separatore
icona fisi  
 icona fantaski titoletto linguaicona italia icona bandiera italia icona bandiera svizzeraicona bandiera inglese icona bandiera inglese icona bandiera americanatitoletto tedesco icona bandiera germania icona bandiera austria icona bandiera svizzeratitoletto francia icona bandiera francia icona bandiera svizzera 
fantaski_header
icona baffo fantaski titoletto home icona baffo fantaski titoletto cosa fantaski icona baffo fantaski titoletto faq help icona baffo fantaski titoletto regolamento icona baffo fantaski titoletto forum icona baffo fantaski titoletto fotogallery  
venerdì 22 novembre 2019 - ore 00.38 
titoletto coppa del mondo
separatore
titoletto coppa fantaski
separatore
titoletto gioca fantaski

Droni e Caprioli: quando in pista succede di tutto

Clicca sulla foto per ingrandire
Vai al profilo di Ghedina K.
commenti 3 Commenti icona rss

La caduta del drone a due passi delle code degli di sci di Marcel Hirscher nello slalom di Madonna di Campiglio rimarrà per lunghissimo tempo negli occhi degli appassionati di sci, un evento tragicomico, che per fortuna si è risolto senza conseguenze per l'atleta e senza comprometterne il gesto sportivo.

Non è la prima volta che accadano cose strane in pista, a volte buffe, a volte purtroppo tragiche, per cui abbiamo preparato questa carrellata di eventi del passato, sicuramente non esaustiva, aiutateci a completarla!

Tra le prime cose insolite non possiamo non citare quel che accadde a Kristian Ghedina in Val Gardena il 18 dicembre 2004. Il nostro velocista, vincitore 4 volte sulla 'sua' Sasslong, stava scendendo per la penultima volta in carriera (si congedò l'anno successivo con uno splendido 4/o posto) quando nel tratto finale sbucò in pista un cucciolo di capriolo che riuscì a superare le barriere protettive e lanciarsi in pista. Il capriolo corse per qualche metro parallelamente all'azzurro, che poi tagliò il traguardo tra lo stupore e gli applausi divertiti del pubblico. Anche il capriolo arrivò al traguardo, bloccato dagli uomini al parterre. "Non tutti hanno avuto la possibilità di sciare in Coppa del Mondo assieme a un animale" dichiarò Ghedo al Corriere a fine gara, e due settimane più tardi, a Chamonix, commentava l'ultimo podio della carriera con un capriolo di peluche che sbucava da sotto la giacca. Grandissimo Ghedo.

 




Rimaniamo in tema animali per un episodio più recente, del novembre 2011: siamo in Canada, a Nakiska, e gli svizzeri si stanno allenando in vista delle prove nordamericane. L'elvetico Marc Gisin sta scendendo sul tracciato d'allenamento quando si trova davanti un bel cervo che sta attraversando la pista...una brusca frenata e nessun problema per lui.



Il più delle volte in pista finisce chi non dovrebbe: lisciatori che non si spostano in tempo, allenatori/tecnici/skiman che si trovano nel posto sbagliato nel momento sbagliato.
L'elenco è lunghissimo, ma ricordiamo nei tempi recenti Henrik Kristoffersen (pett.31) ad Adelboden nel gennaio 2014, quando poco prima di affrontare il muro finale si trova davanti agli sci un lisciatore, lo evita e poi si ferma, spaventato. Ripeterà la manche trovando la qualifica.

 

E ancora: Sandro Viletta non avrà dimenticato la superk ai Mondiali di Schladming 2013. Mentre scendeva nella manche di libera si è trovato un lisciatore in mezzo alla pista, superandolo sulla sinistra e proseguendo nella sua prova. Arrivarono poi le scuse di Hujara, e Sandro chiuse con il 16/o tempo.

 

SECONDA PARTE

 


(mercoledì 30 dicembre 2015)



@RIPRODUZIONE RISERVATA

  • mercoledì 20 novembre 2019

    50 anni del Ghedo: la mitica spaccata a Kitz

    mercoledì 20 novembre 2019

    I Norvegesi per Levi: torna Nina Loeseth

    martedì 19 novembre 2019

    Cortina 2021:i 50 anni di Ghedina e un nuovo salto

  • mercoledì 23 ottobre 2019

    Kristoffersen rinnova con Rossignol fino al 2022

    mercoledì 23 ottobre 2019

    I 15 Norvegesi per Soelden

    martedì 15 ottobre 2019

    Kristoffersen: "finalmente ho un team personale"

