separatore
icona fisi  
 icona fantaski titoletto linguaicona italia icona bandiera italia icona bandiera svizzeraicona bandiera inglese icona bandiera inglese icona bandiera americanatitoletto tedesco icona bandiera germania icona bandiera austria icona bandiera svizzeratitoletto francia icona bandiera francia icona bandiera svizzera 
fantaski_header
icona baffo fantaski titoletto home icona baffo fantaski titoletto cosa fantaski icona baffo fantaski titoletto faq help icona baffo fantaski titoletto regolamento icona baffo fantaski titoletto forum icona baffo fantaski titoletto fotogallery  
giovedì 5 dicembre 2019 - ore 20.11 
titoletto coppa del mondo
separatore
titoletto coppa fantaski
separatore
titoletto gioca fantaski

Fisi: Annullata l'assemblea elettiva

Clicca sulla foto per ingrandire
Morzenti G.
Morzenti G.
commenti 145 Commenti icona rss
La telenovela sulle presunte ed ora accertate irregolarità in occasione dell'Assemblea Elettiva del 2010 si è chiusa oggi, con la sentenza dell'Alta Corte di Giustizia del Coni che ha invalidato le elezioni, azzerando di fatto i vertici della Fisi e facendo decadere il presidente Giovanni Morzenti e l'intero consiglio. La strada è quella del comissariamento, nell'attesa che si possano indire nuove elezioni. Questo nel dettaglio il comunicato pubblicato sul sito Fisi.org.

L’Alta Corte di Giustizia del Coni, riunitasi presso la sede del Foro Italico, dopo aver incontrato le parti in contraddittorio, per il ricorso della Società SAI/Federazione Italiana Sport Invernali, ha emesso il seguente dispositivo: “Nel giudizio iscritto al R.G. ricorsi 5/2011, presentato in data 18 marzo 2011 dalla società “Sci Accademico Italiano Roma” (“SAI” Roma) contro la F.I.S.I. – Federazione Italiana Sport Invernali – avverso la decisione resa dalla Commissione di Giustizia e Disciplina di II grado FISI, per l’annullamento della delibera adottata all’esito dell’Assemblea elettiva del 24 aprile 2010 della Federazione Italiana Sport Invernali svoltasi a Torino, con elezione del Presidente, dei Consiglieri federali e del Collegio dei revisori dei conti della stessa Fisi, dichiara che il ricorso è ritualmente proponibile nei confronti della FISI, del Presidente, dei Consiglieri federali e dei componenti del Collegio dei Revisori dei conti eletti e pertanto estromette ogni altro soggetto evocato in giudizio; accoglie il ricorso e, dichiarato ammissibile il ricorso proposto dalla attuale ricorrente in primo grado, annulla la decisione di rigetto del ricorso pronunciata dalla medesima decisione impugnata e per l’effetto annulla le elezioni degli organi al vertice della FISI svoltesi il 24 aprile 2010; condanna la Fisi al pagamento delle spese del giudizio come in motivazione a favore della ricorrente SAI, dichiara interamente compensate le spese del giudizio tra Sai e le altre parti".

(venerdì 8 luglio 2011)

Argomenti:


