separatore
icona fisi  
 icona fantaski titoletto linguaicona italia icona bandiera italia icona bandiera svizzeraicona bandiera inglese icona bandiera inglese icona bandiera americanatitoletto tedesco icona bandiera germania icona bandiera austria icona bandiera svizzeratitoletto francia icona bandiera francia icona bandiera svizzera 
icona baffo fantaski titoletto home icona baffo fantaski titoletto cosa fantaski icona baffo fantaski titoletto faq help icona baffo fantaski titoletto regolamento icona baffo fantaski titoletto forum icona baffo fantaski titoletto fotogallery  
domenica 22 settembre 2019 - ore 13.56 
banner 120x90
titoletto coppa del mondo
separatore
titoletto coppa fantaski
separatore
titoletto gioca fantaski

Vail 2015: Grange slalom d'oro. Italia a secco

Clicca sulla foto per ingrandire
Vai al profilo di Grange J.
commenti 19 Commenti icona rss

Cogliendo tutti di sorpresa il francese Jean-Baptiste Grange conquista l'oro Mondiale a Vail 2015 nello slalom speciale che chiude il programma della rassegna iridata, bissando il successo di Garmisch 2011 e conquistando la terza medaglia mondiale dopo il bronzo di Are 2007.

Esplode il sorriso del transalpino, che un lungo elenco di infortuni aveva bloccato la sua carriera nel momento migliore. Poi la risalita verso i piani alti, con il 6/o posto di Adelboden come miglior risultato in questa stagione.
Grange ha sciato con precisione affrontando i passaggi chiave e continuando a spingere senza sbavature, mettendo in pista grinta e tecnica, trovando quindi il compromesso migliore tra precisione e velocità.

Dopo una prima manche chiusa con Hirscher e Khoroshilov davanti a tutti, ti aspetti che siano loro due a lottare per le medaglie, visti anche i risultati di stagione, ma lo sci è uno sport imprevedibile e lo slalom lo è ancor di più: il russo si perde nel tracciato filante e veloce tracciato dall'allenatore azzurro Stefano Costazza, mentre l'austriaco, che difendeva il titolo, perde progressivamente i quasi 9 decimi di vantaggio fino ad inforcare, proprio lui che può vantare 2 inforcate nelle ultime 30 gare o giù di li...ma quasi certamente sarebbe finito alle spalle del francese anche senza quell'errore.

Un finale thriller, una gara piena di colpi di scena, iniziata con una prima frazione lentissima ed angolata, decisamente rovinata (dal punto di vista dello spettacolo) dal tracciatore norvegese Mitter, su cui è bene che la FIS rifletta per il futuro (magari leggendosi le numerose critiche pervenute dagli stessi atleti, come Raich e Lizeroux)

Si rimescola quindi la classifica finale e il podio si tinge di nero-rosso-giallo con l'argento e il bronzo per i tedeschi Fritz Dopfer e Felix Neureuther.

Per ironia della sorte il 'legno' odierno va al norvegese Kristoffersen, per soli due centesimi, terzo nella manche decisiva, ma solo 9/o in quella tracciata dal suo allenatore che avrebbe dovuto, e voluto, favorirlo.

L'Italia dello slalom ci ha provato, in particolare nella seconda, il risultato finale è l'11/o posto di Manfred Moelgg, unico al traguardo delle due manche, ma i nostri portacolori non si sono risparmiati. Il marebbano ha dato tutto quello che poteva in queste condizioni di forma, purtroppo era ovvio che l'infortunio al tendine d'Achille patito in pieno agosto avrebbe compromesso la stagione, ma può comunque sorridere per quanto fatto in gennaio e in questa gara.
Giuliano Razzoli è uscito nella prima dopo 35 secondi, mentre viaggiava vicinissimo ai migliori; Stefano Gross e Patrick Thaler sono usciti dal cancelletto nella seconda rischiando tutto, cercando di recuperare dall'11/o e 14/o posto. Gross ha inforcato arrivando lungo su un dosso, mentre 'Thali' si è preso tutti rischi ma è arretrato troppo ed è uscito, un risultato nei top10 era possibile.

Per l'Italia, ora possiamo dirlo ufficialmente, questo Mondiale si chiude con 'zeru tituli', zero medaglie come nelle edizioni del 1999 e del 1989. E questo impone una serie di attente riflessioni.

