separatore
icona fisi  
 icona fantaski titoletto linguaicona italia icona bandiera italia icona bandiera svizzeraicona bandiera inglese icona bandiera inglese icona bandiera americanatitoletto tedesco icona bandiera germania icona bandiera austria icona bandiera svizzeratitoletto francia icona bandiera francia icona bandiera svizzera 
icona baffo fantaski titoletto home icona baffo fantaski titoletto cosa fantaski icona baffo fantaski titoletto faq help icona baffo fantaski titoletto regolamento icona baffo fantaski titoletto forum icona baffo fantaski titoletto fotogallery  
giovedì 19 settembre 2019 - ore 22.55 
banner 120x90
titoletto coppa del mondo
separatore
titoletto coppa fantaski
separatore
titoletto gioca fantaski

Maria Riesch: "Chiudo la carriera"

Clicca sulla foto per ingrandire
Riesch M.
Foto: deutscherskiverband.de
Vai al profilo di Riesch M.
commenti 10 Commenti icona rss

In una conferenza stampa in programma questa mattina a Monaco, per la consegna della Coppa di discesa che non aveva potuto ritirare a Lenzerheide, Maria Riesch ha annunciato il ritiro dall'attività agonistica, ritiro che era nell'aria viste le dichiarazioni di Maria già ad inizio stagione, decisione sulla quale deve aver influito anche il recente infortunio alle Finali.

"La passione per lo sci è sempre stata alta negli ultimi 15 anni - dichiara una emozionata Maria - e lo sci è stata la principale ragione della mia vita. Non è stata una decisione semplice, volevo comunque lasciare con un grande risultato, e le medaglie olimpiche lo sono. Si apre un capitolo nuovo della mia vita, grazie a tutti per il vostro sostegno."

Nata a Garmisch-Partenkirchen il 24 novembre 1984, Maria è stata una delle più grandi campionesse dell'ultima decade. Si mette in luce nei Mondiali Juniores 2001 a Verbier, con un bronzo in discesa e un argento in superg.
Nella stagione 2001/2002 domina la Coppa Europa, vincendo cinque volte in 30 giorni tra febbraio e marzo, e chiudendo al primo posto con 1144 punti la prima (e unica) vera stagione nel circuito continentale.
La Tedesca è già pronta per il palcoscenico maggiore e nella prima stagione di Coppa coglie subito un podio in combinata a Lenzerheide e due top10 in discesa, andando a punti anche in slalom, gigante e superg.
Nella stagione 2003/2004 vince tre gare (slalom a Levi, discesa e superg ad Haus Im Ennstal) ed altri 4 podi chiudendo al terzo posto della classifica generale, oltre a due ori (gigante, discesa) ai Mondiali Juniores di Maribor.

Inizia con difficoltà la stagione 2004/2005 per una microfrattura alla spalle rimediata in allenamento, è terza in superg a St.Moritz prima di Natale, due settimane più tardi cade in superg a Cortina, lesionando il crociato del ginocchio destro. Stagione finita per la tedesca che dopo un'estate tranquilla si rifà male a settembre in Nuova Zelanda: giusto il tempo di iniziare la stagione e poi, a metà dicembre 2005, cade nel gigante di Aspen rompendo i crociati del ginocchio sinistro, perdendo la stagione olimpica.

Apre la stagione 2006/2007 con una vittoria in discesa a Lake Louise, poi una manciata di risultati nelle top10, chiudendo la generale al 14/o posto.

Dalla stagione 2007/2008, e per le successive 7, Maria diventa una delle protagoniste assolute del Circo Rosa, chiudendo sempre sul podio della classifica generale. La sua rinascita parte dal superg (coppa nel 2008) e superk, con due vittorie e 6 podi nella stagione 2008.

La stagione 2009 è quella della grande rivalità con Lindsey Vonn, e a differenza della precedente Maria diventa imbattibile tra i rapid gates vincendo 4 volte in meno di un mese, cui va aggiunta la vittoria in superk a Tarvisio, e 5 podi tra slalom, discesa e superg. Chiude con 1424 punti con i 1788 dell'americana. Ai Mondiali della Val d'Isere è attesa in tutte le discipline ma solo nell'ultima gara, lo speciale, coglie la medaglia d'oro davanti a Zahrobska e Poutiainen risalendo dal 6/o tempo della prima manche.