@RIPRODUZIONE RISERVATA

  • domenica 10 novembre 2019

    GP Italia 2019/2020: regole e calendari

    venerdì 1 novembre 2019

    Dorothea Wierer atleta Fisi dell'anno 2019

    giovedì 31 ottobre 2019

    Vialattea firma il logo 100 anni Fisi

  • venerdì 25 ottobre 2019

    Sestriere si candida ad ospitare il Mondiale

    venerdì 18 ottobre 2019

    La Fisi ai nastri di partenza, presentata stagione

    lunedì 14 ottobre 2019

    Comitato Lazio e Sardegna:la squadra di sci alpino

  • domenica 13 ottobre 2019

    La Fisi ancora targata Audi

    venerdì 11 ottobre 2019

    Milano-Cortina 2026 al Festival di Trento

    mercoledì 9 ottobre 2019

    Fisi e Val Senales insieme per altri 3 anni


    Tutt i commenti disponibili:
    1 | simoski il 08/07/2011 21.10.55
    è forse la volta buona di fare un pò di pulizia..no?
    2 | eugenio il 08/07/2011 21.20.37
    non vedo l'ora di leggere le motivazioni della decisione... [;)]
    3 | truddo il 08/07/2011 21.35.29
    Scusate ma devo dirlo... Giustizia è fatta, a casa...!
    4 | quilodico il 08/07/2011 22.04.45
    Vi prego, ora voltiamo pagina!!!
    5 | jos235 il 08/07/2011 22.10.41
    ma adesso che succede, commissariamento fino a che non si procede con le nuove elezioni?
    6 | brunodalla il 08/07/2011 22.11.28
    finalmente!!
    7 | Wolf III il 08/07/2011 23.00.20
    Era ora!!!
    8 | eugenio il 08/07/2011 23.07.10
    il commissario dovrà al tempo stesso gestire la federazione ad interim e convocare la nuova assemblea elettiva... i tempi di convocazione di quest'ultima e la relativa "normalizzazione" delle nuove cariche elettive suggeriranno quanti e quali cambiamenti saranno opportuni o necessari in vista della prossima stagione agonistica. Qualcuno ha ipotizzato grandi cambiamenti... tipo il ritorno di Claudio Ravetto. Non sono sicuro che ciò potrà avvenire in tempi brevi, men che meno in tempi di commissariamento. Il lavoro tecnico è già iniziato e l'organizzazione delle squadre anche... siamo a luglio inoltrato e la macchina è già in movimento... soprattutto i contratti sono già stati firmati.
    9 | lbrtg il 09/07/2011 0.25.23
    Per gli atleti ed i loro programmi di allenamento ed avvicinamento alla nuova stagione, questa è una sconfitta o una vittoria?
    10 | emanueza il 09/07/2011 0.28.27
    SI VOLTA PAGINA...per il bene dello sci e di tutti gli sport invernali. Confesso che il mio primo pensiero è andato a tecnici e allenatori ai quali si prospettano tempi molto duri sul fronte stipendi quando verrà scoperchiato il pentolone e si andrà a guardare nella realtà dei bilanci (MANCATI INTROITI,CREDITI,COMPENSAZIONI,UTILI,PERDITE...). Essendo una sentenza definitiva, non appellabile e quindi "passata in giudicato"...è esagerato parlare di... BROGLI ELETTORALI?
    11 | lbrtg il 09/07/2011 0.29.21
    eugenio ha scritto:
    soprattutto i contratti sono già stati firmati.
    Esatto. Che fine faranno 'sti contratti? Bisognerà ricominciare da capo? Non vorrei che adesso si innescasse un meccanismo di ritorsione che non farà altro che danneggiare i nostri atleti. Alla fin fine, penso che per tutti, il bene degli atleti, sia quello che interessa di più, dal momento che adesso, giustizia è fatta.
    12 | lbrtg il 09/07/2011 0.31.02
    emanueza ha scritto:
    è esagerato parlare di... BROGLI ELETTORALI?
    Non credo proprio Ema. Perfettamente in linea con lo standard nazionale.[:(]
    13 | lbrtg il 09/07/2011 0.37.39
    Da questo articolo della Gazzetta on line, mi sembra di capire che qualcuno, da buon politico, è già pronto a saltare sul carro dei vincitori. Un'altra considerazione personale, leggendo l'articolo:"Certo che ne ha di rogne sul groppone, il nostro ex. Presidente". L'ALTA CORTE AZZERA LA FISI. Commissario per Morzenti. Annullata l'Assemblea elettiva del 2010. Azzerata dal Coni ogni carica federale. Il 14 luglio la Giunta Coni provvederà al Commissariamento dopo un anno travagliato. Il presidente: "Valuterò se ricorrere alla giustizia ordinaria" ROMA, 8 LUGLIO 2011 - L'Alta Corte di Giustizia del Coni ha annullato le elezioni per il Consiglio della Fisi del 2010. Una sentenza che di fatto porterà a brevissimo al commissariamento della Federazione Sport Invernali. A partire dalla carica di presidente per Morzenti. Sono state dunque riconosciute irregolari le elezioni del 24 aprile 2010. Il ricorso era stato presentato dalla Società Sci accademico Italia Roma, che chiedeva il riconteggio dei voti. Questa sentenza ha accolto un ricorso già respinto presso la Commissione di Giustizia e Disciplina di I Grado della Fisi, e azzera tutte le cariche elettive federali appena dopo un anno dall'insediamento. Il 14 luglio alle 9.30 la Giunta Coni provvederà al Commissariamento. Si chiude così un anno di polemiche e per Giovanni Morzenti una travagliata esperienza alla guida degli Sport Invernali, con polemiche con lo staff tecnico delle nazionali, con l'allontanamento del ct delle squadre Claudio Ravetto. In più c'è un contenzioso con le località sciistiche più importanti che organizzano le gare di Coppa del mondo, come la Val Gardena e l'Alta Badia, per i diritti tv. E a tutto questo si aggiunge una condanna in primo grado, a Cuneo per concussione aggravata con una pena di 4 anni e 6 mesi. La condanna gli è costata il posto in seno alla Federazione internazionale indebolendo così il ruolo dell'Italia. L'appello in questo caso è previsto nelle prossime settimane a Torino. La reazione — Il primo a reagire è stato in ministro degli Esteri, Franco Frattini, da sempre vicino agli sport invernali ed ex presidente dell'Associazione Maestri di sci: "Giustizia è fatta. Avevo sempre invocato la necessita' di ripristinare le regole nell'ordinamento sportivo della FISI". Morzenti ha reagito subito dopo: "Frattini offende l'elettorato della Federazione insinuando che siano state commesse delle irregolarità volontarie con dolo. Si occupi di altro. Io prendo atto della decisione dell'Alta Corte di Giustizia del Coni e attendo serenamente di conoscere le motivazioni che hanno spinto l'organo giudicante a giungere a questa conclusione prima di esprimere qualsiasi commento a riguardo. I nostri legali decideranno di conseguenza se proseguire o meno nella vicenda giudiziaria davanti alla giustizia ordinaria". A quanto pare, dunque, la vicenda non si chiude qui
    14 | overvitt il 09/07/2011 8.07.41
    Non commento in merito alle persone,ma spero solo che il commissario non sia un "figlio" del duopolio Frattini-Coppi. Vorrei,in poche parole, chesi evitasse la inutile e ancor più dannosa figura di un Guido Rossi in epoca Calciopoli che cacciò i ladri proteggendo altri ladri. Per come la vedo io il commissario straordinario dovrebbe essere un NON POLITICO; magari anche Ravetto stesso perchè sarebbe in grado di avere la foto esatta di tutti i livelli della fisi olteechè essere persona lontana da giochi di comodo. Ma già so che non sarà così.
    15 | truddo il 09/07/2011 8.26.42
    dubito che Claudio Ravetto possa mai essere commissario... più facile un vice CONI! Commento: il personaggio parla di giustizia ordinaria, ma se non sbaglio c'è già un esposto (sollecitato dall'alta corte tempo fa...). Poi adesso cerca consenso di base difendendo l'elettorato... preparazione a una ricandidatura? E ancora parla di "nostri" legali... voleva dire i suoi, spero, perchè vorrei sperare che la fisi (dovendo già pagare tutto il procedimento) non paghi ancora...
    16 | eugenio il 09/07/2011 9.04.17
    truddo... mi hai tolto le parole di bocca !!! a nessuno deve essere negato il diritto di farsi dell'altro male, ma non a spese del bilancio federale. [;)]
    17 | simoski il 09/07/2011 9.28.11
    esattamente..[;)] comunque ieri girando un attimo su facebook, si potevano leggere commenti di alcuni tecnici/skiman contenti dell'annullamento delle elezioni federali..
    18 | lbrtg il 09/07/2011 10.16.00
    simoski ha scritto:
    esattamente..[;)] comunque ieri girando un attimo su facebook, si potevano leggere commenti di alcuni tecnici/skiman contenti dell'annullamento delle elezioni federali..
    e cioè?
    19 | truddo il 09/07/2011 11.51.01
    e il personaggio la smetta di usare fisi.org come sua cassa di risonanza!!!!!!!!!! (i comunicati e i proclami se li faccia sulle agenzie amiche...)
    20 | lara.magoni@libero.it il 09/07/2011 12.24.09
    Overvitt......ibrtg.....condivido in parte le vostre parole.Questa cosa la vivo come una grande sconfitta dello sport, non riuscirò mai a dire "giustizia è fatta". La delusione è grande perchè nonostante tutto, nonostante il periodo, secondo il mio modesto parere le cose stavano procedendo abbastanza bene. E' triste leggere la gioia del Ministro, perchè credo che abbia problemi ben più grandi da gestire e da commentare. Vorrei vedere una federazione fatta di persone trasparenti, appassionate e costruttive. Sogno un gruppo di lavoro che come principio abbia finalità sportive, devo dre che ho un grande rammarico pensando all'uscita di Antonio Noris....un vero uomo dello sport! Ora aspettiamo di avere l'ennesimo commissario....Lo sport non dovrebbe vivere di questi espedienti, Noi atleti non ne facciamo parte.
    21 | truddo il 09/07/2011 12.56.20
    Beh Lara, va bene il dispiacere ma non si deve tollerare tutto per il bene degli atleti (che non sono sicuro ne risentiranno così tanto) e nessuno vieterà alle persone valide di ripresentarsi... poi chi voterà deciderà! e poi non è l'ennessimo commissario ma "solo" è il secondo e sappiamo tutti benissimo chi e cosa fece sì che il buon prof. Agabio dovette accamparsi in via Piranesi... sulla figura e la posizione del ministro posso essere d'accordo con te, ho visto però con tristezza anche altri politici schierarsi in questa vicenda e non mi è piaciuto. credo che la cosa migliore sia tirare una bella riga e lasciarsi alle spalle questo momento e certe persone, ricominciare per una volta con chi ama e capisce lo sport! io rimango dell'idea che giustizia è stata fatta, non solo per l'assemblea ma anche e soprattutto per tante altre storture che a mio avviso sono successe in questi ultimi 4 anni in Fisi! Alla prossima, miei cari!
    22 | lara.magoni@libero.it il 09/07/2011 13.34.26
    Truddo dici bene....di gabole ne hanno sempre fatte e non solo negli ultimi anni. Vivere il secondo commissariamento è un fallimento per la nostra federazione, non ne vado fiera....essendo l'unica rappresentante nel Consiglio Nazionale del Coni per gli sport invernali. Confido nella capacità della Giunta nel nominare un Commissario DOC....il nome che gira è preoccupante, chiaramente da parte mia e quindi preferisco non dirlo per riservatezza. Dalla padella alla brace.
    23 | larousse il 09/07/2011 15.36.09
    comunque anche il buon Antonio Noris è salito su questo carro ….e non ha mai chiesto di scendere
    24 | fausto75 il 09/07/2011 16.14.33
    Cara Lara ti ho seguito e tifato da atleta, ho ammirato la tua lealtà e onestà. Non posso credere che tu avalli una presidenza (e una congrega di persone che lo circondano, compreso il nostro Noris, che ha coperto tutto) che ha insabbiato i pasticci elettorali. Lei le chiama "gabole", come fossero scherzi, cose leggere, e mi sembra di una gravità infinita quello che dici. Allora le elezioni non hanno valore? E i votanti nemmeno? Tutto in nome del potere? Credo sia vergognoso il modo in cui negli ultimi anni si è gestita una Federazione che è diventata di pochissimi eletti (con pasticci) invece di essere amministrata per tutti, perché i finanziamenti che arrivano dal Coni sono soldi dei contribuenti, quindi anche miei e suoi. Per non parlare della caterva di contratti firmati negli ultimi mesi, compreso un legame settenale (!!!) con lo sponsor tecnico. Lei che hai vissuto tanti anni nel giro, hai ami sentito una cosa del genere? Davvero non le fa suonare il campanello di qualcosa che non va? Non so chi sarà il commissario, spero solo che faccia chiarezza anche nei conti e che poi, finalmente, gli sport invernali abbiano dei candidati alla presidenza degni, appassionati e preparati. Fausto
    25 | truddo il 09/07/2011 16.45.04
    A parte tutto i commissari vanno e poi arrivano i Presidenti... e di personaggi come quello appena defenestrato ne abbiamo avuto abbastanza... spero che questa volta arrivi un Presidente capace, trasparente, onesto, corretto, pulito e che sappia rapportarsi con tutti e soprattutto che ci circondi (ma soprattutto che le ascolti) di persone competenti e valide!
    26 | franz62 il 09/07/2011 16.56.14
    Federazione Italiani Sport Ippici....non sta male...datevi all'ippica.
    27 | overvitt il 09/07/2011 17.54.16
    truddo ha scritto:
    A parte tutto i commissari vanno e poi arrivano i Presidenti... e di personaggi come quello appena defenestrato ne abbiamo avuto abbastanza... spero che questa volta arrivi un Presidente capace, trasparente, onesto, corretto, pulito e che sappia rapportarsi con tutti e soprattutto che ci circondi (ma soprattutto che le ascolti) di persone competenti e valide!
    io lo spero, ma purtroppo non è nella logica del mondo e, men che meno, dei tempi che stiamo vivendo.
    28 | larousse il 09/07/2011 18.44.12
    fausto75 ha scritto:
    Cara Lara ti ho seguito e tifato da atleta, ho ammirato la tua lealtà e onestà. Non posso credere che tu avalli una presidenza (e una congrega di persone che lo circondano, compreso il nostro Noris, che ha coperto tutto) che ha insabbiato i pasticci elettorali. Lei le chiama "gabole", come fossero scherzi, cose leggere, e mi sembra di una gravità infinita quello che dici. Allora le elezioni non hanno valore? E i votanti nemmeno? Tutto in nome del potere? Credo sia vergognoso il modo in cui negli ultimi anni si è gestita una Federazione che è diventata di pochissimi eletti (con pasticci) invece di essere amministrata per tutti, perché i finanziamenti che arrivano dal Coni sono soldi dei contribuenti, quindi anche miei e suoi. Per non parlare della caterva di contratti firmati negli ultimi mesi, compreso un legame settenale (!!!) con lo sponsor tecnico. Lei che hai vissuto tanti anni nel giro, hai ami sentito una cosa del genere? Davvero non le fa suonare il campanello di qualcosa che non va? Non so chi sarà il commissario, spero solo che faccia chiarezza anche nei conti e che poi, finalmente, gli sport invernali abbiano dei candidati alla presidenza degni, appassionati e preparati. Fausto
    semplicemente PERFETTO