Chiudono la top10 Mattias Hargin 5/o, Andre Myhrer 6/o, Markus Larsson 7/o, Alexander Khoroshilov 8/o, Sebastian Foss-Solevaag 9/o e Linus Strasser 10/o.
Per un soffio entra nei top30 anche il sorprendente spagnolo Joaquim Salarich, vincitore delle qualifiche, tempo più alto, 48/o a 58 secondi, per il principe Hubertus Von Hohenlohe, classe 1959.

Il Mondiale 2015 termina oggi, ora riprende la Coppa del Mondo per l'ultima parte di stagione, con le prove veloci di Saalbach in programma sabato e domenica prossimi.


(lunedì 16 febbraio 2015)



@RIPRODUZIONE RISERVATA

  • lunedì 26 agosto 2019

    I gigantisti partono per Ushuaia

    giovedì 15 agosto 2019

    Neureuther e Gossner saranno nuovamente genitori

    giovedì 8 agosto 2019

    La Francia si allena a Breuil-Cevinia

  • martedì 6 agosto 2019

    Marc Gisin e JB Grange son tornati sugli sci

    martedì 6 agosto 2019

    Azzurri tra Stelvio e Amneville

    lunedì 22 luglio 2019

    Imola: i campioni FISI in pista con Audi

  • mercoledì 17 luglio 2019

    Slalomgigantisti e gruppo A2 allo Stelvio

    martedì 2 luglio 2019

    ARD: Maria Riesch lascia il posto a...Neureuther?

    giovedì 27 giugno 2019

    JB Grange: "amo allenarmi e gareggiare"


