separatore
icona fisi  
 icona fantaski titoletto linguaicona italia icona bandiera italia icona bandiera svizzeraicona bandiera inglese icona bandiera inglese icona bandiera americanatitoletto tedesco icona bandiera germania icona bandiera austria icona bandiera svizzeratitoletto francia icona bandiera francia icona bandiera svizzera 
fantaski_header
icona baffo fantaski titoletto home icona baffo fantaski titoletto cosa fantaski icona baffo fantaski titoletto faq help icona baffo fantaski titoletto regolamento icona baffo fantaski titoletto forum icona baffo fantaski titoletto fotogallery  
sabato 30 maggio 2020 - ore 10.36 
titoletto coppa del mondo
separatore
titoletto coppa fantaski
separatore
titoletto gioca fantaski

La Svizzera mette pressione all'Austria

Clicca sulla foto per ingrandire
Svizzera
Foto: www.fantaski.it
Svizzera
commenti 5 Commenti icona rss

Tra Svizzera e Austria nel mondo dello sci (e non solo) c'è una accesa rivalità, l'una festeggia quando perde l'altra e viceversa...ed anche se la Svizzera vanta, ed ha vantato, campioni di primissimo livello nella Coppa del Mondo di sci, maschile e femminile, è indubbio che l'Austria è stata negli ultimi decenni la nazione n.1, e i suoi campioni gli uomini da battere.

In particolare il presidente Schroecksnadel ha sempre sottolineato l'importanza e il primato dell'Austria nella Nation Cup, la coppa per nazioni, ovvero la somma totale dei punti ottenuti da tutti gli atleti di una singola nazione in una singola stagione.

Dal 1992 questa speciale classifica - considerando solo gli uomini e il totale - è sempre stata appannaggio dei colori bianco-rossi: con poco o tanto margine, è sempre stata l'Austria a guardare tutti dall'alto in basso alla fine della stagione.

Ma negli ultimi inverni qualcosa è cambiato...il distacco tra Austria e resto del mondo nel maschile si è assottigliato, e soprattutto si è concentrato nelle mani di un solo uomo, Marcel Hirscher, che con il suo bottino di punti (8 Sfere di Cristallo consecutive, serve ricordarlo?) ha tenuto a galla tutta la nazione.
Nel 2017 l'Austria ha vinto con 5048 punti, seguita da Francia, Norvegia, Italia e Svizzera con 2738.
Nel 2018 l'Austria ne aveva 5839, Norvegia 4596 e Svizzera 3689.
Infine lo scorso anno Austria 6102 e Svizzera 4650.

Dei 6102 punti conquistati ben 1559 sono arrivati da Hirscher, per cui  - facendo due calcoli - senza il suo campione più rappresentativo l'Austria rischia di dover affrontare un testa a testa con la Svizzera, ed ecco dunque che i media elvetici hanno scritto più di un articolo sull'argomento, cercando di mettere un po' di pressione agli 'amici' austriaci.
Tanto che Schroecksnadel ha messo le mani avanti, dichiarando alla ORF che "...con il ritiro di Marcel sarà difficile vincere la Coppa delle Nazioni..."

Questa lotta per la leadership non è solo una pressione giornalistica, ma un chiaro obiettivo della federsci elvetica, tanto che senza nascondersi il presidente di Swiss-ski Urs Lehmann ha recentemente dichiarato di voler diventare i n.1 nello sci alpino maschile, e di averne la concreta possibilità.

Un obiettivo ambizioso e non facile, che mette la giusta pressione alla squadra dei 26 cantoni. Ci si aspetta che il maggior bottino di punti arrivi da atleti ormai maturi e affermati come Zenhaeusern e Yule, Odermatt e Meillard, Feuz e Caviezel, senza dimenticare qualche giovane, tutti uniti per andare a riconquistare quella vetta che manca proprio dal 1992, quando guarda caso la Sfera finì nella mani di un certo Pauli Accola.

Dall'opening di Soelden le due principali contendenti a questa speciale classifica non sono tornate soddisfatte. Male l'Austria, con 50 punti conquistati tra Feller (12/o), Mayer (15/o) e Leitinger (19/o), considerando che non era certo su Mayer (velocista) e Leitinger (pettorale #53, anche se bronzo a St.Moritz) che ci si aspettavano punti; nella seconda manche è uscito Brennsteiner, 7/o dopo la prima.
E' il peggior risultato di sempre a Soelden per il paese d'oltrebrennero.
Poco meglio la Svizzera con 73 punti conquistati grazie a Caviezel (9/o), Odermatt (13/o), Tumler (22/o), Murisier (23/o), Noger (24/o): ben 5 atleti nei top30, ma l'amaro in bocca per l'uscita di Meillard (9/o dopo la prima) e per l'errore di Odermatt, 3/o dopo la prima manche e in lotta per il podio.

Insomma la sfida è appena all'inizio, ma si preannuncia tirata e interessante per tutta la stagione. Per il momento, ma siamo solo al primo giorno di scuola, sorride la Francia, prima tra gli uomini con 189 punti, e prima anche considerando le ragazze, grazie ai 60 punti di Tessa Worley.