    29 | eugenio il 09/07/2011 20.20.18
    Mi risulta difficile intervenire quando c'è di mezzo Antonio Noris... posso solo dire che chi lo conosce personalmente sa quale sia il contributo che può dare al mondo dello sci, mentre chi non lo conosce resterà probabilmente ancorato al fatto che è stato vice presidente della (breve) gestione Morzenti. Io mi auguro che quelli che lo hanno voluto in quella posizione non abbiano cambiato idea, ma non credo, perchè Antonio è uno che si è fatto conoscere sul campo, dedicando tempo e passione allo sci ed è un uomo concreto, molto poco "politico" se vogliamo, e di lui c'è bisogno a prescindere dagli schieramenti. Possiamo discutere per ore sulla filosofia del carro del vincitore e del carro del perdente.... di chi debba scendere, di chi debba salire, ma alla fine la FISI ha bisogno di persone competenti e oneste e me ne vengono in mente pochi che lo siano al suo livello.
    30 | lara.magoni@libero.it il 09/07/2011 20.24.42
    Amici, sono fiera di aver vissuto la grande esperienza sportiva e non mi va di polemizzare sulle vostre risposte, anzi ne prendo atto e con amarezza devo dire che l'unica cosa che non amo di questo forum è quello di non conoscere il viso di chi mi sta di fronte. Non proteggo nessuno, ho solo esternato il fatto che provo una forte delusione per quanto accaduto. C'ero anch'io nell'altro commissariamento e vi assicuro fu un'esperienza terribile. Sono per la giustiza, per la chiarezza, per un ambiente pulito ma forse visto l'andazzo italiano non si può pretendere e tutto ciò diventerà un'utopia. Avendo vissuto dall'interno l'esperienza federale posso dire con estrema serenità che è molto più difficile esserci che giudicare....Se fra di Voi ci fossero persone capaci sarebbe bello intrarprendere questo percorso, magari sareste in grado di dare una svolta. Servono nomi nuovi, grinta e determinazione come ad un cancelletto di partenza!! Che brutto leggere"Antonio è salito sul carro"....ha avuto un'acclamazione nazionale, un appoggio incredibile da tutti i club....a dimostrazione della grande persona che è. Trovo che i revisori dei conti abbiano fatto il loro lavoro. Negretti apri la pentola e la federazione saltò, Grigoletto credo abbia operato con bravura e trasparenza. Comunque non sono io l'indagata e pertanto trovo inutile mi metta a tutelare cose che non mi appartengono se non un forte rispetto per il lavoro di qualche persona della quale ho un assoluta stima. Il confronto è la cosa migliore, solo così si potrà arrivare ad una soluzione. Le polemiche rimangono tali e non servono a nessuno. Ribadisco viva lo sport, viva lo sci....non fermiamoci, ma combattiamo e andiamo avanti.
    31 | lara.magoni@libero.it il 09/07/2011 20.33.37
    Fausto 75.....grazie per la stima. Pesante dire "IL NOSTRO NORIS HA COPERTO TUTTO" spero non legga mai quanto scritto, un'esternazione che rischierebbe una denuncia per diffamazione. Giusto avere le proprie idee, ma per dare giudizi cosi' forti bisogna esserne certi al 100 per 100, e se l'ha fatto vuol dire che ne ha le prove e quindi non avrà nessun problema. Ringrazio tutti per aver avuto l'opportunità di esternare il mio pensiero.
    32 | fausto75 il 09/07/2011 20.35.14
    Caro Eugenio, mi spiace, ma non sono d'accordo con te. Noris ha appoggiato tutte le decisioni di questo presidente, e non venirmi a dire che non si accorgeva di quello che stava succedendo. E' stato complice in quell'ufficio di presidenza che nell'ultimo anno e mezzo ha fatto il bello e cattivo tempo, esautorando il consiglio. Per me le persone oneste sono quelle che si tirano fuori, quando sentono odore di bruciato, non quelle che portano legna. Cara Lara, non è questione solo di amare lo sci. I problemi si affrontano, per migliorare. Le cose che non vanno si discutono, per superarle. Il male peggiore è fare finta di nulla, giustificare tutto. Secondo te quindi si doveva andare avanti per non rovinare il nome dello sci, anche se le deleghe avevano firme false e se durante l'assemblea decine di persone hanno votato senza averne il diritto? O forse questo è l'ultimo stadio prima della rovina? E soprattutto, una persona condannata a 4 anni e mezzo per concussione aggravata (con tanto di interdizione perpetua dai pubblici uffici), non dovrebbe secondo te avere il buon senso di tirarsi indietro e aspettare l'ultimo grado di giudizio invece di continuare a gestire soldi pubblici? E chi gli sta intorno (vedi Noris e tutta la banda), a costo di perdere la seggiola, non dovrebbe dire queste cose? Così si cresce, così si migliora il mondo dello sci. Il resto sono chiacchere.
    33 | fausto75 il 09/07/2011 20.39.24
    Diffamazione? Noris era nel consiglio di presidenza. Tutte le delibere sono firmate anche da lui, ad eccezione di quando non era presente. Questo secondo te che cosa vuol dire? Sapeva delle scelte o no?
    34 | lara.magoni@libero.it il 09/07/2011 20.58.47
    Fausto.....ne prendo atto. Ripeto non tutelo nessuno e ben venga questa verità pur brutta che sia...bruttissima questa faccenda delle false deleghe, che non condivido per nulla. Ripeto provo solo tanta amarezza. Da sportiva vivevo tutto con lealtà e sacrificio e trovarsi di fronte a queste cose è normale rimanerne sconvolta. Sai una cosa? E' una seggiola molto scomoda, della quale tanti ne farebbero a meno... La tua chiarezza sul modo di operare non passa inosservata, mi farebbe piacere saperti fra i candidati della prossima assemblea. Buona serata!
    35 | eugenio il 09/07/2011 21.01.18
    Fausto, credo che tu appartenga alla seconda categoria... quella che non conosce Antonio Noris personalmente, quindi non entro nel merito di quello che dici. D'altra parte la vera questione non è cosa abbia fatto lui nell'ambito del mandato che ha ricevuto, ma chi verrà dopo e come cambierà la FISI, se mai cambierà qualcosa.
    36 | fausto75 il 09/07/2011 21.12.36
    Cara Lara, sono solo un appassionato di sci, non ho né le capacità, né il tempo, né l'intenzione di candidarmi. Ma se davevro la seggiola è così scomoda, perché non l'ha mollata nessuno, ad eccezione di Kristian Ghedina, l'unico a dire: "Io a queste condizioni non ci sto"? Caro Eugenio, la questione non è chi verrà, ma che cosa è stato fatto e cosa troveranno davvero nei conti dopo la gestione di questi anni. Non conosco Noris personalmente, come non conosco personalmente nessuno dei consiglieri, posso solo giudicare dal'esterno quello che hanno fatto. La responsabilità di Noris è maggiore perché era vicepresidente e non mi sembra che abbia mai espresso obiezioni all'operato di Morzenti, a meno che lo abbia fatto con te, che lo conosci. Ma il suo ruolo era pubblico, non privato.
    37 | lara.magoni@libero.it il 09/07/2011 21.20.57
    Fausto....forse Ghedina ha rinunciato perchè era un ruolo che se svolto con impegno necessitava di tempo e non era retribuito. Forse coloro che non hanno mollato la sedia erano persone con interessi personali evidenti come la tutela della Coppa del Mondo nelle loro località...e poi non ho voglia di innescare polemiche senza fine. Ti posso dire che sicuramente c'erano persone incollate alla sedia....ma altre magari, poche, che come Antonio hanno lavorato solo per il bene dello sport e certamente non meritavano di trovarsi in questa situazione.
    38 | fausto75 il 09/07/2011 21.26.33
    Cara Lara, forse devi stare attenta tu a quel che dici per non essere accusata di diffamazione... Ghedina ha rinunciato perché non lo pagavano? E gli altri per difendere i loro interessi? E solo Antonio ha lavorato per il bene dello sport e per questo ha sempre accettato tutto senfa dire o fare nulla? mah, boh.
    39 | quilodico il 09/07/2011 21.32.42
    Sarebbe bello però fare nomi e cognomi... evitando generalizzazioni alquanto inopportune. La Magoni si riferisce a qualcuno della maggioranza o dell'opposizione?
    40 | eugenio il 09/07/2011 21.35.29
    Un'ultima considerazione, poi chiudo su Antonio, perchè non ha certo bisogno di qualcuno che ne difenda l'immagine. Come ha sottolineato Lara, le cose "da dentro" sono diverse da come appaiono fuori. Per Kristian, consigliere di minoranza, era forse più facile prendere le distanze dalle decisioni della leadership... se tu fai parte dello schieramento del Presidente sei lì per fare andare avanti la baracca e se credi che questo sia il motivo per cui ti hanno eletto non ti tiri indietro e cerchi di dare il tuo contributo senza remare contro.
    41 | lara.magoni@libero.it il 09/07/2011 21.47.52
    Quilodico...se esci dal nickname e ti presenti è meglio, vuoi i nomi e non metti il tuo...alquanto fantasioso. Le persone sono della minoranza e avendole frequentate negli anni ho visto da parte loro un interesse specifico "sopratutto" verso le gare e non verso tutte le problematiche federali. Bisognerebbe che chi si candida non avesse legami di questo genere, infatti non sono loro il problema ma chi li vota. La federazione non può permettersi di non guardare insieme verso la stessa direzione, pure l'opposizione dovrebbe essere costruttiva per portare avanti al meglio i programmi....i contrasti inutili lascaimoli al governo.
    42 | lara.magoni@libero.it il 09/07/2011 21.49.49
    Fausto 75.....ho detto forse.....non ho detto l'ha fatto per questo.... Buona serata!
    43 | brunodalla il 10/07/2011 0.24.05
    una precisazione d'obbligo, giusto per evitare di andare avanti in una inutile polemica: in questo forum, come in tutti i forum del mondo, ci si iscrive con un nickname. è ampia facoltà di ognuno scrivere o meno il proprio vero nome, non è certo un obbligo, chi lo fa va bene, chi preferisce di no va bene lo stesso. sia gli uni che gli altri sono pienamente autorizzati ad esprimere il loro pensiero, basta che lo facciano senza offendere nessuno e con un minimo di cognizione di causa. detto questo, la questione è ormai chiara a tutti, anzi, lo era già da parecchio tempo, il brutto è l'aver aspettato più di un anno per arrivare ad una conclusione della vicenda. e la conclusione è che l'ultima elezione della Fisi non è valida. si può discutere all'infinito se fino ad adesso l'operato degli organi federali sia stato valido o meno, se le persone elette siano state degne o meno, e se siano o meno degne di rispetto, in base alle conoscenze personali che ognuno ha delle persone in questione. secondo me serve a poco, perchè il punto è che le persone in questione non dovevano essere in quei ruoli, visto che l'elezione è stata viziata da parecchie irregolarità. ora bisogna ripartire. arriverà il commissario, e vedremo come andrà. lo hanno già detto in molti, ancora prima delle elezioni, ma la questione principale è una revisione dello statuto e soprattutto del metodo di voto, non più basato sulle deleghe affidate ai vari sciclub, ma un sistema che consideri il voto di ogni iscritto alla fisi, se veramente si vuole maggiore democrazia e giusto per evitare in futuro figure come quella appena fatta. poi il giudizio sull'uomo (morzenti) è una faccia ancora diversa del problema, credo che molti avrebbero da ridire sulle sue capacità, mi viene in mente un nome, che è quello di Ravetto. ma anche questo credo che lasci ormai il tempo che trova, la cosa principale è che c'è un lungo lavoro da fare da parte del futuro commissario.
    44 | bicco il 10/07/2011 9.11.47
    Tanto per fare chiarezza sulle deleghe: sappiate che nella bozza di revisione dello statuto le deleghe aumentano, passando da tre a (se non sbaglio) cinque per ogni sci club e che questa decisione non è dovuta alla FISI ma alla volonta del CONI di equiparare gli statuti di tutte le federazioni.
    45 | emanueza il 10/07/2011 18.56.32
    Ragazzi...ho letto con attenzione tutti i vostri interessnti interventi...il confronto e lo scambhio di opinioni sono la ricchezza più grande di tutti noi appassionati...ma è possibile che non si riesca per il bene del nostro sport preferito a trovare un punto dì'incontro univoco per tutti? da ieri poomeriggio è un susseguirsi di telefonate per commentare la notizia, stasera sarò a cena con delle persona e monto probabilmente domani aprirò in 3D dedicato al Toto prossimo Presidente e non mancheranno le sorprese... L'unica certezza emersa in tutte le telefonate è che le elezioni, dal momento che le squadre ed i programmi della prossima stagione sono già stati stilati, devono essere indette entro la metà di settembre ed i top sarebbe entro ferragosto ma personalmente ai miracoli hoi smesso di credere da tempo...
    46 | lara.magoni@libero.it il 10/07/2011 19.35.46
    Buonasera BrunoDalla, condivido quanto espresso ma sottolineo che l'educazione non deve essere persa di vista. e talvolta il nickname consente tale libertà. Entro giovedì la Giunta del Coni si riunirà e verrà fatto il nome del Commissario, giustamente come tu hai sottolineato ci sono uomini e uomini..... Ho sempre voluto vedere il bicchiere mezzo pieno durante tutto il percorso sportivo e lo faccio ancora oggi perchè mi consente di catturare sempre, anche se pur piccole, le azioni positive. Sono d'accordo che dovrebbero cambiare lo statuto, toglierei le deleghe e obbligherei la partecipazione di tutti i club....magari facendo nella stessa giornata due assemblee una al nord e una al centro per favorirne l'affluenza. Devo dire che l'esperienza federale è stata per me molto importante e formativa, ho affrontato situazioni difficili, di grande responsabilità....per questo mi sento molto serena nel'estrernare pensieri su argomenti che conosco. Vorrei ricordare che i risultati degli atleti sono ciclichi e non dipendono dal DT ma semplicemente da un lavoro svolto negli anni dove tutti gli allenatori danno il loro contributo e talvolta chi arriva ne raccoglie le vittorie. Nella mia carriera lunga 16 anni con 5 mondiali e tre olimpiadi ho cambiato 5 DT e una cifra di tecnici.....ho trovato in ognuno di loro un prezioso valore aggiunto per arrivare alle vittorie. Non mi sentirei di scartare nessuno anzi ancora oggi vorrei ringraziarli tutti. Come Voi sarei molto felice di rivedere la federazione "con abiti nuovi", magari attraverso questo forum potremmo proporre nomi di persone valide nelle quali riporre la nostra fiducia.
    47 | bicco il 10/07/2011 20.54.54
