separatore
icona fisi  
 icona fantaski titoletto linguaicona italia icona bandiera italia icona bandiera svizzeraicona bandiera inglese icona bandiera inglese icona bandiera americanatitoletto tedesco icona bandiera germania icona bandiera austria icona bandiera svizzeratitoletto francia icona bandiera francia icona bandiera svizzera 
fantaski_header
icona baffo fantaski titoletto home icona baffo fantaski titoletto cosa fantaski icona baffo fantaski titoletto faq help icona baffo fantaski titoletto regolamento icona baffo fantaski titoletto forum icona baffo fantaski titoletto fotogallery  
venerdì 22 novembre 2019 - ore 13.04 
banner 120x90
titoletto coppa del mondo
separatore
titoletto coppa fantaski
separatore
titoletto gioca fantaski

Girardelli e Co: quelli che han cambiato bandiera

Clicca sulla foto per ingrandire
Girardelli M.
Girardelli M.
commenti 8 Commenti icona rss

Il 'caso Fenninger', attualissimo in queste ore, ci dà lo spunto per parlare degli atleti, più o meno famosi, che nel Circo Bianco e Rosa hanno deciso di cambiare nazionalità. Impossibile elencarli tutti, ma vediamo almeno i casi più famosi o più recenti.

Il primo nome che viene in mente a tutti gli appassionati è certamente Marc Girardelli (AUT -> LUX), nato a Lustenau, Austria, nel 1963 (con nonno italiano). Fin da bambino mette in luce le sue qualità, e a 12 anni si fa conoscere a livello internazionale  vincendo slalom e gigante del Trofeo Topolino.
Papà Helmut lo allena personalmente, con i suoi metodi, ma la federazione austriaca non è d'accordo: si arriva alla rottura, e dal 1977 Marc scierà per il Lussemburgo.
Esordisce in Coppa del Mondo nel 1980: nella sua straordinaria carriera vince 4 Coppe del Mondo (100 podi di cui 46 vittorie), 11 medaglie Mondiali (4 ori, 4 argenti, 3 bronzi) e 2 argenti Olimpici (superg e gigante ad Albertville 1992)

Josef 'Pepi' Strobl (AUT -> SLO), velocista classe 1974, tirolese di Holzgau, vinse 7 volte in CdM tra il 1994 e il 2000, correndo per la bandiera austriaca.
Nel febbraio 2003, per protestare contro la mancata convocazione ai Mondiali di St.Moritz, annunciò l'intenzione di cambiare federazione e dalla stagione 2004/2005 corse per la Slovenia, fermandosi però subito per infortunio e ritirandosi definitivamente nel 2006.

Kilian Albrecht (AUT -> BUL), slalomista classe 1973 di Au, esordisce in Coppa nel 1995. Tra il 2000 e il 2002 ottiene i suoi migliori risultati: una ventina di volte nei top10 tra cui due secondi posti (Sestriere 2000 e Kitz 2002). Alle Olimpiadi 2002 conquista un clamoroso 'legno' in slalom chiudendo a 4 centesimi dal connazionale Benni Raich, bronzo.
Messo fuori squadra, nel 2006 Kilian passa alla Bulgaria e nel 2008 torna a punti in CdM, circuito che ha frequentato fino al 2011. A Vancouver 2010 è 20/o in slalom. In seguito Kilian è stato portavoce della commissione atleti ed ora è manager di Mikaela Shiffrin.

Fritz Dopfer (AUT -> GER), slalomgigantista classe 1987, in attività, è nato a Innsbruck da padre tedesco e madre austriaca. Nei primi mesi del 2007 diventa vicecampione nazionale austriaco juniores in slalom e gigante, e per l'Austria partecipa ai Mondiali Juniores 2007 di Flachau, entrando nei top10 in slalom, gigante e superg. Nella primavera dello stesso anno passa alla Germania che lo fa esordire in Coppa del Mondo a Soelden. Dalla stagione 2012 il salto di qualità: entra stabilmente nei top10 della classifica di slalom e gigante, conquistando 8 podi in CdM e l'argento mondiale in slalom a Vail 2015.