  • lunedì 23 settembre 2019

    Coppa senza Hirscher, cosa accadrà?

    venerdì 6 settembre 2019

    Hirscher Day: le reazioni

    martedì 6 agosto 2019

    Marc Gisin e JB Grange son tornati sugli sci


    Tutt i commenti disponibili:
    1 | Admin il 30/12/2015 14.48.05
    SECONDA PARTE - DRONI E CAPRIOLI Passiamo poi al gennaio 2006, a St.Moritz, discesa libera femminile: Michaela Dorfmeister sta affrontando la Corviglia a oltre 100 km/h quando all'improvviso un guardiaporte attraversa il tracciato. La campionessa austriaca lo evita per un soffio, proseguendo la prova, arriva al traguardo sotto shock e fa comunque segnare il quarto tempo! [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=hX53RrH4YEk[/youtube] In questo elenco non mancano certo gli Azzurri: nella discesa libera di Garmisch del 1997 Pietro Vitalini sta facendo segnare ottimi intermedi quando all'atterraggio dal salto del Eishang, si ritrova uno spettatore che a pelle di leone attraversa la pista. Il grande 'Alitalia' lo sfiora, lo evita e si ferma. Tornato in partenza chiude secondo alle spalle di Alphand! [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=xcYY-u8BH-8[/youtube] rr Purtroppo in altre occasioni non andò così bene. Prima prova cronometrata della libera femminile dei Mondiali di Sierra Nevada 1996 (miglior tempo per Isolde Kostner): la russa Tatiana Lebedeva affronta il salto 'Geronimo' e in atterraggio si scontra ad altissima velocità con Harald Schoenhaar, americano di origine tedesca, ex tecnico dei fratelli Mahre e poi tecnico FIS. Impatto durissimo e gamba destra della russa che si sfracella contro la sinistra dell'americano: frattura multipla non esposta della tibia e del perone, e per Tatiana fu l'ultima gara della carriera. [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=GtLUI4_aJm0[/youtube] Nell'ottobre del 2001 un incidente simile, in allenamento a Pitztal, costò la vita a Regine Cavagnoud, che si scontrò contro l'allenatore tedesco Markus Anwander, nascosto da un dosso alla vista della sfortunata velocista francese. Infine chiudiamo con un altro scontro in pista dall'esito fatale: il 29 gennaio 1994 la campionessa austriaca Ulrike Maier stava scendendo sulla pista Kandahar di Garmisch, in prova, e cadde sul tratto finale della pista, a oltre 100 km/h, scivolando sul bordo del tracciato e sbattendo violentemente contro un mucchio di neve che nascondeva un paletto con la fotocellula del cronometro. Nell'impatto Ulrike perse il casco e rimbalzò esanime sulla pista: morì sul colpo per la rottura delle vertebre cervicali, a soli 27 anni. Il processo stabilì in seguito che 'Ulli' fu probabilmente uccisa dall'impatto con un cumulo di neve a bordo pista, scagionando gli organizzatori da ogni colpa.
    2 | didibi il 30/12/2015 15.09.40
    L'incidente di Kristoffersen era del 2014 non 2011 e il tipo era uno di Infront tanto per cambiare [:)] E nel 2012 sempre ad Adelboden Feuz per poco non si scontrò con il direttore di pista. E quando Cretier di infortunò in Gardena Maier partì subito dopo e si vide venire incontro dalla parte opposta il medico dei transalpini. Anche in quel caso Hujara rimase molto "calmo" [:D] Però la gara degli orrori par excellence fu a mio avviso lo slalom femminile dei mondiali di St. Anton
    3 | Hundschopf il 30/12/2015 15.47.37
    Bell'articolo [:)] Bello anche il servizio del tg1 su Vitalini, alla fine forse è stato meglio così: vincendo "solamente" la gara Pietro forse non sarebbe finito sul più seguito tg nazionale



      Cerca una parola nelle news:        

      Ultime 15 Notizie correlate: (Kristian Ghedina Marc Gisin Sandro Viletta Henrik Kristoffersen Pietro Vitalini Michaela Dorfmeister Tatiana Lebedeva Regine Cavagnoud Ulrike Maier )