Arriva la stagione olimpica 2009/2010, e Maria comincia vincendo a Levi in slalom, primo di una impressionante serie di 14 podi stagionali tra slalom, gigante, discesa e superk. Riesch e Vonn si danno battaglia per tutta la stagione, ma la tedesca chiude le Finali di Garmisch in seconda posizione, 1516 punti con i 1671 dell'amica-rivale, vincendo per il secondo anno consecutivo la Coppa di slalom.
Un mese prima, alle Olimpiadi Vancouver, entra nelle top10 in tutte le gare (prima atleta a riuscirci), vincendo l'oro in superk e in slalom, 8/a in superg e discesa, 10/a in gigante.

Finalmente nella stagione 2011 ...SECONDA PARTE
 


(giovedì 20 marzo 2014)



@RIPRODUZIONE RISERVATA

  • venerdì 6 settembre 2019

    L'addio di Hirscher: l'omaggio di Atomic

    domenica 7 luglio 2019

    Si ritira il canadese Phil Brown

    martedì 2 luglio 2019

    ARD: Maria Riesch lascia il posto a...Neureuther?

  • giovedì 13 giugno 2019

    Margot Bailet saluta il Circo Rosa

    mercoledì 29 maggio 2019

    Si ritira il finlandese Andreas Romar

    sabato 11 maggio 2019

    Jasmine Fiorano dice basta

  • venerdì 10 maggio 2019

    Michelangelo Tentori saluta l'agonismo

    martedì 7 maggio 2019

    Taina Barioz saluta il Circo Rosa

    lunedì 29 aprile 2019

    Si ritira Philipp Schoerghofer


    Tutt i commenti disponibili:
    1 | Admin il 20/03/2014 16.33.01
    Finalmente nella stagione 2011 arriva la tanto sospirata Sfera di Cristallo, confermandosi ad altissimi livello e cogliendo almeno un podio in ogni specialità. La sua rincorsa comincia a Levi con un secondo posto, di nuovo seconda ad Aspen e due volte vittoriosa a Lake Louise: 2 vittorie e 3 podi nelle prime 7 gare. Lindsey Vonn non è da meno, e la battaglia tra le due continua fino alle Finali di Lenzerheide, cui Maria arriva con un bottino di 6 vittorie e 10 podi! Maria ha solo 37 punti di vantaggio e 4 gare a disposizione: in discesa una serie di gravi errori la portano fuori dalle 15, mentre Lindsey Vonn è 4/a e con 50 punti controsorpassa la tedesca: 1705 a 1692. Nelle gare post-Mondiale l'americana è stata imprendibile con 605 punti in 9 gare contro i 422 della Riesch, che suda freddo all'idea di arrivare ancora seconda. La pioggia costringe gli organizzatori ad annullare il superg: coppetta alla Vonn che però vede sfumare la possibilità di aumentare il distacco, viste le sue capacità nella disciplina. Il giorno dopo, in uno slalom partito con un ritardo di oltre due ore, la tedesca coglie il quarto posto e controsorpassa per tre punti l'americana. Ora siamo 1728 a 1725 per Maria, quando manca solo il gigante, ultima gara della stagione. Infine sabato 19 marzo 2011, tra infinite polemiche, Maria può conquistare matematicamente la Sfera di Cristallo senza gareggiare: il maltempo costringe gli organizzatori ad annullare l'ultima gara, lasciando l'amaro in bocca agli appassionati ma soprattutto a Lindsey Vonn, che accuserà la tedesca di non essersi complimentata con lei. E' l'inizio del momentaneo gelo tra Lindsey e Maria, che un mese più tardi sposa il suo manager Markus Hoefl prendendone il cognome. Arrivata l'ufficialità della cancellazione Maria dichiarò: "avrei preferito correre, ma oggi non è era sicuro. Lindsey è arrivata terza nell'ultimo gigante ma nelle altre gare sono andata meglio io. E' la prima coppa generale e sono così orgogliosa di averla vinta, è stato il mio sogno e il mio grande obiettivo per anni. E anche se alla fine ho avuto