    Tutt i commenti disponibili:
    1 | GM1966 il 16/02/2015 8.53.45
    Non resta che cercare di chiudere dignitosamente la stagione, poi si tireranno le conclusioni.
    2 | Wolf III il 16/02/2015 9.17.36
    Sono molto deluso degli azzurri ma contento per Grange.
    3 | Umberto il 16/02/2015 11.18.57
    Bravissimi i primi 3!!! cosa si deve aspettare per fare un bilancio italiano? probabilmente rimarrà una stagione discreta macchiata da un mondiale allucinante, non perchè non sono state vinte medaglie, è già capitato in passato che non se ne vincessero e può capitare ahimè... questa volta abbiamo dimostrato il valore di una squadra da terzo mondo dello sci... non possiamo neanche recriminare per la sf**a di un podio mancato per pochi centesimi... fino allo slalom di ieri il mondiale poteva essere paragonato all'olimpiade di Vancouver: neve che non ci piaceva e zero medaglie...poi arrivò Razzoli, ma nel frattempo quanti piazzamenti a ridosso del podio e piccoli centesimi a farci piangere, ricordo il super g maschile... qui a Vail nessun sussulto, a parte Nani e Bassino che ci hanno provato... ma forse sarebbe stato troppo pretendere di vincere medaglie con loro... sono due giovani molto bravi ma che hanno ancora tanto da imparare... leggo l'articolo su La Gazzetta: Rinaldi spara a zero sugli atleti, sostiene che siano anarchici e troppo protetti dalla federazione. Probabilmente sarà anche così, ma facile ora sparare a zero e non ammettere anche le proprie colpe... in condizioni simili credo che le precedenti gestioni sportive abbiano lavorato meglio... io da appassionato posso dire che una percezione così di tutto sbagliato non l'ho mai avuta... nemmeno nel 99... accidenti che delusione... secondo me abbiamo dimostrato un livello tecnico, organizzativo e caratteriale bassissimo... sui livelli della nazionale di calcio brasile 2014 e sud africa 2010...
    4 | sellata il 16/02/2015 11.26.51
    E Roda dice che se i tecnici non riescono a farsi ascoltare dagli atleti è perchè non hanno sufficiente carisma. A marzo ne vedremo delle belle
    5 | Ale85 il 16/02/2015 12.30.19
    Alcuni pensieri sparsi, mentre cerco di sbollire il nervoso[xx(] Sulle "problematiche di spogliatoio" non entro nel merito visto che dalla TV e dalla lettura dei blog non riesco avere il reale polso della situazione: per questo lasciamo fare a chi è dentro quell'ambiente. Inutile negare la delusione di questo mondiale però temo che la voglia di cambiare a tutti i costi possa causare danni maggiori... Ad esempio Rulfi a capo della velocità non lo cambierei nemmeno per tutto l'oro del mondo... Discorso già fatto: dovremmo interrogarci sul perché i nostri tecnici siano richiesti e altrove riescano ad ottenere risultati di un certo tipo. A tal proposito non possiamo certo dire che Livio Magoni non sappia fare il suo lavoro visto che due anni fa vinceva tutto con Tina Maze... ed ora con le gigantiste azzurre? Infine resto sempre dell'idea che l'insuccesso nel grande evento non deve far dimenticare i buoni risultati in coppa: Paris è in lotta per le coppe di discesa e superg, Gross può salire sul podio in quella di slalom... non mi sembra cosa da poco! Anche Torino 2006 fu una delusione per il settore alpino, però Rocca vinse la coppa di slalom e Blardone sfiorò quella di gigante.
    6 | GhiaccioVerde il 16/02/2015 12.53.57
    Bé poco da dire sui nostri ai Mondiali, in queste occasioni scatteranno meccanismi psicologici di inferiorità rispetto alle altre nazioni..secondo me è più lì e sulla squadra che bisogna lavorare, non è possibile attribuire solo alle nevi!!!
    7 | Jeppo il 16/02/2015 13.23.21
    Escludendo ogni considerazione prettamente tecnica su cui ci sono persone su questo forum ben piu` adatte a parlare di me...Sono d'accordo con Ghiaccioverde sui possibili motivi psicologici, guarda a caso i Francesi, che hanno caratteristiche in genere simili alle nostre, nei grandi appuntamenti centrano sempre i risultati, comunque sia andata la stagione. Di esempi ce ne sono a migliaia, Grange ieri, De Tessieres a Schladming, Missilier a Sochi, Chenal e Deneriaz a Torino...A me di medaglia in contotendenza con la stagione d aparte di un'Italiano/a viene in mente solo quella della Fanchini 2 anni fa. Non credo possa essere solo un problema di cambiare tecnici, in questi 10 anni ne saranno cambiati 300 e alcuni sono anche passati da loro a noi, quindi...
    8 | skitzato il 16/02/2015 17.15.55
    Provo a dire la mia,ma è solo un'opinione. Credo che nessun atleta,italiani compresi,quando si trovano al cancelletto di partenza,pensino a perdere,magari il contrario. Spero che la federazione,abbia scelto dei buoni tecnici,e che facciano il proprio lavoro. Detto cio',Tomba non gareggia piu' da un po',ma neanche la Compagnoni. Abbiamo questi atleti,lasciamoli lavorare e magari i risultati arrivano. Lo ribadisco:Non credo che ci stiano a perdere
    9 | GhiaccioVerde il 16/02/2015 17.33.49
    Jeppo aggiungo anche quella di Razzoli. Assolutamente skitzato uno non pensa a perdere, forse è anche per clima di squadra, un forte gruppo e un forte nazionalismo (come quello francese) aiuta e incoraggia a divertirsi e ad aver più fiducia nonostante i periodi bui! Non a caso il nostro inno nazionale "noi siamo da secoli calpesti e derisi perché non siam popolo perché siam divisi" [;)]
    10 | Jeppo il 16/02/2015 17.51.03
    Beh Razzoli pero` quell'anno aveva vinto Zagabria e fatto podio a Kitz. Non era proprio un underdog... Certo quest'anno abbiamo fallito anche e sopattutto nei nostri uomini chiave, oltre a non aver avuto grosse sorprese.
    11 | franz62 il 16/02/2015 18.01.59
    sellata ha scritto:
    E Roda dice che se i tecnici non riescono a farsi ascoltare dagli atleti è perchè non hanno sufficiente carisma. A marzo ne vedremo delle belle
    quindi lui non è in grado di scegliere i tecnici?
    12 | skitzato il 16/02/2015 19.33.30
    franz62 ha scritto:
    sellata ha scritto:
    E Roda dice che se i tecnici non riescono a farsi ascoltare dagli atleti è perchè non hanno sufficiente carisma. A marzo ne vedremo delle belle
    quindi lui non è in grado di scegliere i tecnici?
    quoto
    13 | brunodalla il 16/02/2015 19.51.42
    anche io ho letto le dichiarazioni di roda sui tecnici. mi sembra che le parole esatte che ho letto siano: "se un tecnico non riesce a farsi ascoltare da un atleta, deve cominciare a porsi qualche domanda". a me invece viene da dire che se un presidente ha messo lì dei tecnici che non riescono a farsi ascoltare anche lui deve cominciare a farsi qualche domanda. lo scarica-barile non mi è mai piaciuto, le responsabilità partono sempre dal'alto. mi viene anche da pensare che l'anno scorso a maggio/giugno si è cambiato buona parte dello staff tecnico, e che sempre a maggio/giugno tutte le squadre avevano già stabilito i quadri tecnici e cominciato a lavorare già da un mese, mentre noi......
    14 | didibi il 16/02/2015 20.15.06
    brunodalla ha scritto:
    anche io ho letto le dichiarazioni di roda sui tecnici. mi sembra che le parole esatte che ho letto siano: "se un tecnico non riesce a farsi ascoltare da un atleta, deve cominciare a porsi qualche domanda".
    Le domande che un tecnico che non riesce a farsi ascoltare si porrà sono: L'atleta non mi sta ad ascoltare perché ha le spalle coperte dal presidente che gioca a fare il DT e/o dal suo gruppo sportivo militare e/o dal comitato importante da cui proviene e/o dallo sponsor ? Vale la pena volersi imporre visto l'andazzo ?
    15 | brunodalla il 16/02/2015 20.18.33
    si, credo che queste siano ottime domande da farsi.
    16 | GRINGO il 16/02/2015 22.57.26
    Gia' non mi erano piaciute le parole dopo il team event, poi ha detto che tecnici e allenatori andavano lasciati lavorare in pace, ora questa nuova uscita, penso che sia il primo a doversi mettere in discussione.
    17 | mntr86 il 17/02/2015 11.01.11
    Comuqnue che alcuni atleti facciano quello che vogliano è l'unica cosa sicura,,,soprattutto in campo femminile...
    18 | Ale85 il 17/02/2015 18.41.18
    Nomi? Come già ho scritto, non essendo dentro l'ambiente posso solo farmi un'idea in base a quel che leggo... Mi piacerebbe che su queste cose si facesse maggior chiarezza[:I] PS: non voglio essere polemico, ma - essendo tutti militari sia gli atleti sia i tecnici - non è che facendo quel che vogliono possano rischiare qualche sanzione?
    19 | fabio farg team il 22/02/2015 17.29.11
    Scusate il ritardo ma purtroppo durante la settimana non ho tanto il tempo per scrivere,ma avevo voglia lo stesso di commentare la gara.Comunque sono d'accordo su parecchie cose qua su di voi,tipo il paragone con Vancouver tra Gross e Razzoli;che se vinceva la medaglia Gross a Beaver Creek,aveva fatto come Razzoli a Vancouver.Razzoli aveva vinto sì la gara di Zagabria,ma non dimentichiamoci che Groos quest'anno prima aveva vinto ad Adelboden.Poi come diceva qualche altro non siamo andati a medaglia ai mondiali,però in coppa abbiamo con Gross,Paris ed Elena Fanchini.Per le gara femminili la nostra squadra non poteva fare quasi nulla al cospetto di fenomeni,diciamo così come la Maze,la Fenninger e la Shiffrin. Tornando allo slalom mondiale,Grange vittoria meritata,grande seconda manche.Poi Dopfer buona sciata sempre nella seconda manche,Neurether nonostante qualche errore ha preso la medaglia lo stesso.Hirscher ha inforcato secondo me per essere troppo precipitoso.