Chiudiamo la nostra carrellata di 'casi austriaci' con Claudia Riegler (AUT -> NZL) ed Elfriede 'Elfi' Eder (AUT -> GRN). La prima, classe 1976 salisburghese di Ebenau, ha corso le prime gare giovanili con l'Austria, passando 17enne alla Nuova Zelanda (nazione della mamma), conquistando 8 podi di cui 4 vittorie in Coppa del Mondo e sfiorando la medaglia mondiale in Sierra Nevada, in slalom.
La Eder, slalomista classe 1979, salisburghese di Leogang, ha corso con l'Austria fino al 1997, conquistando 3 vittorie e 4 podi, e vincendo la Coppa di specialità nel 1996. Sempre per l'Austria vinse un bronzo mondiale a Morioka '93 e un argento olimpico a Lillehammer 1994. Ma nell'estate 1997 litigò con la OESV che aveva licenziato il suo allenatore storico, con il quale Elfi pretendeva di continuare a lavorare e passò sotto la bandiera di Grenada. Per l'isola caraibica corse qualche gara in CdM (andando a punti) nel 1998/1998, partecipò ai Mondiali di Vail 1999 e a fine stagione si ritirò.

SECONDA PARTE


(giovedì 14 maggio 2015)



@RIPRODUZIONE RISERVATA

  • martedì 8 ottobre 2019

    Claudia Riegler consulente per l'Italia di Atomic

    domenica 6 ottobre 2019

    Circo Rosa: come stanno le infortunate (2020)

    lunedì 30 settembre 2019

    SAC Antillanca: assegnate le coppe di SL e GS

  • sabato 21 settembre 2019

    Ushuaia: per Midali vittoria nel gigante FIS

    sabato 8 giugno 2019

    La Germania accoglie ufficialmente Baumann

    martedì 15 gennaio 2019

    Anna Veith: "So come tornare ancora una volta"