fortuna posso dire che è stata una grande stagione e sono molto contenta." In quella stessa stagione sono in programma i Mondiali di Garmisch, dove la campionessa di casa è ovviamente attesa: Maria si aggiudica due bronzi in superg e discesa, mentre fa il "legno" in slalom. Nelle due stagioni successive, 2012 e 2013, la sua marcia rallenta, sempre rimanendo tra le migliori in assoluto: 3 vittorie e 6 podi nel 2012, 1 vittoria e 4 podi nel 2013. Ai Mondiali di Schladming vince l'oro in superk e il bronzo in discesa. Nella stagione 2014, appena terminata, Maria torna ad alti livelli: seconda a Levi, vince le due libere di Lake Louise, va a podio a Lienz e Altenmarkt. Arriva a Cortina dove domina con un vittoria, un secondo e un terzo posto. Complice l'assenza di Lindsey Vonn sembra lei la più seria candidata per la Sfera di Cristallo. A Sochi, i suoi secondi e ultimi Giochi Olimpici, comincia vincendo l'oro in superk come quattro anni prima, in discesa è solo 13/a ma in superg coglie l'argento, rischiando di rendere leggendario il suo bottino con lo slalom, dove invece è quarta come tre anni prima a Garmisch. E come in quella stagione le gare post-medaglie diventano un incubo: Anna Fenninger è seconda a Crans-Montana, vince due volte ad Are, ed arriva alle Finali di Lenzerheide con soli 29 punti di svantaggio. Maria combatte con l'influenza e salta la seconda prova: arriva il giorno della gara, Anna Fenninger è 6/a e controsorpassa virtualmente la rivale, mentre si attende la prova della tedesca, ultima a scendere. Una scivolata in un curvone verso destra in prossimità del secondo intermedio, mentre viaggiava con circa mezzo secondo di ritardo è l'ultima immagine di Maria nel Circo Rosa: l'impatto violento con le reti e le alte urla di dolore certificano un infortunio (lesione alla spalla) che la costringe a chiudere anzitempo la stagione, la lotta per la generale e, a conti fatti, la carriera. Vince comunque la coppa di discesa, diventando così la seconda atleta dopo la francese Goitschel (1967) a vincere una coppa di slalom e una di discesa. Non ancora 30enne, il palmares di Maria è impressionante: 27 vittorie (9 in slalom, 3 superg, 11 discesa, 4 superk), 27 secondi posti, 27 terzi posti in Coppa del Mondo su 356 gare ; 3 ori e un bronzo Olimpici; 2 ori e 3 bronzi Mondiali; una Sfera di Cristallo (2011) e 4 di specialità (superg 2008, slalom 2009 e 2010, discesa 2014, superk 2008). In bocca al lupo Maria, mancherai a tutto il Circo Rosa...
    2 | franz62 il 20/03/2014 17.16.41
    Peccato...ancora giovane anche se ha vinto tanto, essendo lungagnona non amavo tantissimo la sua sciata dal punto di vista esclusivamente estetico..ma la sua posizione a uovo forse la migliore dopo Picabo Street[:)]
    3 | Hundschopf il 20/03/2014 17.41.58
    Peccato, una grande campionessa. Peccato anche perché non vedremo più la sfida tra lei e la Vonn, già saltata quest'anno. Questi ritiri a fine stagione mi mettono un po' di malinconia… : (
    4 | brunodalla il 20/03/2014 17.42.27