      Cerca una parola nelle news:        

      Ultime 15 Notizie correlate: (Mondiali Vail 2015 JB Grange Felix Neureuther Fritz Dopfer Manfred Moelgg )

      [26/08/2019] I gigantisti partono per Ushuaia
      [15/08/2019] Neureuther e Gossner saranno nuovamente genitori
      [08/08/2019] La Francia si allena a Breuil-Cevinia
      [06/08/2019] Marc Gisin e JB Grange son tornati sugli sci
      [06/08/2019] Azzurri tra Stelvio e Amneville
      [22/07/2019] Imola: i campioni FISI in pista con Audi
      [17/07/2019] Slalomgigantisti e gruppo A2 allo Stelvio
      [02/07/2019] ARD: Maria Riesch lascia il posto a...Neureuther?
      [27/06/2019] JB Grange: "amo allenarmi e gareggiare"
      [17/06/2019] Neureuther vince 100mila euro in TV
      [25/05/2019] Prima uscita in bici per Stefano Gross
      [19/05/2019] Felix Neureuther sarà commentatore per la ARD
      [17/05/2019] Le squadre francesi per la stagione 2019/2020
      [02/04/2019] Neureuther cantante? Pesce d'aprile! (a metà)
      [17/03/2019] Soldeu: tris Noel in slalom, 6/o Razzoli