    Parlando di elezioni penso ci sarà anche il problema di fare oltre all'elezione del Presidente anche l'assemblea straordinaria, che era già stata programmata per lo scorso 25 giugno e poi rimandata a settembre/ottobre. Il cambio dello statuto è voluto dal CONI come dicevo nel messaggio precedente e uniforma lo statuto FISI a quello delle altre Federazioni. Tornando alle deleghe tutti vorrebbero abolirle ma mi sa che ce le terremo in versione extra-large
    48 | lbrtg il 10/07/2011 23.55.23
    lara.magoni@libero.it ha scritto:
    Sai una cosa? E' una seggiola molto scomoda, della quale tanti ne farebbero a meno...
    Ne sono convinto anch'io. D'altra parte però, nessuno obbliga alcuno a candidarsi. Quindi, se uno lo fa, non può permettersi di non sapere a che cosa va incontro.
    49 | lbrtg il 10/07/2011 23.57.46
    lara.magoni@libero.it ha scritto:
    Fausto....forse Ghedina ha rinunciato perchè era un ruolo che se svolto con impegno necessitava di tempo e non era retribuito.
    Grave, questa supposizione.[}:)] Conoscendo bene il Ghedo, non credo proprio che la cosa stia in questi termini.
    50 | truddo il 11/07/2011 7.22.25
    Proporrei di lasciare perdere le polemiche e di guardare avanti con serenità considerando che finalmente si potrà andare avanti parlando di sport. Io penso che il commissariamento non sarà così breve, che verrà data priorità anche alla revisione dello statuto. Oltre che al nome del commissario io guardo con molto interesse ai due probabili vice...
    51 | hyppogod il 11/07/2011 8.03.56
    lbrtg ha scritto:
    lara.magoni@libero.it ha scritto:
    Fausto....forse Ghedina ha rinunciato perchè era un ruolo che se svolto con impegno necessitava di tempo e non era retribuito.
    Grave, questa supposizione.[}:)] Conoscendo bene il Ghedo, non credo proprio che la cosa stia in questi termini.
    Quoto, Kristian ha preso quella decisione per questioni di principio e ne ha ampiamente spiegato le ragioni; oltrettutto non è uno attaccato ai soldi e stupisce che Lara, una sua buona conoscente, faccia certe insinuazioni poco simpatiche.
    52 | Enrico il 11/07/2011 9.39.16
    truddo ha scritto:
    Proporrei di lasciare perdere le polemiche e di guardare avanti con serenità considerando che finalmente si potrà andare avanti parlando di sport. Io penso che il commissariamento non sarà così breve, che verrà data priorità anche alla revisione dello statuto. Oltre che al nome del commissario io guardo con molto interesse ai due probabili vice...
    Quoto al 100%
    53 | Enrico il 11/07/2011 10.05.15
    Adesso facciamoci promotori di una riforma dello statuto che elimini una buona volta questo indecoroso sistema delle deleghe. Di firme apocrife durante le elezioni federali ne ho viste anche io tante in passato, tuttavia almeno nel mio caso corrispondevano alle intenzioni di voto di chi per pigrizia aveva verbalmente dato il proprio assenso, ma che poi non aveva dato il giusto seguito con l'invio della delega a mezzo fax al delegato. Fin che c'è solo la buona fede si può anche essere elastici, tuttavia di fronte ad un ricorso di una parte interessata tutto ciò può realmente venire a galla invalidando l'intera assemblea. Ripeto la consuetudine non è regola e difronte ad un opposizione fondata o meno su presunti brogli commessi, fa sì che ogni irregolarità (benché commessa in buona fede rispettando l'effettiva volontà politica del presunto delegante) pesino tutte in egual misura. Pertanto semmai non riuscissimo ad eliminare questo strumento che può, in casi di provata malafede (vedi le inchieste di Report sulle elezioni del C.F. dell'ACI), rappresentare il grimaldello per far saltare l'intero banco, sarebbe bello ed opportuno che ognuno di noi vigilasse sul rispetto assoluto delle procedure di voto, non avallando alcuna irregolarità per evitare qualsiasi abuso futuro. Fra i frequentatori del Forum ci sono sicuramente consiglieri di sci club o rappresentati degli atleti. Ebbene li invito a non conferire le proprie deleghe verbalmente ma a spendere qualche minuto del proprio tempo per compilare l'apposito modulo o a scrivere poche righe compiendo il proprio dovere istituzionale. Posto questo sono contento che nella mia federazione, il sottoscritto non sia più rappresentato da una persona che è stata condannata in primo grado e che non abbia sentito alcun obbligo morale nei confronti dei suoi tesserati di fare un passo indietro. Sono dispiaciuto che molto consiglieri non abbiano in qualche modo preso atto di questa stortura e non abbiano ritenuto necessario distinguersi da un Presidente che seppur in presenza delle garanzie del nostro ordinamento penale, non abbia ritenuto rispettoso dell'interesse federale farsi da parte. Anche perché Morzenti non è stato riconfermato con un plebiscito, ma per una manciata di voti!!!! Quindi il 49% dei votanti non era con lui fin da subito. Visto che si parla di volontariato e di Sport non ci si attacca alla cadrega come fosse un scranno parlamentare o di sottosegretariato (anche se in questi settore la moralità dovrebbe indurre alle stesse conseguenze). Non è la poltrona FISI quella che ti permetterà di difenderti meglio, ma anzi il non farsi da parte si è dimostrato un errore strategico clamoroso che sicuramente ne ha bruciato tutte le future (e quanto mai improbabili se i successivi gradi di giudizio confermassero l'interdizione perpetua dai pubblici uffici) aspirazioni politiche dello stesso Morzenti e di quanti non hanno avuto la fermezza di opporvisi durante la sua discussa gestione.
    54 | truddo il 11/07/2011 10.50.21
    da Race: La lettera del presidente Angelo Dalpez Riceviamo e pubblichiamo una lettera del presidente del comitato trentino della Fisi sul commissariamento e le prospettive per il futuro. Come Presidente del Comitato Trentino della Fisi, anima nera del presidente Morzenti, ho ricevuto molti messaggi che rispecchiavano lo stato d’animo di molti amici che hanno condiviso con noi, in questi anni, la difficile, ambigua e perversa posizione dei vertici federali e dei fedeli accoliti che servili sedevano alla tavola del 'boss'. Anni difficili abbiamo attraversato, noi che non volevamo condividere nulla e per questo costantemente penalizzati. Negli ultimi mesi, puntualmente prima delle sentenze di condanna nei confronti di Morzenti, si sono susseguite le missive con la regia del presidente del Comitato Alpi Occidentali Marocco, inviate ai presidenti dei Comitati regionali ai quali si chiedeva di esprime solidarietà, rinnovata fiducia nel 'padre-padrone' della Fisi. Chi non firmava veniva additato come nemico di Morzenti e quindi della stessa federazione. Noi non ci siamo mai inchinati al volere del 'despota', così come hanno fatto il Presidente del Comitato Regionale Appennino Emiliano, Giulio Campani e spesso anche Claudia Giordani Presidente del Comitato Alpi Centrali. La sentenza dell’Alta Corte di giustizia sportiva del Coni oltre al giudizio, indiscutibilmente pesante per la Federazione, ha avuto anche il merito di fare chiarezza anche se noi non ci illudiamo più di tanto. Si andrà a nuove elezioni ed ancora una volta gli ambigui manovratori usciranno dal loro letargo e si presenteranno come novelli portatori del nuovo messaggio, dopo aver assecondato maldestramente e furbescamente in tutto e per tutto, nel bene e nel male, il loro caro presidente Morzenti. Poco importa se è una giacca a vento o una macchina destinata agli atleti. Siamo sicuri che quegli individui sapranno ancora una volta riciclarsi e dire che loro non centravano con la gestione verticistica di Morzenti o come gli opportunisti dell’ultima ora che pur ritrovandosi con gli oppositori alla vigilia del voto federale, puntualmente sono stati poi accalappiati dal 'fascino morzentiano'. Ora però il tempo è scaduto e con l’arrivo del Commissario che reggerà le sorti federali per alcuni mesi, tutto viene azzerato. Sicuramente è meglio così. Per cambiare le sorti della Federazione si deve ripartire da: a) Un Consiglio federale rinnovato, emarginando quanti con ambizioni di potere hanno condiviso la gestione Morzenti, dai bilanci alle disastrose decisioni tecniche che di fatto ci hanno relegato al ruolo di cenerentola fra le nazioni importanti dello sci pur raggiungendo risultati agonistici di prestigio dovuti esclusivamente alla professionalità e alla passione di tecnici e di atleti; b) fare chiarezza sulla reale situazione economico – finanziaria della Federazione. c) ricucire da subito attraverso personaggi di prestigio - testimoni di un passato sportivo o rappresentanti dei Comitati organizzatori di grandi eventi che in questi anni si sono allontanati dalla gestione “morzentiana” - i rapporti con la Fis che di fatto si sono bloccati con la condanna in primo grado di Morzenti nell’inchiesta di Cuneo e quindi la sospensione dello stesso presidente dal consiglio della federazione internazionale. d) riaprire il dialogo con i Comitati organizzatori di eventi internazionali facendo da regia nella richiesta di candidature di Campionati mondiali, Coppe del mondo o altre manifestazioni internazionali; e) risolvere le problematiche legate ai diritti televisivi con i Comitati organizzatori che mettono in pericolo lo stesso svolgimento delle gare in Italia ponendo la Fis in condizioni di rivedere il calendario di Coppa del Mondo a favore di località estere. f) rivedere la gestione tecnica delle diverse discipline soprattutto nei settori dello sci alpino e dello sci nordico. I team tecnici devono essere autonomi delle scelte pur condividendole le Commissioni di riferimento ma non devono essere assoggettati a capricci o manie del presidente. g) ripristinare i rapporti con le aziende sportive per la formazione di un nuovo Pool, con società e marchi di prestigio, società impiantistiche stazioni invernali per un progetto di rilancio globale del mondo dello sci. h) riformare il ruolo dei Comitati Regionali Fisi con compiti ben definiti e decisionali per quanto riguarda l’attività e gli eventi sul proprio territorio oltre al sostegno per l’attività giovanile. i) ruoli ben definiti dei Gruppi Sportivi militari all’interno della Federazione e a favore dei Comitati regionali e delle realtà territoriali. l) riaprire i rapporti con i media per una maggiore attenzione e divulgazione dello sci oltre a ripristinare i mezzi di comunicazione con gli sci club e quanti gravitano nel mondo dello sci. C’è molto da lavorare se si vuole riportare la Federazione degli sport invernali agli antichi splendori con una visione e una struttura indubbiamente più dinamica, moderna, giovane ma che sappia far riscoprire a tutti i protagonisti, lo sci in tutte le sue dimensioni allontanandoci sempre di più dalle miserie morzentiane. Angelo Dalpez Presidente Comitato trentino della Fisi
    55 | bicco il 11/07/2011 10.52.57
    Enrico ha scritto:
    Adesso facciamoci promotori di una riforma dello statuto che elimini una buona volta questo indecoroso sistema delle deleghe. Di firme apocrife durante le elezioni federali ne ho viste anche io tante in passato, tuttavia almeno nel mio caso corrispondevano alle intenzioni di voto di chi per pigrizia aveva verbalmente dato il proprio assenso, ma che poi non aveva dato il giusto seguito con l'invio della delega a mezzo fax al delegato.
    Enrico scusa ma forse nei precedenti messaggi non mi sono spiegato bene. Non è la FISI che può cambiare lo statuto a piacimento ma il CONI che ti impone le regole dello statuto e fra queste ci sono le deleghe che saranno in numero proporzionale alle società iscritte alla Federazione e nel nostro caso passeranno da tre a (se non sbaglio) 5. Quindi andiamo a votare e non diamo deleghe a nessuno, chiaramente ognuno con le proprie idee.
    56 | Enrico il 11/07/2011 11.02.10
    No ti sei spiegato benissimo. Solo che ricordo che siamo noi quelli che andiamo a votare nell'assemblea straordinaria. Seppure le proposte vengono dall'alto, nulla vieta che i comitati regionali in pool possano proporre modifiche in senso contrario al diktat del CONI. Nel caso poi che in futuro non si riesca a liberarsi di un tale strumento, sarà bene che ognuno di noi si faccia promotore dell'importanza che lo stesso riveste e quindi del pieno rispetto delle formalità per la loro produzione.
    57 | truddo il 11/07/2011 11.05.22
    Ha ragione Bicco, le deleghe saranno in funzione degli affiliati e oltre 1500 club e meno di 2000 potranno essere fino a 5 (se non sbaglio). Credo, però, che ci siano modi e mezzi per controllare e verificare la loro correttezza...
    58 | truddo il 11/07/2011 11.07.23
    errata corrige... 5 fino a 1500, 6 da 1500 a 2000 (dovrebbe essere il caso fisi....)
    59 | lara.magoni@libero.it il 11/07/2011 11.35.36
    Buongiorno! Complimenti per la conocenza della materia, ci sono cose che non conoscevo e grazie a voi le ho potute analizzare. Mi spiace che nei miei messaggi abbiate colto solo supposizioni e non la passione e la lealtà che mi contraddistingue. Sono sempre stata molto trasparente e continuerò ad esserlo. Sono sempre stata per lo sport, e forse grazie a questo mio spirito sportivo sono al terzo mandato al Coni Nazionale. Anche qui si arriva grazie alle elezioni, votano 43 federazioni nazionali e 17 discipline associate....forse hanno apprezzato il lavoro svolto. Ripeto quello che ho sempre sostenuto, che chiunque decida di candidarsi avrà la mia stima...perchè non sono poltrone comode e nemmeno retribuite, dove la passione dovrebbe essere il denominatore comune che supporterà sfide "impossibili". Tra sportivi cerchiamo di trovare qualcuno che possa rappresentarci in modo corretto, usiamo questa opportunità di comunicazione per individuare un uomo carismatico. Ora che è tutto azzerato è sciocco perdere tempo ma è molto più importante proporre. Del resto le cose che non vanno sono ormai come minestra riscaldata......che ne dite di un nuovo menù?? A tutti buon lavoro!
    60 | truddo il 11/07/2011 11.44.41
    Questo lo condivido (in assoluto): basta dire cosa non va ma via con le proposte costruttive.
    61 | lara.magoni@libero.it il 11/07/2011 12.00.58
    Ok Truddo!!! Certo che una bacchetta magica non sarebbe male!! La complessità della nostra federazione necessità di persone con capacità in ogni ambito per poter risollevvarsi...e ripeto un gruppo di lavoro che vada nella stessa direzione. Ciao!
    62 | Enrico il 11/07/2011 12.14.42