    grandissima sciatrice, fra le migliori di tutti i tempi. ha trovato sulla sua strada altre straordinarie campionesse (come la vonn) e nonostante questo è riuscita a vincere lo stesso tantissimo. chiude ancora abbastanza giovane anagraficamente, ma forse è il momento giusto. per lei sicuramente lo è, visto che ci stava pensando dalla scorsa stagione. e quandi pensi al ritiro con un anno di anticipo mentalmente hai già chiuso. nonostante questo ha lottato fino alla fine per la coppa di cristallo, e solo un infortunio non le ha permesso di competere fino alla fine. è riuscita comunque a vincere altre medaglie olimpiche, forse è stato proprio questo fatto a farla convincere definitivamente. come spesso succede fra le donne è riuscita a vincere sia nelle veloci che nelle tecniche, forse l'unico neo è che non ha mai vinto in gigante. ma non credo conti granchè per valutare una straordinaria campionessa.
    5 | brunodalla il 20/03/2014 17.49.20
    e comunque chiude ricevendo una coppa di cristallo, non male.
    6 | GM1966 il 20/03/2014 17.49.49
    Pensavo che lo sfortunato epilogo di questa stagione le desse ancor più motivazioni per riprovarci l'anno prossimo, invece ha deciso diversamente. Meno personaggio di Maze o Vonn a livello mediatico, ma senza dubbio una fuoriclasse che ha vinto tutto quello che poteva vincere (le è mancata solo una vittoria in gigante) e non ha mai avuto stagioni negative. Viel Gluck!
    7 | Wolf III il 21/03/2014 9.39.32
    Peccato! Avrei voluto assistere ancora ai duelli con la Vonn.
    8 | lbrtg il 21/03/2014 13.41.38
    Penso che, nonostante la sua mancanza, di partecipanti ai duelli, ce ne saranno molte nei prossimi anni! Mai così tante candidate alla vincita del Coppone!
    9 | rehirscher il 24/03/2014 11.40.55
    Ho appreso poco fà il ritiro dalle competizioni della campionessa Maria Riesch. Sono arrivato in ritardo sulla notizia avendo staccato la spina dalla informazioni sciistiche alla fine della stagione di coppa. Ha fatto una grande carriera offuscata un pochino dalla superba e grandissima Vonn. Comunque una campionessa seconda in questi anni solo all'americana. Auguri per una nuova vita, anche se ancora giovanissima.
    10 | rehirscher il 24/03/2014 11.45.35
    Admin ha scritto:
    Finalmente nella stagione 2011 arriva la tanto sospirata Sfera di Cristallo, confermandosi ad altissimi livello e cogliendo almeno un podio in ogni specialità. La sua rincorsa comincia a Levi con un secondo posto, di nuovo seconda ad Aspen e due volte vittoriosa a Lake Louise: 2 vittorie e 3 podi nelle prime 7 gare. Lindsey Vonn non è da meno, e la battaglia tra le due continua fino alle Finali di Lenzerheide, cui Maria arriva con un bottino di 6 vittorie e 10 podi! Maria ha solo 37 punti di vantaggio e 4 gare a disposizione: in discesa una serie di gravi errori la portano fuori dalle 15, mentre Lindsey Vonn è 4/a e con 50 punti controsorpassa la tedesca: 1705 a 1692. Nelle gare post-Mondiale l'americana è stata imprendibile con 605 punti in 9 gare contro i 422 della Riesch, che suda freddo all'idea di arrivare ancora seconda. La pioggia costringe gli organizzatori ad annullare il superg: coppetta alla Vonn che però vede sfumare la possibilità di aumentare il distacco, viste le sue capacità nella disciplina. Il giorno dopo, in uno slalom partito con un ritardo di oltre due ore, la tedesca coglie il quarto posto e controsorpassa per tre punti l'americana. Ora siamo 1728 a 1725 per Maria, quando manca solo il gigante, ultima gara della stagione. Infine sabato 19 marzo 2011, tra infinite polemiche, Maria può conquistare matematicamente la Sfera di Cristallo senza gareggiare: il maltempo costringe gli organizzatori ad annullare l'ultima gara, lasciando l'amaro in bocca agli appassionati ma soprattutto a Lindsey Vonn, che accuserà la tedesca di non essersi complimentata con lei. E' l'inizio del momentaneo gelo tra Lindsey e Maria, che