      Altre notizie di Coppa del Mondo:

      [21/09/2019] Salta il City Event di Stoccolma?
      [21/09/2019] Ushuaia: per Midali vittoria nel gigante FIS
      [20/09/2019] Schwzarz torna ad allenarsi coi compagni
      [20/09/2019] Brignone:"buon lavoro che servirà in inverno"
      [20/09/2019] Atomic Day il 10 ottobre senza però Hirscher
      [19/09/2019] Stop per Kira Weidle
      [19/09/2019] Bing Dwen Dwen sarà la mascotte di Pechino 2022
      [18/09/2019] Cerro Castor: riparte la SAC con azzurri sul podio
      [18/09/2019] Olimpiadi 2026: oggi prima riunione
      [16/09/2019] Atleta dell'anno FISI: in lizza Paris e Wierer
      [16/09/2019] Velocisti e slalomisti rientrano da Ushuaia
      [15/09/2019] Clement Noel e Alex Vinatzer entrano in Red Bull
      [15/09/2019] Heinz Peter Platter nuovo coach della Cina
      [13/09/2019] Ushuaia: ultimi arrivi e prime partenze
      [11/09/2019] Rulfi:"programma rispettato,le ragazze stanno bene
      [11/09/2019] Madrid: una medaglia per Blanca Fernandez Ochoa
      [10/09/2019] Inner e Gross allo Stelvio
      [10/09/2019] Elena Curtoni e sorelle Delago verso Ushuaia
      [10/09/2019] Clement Noel rinnova con Dynastar
      [10/09/2019] Cardrona: a Walch e Klomhaus il circuito ANC
      [09/09/2019] Stelvio:stage tecnico per i giovani del centro-sud
      [08/09/2019] Ispezione FIS positiva a La Thuile
      [07/09/2019] Anna Veith rimette gli sci
      [06/09/2019] Hirscher Day: le reazioni
      [06/09/2019] L'addio di Hirscher: l'omaggio di Atomic
      [06/09/2019] Ushuaia: attese polivalenti e slalomiste
      [05/09/2019] Hischer: le tappe di una carriera straordinaria
      [04/09/2019] Marcel Hirscher annuncia: "mi ritiro!"
      [04/09/2019] Ispezione FIS al Sestriere in vista della CdM
      [04/09/2019] Trovata purtroppo morta Blanca Fernandez Ochoa
      [04/09/2019] Hirscher: vigilia di addio o ci ripenserà?
      [02/09/2019] Squadre di Coppa Europa verso Ushuaia
      [02/09/2019] ANC: chiusa la tappa di Coronet Peak
      [02/09/2019] Media austriaci sicuri: Marcel Hirscher si ritira
      [02/09/2019] Ad ottobre la Fisi si presenta
      [01/09/2019] Scomparsa misteriosa di Blanca Fernandez Ochoa

      Altre notizie Fantaski:

      [26/03/2019] La Thuile: diamo una manche al Telefono Azzurro
      [23/02/2018] Fantanotti Olimpiche - Analisi dei Giochi 2018
      [06/02/2018] Aperte le FantaOlimpiadi 2018!
      [14/12/2017] Fantaski.it disponibile anche su Telegram !
      [05/12/2017] A La Thuile stagione aperta dal 2 dicembre
      [03/11/2017] Fantaski 2018 - mercato maschile aperto fino Levi
      [05/12/2016] Aperto il primo mercato - stagione 2016/2017
      [13/11/2016] A Milano di scena il Big Air Snowboard
      [21/03/2016] La Thuile: il 9 Aprile gara per Telefono Azzurro
      [26/02/2016] La Thuile: 1/a Gara dei Sogni in favore di FISIP



     
    titoletto copyright fantaski
     baffo fantaski titoletto contatti baffo fantaski titoletto riconoscimenti