    Ecco una notiziola che farà andare su tutte le furie i tesserati. La riporta il sito di SCIARE a contorno delle indiscrezioni sulla possibile scelta di Manuel Di Centa quale commissario per la FISI. Le spese processuali poste a carico della FISI ammontano.... leggete sotto... Intanto la vittoria ottenuta dal Sai Roma, costerà alle casse della Fisi circa 200 mila euro pari alle spese processuali. Bottino che andrà inevitabilmente a mancare alle squadre nazionali. E' stato riconosciuto senza dubbio un diritto, ma a pagarne le spese sarà ancora una volta lo sport italiano. Speriamo che il nuovo corso saprà spazzare via le eterne polemiche che attanagliano giorno dopo giorno lo sci italiano. Non ultima quelle delle località italiane (tutte tranne Bormio) che "dovrebbero" ospitare le gare ci Coppa del Mondo ma che pochi giorni fa hanno fatto muro contro la richiesta di Morzenti di aumentare l'obolo per i diritti tv nei confronti della Fisi. Complimenti Presidente! la sua ottusa difesa ad oltranza dei pateracchi commessi il 24 aprile ci addosseranno una bellissima sopravvenienza passiva, che si magna da sola la sponsorizzazione di Bridgestone e Lauretana!! Davvero magnifico!
    63 | Marco78 il 11/07/2011 13.40.40
    Scusate ma questa non la capisco, i brogli elettorali saranno stati fatti da delle persone o no? Se l'assemblea elettiva è stata annullata vuol dire che il presidente e consiglieri non potevano difendersi a nome della FISI ma da singole persone quindi il presidente e consiglieri in carica o chi ha effettuato i brogli dovrà pagare le spese non la fisi che è pure parte lesa di questa situazione!!!!![:(!]
    64 | truddo il 11/07/2011 13.57.05
    Marco in teoria hai ragione in pratica il procedimento era FIS vs SAI ROMA. Forse la FISI potrebbe rivalersi, una volta viste le motivazione, sugli autori dei pasticci ma la vedo molto ardua come strada.
    65 | Enrico il 11/07/2011 14.05.01
    Infatti è proprio così! La FISI in quanto soggetto giuridico è stata condannata alle spese. Può solo rivalersi in futuro nei confronti del presidente e di coloro che approvarono la scelta di costituirsi se si riesce a provare il dolo oltre che al danno economico (evidente dal costo eccessivo della procedura processuale innescata).
    66 | truddo il 11/07/2011 14.20.53
    Una domanda a chi ne capisce di diritto: cosa succede di tutti gli atti (delibere, contratti ecc. ecc.) firmati dal 25 aprile 2010 all'8 luglio 2011?
    67 | Enrico il 11/07/2011 14.27.41
    Dovrebbero essere salvi salvo impugnazione da parte di uno dei contraenti che reputasse lesivo dei propri interessi continuare a legarsi nel rapporto c.d. sinallagmatico. Sono mutate delle condizioni e se ciò non stesse bene ad una delle controparti potrebbe costituire un motivo per rescindere il contratto o per recedere dallo stesso anticipatamente. In entrambe le due fattispecie regolate distintamente dal codice civile, nel caso in cui non vi fosse comune accordo o se le circostanze non fossero state precisamente previste dai singoli contratti, per eliminare i contratti si arriverebbe ad una causa.
    68 | truddo il 11/07/2011 14.28.37
    ... sapevo che potevo contare sulla dotta risposta di Enrico.... [:D]
    69 | leo85 il 11/07/2011 14.41.37
    lara.magoni@libero.it ha scritto:
    Buongiorno! ....Mi spiace che nei miei messaggi abbiate colto solo supposizioni e non la passione e la lealtà che mi contraddistingue. Sono sempre stata molto trasparente e continuerò ad esserlo. Sono sempre stata per lo sport, e forse grazie a questo mio spirito sportivo sono al terzo mandato al Coni Nazionale. Anche qui si arriva grazie alle elezioni, votano 43 federazioni nazionali e 17 discipline associate....forse hanno apprezzato il lavoro svolto. Ripeto quello che ho sempre sostenuto, che chiunque decida di candidarsi avrà la mia stima...perchè non sono poltrone comode e nemmeno retribuite, dove la passione dovrebbe essere il denominatore comune che supporterà sfide "impossibili". Tra sportivi cerchiamo di trovare qualcuno che possa rappresentarci in modo corretto, usiamo questa opportunità di comunicazione per individuare un uomo carismatico. Ora che è tutto azzerato è sciocco perdere tempo ma è molto più importante proporre. Del resto le cose che non vanno sono ormai come minestra riscaldata......che ne dite di un nuovo menù?? A tutti buon lavoro!
    Lara, qui nessuno metterebbe in dubbio la tua grande lealtà soprattutto la tua grande passione che ti hanno sempre contraddistinto!!! Su questo ci posso mettere la mano sul fuoco per tutti! D'accordissimo con te quando sottolinei come ci sia poco da gioire per la situazione attuale...però non è nemmeno giusto che lassù dovesse esserci uno che con l'inganno voleva fare il brutto ed il cattivo tempo di questo meraviglioso sport...prendendo decisioni scellerate (fra cui una delle ultime, oltre quella di spedire a casa l'ottimo Claudio, quella di far saltare il contratto con Energia pura, sapientemente scippato dagli austriaci...che qualcosa di sci e di risultati direi che ci capiscono...no?) Aiutaci a trovare qualcuno degno della tua passione, in grado di riportare il buon nome della Fisi a livelli delle altre grandi nazioni dello sci!!! Questo è quello che vogliamo più di qualsiasi altra cosa!
    70 | Marco78 il 11/07/2011 14.47.41
    Enrico ha scritto:
    Infatti è proprio così! La FISI in quanto soggetto giuridico è stata condannata alle spese. Può solo rivalersi in futuro nei confronti del presidente e di coloro che approvarono la scelta di costituirsi se si riesce a provare il dolo oltre che al danno economico (evidente dal costo eccessivo della procedura processuale innescata).
    Detto in parole spicce oltre il danno anche la beffa!!!![:(]
    71 | truddo il 11/07/2011 14.50.23
    o anche "becco e bastonato...."
    72 | truddo il 11/07/2011 14.51.51
    oppure "cornuto e mazziato"... dipende dalla provenienza geografica.... [:p][:p][:p]
    73 | trudy il 11/07/2011 15.51.53
    Pulizia.... era ora!!!!!!
    74 | lbrtg il 11/07/2011 16.43.39
    Interessanti e da discutere, le considerazioni di Davide Marta su "RACE". UN PAIO DI GIORNI DOPO LA SENTENZA, LE CONSIDERAZIONI DEL DIRETTORE DI RACE. «Sei contento ora che non c'è più Morzenti?» mi ha chiesto più di un lettore all'indomani della sentenza dell'Alta Corte del CONI. Inizialmente mi sono trovato senza risposta, dopo averci riflettuto un paio di giorni, la mia risposta è no. Non sono contento affatto. Questa non è una sconfitta personale del signor Morzenti e delle persone che gli sono state fedeli, nemmeno di quelli che l'hanno votato. È una sconfitta di tutto il mondo dello sci. Credo sia opportuno scindere ciò che riguarda la gestione della cosa federale ed il conseguente giudizio sul merito, dalla sentenza dell'Alta Corte del CONI. Qui si parla di Assemblea Federale, che per definizione comprende tutti i tesserati. Non ci sono bravi che possono esultare e cattivi che vanno a casa con la coda tra le gambe. Siamo alle solite: è l'Italia in cui viviamo, a cui, invece di ribellarci, ci stiamo piano piano abituando, l'Italia in cui c'è sempre un furbo che cerca la scorciatoia, c'è sempe l'amico di qualcun altro che mette a posto le cose. L'ESEMPIO DELLA POLITICA - Funziona tutto così, dalla politica all'economia, e la cosa grave è che non ci si stupisce nemmeno più. Già, la politica. Una specie di piovra che allunga i tentacoli su tutto: che cosa c'entrano le dichiarazioni entusiastiche del Ministro degli Esteri, Franco Frattini, il giorno della sentenza, apparse su più quotidiani? Cosa c'entrano con lo sport e con la montagna? Un ministro della Repubblica può esultare perché un'Assemblea Federale viene invalidata per brogli elettorali? Politica che affonda le sue spire nella dietrologia, nelle situazioni così chiare per chi manovra, sempre oscure per chi le deve valutare: si sta nel campo delle ipotesi, si scrive rigorosamente al condizionale. Vien da chiedersi come mai lo sci club Sai Roma sia stato colto da una voglia irrefrenabile di giustizia, al punto da spingere la questione sempre più avanti, a rischio di trovarsi a pagare somme davvero ingenti in caso di verdetto negativo. Intento nobile, indubbiamente, da qualcuno i segnali di cambiamento devono pur venire. È che siamo talmente abituati al contrario, che a pensare male alla fine si finisce per indovinare. Insomma, spiacerebbe rendersi conto che Morzenti è stato 'fatto fuori' per regolamenti di conti, con il solito pesce più grande che mangia quello più piccolo. È vero, lo stesso meccanismo il presidente uscente l'ha messo in atto nei confronti di Claudio Ravetto, giuisto per citare il caso che ha fatto più 'rumore' negli ultimi mesi. Ma sarebbe stata preferibile una fine 'fisiologica' di questo mandato, viste le spaccature interne sempre più insanabili nel consiglio, i conflitti con i comitati organizzatori della Coppa del Mondo e i mancati introiti legati alla questione Vuarnet. E ADESSO? - L'avventura di Gianni Morzenti finisce ancora una volta in commissariamento, così come era iniziata: candidato unico alla successione di Gaetano Coppi (che era commissariato), commissariato a sua volta, così come già era avvenuto ai tempi della presidenza del Comitato AOC. Destino strano per un uomo che di professione fa il liquidatore, in un certo senso una versione del ruolo di commissario. La Federazione, ora, tutta quanta, si troverà a pagare le spese processuali, a trascorrere una stagione a regime di sopravvivenza, di fatto congelata nell'amministrazione ordinaria. Qualcuno esulta per un possibile ritorno di Ravetto, ma non è la stessa cosa. È un po' come quando nei rapporti si rompe qualcosa, la classica 'minestra riscaldata'. L'unica cosa che potrebbe farci sperare in un futuro migliore è che probabilmente qui si è toccato il fondo in fatto di tensioni, contrapposizioni, veleni: l'esempio della politica 'vera' è stato seguito alla perfezione. LA FISI CHE VERRA' - Avanti dunque qualcuno che abbia voglia di cambiare, si auspica, ma chi può essere così 'pollo' da cascarci? Qualcuno che abbia voglia di viaggiare in Audi a spese della federazione, di avere trasferte e alberghi pagati, un po' di fama e notorietà. Perché chi altro potrebbe avere tempo e voglia, nel 2011, di rubare tempo alla propria attività lavorativa, alla famiglia, al poco tempo libero, per fare del volontariato nella Federazione Italiana Sport Invernali? Smettiamola di credere alle favole, alla leggenda dei 'quattro miliardari' - che ho sentito troppe volte raccontare nell'ambiente - che sarebbero pronti a mettere in pista un fantomatico manager in grado di gestire la Fisi. Non è un'azienda, il presidente non percepisce stipendio, le persone capaci hanno altro da fare nella vita. Già, perché tirando le somme, il CONI ha sì annullato l'Assemblea Federale e di fatto azzerato i vertici federali, ma questo è un autogoal al sistema. È un po' come sottolineare che il meccanismo non funziona, è corrotto, clientelare, le deleghe di voto sono il primo male da estirpare. Vogliamo cambiare? Voto telematico a tutti gli associati, elezione diretta del presidente e dei consiglieri, passando dalla base, senza pasticci e papocchi. Stipendio al presidente e ai consiglieri, deleghe a consulenti esterni per la gestione del marketing, dell'ufficio stampa, della contabilità, struttura snella, documentazione trasparente e di libera consultazione per gli associati. Partiamo da questo, non dai sogni, dalle promesse e da un nuovo consiglio federale, in cui uno deve esserci perché è bravo, non perché quel Comitato ha portato tot voti, l'altro perché rappresenta i gruppi sportivi, l'altro perché è nipote di uno che ha i soldi e uno, giusto per fare un po' di scena, perché ha vinto qualche medaglia in carriera. Un saluto, doveroso, a Giovanni Morzenti, con cui abbiamo intrapreso aspre battaglie su tematiche scottanti, che spesso abbiamo contestato, le cui scelte molto spesso non abbiamo condiviso. Ma a cui va dato l'indubbio merito di essersi speso affinché la FISI tornasse a contare qualcosa.
    75 | brunodalla il 11/07/2011 17.35.12
    sono in completa antitesi con la conclusione dell'articolo, con l'ultima frase. proprio tutta questa vicenda dimostra come l'ex presidente si sia speso per affossare ancora di più l'immagine della Fisi, che quindi conta di meno, soprattutto in ambito internazionale. la questione è che l'ex presidente avrebbe dovuto andarsene dopo la sua condanna di primo grado, come da tutti più volte detto. ma ormai il danno è fatto e non si può più porre rimedio. come si dice, ai posteri l'ardua sentenza. concordo sul fatto che nessuno può dirsi contento della conclusione, perchè appunto ci rimette lo sci italiano e la sua immagine. non per questo, però, non si può dire che il ricorso dello sci club di roma non andava fatto. si tratta semplicemente di regole da rispettare, queste non sono state rispettate e quindi è giusto farlo notare. concordo sul paragone fatto con la politica italiana, l'esempio che ci arriva è pessimo. però anche questo non vuol dire che non si deve far finta di niente. ci si deve impegnare invece, tutti e possibilmente in prima persona e per quello che ognuno può fare, a cambiare la politica, e di conseguenza tutto il resto. il pagamento delle spese processuali purtroppo è una conseguenza dovuta, sempre merito del comportamento dell'ex presidente. non sono d'accordo sul fatto che si consideri il ritorno di Ravetto come una minestra riscaldata, soprattutto dopo che lo si è incensato per tutto il tempo. o non andava bene prima oppure deve tornare. concordo sulle cose da fare per cambiare che dice Marta, cioè voto telematico, etc, etc., ma se veramente il "sistema ha fatto autogol", come scritto, si cambia il sistema, non si cerca di far finta di nulla per poi lamentarsi. si vuole cambiare veramente? non si accetti più il sistema delle deleghe, ma veramente però. il Coni le impone? la base non deve accettare, fino all'estremo di non iscriversi più alle varie federazioni. cosa fa la federazione senza iscritti? la base deve farsi valere. forse così alla fine si potrà anche vedere a chi interessa e a chi sta a cuore questo sport.
    76 | Enrico il 11/07/2011 17.42.24
    Io condivido molte cose che scrive Davide Marta, ma questa specie di coccodrillo proprio non lo riesco a comprendere. Anzi no! Capisco che vuole tirare l'acqua verso il mulino professionale della federazione, sulla scorta di quello che fanno in Francia. Potrebbe essere una buona soluzione, ma poi penso a tutte le attuali cronache giudiziarie che ci dicono come, nonostante i nostri politici siano i più pagati del Mondo, si distinguano anche per la continua avida ricerca nell'arraffare qualsiasi cosa gli capiti a tiro. Purtroppo inutile nasconderci in questo paese politico (o gestore di risorse pubbliche che fa lo stesso) fa spesso coppia con tangente e conflitto d'interesse. Quindi su una soluzione del genere rimango scettico.