(venerdì 1 novembre 2019)



@RIPRODUZIONE RISERVATA

  • mercoledì 20 maggio 2020

    Wengen a rischio cancellazione dal 2021-22

    giovedì 14 maggio 2020

    Schroecksnadel guiderà la OESV fino a giugno 2021

    lunedì 4 maggio 2020

    Il Wunderteam per la stagione 2020/2021

  • sabato 2 maggio 2020

    Scheiber nuovo coach delle velociste

    venerdì 1 maggio 2020

    Le donne jet Austria perdono il loro tecnico

    giovedì 30 aprile 2020

    L'Austria tornerà presto ad allenarsi

  • sabato 14 marzo 2020

    La Svizzera vince tra le Nazioni.Italia 1/a donne

    venerdì 13 marzo 2020

    Anche Austria e Svizzera chiudono gli impianti

    lunedì 3 febbraio 2020

    Batosta storica per il gigante maschile austriaco


    Tutt i commenti disponibili:
    1 | brunodalla il 01/11/2019 14.09.23
    e se fra i due litiganti godesse il terzo?
    2 | Jeppo il 01/11/2019 15.32.08
    Interessante questo articolo, bravo Matteo! Come dice Bruno, non escluderei che a godere fosse qualcun altro... La Norvegia in primis la vedo fortissima. Vero, hanno perso Svindal, ma lo Svindal delle ultimi stagioni può tranquillamente venir superato in termini di punti dalla somma dei nuovi giovani che entreranno in pianta stabile tra i 30 di coppa. Braathen, magari anche McGrath, i più esperti Windingstad e Sejersted. Costruendo sulla base di punti Kristoffersen, Jansrud e Kilde, li vedo quasi favoriti. La Francia è forse la favorita tra le tecniche, ma per rientrare nel gioco dovrebbe avere finalmente una buona stagione in discesa, cosa che non succede da un po'. Servirebbe una definitiva esplosione di Roger (il Casse francese...), un ritorno ad alti livelli di Theaux, una riconferma di Clarey, un miracoloso recupero di Giraud, un balzo in avanti inatteso di uno tra Gizendanner, Raffort o Muzaton, una crescita di giovani come Bailet e Allegre... Molto difficile, ma non impossibile che si verifichino almeno 3 di queste condizioni, e allora potrebbero difendere il possibile vantaggio accumulato nelle tecniche. Peraltro ricordiamo anche che invece al femminile l'Austria ha già perso la coppa due anni fa da una certa nazionale con la tuta azzurra!
    3 | draghetto il 02/11/2019 1.05.57
    Se consideriamo il gigante maschile, negli ultimi anni la Francia ha spesso vinto anche contro lo stesso Hirscher. Anzi, direi che senza Hirscher l'Austria sarebbe stata quasi assente: l'anno scorso Francia 1302 e Austria 1041, con Hirscher a 680 punti, dunque ben più della metà. Anche considerando il ritiro di Fanara, credo che la Francia resti la squadra più completa in questa disciplina. In slalom l'Austria ha vinto con 1874 punti contro i 1256 della Francia, ma il solo Hirscher ne aveva ottenuti 710. La Francia non ha perso nessun elemento, dunque potrebbe riuscire nel sorpasso, considerando che Noel è atteso ad un ulteriore passo in avanti. Sicuramente in velocità lo scorso anno sono mancati i grandi risultati, ad esclusione di Clarey. L'Austria e la Norvegia sembrano superiori, ma alla Francia basterebbe trovare qualche centinaio di punti in più tra discesa e supergigante per pareggiare i conti con la Svizzera nella classifica totale maschile, e dunque giocarsela anche con un'Austria priva di Hirscher. Nonostante l'assenza di grandi acuti, nella velocità la squadra francese può contare su una rosa di nomi molto ampia, quindi come sottolineato da Jeppo basterebbe che qualcuno di questi trovi o ritrovi risultati di vertice per rendere la Francia una potenziale vincitrice della Coppa Nazioni maschile. Diverso il discorso al femminile, dove la Francia è notoriamente ai piedi di Pilato. Worley al solito salva il bilancio con i suoi risultati in gigante, infatti lo scorso anno la Francia ha chiuso al terzo posto della specialità. Nel totale, però, la Francia ha chiuso addirittura nona, battuta dalla Slovacchia (ovvero da Vlhova). Vero anche che lo scorso anno la stessa Worley non ha fatto la sua miglior stagione. In pratica si può solo migliorare.
    4 | JeanNoelAugert il 03/11/2019 19.47.36
    Bell'articolo! Teneteci aggiornati con questa classifica nel corso della stagione...
    5 | Lothar il 04/11/2019 10.41.20
    per l'Austria in campo maschile dipenderà molto da Schwarz tenere alto il punteggio che però ritorna da un infortunio e ci aggiungo Matt che dovrebbe riscattare qualche passaggio a vuoto di troppo