  • sabato 12 gennaio 2019

    Stagione finita per Anna Veith, rottura legamento

    giovedì 1 novembre 2018

    Marcel Hirscher sportivo dell'anno in Austria

    mercoledì 24 ottobre 2018

    Gli 11 Tedeschi per Soelden


    Tutt i commenti disponibili:
    1 | Admin il 14/05/2015 18.01.47
    Chiuso il capitolo austriaco proseguiamo la rassegna con tre casi italiani. Mirko 'Deflo' Deflorian (ITA -> MDA), gigantista di Tesero (Trentino) classe 1980, nel 2002 è in squadra nazionale, e nel 2004 esordisce in Coppa del Mondo, a Kranjska Gora, con un ottimo 21/o posto. Nella stagione seguente è 5/o in Isere, suo miglior risultato della carriera, ma nelle due annate successive fa sempre più fatica ad entrare nei top30. Nella stagione 2008 riparte dalla Coppa Europa, vincendo a Hinterstoder, ma a febbraio viene trovato positivo ad un controllo antidoping (cocaina) durante una gara FIS valevole per il campionato italiano juniores. Viene assolto nel settembre dello stesso anno, ma è ormai fuori squadra e si allena con le Fiamme Gialle, poi, a dicembre, in appello, viene squalificato per 18 mesi. Scontata la squalifica, Mirko torna a gareggiare in Coppa Europa nel 2009/2010 (9/o e 10/o in Val Sarentino in discesa e superg). Nell'estate 2010 passa alla Moldavia, con l'obiettivo di gareggiare a Garmisch 2011, dove chiude 14/o in superk. Per la repubblica balcanica corre la CdM 2012 e 2013 e i Mondiali di Schladming, senza risultati di rilievo. Chiusa la carriera, dalla scorsa estate è coach del Comitato Trentino ed Istruttore Nazionale. Anche Alexandra Coletti (ITA -> MON) ha lasciato il tricolore: nata a Monte Carlo nel 1983 da mamma monegasca, entra in squadra nazionale all'inizio dello scorso decennio, chiudendo 4/a il superg dei Mondiali Juniores di Serre Chevalier 2003. Nel febbraio 2001 esordisce in Coppa del Mondo, andando a punti per la prima volte nel dicembre 2003. Nell'estate 2005 passa alla federsci del Principato di Monaco (con Livio Magoni!), con la quale partecipa a Torino 2006, Vancouver 2010, Sochi 2014 e a ben 5 Mondiali. Nonostante i mille infortuni Alexandra è ancora in attività: a gennaio è stata 28/a a Cortina in discesa. Per ultimo Jeffrey Frisch (ITA -> CAN): nato a Bressanone nel 1984 da mamma canadese e papà altoatesino, Jeffrey ha corso per il tricolore fino al 2004, gareggiando anche in Coppa Europa. Poi, vuoi per i risultati, vuoi per un infortunio, sapeva che non sarebbe entrato in nazionale e decise di passare al Canada, per inseguire il sogno di arrivare in Coppa del Mondo. Nella stagione 2005 corre in Nor-Am e si guadagna l'ingresso nella nazionale canadese. Nel 2006 fa il posto fisso in discesa grazie alla Nor-Am e nella stessa stagione debutta in CdM. Suo miglior risultato è un 7/o posto a Kvitfjell nel 2007; dalla primavera 2014 è escluso dalla nazionale, ma conquista il posto fisso in CdM vincendo la classifica di superg in Nor-Am e chiudendo 3/o quella di discesa. Proseguiamo con altri casi che gli appassionati ricorderanno: lo svizzero Urs Imboden (SUI -> MDA) ha corso per la svizzera in CdM dal 1997 al 2006 conquistando un 5/o posto nel 2000. Messo fuori squadra, passa alla Moldavia, e seguono due stagioni senza risultati di rilievo. Nel 2009 è 31/o in classifica finale di specialità e nel 2010 addirittura 18/o con uno splendido 7/o tempo ad Adelboden, suo miglior risultato in carriera. La rumena Edit Miklos (ROU -> HUN), in attività, passa nel gennaio 2011 all'Ungheria: è 7/a a Sochi 2014 in discesa mentre lo scorso gennaio a St.Moritz sale sul terzo gradino del podio nella stessa specialità, "storico" perchè il primo per l'Ungheria nello sci alpino. Nato a Fiume nel 1985, il croato Dalibor Samsal (CRO -> HUN) ha corso per la sua nazionale fino all'ottobre 2014, andando tre volte a punti in CdM. Dalla scorsa stagione corre per l'Ungheria: 11 gare e 0 punti il bilancio finora. Dopo 5 stagioni in CdM (2005-2009) con un solo risultato nei top30, lo sloveno Alek Glebov (SLO -> RUS), nato a Maribor nel 1983, si ferma per due stagioni e dal giugno 2011 torna a gareggiare per la Russia. Nel marzo 2013 sale sul podio in Coppa Europa, in superg a Sochi; nella scorsa stagione è stato 26/o in superg a Beaver Creek, ha rappresentato la Russia ai Mondiali 2013, 2015 e alle Olimpiadi di Sochi 2014. Concludiamo con la 'mammina' del Circo Bianco Sarah Schleper (USA -> MEX): cresciuta sciisticamente a Vail, con la nazionale USA ha corso 184 gare di Coppa, 5 Mondiali e 4 Olimpiadi, collezionando 4 podi (slalom e gigante) tra cui la vittoria a Lenzerheide nel 2005. Ritiratasi nel dicembre 2011, nel maggio del 2014 riceve la cittadinanza messicana dopo aver sposato nel 2007 Federico Gaxiola De La Lama e annuncia la volontà di partecipare ai Mondiali di Vail 2015 sotto quella bandiera. Nell'ottobre 2014 è a Soelden per l'opening di CdM ma salta nella prima manche mentre ai Mondiali, in gigante, è 50/a, nonchè la più anziana in gara. Ma come si fa a cambiare nazione? Completiamo questo articolo prendendo in mano il corposo "The International Ski Competition Rules - Book IV Joint Refulations for Alpine Skiing" (edizione luglio 2013), documento ufficiale della FIS. Il paragrafo 203.5 dice che tutte le richieste di passaggio da una NSA (National Ski Association) all'altra devono essere soggette all'approvazione del Consiglio FIS. L'atleta prima deve ottenere la cittadinanza e il passaporto della nazione per la quale vuole competere, deve dimostrare di avere la residenza nella nuova nazione per i due anni precedenti alla richiesta, eccetto chi è nato in quella nazione o ne sono cittadini madre o padre. Ovviamente l'atleta deve dettagliare i motivi per cui richiede il cambio. Se un atleta ha già corso gare FIS per una determinata NSA deve avere da questa un nulla osta (e conserva i punti FIS), altrimenti non può gareggiare per 12 mesi. Le regole sono valide anche per chi ha doppio passaporto.
    2 | GM1966 il 14/05/2015 20.35.29
    Tra i casi austriaci va citato anche quello che forse è stato il primo in ordine di tempo: Manfred Grabler da AUT a AUS. Altri casi sparsi qua e la: Elena Matous da ITA a RSM a IRAN Alex Mair da ITA a HUN Gemelle Tlalka-Mogore da POL a FRA Markus Eberle da AUT a GER Katharina Tichy da CZE a CAN Stanley Hayer da CAN a CZE Tuttora in attività c'è un certo Smith americano che corre per l'Estonia.
    3 | TEX il 14/05/2015 21.18.23
    Questo signore qua...per un periodo punta di diamante della nazionale (credo) brasiliana di sci alpino... Immagine:

    161,69 KB
    4 | didibi il 14/05/2015 21.36.49
    Quando Urs Imboden correva per la Moldavia - che per inciso n o n è un paese balcanico - la tv svizzera ne dava sempre il risultato perché era comunque il miglior svizzero in gara se non addirittura l'unico. Ora lavora a Davos alla scuola dello sport. Per quanto riguarda il nonno di Girardelli a voler essere pignoli (tra l'altro una mia specialità [:D]) non era italiano ma austriaco di lingua italiana e precisamente tirolese della Valsugana. Una ultima particolarità è il Kleinwalsertal austriaco raggiungibile solo dalla Germania via Oberstdorf, luogo dei famosi trampolini del torneo. Gli atleti partecipano alle gare in Algovia piuttosto che nel Vorarlberg e poi decidono se gareggiare per il DSV o OESV. Steffi Schuster e Markus Eberle sono due atleti di là p.e.
    5 | Admin il 14/05/2015 22.32.51
    grazie dibibi, anche se mi son basato su questo ;) http://it.wikivoyage.org/wiki/Balcani Mi divertiva l'idea di fare un excursus il più possibile completo sugli atleti accumunati da questa caratteristica...
    6 | didibi il 14/05/2015 22.53.06
    Admin ha scritto: Mi divertiva l'idea di fare un excursus il più possibile completo sugli atleti accumunati da questa caratteristica...
    In effetti molto interessante anche perché alcuni nomi per me erano un poco caduti nel dimenticatoio. C'è poi adesso tutta una generazione di sciatori figli di genitori con nazionalità diverse come i già citati Dopfer e Frisch e anche Marcel Hirscher la cui mamma è olandese e un altro austriaco di cui mi sfugge il nome con mamma belga e così via che movimentano l'ambiente. P.e Hirscher sotto questo punto di vista avrebbe meno problemi della Fenninger di cambiare casacca.
    7 | draghetto il 16/05/2015 11.14.26
    Potrebbe esser citata anche Alessia Di Pol, che ha rappresentato il Togo alle Olimpiadi. Quanto ai Balcani, bisogna dire che i confini della regione Balcanica sono una ragione di dissenso e dibattito tra i geografi (ad esempio sull'appartenenza della Slovenia e della Romania alla regione), ma questa non include certamente la Moldavia, anche perché quando questa denominazione è emersa la Moldavia non era uno stato indipendente.
    8 | jos235 il 18/05/2015 13.01.51
    Ce ne sono tanti.. anche Valcareggi e Pastore



      Cerca una parola nelle news:        

      Ultime 15 Notizie correlate: (Cambio Nazionalità Anna Fenninger Marc Girardelli Josef Strobl Killian Albrecht Fritz Dopfer Claudia Riegler Elfi Eder Mirko Deflorian Alexandra Coletti Jeffrey Frisch Urs Imboden Edit Milos Alek Glebov Dalibor Samsal Sarah Schleper )