un mese più tardi sposa il suo manager Markus Hoefl prendendone il cognome. Arrivata l'ufficialità della cancellazione Maria dichiarò: "avrei preferito correre, ma oggi non è era sicuro. Lindsey è arrivata terza nell'ultimo gigante ma nelle altre gare sono andata meglio io. E' la prima coppa generale e sono così orgogliosa di averla vinta, è stato il mio sogno e il mio grande obiettivo per anni. E anche se alla fine ho avuto fortuna posso dire che è stata una grande stagione e sono molto contenta." In quella stessa stagione sono in programma i Mondiali di Garmisch, dove la campionessa di casa è ovviamente attesa: Maria si aggiudica due bronzi in superg e discesa, mentre fa il "legno" in slalom. Nelle due stagioni successive, 2012 e 2013, la sua marcia rallenta, sempre rimanendo tra le migliori in assoluto: 3 vittorie e 6 podi nel 2012, 1 vittoria e 4 podi nel 2013. Ai Mondiali di Schladming vince l'oro in superk e il bronzo in discesa. Nella stagione 2014, appena terminata, Maria torna ad alti livelli: seconda a Levi, vince le due libere di Lake Louise, va a podio a Lienz e Altenmarkt. Arriva a Cortina dove domina con un vittoria, un secondo e un terzo posto. Complice l'assenza di Lindsey Vonn sembra lei la più seria candidata per la Sfera di Cristallo. A Sochi, i suoi secondi e ultimi Giochi Olimpici, comincia vincendo l'oro in superk come quattro anni prima, in discesa è solo 13/a ma in superg coglie l'argento, rischiando di rendere leggendario il suo bottino con lo slalom, dove invece è quarta come tre anni prima a Garmisch. E come in quella stagione le gare post-medaglie diventano un incubo: Anna Fenninger è seconda a Crans-Montana, vince due volte ad Are, ed arriva alle Finali di Lenzerheide con soli 29 punti di svantaggio. Maria combatte con l'influenza e salta la seconda prova: arriva il giorno della gara, Anna Fenninger è 6/a e controsorpassa virtualmente la rivale, mentre si attende la prova della tedesca, ultima a scendere. Una scivolata in un curvone verso destra in prossimità del secondo intermedio, mentre viaggiava con circa mezzo secondo di ritardo è l'ultima immagine di Maria nel Circo Rosa: l'impatto violento con le reti e le alte urla di dolore certificano un infortunio (lesione alla spalla) che la costringe a chiudere anzitempo la stagione, la lotta per la generale e, a conti fatti, la carriera. Vince comunque la coppa di discesa, diventando così la seconda atleta dopo la francese Goitschel (1967) a vincere una coppa di slalom e una di discesa. Non ancora 30enne, il palmares di Maria è impressionante: 27 vittorie (9 in slalom, 3 superg, 11 discesa, 4 superk), 27 secondi posti, 27 terzi posti in Coppa del Mondo su 356 gare ; 3 ori e un bronzo Olimpici; 2 ori e 3 bronzi Mondiali; una Sfera di Cristallo (2011) e 4 di specialità (superg 2008, slalom 2009 e 2010, discesa 2014, superk 2008). In bocca al lupo Maria, mancherai a tutto il Circo Rosa...
    Grazie per l'accurata descrizione. Inoltre può vantare 8 podi finali nella classifica generale di coppa del mondo. Eccoli qui riepilogati. 3° nella stagione 2003/2004 3° nella stagione 2007/2008 2° nella stagione 2008/2009 2° nella stagione 2009/2010 1° nella stagione 2010/2011 3° nella stagione 2011/2012 2° nella stagione 2012/2013 2° nella stagione 2013/2014 Mi spiace ancora dirlo ed essendo tifoso della Vonn ancora mi brucia(stavo pensando di non guardare lo sci per un bel pò) ma quella coppa nel 2011 avrebbe preso sicuramente un altra direzione.