    77 | quilodico il 11/07/2011 18.01.13
    Editoriale che condivido assai poco. La necessità/voglia di dire sempre cose originali talvolta gioca brutti scherzi.
    78 | Glauco il 11/07/2011 18.42.47
    Ciao a tutti, è da un po' che non mi metto a scrivere qui sul forum e mi perdonerete... spero. Colgo l'occasione per salutare Lara, dopo essermi congratulato di persona quando è arrivata a Forlì in occasione del cinquantesimo anniversario della fondazione del club; ribadisco anche qui che in quell'occasione ha espresso concetti di passione per lo sport, ormai poco "praticati" da molti atleti e sulla sua "schiettezza" penso che ci sia poco da discutere. Come saprete, nel frattempo, sono diventato Vicepresidente del Comitato Appennino Emiliano e, se ben guardate la lettera aperta di Dal Pez, vorrei sottolineare che noi del CAE abbiamo sempre evitato di sottoscrivere i documenti di sostegno a Morzenti... un po' anche per merito mio. Questo ruolo mi ha consentito di partecipare, come delegato del Presidente, all'ultima consulta nazionale (che precede il Consiglio Federale)e ho toccato con mano che il clima di "terrore" era palpabile... tutti si affannavano ad "ossequiare" il capo, pur avendo preso parte a commissioni che prendevano in esame una nuova politica di tesseramento a lui poco gradita (si ipotizzava di differenziare le tessere). Lo statuto nuovo, come affermato da qualcuno, prevedeva (dico così perchè a questo punto dubito possa essere ratificato) oltre alla modifica del numero delle deleghe, anche la possibilità della FISI direttamente di entrare nel pacchetto azionario di società nate per organizzare eventi... forse per bypassare i comitati organizzatori. Alla mia richiesta di chiarimenti in merito... mi fu risposto che era una cosa necessaria per le nuove direttive della FIS... ma non mi hanno convinto molto!!! Per quanto attiene alle deleghe, non sono contrario a priori, a condizione che le stesse siano autenticate in qualche modo da un ente pubblico... ciò non toglie che, come ha detto Enrico, molto spesso si è lavorato "allegramente" anche da parte dei Comitati Provinciali di riferimento. In particolare io avevo sentito di una lamentela da parte di un club del padovano, stranamente caduta nel dimenticatoio, forse perchè loro non avevano risorse da spendere a livello legale! Mi interessa intervenire anche su Noris che, a differenza di alcuni di voi, conosco e stimo: premesso che lui faceva parte della cordata Ghilardi (alla quale il CAE aderì con entusiasmo), riuscì ad essere eletto con altri sei (mi sembra) di quella lista. Già all'inizio del mandato, fu presa in esame anche l'ipotesi di dimettersi in blocco... ma questo non sarebbe servito a fermare Morzenti; si decise perciò di restare nel CF per controllare, per quanto possibile, l'operato della presidenza. Noris in particolare, avendo le deleghe di freestyle, snowboard e carving, è stato molto partecipe in tutte le commissioni ed ha contribuito fattivamente al miglioramento delle cose in tutti questi settori con competenza e professionalità. Buttargli fango addosso pensando che sia "colluso" con il presidente è quantomeno offensivo! Tornando a Lara, ben sapendo che anche a Torino non perdevi occasione per tessere le lodi di Morzenti, ti garantisco che quello che auspichi è assolutamente condivisibile perchè tutti noi (facenti parte di un ramo della FISI), avendo democraticamente accettato l'esito delle votazioni, siamo andati avanti cercando comunque di fare il bene dei nostri soci... potrai capire però che, avendo riscontrato che la votazione è stata falsata, un po' di rammarico dovrà pur esserci!!! Riguardo al nome che non dici... se fosse quello della Di Centa, già papabile candidata contro Morzenti, personalmente la definirei un ottimo Commissario.
    79 | Glauco il 11/07/2011 18.45.14
    P.s. Dimenticavo... nell'editoriale di RACE, che apprezzo come rivista specializzata, il direttore Davide Marta questa volta ha pestato una "melma"![B)]
    80 | Enrico il 11/07/2011 19.40.40
    Non sarei così drastico nei confronti di Marta, ma penso sia abbastanza grande e vaccinato per chiarirci - se lo riterrà giusto ed opportuno - gli intenti reconditi che eventualmente non siamo riusciti a captare. Un Saluto "Amicone" di vecchia data, ben lieto di rileggerti e spero che gli anni ti abbiano dimostrato l'allora mia assoluta buona fede e confermato tutti i miei dubbi sull'operato dell'allora candidato in pectore (unico) alla presidenza federale. Tuttavia vorrei semplicemente farti constatare che Noris non faceva parte della cordata di Ghilardi, anzi figurava nell'elenco opposto. Ciò non toglie nulla alla tua stima (evidentemente ben riposta fino a prova contraria) nei suoi confronti. http://www.fantaski.it/FORUM/topic.asp?TOPIC_ID=19476&whichpage=9 Congratulazioni sinceri per il tuo nuovo ruolo di vicepresidente del CAE. Ti assicuro che ho molto apprezzato la mancata sottoscrizione dei due comunicati solidali e propagandistici pro Morzenti che furono diramati dagli altri pavidi comitati regionali (ivi compreso il mio, purtroppo!!).
    81 | truddo il 11/07/2011 19.49.38
    personalmente non sono d'accordo con quanto scrive il direttore, sulla figura di morzenti anzitutto... e vediamo cosa verrà fuori dal commissariamento, poi parleremo con cognizione di causa... e poi non vedo la sconfitta dello sport, lo sport è andato avanti, ha vinto e ha perso malgrado il personaggio e i suoi accoliti, non grazie a loro...
    82 | lara.magoni@libero.it il 11/07/2011 19.56.19
    Buonasera Amici....che bello leggere l'articolo di Davide Marta che condivido completamente...qui non c'è nessun vincitore e nessun perdente ma una vera sconfitta sportiva, una federazione di nuovo commissariata. Che vergogna infangarsi per delle deleghe, è come vincere da dopati.... Non so Voi, ma ho percepito in questa mossa una vendicazione di livello personale politica...chiaramente senza mettere in discussione lo sbaglio commesso che c'è ed è stato confermato e condannato. Leo 85 ti ringrazio. Purtroppo nei miei mandati ho avuto degli ottimi risultati che non sono stati messi a conoscenza, ma ne vado fiera comunque perchè era mio dovere occuparmi di quelle problematiche essendo stata eletta. Non ho mai condiviso coloro che hanno scelto di uscirne, perchè credo che sia la scelta più facile. Credo molto nelle persone che si mettono in gioco e portano avanti se pur con difficoltà gli impegni presi e gli obbiettivi prefissati prima di candidarsi.....a meno che la candidatura non sia sentita ma richiesta. Ho in mente varie persone per la nuova Federazione, ma prima di farvi i loro nomi vorrei contattarli per non metterli in difficoltà. Uomini e donne che hanno sempre lavorato ai margini, nel sottobosco di questo sport che meriterebbero di essere coinvolti in prima persona. Certo...sono persone che non accetterebbero nessun compromesso....Mi ricordo come esempio di trasparenza il mio allenatore Tony Morandi che lascio la nazionale perchè non accettava che la politica gli "consigliasse" chi convocare ai mondiali o alle olimpiadi.....fu coerente con se stesso e non ne fece più parte. Credetemi...ne ho incontrate molto poche di persone così. La difficoltà più grande in questi ambienti è rimanere se stessi, tutti d'un pezzo. E' forse questa la paura che allontana la scelta di candidarsi....la paura di cadere nella trappola dei corrotti, degli ipocriti. Certamente sono discorsi molto delicati da affrontare, ma se il vero pensiero è lo sport sono convinta non ci siano grandi problemi ma solo la voglia di ripartire e dare nuovo ossigeno agli sport invernali.....dai coraggio proviamoci!!!!!!!
    83 | lara.magoni@libero.it il 11/07/2011 20.14.02
    Ciao Glauco!!!! Hai ragione su quanto dici ma una logica sulla mia scelta nell'appoggio a Morzenti c'era e forse è l'ora di esternarla. Ho avuto la fortuna di vivere tre mandati accanto a Gaetano Coppi che mi ha regalato ottime opportunità di crescita dirigenziale sportiva, al quale sarò sempre riconoscente. Mandati nei quali Lui e Carmelo Ghilardi erano sempre ai ferri corti. Nessuna tolleranza fra di loro, si odiavano proprio. Quindi quando ho visto che Carmelo era appoggiato da chi l'ha sempre mortificato mi sono detta "NOn è possibile!!!" Semplicemente ho trovato terribile questa poca chiarezza, poca concretezza, poca trasparenza, poca lealtà....mi sono sentita tradita. Non ho mai messo in discussione ne Carmelo ne Giovanni....ho semplicemente scelto chi "in quel momento" mi aveva ispirato più fiducia. Non trovo che sia un errore fidarsi delle persone...l'ho fatto in buona fede. Non rimpiango nulla sulle scelte fatte, è giusto prendersi le proprie responsabilità e andare avanti. Certo è più facile salire sul carro dei vincenti....ma è anche vero che se ho vinto è perchè ho imparato dalle sconfitte!!!!
    84 | fausto75 il 11/07/2011 20.27.26
    cara Lara che tristezza sentirti dire le cose che ripete morzenti e che fa pronunciare anche a tutti i suoi fedelissimi... sentenza politica... bella scusa dopo aver letto i comunicati della Fisi che dicevano che era tutto a posto. che dire, sarà la povera vittima di un complotto plutomassonico.
    85 | lara.magoni@libero.it il 11/07/2011 21.21.39
    Fausto....hai ragione!! Però leggi tutto prima di giudicarmi...mi spiace ma sono una mente pensante!! Bruno Dalla ti chiedo una cortesia ci sarebbe Claudio Baldessari, non so se ricordi, ma era il responsabile stampa Fisi che vorrebbe mettersi in contatto con Voi e mi chiedeva il vostro recapito telefonico. Se ciò fosse possibile inviatemelo via mail che glielo giro. Grazie!!!
    86 | brunodalla il 11/07/2011 21.31.50
    lara.magoni@libero.it ha scritto:
    Fausto....hai ragione!! Però leggi tutto prima di giudicarmi...mi spiace ma sono una mente pensante!! Bruno Dalla ti chiedo una cortesia ci sarebbe Claudio Baldessari, non so se ricordi, ma era il responsabile stampa Fisi che vorrebbe mettersi in contatto con Voi e mi chiedeva il vostro recapito telefonico. Se ciò fosse possibile inviatemelo via mail che glielo giro. Grazie!!!
    se vuole parlare direttamente a voce, la persona giusta è l'admin, quindi devi contattare lui. mandagli un messaggio privato, usando il forum, oppure una mail, chiedendogli il recapito.
    87 | lara.magoni@libero.it il 11/07/2011 21.34.10
    Grazie!
    88 | Enrico il 11/07/2011 21.44.41
    Cara Lara, rileggendo il tuo precedente post mi sono ricordato quando nel 2006 avevo riposto in Gaetano Coppi le speranze di una FISI migliore reputandolo ancora una volta meritevole dell'appoggio dei tesserati per i successivo mandato dopo le olimpiadi Torinesi. Gli eventi mi diedero torto ed ho dovuto con rassegnazione ricredermi su certe mie convinzioni. Fui anche bacchettato dagli altri utenti del forum, ma devo dire che successivamente gli stessi mi hanno poi riconosciuto la mia buona fede ed il mio assoluto disinteresse nel sostenere il toscanaccio. Certo la tua posizione è ben più difficile perché eri all'interno del C.F. e quindi parte attiva nell'agone politico federale. Ad oggi se non ricordo male ricopri ancora un ruolo nella giunta CONI e spero che da li contribuirai con solerzia alla difesa del nostro mondo ed a quello di tutto il movimento olimpico nazionale. Avevi quindi torto allora e mi dispiace che non hai avuto la freddezza di esporre la tua pubblica ammenda, se non dopo il giudizio della corte. Forse la cosa ti è venuta istintiva, come quando tagliavi una curva piuttosto che assecondare il pendio, solo un gesto di estrema cortesia verso l'ex Presidente, ma dubito che a posizioni invertite fosse il tipo da usare la stessa cortesia nei tuoi confronti. Di errori nella vita se ne compiono sempre l'importante è adoperarsi per ripararli. Dall'alto del tuo ruolo dacci prova di poterlo fare. Buon lavoro.
    89 | larousse il 12/07/2011 0.20.44
    certo che le spese processuali dovrebbe pagarle anche la commissione verifica poteri che qualche mese fa aveva detto che era tutto a posto….
    90 | lara.magoni@libero.it il 12/07/2011 10.45.06
    Buongiorno Enrico! Quello che dici è corretto e riconosco i miei limiti nel voler sempre dare un alibi a chi sbaglia, perchè dentro di me non ho quella malizia che forse in questi ambienti tornerebbe utile. ..forse sono meno impulsiva di altri ma ti assicuro che poi so giocarmi bene le carte rimettendole al proprio posto. Si, sono al Coni ma nel Consiglio Nazionale....ed in questi anni mi sono adoperata nell'appianare diverse situazioni. Leggendo i tuoi post ho notato molta conoscenza della materia e me ne congratulo. Quando ripongo fiducia nelle persone e vengo tradita difficilmente mi ravvedo sul loro conto. Credo che questa mia "onestà" non debba diventare un reato ma bensì un qualcosa che tutti dovremmo avere. A presto....
    91 | lara.magoni@libero.it il 12/07/2011 11.14.37
    Dimenticavo....Glauco non è bello fare ipotesi sui miei piensieri. Hai sbagliato persona, stimo la Di Centa per la grande capacità che ha avuto di riproporsi dopo lo sport....è una delle poche se non l'unica. Buona giornata!
    92 | Glauco il 12/07/2011 11.19.04
    Sì... effettivamente Enrico ha ragione in merito alla posizione di Noris alle scorse elezioni. Mi scuso per l'errore, le notizie che ho comunicato erano in riferimento a Enzo Sima, che faceva parte della cordata Ghilardi. La stima in Noris però rimane immutata avendo avuto modo di vederlo lavorare! Ringrazio Lara per la risposta e per la sua capacità di "buttare il cuore oltre l'ostacolo"... anch'io speravo in una FISI forte e, pur avendo votato per Carmelo, avevo accettato l'esito delle urne. Enrico sa bene che noi non andavamo molto d'accordo con Gaetano Coppi e l'unica cosa che spererei di evitare è una riproposizione di nomi di quella vecchia scuola... che so... tipo Marchesi! [:(]
    93 | lara.magoni@libero.it il 12/07/2011 11.30.50
    Ohhhhhh.......che bello! La mia rabbia nasce quando persone non competenti vogliono a tutti i costi entrare nell'ambito sportivo, non bisogna essere per forza atleti ma sicuramente valuterei coloro che da anni sostengono con passione e sacrificio il cammino delle società. E' un mondo variegato che ha bisogno di nuova linfa.... E solo insieme con ottimismo si potrà fare.....
