [15/03/2020] Si ritira la tedesca Christina Ackermann
      [14/03/2020] Matts Olsson chiude la carriera
      [14/03/2020] La Svizzera vince tra le Nazioni.Italia 1/a donne
      [14/03/2020] Shiffrin e Pinturault Paperoni della Coppa 2020
      [13/03/2020] Anche Austria e Svizzera chiudono gli impianti
      [13/03/2020] Fritz Dopfer chiude la carriera

      Altre notizie Fantaski:

      [18/01/2020] Benvenuto Luigi! Al via il Taglio di Grasscutter
      [04/10/2019] Circo Bianco: ritiri e cambi di materiale (2020)
      [26/03/2019] La Thuile: diamo una manche al Telefono Azzurro
      [23/02/2018] Fantanotti Olimpiche - Analisi dei Giochi 2018
      [06/02/2018] Aperte le FantaOlimpiadi 2018!
      [14/12/2017] Fantaski.it disponibile anche su Telegram !
      [05/12/2017] A La Thuile stagione aperta dal 2 dicembre
      [03/11/2017] Fantaski 2018 - mercato maschile aperto fino Levi
      [05/12/2016] Aperto il primo mercato - stagione 2016/2017
      [13/11/2016] A Milano di scena il Big Air Snowboard



     
    titoletto copyright fantaski
     baffo fantaski titoletto contatti baffo fantaski titoletto riconoscimenti