      Cerca una parola nelle news:        

      Ultime 15 Notizie correlate: (Maria Riesch fine carriera Monaco )

      [06/09/2019] L'addio di Hirscher: l'omaggio di Atomic
      [07/07/2019] Si ritira il canadese Phil Brown
      [02/07/2019] ARD: Maria Riesch lascia il posto a...Neureuther?
      [13/06/2019] Margot Bailet saluta il Circo Rosa
      [29/05/2019] Si ritira il finlandese Andreas Romar
      [11/05/2019] Jasmine Fiorano dice basta
      [10/05/2019] Michelangelo Tentori saluta l'agonismo
      [07/05/2019] Taina Barioz saluta il Circo Rosa
      [29/04/2019] Si ritira Philipp Schoerghofer
      [04/04/2019] Si ritirano Magg e Patricksson
      [01/04/2019] Si ritira il croato Natko Zrncic-dim
      [01/04/2019] Si ritira la norvegese Kristine Haugen
      [29/03/2019] Si ritira il francese Steve Missillier
      [28/03/2019] Anna Hofer saluta l'agonismo
      [19/03/2019] Saluta anche Thomas Mermillod Blondin

      Altre notizie di Coppa del Mondo:

      [19/09/2019] Stop per Kira Weidle
      [19/09/2019] Bing Dwen Dwen sarà la mascotte di Pechino 2022
      [18/09/2019] Cerro Castor: riparte la SAC con azzurri sul podio
      [18/09/2019] Olimpiadi 2026: oggi prima riunione
      [16/09/2019] Atleta dell'anno FISI: in lizza Paris e Wierer
      [16/09/2019] Velocisti e slalomisti rientrano da Ushuaia
      [15/09/2019] Clement Noel e Alex Vinatzer entrano in Red Bull
      [15/09/2019] Heinz Peter Platter nuovo coach della Cina
      [13/09/2019] Ushuaia: ultimi arrivi e prime partenze
      [11/09/2019] Rulfi:"programma rispettato,le ragazze stanno bene
      [11/09/2019] Madrid: una medaglia per Blanca Fernandez Ochoa
      [10/09/2019] Inner e Gross allo Stelvio
      [10/09/2019] Elena Curtoni e sorelle Delago verso Ushuaia
      [10/09/2019] Clement Noel rinnova con Dynastar
      [10/09/2019] Cardrona: a Walch e Klomhaus il circuito ANC
      [09/09/2019] Stelvio:stage tecnico per i giovani del centro-sud
      [08/09/2019] Ispezione FIS positiva a La Thuile
      [07/09/2019] Anna Veith rimette gli sci
      [06/09/2019] Hirscher Day: le reazioni
      [06/09/2019] L'addio di Hirscher: l'omaggio di Atomic
      [06/09/2019] Ushuaia: attese polivalenti e slalomiste
      [05/09/2019] Hischer: le tappe di una carriera straordinaria
      [04/09/2019] Marcel Hirscher annuncia: "mi ritiro!"
      [04/09/2019] Ispezione FIS al Sestriere in vista della CdM
      [04/09/2019] Trovata purtroppo morta Blanca Fernandez Ochoa
      [04/09/2019] Hirscher: vigilia di addio o ci ripenserà?
      [02/09/2019] Squadre di Coppa Europa verso Ushuaia
      [02/09/2019] ANC: chiusa la tappa di Coronet Peak
      [02/09/2019] Media austriaci sicuri: Marcel Hirscher si ritira
      [02/09/2019] Ad ottobre la Fisi si presenta
      [01/09/2019] Scomparsa misteriosa di Blanca Fernandez Ochoa
      [30/08/2019] Da Salisburgo Marcel Hirscher svelerà il futuro
      [30/08/2019] Ushuaia: tanti Azzurri e Azzurre al lavoro
      [30/08/2019] Bormio: un nuovo comitato per la Coppa del Mondo
      [30/08/2019] Liski fornitore per Pechino 2022
      [29/08/2019] Tamara Wolf entra nella squadra TV della SRF

      Altre notizie Fantaski:

      [26/03/2019] La Thuile: diamo una manche al Telefono Azzurro
      [23/02/2018] Fantanotti Olimpiche - Analisi dei Giochi 2018
      [06/02/2018] Aperte le FantaOlimpiadi 2018!
      [14/12/2017] Fantaski.it disponibile anche su Telegram !
      [05/12/2017] A La Thuile stagione aperta dal 2 dicembre
      [03/11/2017] Fantaski 2018 - mercato maschile aperto fino Levi
      [05/12/2016] Aperto il primo mercato - stagione 2016/2017
      [13/11/2016] A Milano di scena il Big Air Snowboard
      [21/03/2016] La Thuile: il 9 Aprile gara per Telefono Azzurro
      [26/02/2016] La Thuile: 1/a Gara dei Sogni in favore di FISIP



     
    titoletto copyright fantaski
     baffo fantaski titoletto contatti baffo fantaski titoletto riconoscimenti