    94 | lara.magoni@libero.it il 12/07/2011 12.20.42
    Ohhhh che bello era inteso che parliamo la stessa lingua!! Non vorrei fossi incompresa! Ciao!
    95 | kaiser il 12/07/2011 13.21.15
    Pensavo avessi visto una mia foto da qualche parte.... pazienza [:D]
    96 | hyppogod il 12/07/2011 14.09.17
    Non chiamerei "sbaglio" quello che ha combinato Morzenti... mi sembra un po' riduttivo dato che si tratta di BROGLIO e TRUFFA. Penalmente c'è una bella differenza. E stimo di più chi ha deciso di andarsene perchè non condivideva non solo le scelte, ma anche la moralità della situazione, rispetto a chi è rimasto sul carro del vincitore... ops, ex carro del vincitore [B)]
    97 | bicco il 12/07/2011 17.12.40
    Pur non condividendo la linea del Presidente più che parlare di truffe o imbrogli io parlerei di consuetudine, (da tutte e due le parti) visto che da sempre le deleghe sono oggetto di un po di giochetti da una parte e dall'altra. Nel caso dell'elezione dello scorso anno lo scarto è stato talmente esiguo che il ricorso ha avuto esito positivo. Poi se vogliamo parlare di tutti gli altri problemi e casini va bene ma nel caso delle elezioni, visto lo scarto, io parlerei di un gran c.lo
    98 | FRENK il 12/07/2011 22.06.17
    L'importante è che il despota se ne sia andato, un presidente federale passato in giudicato e condannato in primo grado che ancora teneva ben stretto il fondo schiena in quella poltrona mi puzzava e non poco al di là delle deleghe, dei voti e quant'altro. Sconfitta per lo sport italiano ma grandissima vittoria per chi vuole veramente bene allo sci e per Claudio Ravetto che ora mi auguro torni a lavorare con i ragazzi, non è tardi ancora si può fare.
    99 | kaiser il 13/07/2011 6.41.55
    In tutto ciò resto perplesso di una cosa..... non ho mai letto una riga in favore di Morzenti....mai da nessuno.... ma sarà possibile che in questo forum non ci sia nemmeno una persona che abbia appoggiato la sua candidatura???
    100 | Enrico il 13/07/2011 9.48.12
    La nostra Lara Magoni[;)]. Ce lo ricordava proprio Glauco e lei l'ha confermato.
    101 | Enrico il 13/07/2011 9.49.59
    Ah dimenticavo anche il famigerato delinquente in calzamaglia al secolo DIABOLIK. Quello proprio non me lo posso scordare. Spero che non si faccia più vedere su queste pagine.
    102 | brunodalla il 13/07/2011 10.22.18
    kaiser ha scritto:
    In tutto ciò resto perplesso di una cosa..... non ho mai letto una riga in favore di Morzenti....mai da nessuno.... ma sarà possibile che in questo forum non ci sia nemmeno una persona che abbia appoggiato la sua candidatura???
    mi ricordo anche un altro paio di persone, forse uno che si è presentato come avvocato, ma di cui non mi ricordo il nome. comunque qualcuno c'è stato[;)]
    103 | lara.magoni@libero.it il 13/07/2011 10.54.47
    Giusto amici....ma ho spiegato pure il motivo. All'epoca sicuramente non era il peggiore. Mi spiace che siate così acidi e non vogliate leggere con attenzione ciò che esprimo, ad ogni scelta corrispondono delle responsabilità. Non mi sento coinvolta da quanto accaduto perchè forse fate fatica a ricordare che non sono stata eletta. Avete fatto altre scelte e quindi non perdete tempo a giudicarmi....a questo punto, per mia fortuna, visto il vostro pensiero. Al di fuori di queste polemiche sterili sono più propensa ad affrontare la rinascita, per il bene di tutti noi. Mi spiace che Diabolik non ci sia più....ho letto i suoi post, animava il forum. Buona giornata e su con le proposte!!!
    104 | lara.magoni@libero.it il 13/07/2011 11.01.02
    Buongiorno BrunoDalla! Hai ragione, qualcuno che l'ha appoggiato c'è stato. nonostante le deleghe il 49% dei club....quindi non sono stata l'unica "idiota". Forse è gente che non ha tempo ne voglia di comunicare su un forum. Chiederei gentilmente di smetterla visto che il "despota" non c,è più. Caspita non c'è nulla di più bello che ripartire dopo una brutta caduta!! Questo è ciò che insegno ai miei allievi. Impariamo a guardare avanti visto che ne abbiamo la possibilità!!! Grazie a tutti.......
    105 | brunodalla il 13/07/2011 11.05.55
    scusami Lara, ma non mi pare di aver mai letto nessuno che definiva "idiota" chi ha votato per morzenti, o chi lo ha sostenuto. eviterei questo tipo di affermazioni, che appunto riguardano il passato, che tu stessa dici di mettercelo alle spalle. in quanto a diabolik, più che animare il forum lo rovinava....
    106 | didibi il 13/07/2011 11.17.52
    anch'io a suo tempo dissi che secondo me Morzenti era il male minore rispetto a Ghilardi senza smettere di criticare prima e poi decisioni che non condividevo; comunque trovo anche poco corretto ora dire che lui ha fatto i brogli; chi segue questo tipo di elezioni sportive sa che ci sono sempre un certo numero di deleghe fatte con i piedi e non è dimostrato che siano state tutte a favore di Morzenti; chiediamoci invece perchè questa volta il Coni ha annullato il tutto mentre in passato con scandali ben più grossi in altre federazioni archiviò tutto;
    107 | lara.magoni@libero.it il 13/07/2011 11.30.24
    GRANDE DIDIBI........CONDIVIDO IL TUO PENSIERO! Grazie Bruno Dalla per la risposta....lo dico perchè tra le righe di tanti messaggi si percepisce l'accanimento e sinceramente lo trovo ormai fuori luogo. Buona giornata!
    108 | Nexus 7 il 13/07/2011 11.31.06
    mi permetto solo di sottolineare un dato: una firma falsa, come la presenza di più deleghe di uno stesso soggetto a più soggetti differenti, è un illecito (non voglio usare termini più pesanti che comunque ci starebbero tutti), e il fatto che si faccia così spesso non è una giustificazione, anzi!!! "lo fanno tutti" o "si è sempre fatto così" sono frasi che mi mandano in bestia, divento veramente cattivo! giusto per esprimere un mio parere personalissimo, di natura più etica che altro, il fatto che Morzenti sia stato eletto in maniera illegale (inutile girarci intorno, il termine corretto è quello) è per me secondario rispetto al fatto che ha gestito malissimo la FISI, perdendo sponsor, scontrandosi con tecnici ed atleti, con i comitati organizzatori, ed ancora più rispetto al fatto che condannato in primo grado non si sia dimesso da qualsiasi incarico pubblico (ma questa è un'utopia in questa nostra Italia [:(!])e che escluso dal consiglio FIS abbia di fatto portato fuori degli ambiti decisionali (in cui comunque per altri motivi avevamo poco peso) la Federazione che in teoria dirigeva per puro spirito di servizio, visto che il suo come tutti quelli dei vari dirigenti sono incarichi totalmente non retribuiti... non miilludo affatto che altri dirigenti facciano molto di meglio... ma peggio di così non si può fare
    109 | didibi il 13/07/2011 12.03.04
    se nexus si riferisce al mio post vorrei sapere dove ho scritto che siccome cosi fan tutti va bene; ho detto che succede sempre in questi consessi che non tutte le deleghe siano perfette ma vengano accettate (magari perchè vi è caos all'atto di registrazione, che le circolari non siano precise ecc) pertanto se uno vuole ricorrere trova sempre qualcosa a cui aggrapparsi; e poi non è dimostrato che le deleghe "sbagliate" siano state a solo vantaggio di una parte;
    110 | brunodalla il 13/07/2011 12.05.38
    lara.magoni@libero.it ha scritto:
    GRANDE DIDIBI........CONDIVIDO IL TUO PENSIERO! Grazie Bruno Dalla per la risposta....lo dico perchè tra le righe di tanti messaggi si percepisce l'accanimento e sinceramente lo trovo ormai fuori luogo. Buona giornata!
    è una tua opinione, che può anche essere non corrispondente alla relatà. tu pensi che sia accanimento? i fatti hanno detto che c'erano tutte le ragioni. il fatto di guardare avanti non significa che non si possano analizzare gli errori passati, giusto per non ricaderci in futuro. è peggio discuterne oppure dare un bel colpo di spugna? io dico che è peggio dare un colpo di spugna. ma non tanto per "accanirsi", quanto per "ricordarsi del passato, imparare e poi dimenticarlo", tentando di non ripeterlo.
    111 | Nexus 7 il 13/07/2011 12.09.34
    didibi, non mi riferivo a te, era un discorso generale... ribadisco comunque che quelle deleghe non sono "sbagliate", sono "falsificate", e che la frequenza di questi comportamenti illegali non li giustifica... se in un'assemblea di una federazione non si riesce a trovare il tempo ed il modo (o forse la voglia) di fare le cose come vanno fatte, vuol dire che siamo messi davvero male!!! PS: la questione non è a vantaggio di chi fossero le deleghe, ma che non dovevano essere presentate, e tantomeno accettate, senza arrivare a dire che forse una segnalazione alle "autorità competenti" (probiviri FISI o autorità giudiziarie) sarebbe stata doverosa da parte di chi avese riscontrato una irregolarità sospetta per dolosa PPS: bruno, ti quoto al 300% (ça va sans dire [:D])
    112 | lara.magoni@libero.it il 13/07/2011 12.18.43
    Bruno Dalla....lo percepisco nei miei confronti. E non lo capisco perchè non credo di offendere nessuno. Anzi sono propositiva in tutto. Nessun colpo di spugna!!! Ci mancherebbbe.....La trovo una vergogna e l'ho detto dall'inizio, e ovviamente si guarda avanti per non rifare gli stessi errori. Ma concedetemi.....sono anni che la federazione fa i suoi pasticci, del resto la vedo come una grande famiglia con una differenza che i panni sporchi si lavano in pubblico. Impariamo a leggere con attenzione i post, sarà...ma io credo che in fondo ognuno di Noi dica una piccola verità. Ringrazio per il confronto....
    113 | bicco il 13/07/2011 12.21.27
    Ma secondo voi la commissione come fa a sapere se una delega è falsa ? se è fatta bene con tutte le firme e i riferimenti del caso come fai ad accorgerti che non va bene ? A me è capitato di trovarmi in coda per votare e quello davanti a me a presentato una delega e si sono accorti che non andava bene perchè la stessa delega era stata già presentata 10 minuti prima. In quel caso è stato richiamato il primo presentatore e si è scoperto che era lui il taroccatore a quel punto, senza battere ciglio ha stracciato quella delega e ne ha presentata un'altra. Nel caso dell'ultima elezione, soltanto lo scarto minimo fra i due contendenti ha combinato tutto questo pasticcio, quindi a parte le deleghe secondo me bisognerebbe alzare il quorum per il Presidente al fine di evitare tutti questi problemi.
    114 | Nexus 7 il 13/07/2011 12.35.23
    per verificare la validità di una delega è sufficiente pretendere che in allegato alla delega ci fosse copia di un documento di identità del delegante (provate - per esempio - ad andare a ritirare una raccomandata o un referto di un esame in ospedale con delega scarabocchiata e senza copia del documento del delegante...) e poi, sarò ripetitivo, ma mi domando come sia possibile che un'assemblea di un'organismo "pubblico" che gestisce fior di cifre, debba essere organizzata peggio dell'assemblea del mio condominio!!!
    115 | lara.magoni@libero.it il 13/07/2011 13.08.47
    Nexus 7......la chiusura del tuo post calza a pennello!!!
    116 | Nexus 7 il 13/07/2011 13.18.29
    capita... [;)]
    117 | Glauco il 13/07/2011 13.52.13
    Ciao Nexus 7... mi ricordo che vuoi essere citato ben bene!!! Io di elezioni FISI ne ho fatte solo due: la prima era quella in cui vinse Coppi (credo nel 2006) dove è stato fatto tutto con supporto di un "cervellone" elettronico. Salvo scoprire che non bastarono 5/6 ore per avere i risultati e tutti o quasi dovettero abbandonare l'aula prima di conoscere l'esito... anche lì più di qualche dubbio rimase a tutti quelli che non gradivano la rielezione di Coppi per il terzo mandato, chiuso tra l'altro con un commissariamento. Le deleghe, come dici tu, devono essere verificate anche con documenti, con procedure trasparenti e la commissione verifica poteri deve contenere almeno un rappresentante per ogni candidato presidente. Per come la vedo io, la procedura elettiva la deve impostare direttamente il CONI, con il proprio personale, per evitare qualsiasi dubbio al riguardo. Sicuramente se Morzenti avesse ottenuto un plebiscito, le ragioni dei ricorrenti si sarebbero affievolite... invece lo scarto fu minimo, al tempo noi facemmo due conti "della serva" sarebbero bastati i voti di una decina di piccole società come la mia per ribaltare l'esito. Purtroppo però adesso che si è "scoperchiato il pentolone" inizierà la bagarre per la successione... con la differenza che i comitati regionali non devono essere rinnovati, quindi chi era "pro Morzenti" prima... probabilmente lo rimarrà!!! Ecco che chi dice possibile un avvicendamento "sponsorizzato" da lui non è proprio ingenuo. Anche Ghilardi, secondo me l'unico vero truffato in questa vicenda, nel frattempo ha perso potere ed appoggi, stante la sconfitta subìta anche nel proprio comitato che gli ha preferito Claudia Giordani. Infine un messaggio a Lara: non stupirti delle risposte, anche critiche, che ricevi su questo (ma anche in tanti altri) forum... gli appassionati parlano con il cuore e, spesso, senza filtro. Riconoscere però a questo gruppo la forza di discutere anche a 40° all'ombra del nostro sport preferito, è un obbligo!!! Complimenti a tutti
    118 | lbrtg il 13/07/2011 14.05.49