      [20/11/2019] 50 anni del Ghedo: la mitica spaccata a Kitz
      [20/11/2019] I Norvegesi per Levi: torna Nina Loeseth
      [19/11/2019] Cortina 2021:i 50 anni di Ghedina e un nuovo salto
      [23/10/2019] Kristoffersen rinnova con Rossignol fino al 2022
      [23/10/2019] I 15 Norvegesi per Soelden
      [15/10/2019] Kristoffersen: "finalmente ho un team personale"
      [23/09/2019] Coppa senza Hirscher, cosa accadrà?
      [06/09/2019] Hirscher Day: le reazioni
      [06/08/2019] Marc Gisin e JB Grange son tornati sugli sci
      [07/06/2019] Kristoffersen-Skidforbundet: accordo trovato!
      [06/06/2019] Kristoffersen: "punto a slalom e gigante"
      [07/05/2019] Marc Gisin è tornato in Val Gardena
      [06/05/2019] Caso Kristoffersen:tribunale respinge le richieste
      [05/05/2019] I Norvegesi per la stagione 2019/2020
      [29/04/2019] Steve Skavik nuovo DT della Norvegia

      Altre notizie di Coppa del Mondo:

      [21/11/2019] Tedeschi e Austriaci per Levi: torna Schwarz
      [21/11/2019] Katharina Gallhuber torna in gara a Levi
      [20/11/2019] 50 anni del Ghedo: la mitica spaccata a Kitz
      [20/11/2019] I Norvegesi per Levi: torna Nina Loeseth
      [20/11/2019] Nor-Am Copper: doppietta per Lila Lapanja
      [20/11/2019] Matteo Marsaglia e Melesi si infortunano a Copper
      [20/11/2019] Guadagnini: "in SL è stato fatto uno step avanti"
      [20/11/2019] Tanti Azzurri a Copper.Inner ancora in dubbio
      [20/11/2019] Gruppo Coppa Europa maschile verso Trysil
      [19/11/2019] Gigantisti al lavoro a Livigno,torna Ballerin
      [19/11/2019] Stagione finita per Charlotta Saefvenberg
      [19/11/2019] Cortina 2021:i 50 anni di Ghedina e un nuovo salto
      [19/11/2019] Slalomisti azzurri approdano a Levi
      [18/11/2019] Serio infortunio per Nicole Good
      [18/11/2019] Cornelia Huetter torna sulla neve
      [18/11/2019] Michelle Gisin presenta il libro del suo oro
      [17/11/2019] Innerhofer sempre più vicino al rientro
      [17/11/2019] Semaforo verde FIS per Lake Louise
      [16/11/2019] Elena Curtoni e le sorelle Delago verso Copper
      [16/11/2019] Francesi e Svizzeri per Levi
      [16/11/2019] Operazione riuscita per Elena Fanchini
      [14/11/2019] Luce verde per la tappa di Levi
      [13/11/2019] Le 6 Azzurre per Levi, dentro Gulli
      [12/11/2019] Liensberger torna ad allenarsi con le compagne
      [12/11/2019] Casa Bode Miller si allarga: nati i due gemellini
      [12/11/2019] Solda: cancellate per maltempo le gare Fis
      [12/11/2019] Marco Schwarz ritorna in gara a Levi
      [12/11/2019] La Aloch pronta ai nastri di partenza
      [12/11/2019] I nove slalomisti azzurri per Levi
      [11/11/2019] Zinal: allenamento per 7 slalomiste
      [11/11/2019] Manuel Feller è diventato papà
      [11/11/2019] Azzurre verso gli Usa, Schnarf resta a casa
      [11/11/2019] Brignone: "A Lake Louise solo superG".
      [10/11/2019] GP Italia 2019/2020: regole e calendari
      [10/11/2019] Solda: stage per Osservati centro-sud
      [08/11/2019] Il caso Liensberger non è ancora risolto

      Altre notizie Fantaski:

      [26/03/2019] La Thuile: diamo una manche al Telefono Azzurro
      [23/02/2018] Fantanotti Olimpiche - Analisi dei Giochi 2018
      [06/02/2018] Aperte le FantaOlimpiadi 2018!
      [14/12/2017] Fantaski.it disponibile anche su Telegram !
      [05/12/2017] A La Thuile stagione aperta dal 2 dicembre
      [03/11/2017] Fantaski 2018 - mercato maschile aperto fino Levi
      [05/12/2016] Aperto il primo mercato - stagione 2016/2017
      [13/11/2016] A Milano di scena il Big Air Snowboard
      [21/03/2016] La Thuile: il 9 Aprile gara per Telefono Azzurro
      [26/02/2016] La Thuile: 1/a Gara dei Sogni in favore di FISIP



     
    titoletto copyright fantaski
     baffo fantaski titoletto contatti baffo fantaski titoletto riconoscimenti