      [08/10/2019] Claudia Riegler consulente per l'Italia di Atomic
      [06/10/2019] Circo Rosa: come stanno le infortunate (2020)
      [30/09/2019] SAC Antillanca: assegnate le coppe di SL e GS
      [21/09/2019] Ushuaia: per Midali vittoria nel gigante FIS
      [08/06/2019] La Germania accoglie ufficialmente Baumann
      [15/01/2019] Anna Veith: "So come tornare ancora una volta"
      [12/01/2019] Stagione finita per Anna Veith, rottura legamento
      [01/11/2018] Marcel Hirscher sportivo dell'anno in Austria
      [24/10/2018] Gli 11 Tedeschi per Soelden
      [23/10/2018] I 10+11 Austriaci per Soelden
      [23/10/2018] Dopo quattro anni Anna Veith torna sul Rettenbach
      [28/06/2018] Hirscher e Veith premiati al congresso OESV
      [20/06/2018] Alster nuovo coach delle velociste austriache
      [16/05/2018] Le squadre tedesche per la stagione 2018/2019
      [07/05/2018] La squadra Austriaca per la stagione 2018/2019

      Altre notizie di Coppa del Mondo:

      [22/11/2019] Niente Lake Louise per Innerhofer e Marsaglia
      [22/11/2019] Lindsey Vonn presenta "RISE", la sua biografia
      [22/11/2019] Esce lunedì la biografia di Marcel Hirscher
      [22/11/2019] Controllo neve positivo a Killington
      [21/11/2019] Tedeschi e Austriaci per Levi: torna Schwarz
      [21/11/2019] Katharina Gallhuber torna in gara a Levi
      [20/11/2019] 50 anni del Ghedo: la mitica spaccata a Kitz
      [20/11/2019] I Norvegesi per Levi: torna Nina Loeseth
      [20/11/2019] Nor-Am Copper: doppietta per Lila Lapanja
      [20/11/2019] Matteo Marsaglia e Melesi si infortunano a Copper
      [20/11/2019] Guadagnini: "in SL è stato fatto uno step avanti"
      [20/11/2019] Tanti Azzurri a Copper.Inner ancora in dubbio
      [20/11/2019] Gruppo Coppa Europa maschile verso Trysil
      [19/11/2019] Gigantisti al lavoro a Livigno,torna Ballerin
      [19/11/2019] Stagione finita per Charlotta Saefvenberg
      [19/11/2019] Cortina 2021:i 50 anni di Ghedina e un nuovo salto
      [19/11/2019] Slalomisti azzurri approdano a Levi
      [18/11/2019] Serio infortunio per Nicole Good
      [18/11/2019] Cornelia Huetter torna sulla neve
      [18/11/2019] Michelle Gisin presenta il libro del suo oro
      [17/11/2019] Innerhofer sempre più vicino al rientro
      [17/11/2019] Semaforo verde FIS per Lake Louise
      [16/11/2019] Elena Curtoni e le sorelle Delago verso Copper
      [16/11/2019] Francesi e Svizzeri per Levi
      [16/11/2019] Operazione riuscita per Elena Fanchini
      [14/11/2019] Luce verde per la tappa di Levi
      [13/11/2019] Le 6 Azzurre per Levi, dentro Gulli
      [12/11/2019] Liensberger torna ad allenarsi con le compagne
      [12/11/2019] Casa Bode Miller si allarga: nati i due gemellini
      [12/11/2019] Solda: cancellate per maltempo le gare Fis
      [12/11/2019] Marco Schwarz ritorna in gara a Levi
      [12/11/2019] La Aloch pronta ai nastri di partenza
      [12/11/2019] I nove slalomisti azzurri per Levi
      [11/11/2019] Zinal: allenamento per 7 slalomiste
      [11/11/2019] Manuel Feller è diventato papà
      [11/11/2019] Azzurre verso gli Usa, Schnarf resta a casa

      Altre notizie Fantaski:

      [26/03/2019] La Thuile: diamo una manche al Telefono Azzurro
      [23/02/2018] Fantanotti Olimpiche - Analisi dei Giochi 2018
      [06/02/2018] Aperte le FantaOlimpiadi 2018!
      [14/12/2017] Fantaski.it disponibile anche su Telegram !
      [05/12/2017] A La Thuile stagione aperta dal 2 dicembre
      [03/11/2017] Fantaski 2018 - mercato maschile aperto fino Levi
      [05/12/2016] Aperto il primo mercato - stagione 2016/2017
      [13/11/2016] A Milano di scena il Big Air Snowboard
      [21/03/2016] La Thuile: il 9 Aprile gara per Telefono Azzurro
      [26/02/2016] La Thuile: 1/a Gara dei Sogni in favore di FISIP



     
    titoletto copyright fantaski
     baffo fantaski titoletto contatti baffo fantaski titoletto riconoscimenti