      Cerca una parola nelle news:        

      Ultime 15 Notizie correlate: (Austria Svizzera Coppa Nazioni Peter Schroecksnadel Urs Lehaman )

      [20/05/2020] Wengen a rischio cancellazione dal 2021-22
      [14/05/2020] Schroecksnadel guiderà la OESV fino a giugno 2021
      [04/05/2020] Il Wunderteam per la stagione 2020/2021
      [02/05/2020] Scheiber nuovo coach delle velociste
      [01/05/2020] Le donne jet Austria perdono il loro tecnico
      [30/04/2020] L'Austria tornerà presto ad allenarsi
      [14/03/2020] La Svizzera vince tra le Nazioni.Italia 1/a donne
      [13/03/2020] Anche Austria e Svizzera chiudono gli impianti
      [03/02/2020] Batosta storica per il gigante maschile austriaco
      [26/01/2020] Italia, sei davanti a tutte!
      [09/12/2019] L''Austria piange in gigante, ma l'Italia non ride
      [01/11/2019] La Svizzera mette pressione all'Austria
      [22/10/2019] Hirscher candidato sportivo dell'anno in Austria
      [18/10/2019] Gli Austriaci per Soelden
      [02/09/2019] Media austriaci sicuri: Marcel Hirscher si ritira

      Altre notizie di Coppa del Mondo:

      [29/05/2020] Gli Azzurri ripartono dallo Stelvio!
      [29/05/2020] Mikaela Shiffrin rinnova con Atomic
      [28/05/2020] Buzzi rinnova con Head,Marsaglia con Salomon
      [28/05/2020] FISI:aggiornate le disposizioni per gl allenamenti
      [27/05/2020] Roda: "Saracco non sarà sostituito"
      [27/05/2020] Roda:"Mondiali Cortina 2022 al posto delle Finali"
      [26/05/2020] I calendari per la stagione 2020/2021
      [26/05/2020] Tutte le decisioni del Consiglio FIS
      [25/05/2020] Rinvio Cortina 2021: decisione Fis il 1 luglio
      [25/05/2020] Asta di beneficenza per i cimeli di Fede Brignone
      [25/05/2020] Rinvio Cortina 2021: il segreto di Pulcinella
      [25/05/2020] Murisier passa ad Head,Chable a Salomon
      [24/05/2020] Cortina 2021 verso il rinvio di un anno
      [24/05/2020] Donazione privata per salvare Wengen
      [23/05/2020] E' ufficiale: Anna Veith si è ritirata
      [23/05/2020] TdG - Saracco torna in famiglia
      [22/05/2020] Roberto Saracco lascia i gigantisti azzurri
      [22/05/2020] Marta Rossetti si affida a Energiapura
      [22/05/2020] Zermatt annuncia la discesa più lunga del mondo
      [22/05/2020] Gardena, Kronplatz e poi Sestriere in calendario
      [22/05/2020] Oltre 100 resort sperano di riaprire in giugno
      [22/05/2020] Brignone su RaiUno il 2 giugno
      [21/05/2020] Parallelo: cambiano le regole
      [21/05/2020] FISI: Nota del 17/o Consiglio Federale
      [20/05/2020] Veith annuncerà il ritiro sabato sulla ORF?
      [20/05/2020] Zermatt sostituirà Wengen dal 2022?
      [20/05/2020] Wengen a rischio cancellazione dal 2021-22
      [19/05/2020] Come sarà la prossima Coppa del Mondo?
      [17/05/2020] Riaprono a breve Hintertux e Les Deux Alpes?
      [17/05/2020] L'amarezza di Maren Skjoeld
      [15/05/2020] I Norvegesi per la stagione 2020/2021
      [15/05/2020] Primo caso Covid19 nell'Austria Ski Team
      [14/05/2020] Le squadre tedesche per la stagione 2020/2021
      [14/05/2020] Maurberger: "il recupero sta andando bene"
      [14/05/2020] Schroecksnadel guiderà la OESV fino a giugno 2021
      [14/05/2020] Ilka Stuhec torna ad allenarsi sugli sci

      Altre notizie Fantaski:

      [18/01/2020] Benvenuto Luigi! Al via il Taglio di Grasscutter
      [04/10/2019] Circo Bianco: ritiri e cambi di materiale (2020)
      [26/03/2019] La Thuile: diamo una manche al Telefono Azzurro
      [23/02/2018] Fantanotti Olimpiche - Analisi dei Giochi 2018
      [06/02/2018] Aperte le FantaOlimpiadi 2018!
      [14/12/2017] Fantaski.it disponibile anche su Telegram !
      [05/12/2017] A La Thuile stagione aperta dal 2 dicembre
      [03/11/2017] Fantaski 2018 - mercato maschile aperto fino Levi
      [05/12/2016] Aperto il primo mercato - stagione 2016/2017
      [13/11/2016] A Milano di scena il Big Air Snowboard



     
    titoletto copyright fantaski
     baffo fantaski titoletto contatti baffo fantaski titoletto riconoscimenti