    Intanto l'ex. Presidente ha risposto a "RACE"...... La risposta dell'ex presidente Fisi al Comitato trentino Riceviamo dall'ex presidente della Fisi Giovanni Morzenti e pubblichiamo integralmente questa lettera. Riteniamo però doverose due veloci precisazioni, visto che veniamo chiamati in causa (come Skiracemagazine): 1) Race Ski Magazine non è stato, non è non sarà il portavoce di nessuno, né dell'ex presidente Morzenti, né dei consiglieri di opposizione o del Comitato trentino della Fisi. Come sempre abbiamo riportato le posizioni di tutti e così continueremo a fare nell'interesse del dibattito democratico. 2) Se riceviamo una lettera crediamo di fare il nostro mestiere in maniera corretta e nell'interesse di tutti pubblicandola, come abbiamo fatto con quella di Dal Pez (peraltro pubblicata anche da altri media) e come facciamo ora con quella di Morzenti. LETTERA APERTA A "FISI TRENTINO" E "SKIRACEMAGAZINE" E’ quantomeno curioso che l’effettiva natura di alcune persone emerga con chiarezza proprio laddove esse, dopo aver evitato con cura lo scontro diretto con i propri avversari quando essi erano sufficientemente forti, li assalgono poi con veemenza nel momento della loro debolezza. Proprio questo desiderio di farsi pubblicità sulle spalle di chi è momentaneamente fuori gioco, mi sembra emergere come il tratto “qualificante” dalla lettera immediatamente fatta circolare dal 'presidente' Dal Pez a ridosso del commissariamento della FISI da parte del CONI e prontamente divulgata dal sito 'Fisi Trentino' e dal 'bollettino' online 'Skiracemagazine' che della lotta di liberazione della FISI dal sottoscritto è diventata da un po’ di tempo la voce ufficiale (ovviamente in una forma deontologicamente disinteressata, esclusivamente mirata al bene della FISI stessa, e anche con la coda di paglia di doversi giustificare dopo il mio “dimissionamento”!). Pur non essendo per nulla felice della decisione dell’Alta Corte di Giustizia del Coni, peraltro avvenuta a seguito di un ricorso avanzato dal prestigioso sci club SAI di Roma il cui unico vanto non mi pare essere l’elevato numero tesserati o una importante attività agonistica di alto livello, devo confessare di aver trovato decisamente divertente la lettera del 'sindaco' Dal Pez: un vero e proprio 'programma elettorale' di rilancio della FISI ricco di novità e concretezza, certamente non scritto da lui, ma da lui sottoscritto con un atto di coraggio straordinario, non appena il suo presunto 'nemico' gli è sembrato finalmente impossibilitato a reagire a seguito di una decisione che egli agognava da tempo, senza lasciarlo tuttavia trasparire troppo. Del resto che il 'sindaco' Dal Pez sia uomo di coraggio lo si può evincere da suo autodichiararsi a posteriori 'anima nera del Presidente Morzenti' (forse chi ha scritto per lui voleva dire “bestia nera”!). Lo si evince tuttavia molto meno dalle sue effettive prese di posizione contro “l’ambigua e perversa posizione dei vertici federali” da lui registrata in questi anni. Lui ovviamente non sedeva 'alla tavola del boss', sebbene forse lo desiderasse, ma neppure cercava di opporsi apertamente a che la cena infame che a questa tavola si consumava venisse portata a termine. Prudentemente attento a mai disturbare ufficialmente “il despota”, il 'nobile' Dal Pez si guardava bene dal partecipare a una riunione, dal muovere anche solo una modesta critica aperta e ancor più dall’avanzare una semplice proposta, limitandosi talora a far pervenire (anche lui!) messaggi attraverso propri accoliti ed emissari. Siamo davvero sicuri, e parlo a tutti gli uomini e le donne che cercano davvero il bene della FISI, di voler tornare ad affidare la Federazione, della quale rivendico di aver risanato i bilanci rafforzandone di pari passo l’attività agonistica, a personaggi di questo calibro o simili? Certo non penso che l’uomo del futuro della FISI sia il 'sindaco' Dal Pez o altra persone del suo spessore. A chi consiglia questo signore o altri del suo valore, che cercano maldestramente di tutelare interessi 'superiori', facendoci credere di avere a cuore il bene della FISI, il sottoscritto – che forse non sarà più dirigente federale – continuerà tuttavia ad opporsi strenuamente, come peraltro ha fatto in questi anni, con l’unico intento di restituire alla FISI in particolare, ma più in generale al mondo dello sport, quel ruolo prestigioso che, solo coniugato ad una gestione corretta dei propri bilanci e di una organizzazione amministrativa e gestionale adeguata, essa può tornare ad avere! Milano, 12 giugno 2011 Giovanni Morzenti
    119 | Nexus 7 il 13/07/2011 14.17.54
    casaomai qualcuno avesse ancora dubbi su certe persone... [}:)][V][:(] Dalpez lo conosco poco, e sicuramente la sua lettera è fatta anche se non solo di retorica, e altrettanto sicuramente non ha fatto grandi battaglie contro Morzenti, ma questo non giustifica certe virgolettature e certe "sottili" allusioni sarò ingenuo, ma io sogno un paese in cui gli inquisiti (figuriamoci i condannati) si dimettono per rispetto della carica che ricoprono, un paese in cui certi ricorsi non dovrebbero avere necessità di essere, un paese in cui i fondi, le risorse strumentali e le dotazioni di una associazione venissero usati tutti e solo per le finalità dell'associazione... [}:)][V][:(] PS: questa è la prima mossa della campagna elettorale di Morzenti per le prossime elezioni
    120 | truddo il 13/07/2011 14.22.36
    penso che non valga più la pena di commentare... il passato è fortunatamente passato, guardiamo al futuro cercando di cambiare le cose... la storia (piccola o grande) giudicherà... intanto lo farà la corte d'appello tra poche settimane...
    121 | truddo il 13/07/2011 14.39.53
    da Sottozeronews: SZNews) 13 luglio – L’ex presidente dellaFisi Gianni Morzenti parlerà, domani, ai giornalisti, alle 11.30 presso il Circolo della stampa diMilano. L’ex numero uno della Federazione italiana sport invernali, dunque, spiegherà la sua posizione dopo la sentenza dell’Alta Corte di Giustizia delConi che, la scorsa settimana, ha annullato per irregolarità le elezioni che nel 2010 avevano portato alla riconferma di Morzenti.“Perché il Coni ha deciso il commissariamento della Fisi?”, il titolo, piuttosto eloquente, dell’incontro convocato da Morzenti. E proprio domani il Coni, nel corso della Giunta Nazionale (presso il Foro Italico, con inizio alle ore 9.30), procederà con il commissariamento della Fisi
    122 | quilodico il 13/07/2011 15.16.52
    "A chi consiglia (Dal Pez) o altri del suo valore, che cercano maldestramente di tutelare interessi 'superiori', facendoci credere di avere a cuore il bene della FISI, il sottoscritto – che forse non sarà più dirigente federale – continuerà tuttavia ad opporsi strenuamente, come peraltro ha fatto in questi anni, con l’unico intento di restituire alla FISI in particolare, ma più in generale al mondo dello sport, quel ruolo prestigioso..." "Perché il Coni ha deciso il commissariamento della Fisi? - il titolo, piuttosto eloquente, dell’incontro convocato da Morzenti". Un passato, a quanto pare, che fatica assai a passare...
    123 | truddo il 13/07/2011 15.19.18
    può darsi... ma tutto passa... figuriamoci questo periodo...
    124 | Nexus 7 il 13/07/2011 15.22.32
    mi piace quel "forse"... la dice lunga sepmre per il mio sogno del messaggio precedente [:(]
    125 | lbrtg il 13/07/2011 19.31.50
    truddo ha scritto:
    da Sottozeronews: SZNews) 13 luglio – L’ex presidente dellaFisi Gianni Morzenti parlerà, domani, ai giornalisti, alle 11.30 presso il Circolo della stampa diMilano. L’ex numero uno della Federazione italiana sport invernali, dunque, spiegherà la sua posizione dopo la sentenza dell’Alta Corte di Giustizia delConi che, la scorsa settimana, ha annullato per irregolarità le elezioni che nel 2010 avevano portato alla riconferma di Morzenti.“Perché il Coni ha deciso il commissariamento della Fisi?”, il titolo, piuttosto eloquente, dell’incontro convocato da Morzenti. E proprio domani il Coni, nel corso della Giunta Nazionale (presso il Foro Italico, con inizio alle ore 9.30), procederà con il commissariamento della Fisi
    Non vuole proprio mollare l'osso il Morzenti.....
    126 | lbrtg il 13/07/2011 19.36.18
    Ecco le motivazioni dell'annullamento, pubblicate su "RACE". ECCO LE MOTIVAZIONI DELL'ALTA CORTE DI GIUSTIZIA. Fra deleghe artefatte, errori e vizi è saltato il quorum L'Alta Corte di Giustizia Sportiva del Coni ha comunicato le decisioni in merito all'annullamento dell'assemblea elettiva dell'aprile 2010. Diverse le motivazioni, incentrate su una quantità ingente di deleghe irregolari e su vizi procedurali e formali della Commissione Verifica Poteri nello svolgimento delle votazioni. Vi sono casi in cui c'è una successiva correzione del soggetto delegato. Casi attribuiti fra gli altri allo Sci Club Valsavaranche, Barthelemy, Weissmatten, Valgrisenche, Amis De Verrayes, Chamois, Rhemes Notre Dame, Pontino, Lodrone. Altri invece casi in cui siamo di fronte a deleghe rilasciate con sottoscrizione non in originale. Esempi per lo Sci Club Viterbo o il Dl Atac. E poi situazioni in cui il delegato aveva con se un numero di deleghe maggiori del previsto, come per lo Sci Club Montagna Pistoiese, Doganaccia, Pietrasanta Quindi casi nel Comitato Lazio-Sardegna in cui diverse deleghe sono state compilate con calligrafia identica. E ancora le famose deleghe artefatte dei casi Sci Club Città Murata, il celebre caso della prima denuncia di Giorgio Rizzo che fece partire il 'polverone', quindi il caso del Frosinone. Infine deleghe via fax, strumento non regolare, deleghe senza intestazione ed infine deleghe in bianco come nei casi degli Sci Club Kaltern, Lurisia e Roncobello. Insomma, un sistema che ha portato all'annullamento di un numero di voti che ha di conseguenza abbassato il quorum elettivo. Così sono state annullate quasi 4000 preferenze, e l'Alta Corte, presieduta dall'emerito Edoardo Chieppa, ha deciso di annullare l'assemblea e di conseguenza il presidente Giovanni Morzenti, tutto il Consiglio Fisi e i revisori dei conti non sono più in carica.
    127 | Enrico il 13/07/2011 19.44.17
    lbrtg ha scritto:
    truddo ha scritto:
    da Sottozeronews: SZNews) 13 luglio – L’ex presidente dellaFisi Gianni Morzenti parlerà, domani, ai giornalisti, alle 11.30 presso il Circolo della stampa diMilano. L’ex numero uno della Federazione italiana sport invernali, dunque, spiegherà la sua posizione dopo la sentenza dell’Alta Corte di Giustizia delConi che, la scorsa settimana, ha annullato per irregolarità le elezioni che nel 2010 avevano portato alla riconferma di Morzenti.“Perché il Coni ha deciso il commissariamento della Fisi?”, il titolo, piuttosto eloquente, dell’incontro convocato da Morzenti. E proprio domani il Coni, nel corso della Giunta Nazionale (presso il Foro Italico, con inizio alle ore 9.30), procederà con il commissariamento della Fisi
    Non vuole proprio mollare l'osso il Morzenti.....
    Spero di cuore che la prossima sentenza della Corte di Appello di Torino ribadisca la sua ineleggibilità! Visto che non lo capisce da solo.... forse con l'ennesima sentenza contro si comincerà a farsi una ragione che tutto ciò che fa non è proprio fatto bene. Ricordiamo che non riveste più incarichi per conto del Ministero dell'Economia a partire dal mese di gennaio di quest'anno per effetto della nota sentenza di 1° grado del Tribunale di Cuneo.
    128 | Glauco il 13/07/2011 19.49.20
    Apperò... 4000 voti, mica poco, considerando che sarebbero stati circa la metà la differenza tra i due contendenti... valutiamo anche che, come nel caso di Giorgio Rizzo (che conosco personalmente) mi sembra di aver capito che lui la delega l'aveva data per votare Ghilardi, quindi vale doppio!!! Adesso però vorrei capire se i responsabili di tutto ciò, ivi compresi i presidenti dei Comitati Regionali coinvolti, rischiano qualcosa personalmente... del resto i famosi 200 mila euro di spese processuali li dobbiamo pagare anche per colpa loro!!! Una nota di demerito va anche alla commissione interna che, non solo ha sbagliato, ma ha anche perseverato nell'errore rigettando il sacrosanto ricorso del SAI Roma.
    129 | truddo il 13/07/2011 20.25.34
    Chi ha voglia vada sul sito del Coni e si legga le 33 pagine di motivazioni...
    130 | Enrico il 13/07/2011 21.08.14
    Me le sono lette e possiamo innanzitutto smentire la leggenda metropolitana sul mega risarcimento delle spese processuali posto quanto deciso nella sentenza in proposito: "Alla soccombenza della FISI segue la condanna alle spese a favore della ricorrente SAI, liquidate in complessive euro 7.000,00 (settemila/00), oltre Iva, contributi come per legge e rimborso del contributo amministrativo del presente grado, tenuto conto dell’impegno di udienze e partecipazione ad attività istruttoria. Sussistono giusti motivi, in relazione alle risultanze della controversia per compensare interamente le spese tra le altre parti. Alla parte soccombente (FISI) vanno addebitate le spese a favore di Coni Servizi s.p.a. parti ad euro 3.345,48 indicate nella nota allegata alla relazione degli avvocati […omissis]." La voce erronea su un fantomatico risarcimento delle spese processuali di € 200.000,00 era riportata sul sito di SCIARE e io stesso l'avevo presa per buona. Ormai Sciare continua a perdere colpi.
    131 | eugenio il 13/07/2011 21.18.35
    però Enrico bisogna distinguere fra le spese del giudizio liquidate nella sentenza e il costo dei legali che il Presidente e diversi consiglieri (questi ultimi me lo devono proprio spiegare perchè si sono voluti costituire nel giudizio) dovranno pagare a prescindere dalla rifusione delle spese di controparte. I parcelloni dei vari avvocati per l'attivitò svolta (fra cui risalta il meraviglioso proclama apparso sul sito della FISI) li pagheranno di tasca propria Morzenti & co. oppure saranno a carico del bilancio federale ? si accettano scommesse.....
    132 | Enrico il 13/07/2011 21.23.36
    Cioè? Chiariscimi un momento per mia cultura: ti riferisci solo alle parcelle della difesa FISI? Oppure è possibile che la ricorrente possa pretendere quale rifusione delle spese processuali un importo maggiore di quanto direttamente liquidato in sentenza?
    133 | eugenio il 13/07/2011 22.35.26
    le spese del SAI Roma sono state liquidate in sentenza e quello è il limite dell'onere posto a carico della FISI come spesa di soccombenza nel giudizio. Io mi riferisco ai costi degli avvocati che il Presidente Morzenti dovrà pagare per la propria difesa (o più correttamente per la difesa della legittimità dell'assemblea elettiva) oltre a quella (a mio parere del tutto inutile) delle difese di ciascun consigliere che ha deciso di costituirsi per difendere la propria posizione. Mi domando se questi costi li sosterrà la FISI o Morzenti e i consiglieri personalmente... la risposta me la sono già data... e non mi piace !!! (peraltro potrei sbagliarmi) [;)]
    134 | Enrico il 13/07/2011 22.37.46
    Notizia pubblicata sul sito di SCIARE. Segnalo un ulteriore strafalcione commesso dalla redazione di Sciare, dove si sbaglia la cronistoria della precedente elezione (quella che portò la primo mandato di Morzenti alla presidenza FISI, giugno 2007), laddove erroneamente ci si dimentica di un piccolo particolare: in quell'occasione Morzenti era candidato unico e non quindi opposto ad Elio Grigoletto (che invece era il candidato sconfitto da Coppi nelle elezioni dell'aprile 2006). Fisi: Riccardo Agabio possibile commissario - Nelle ultime ore si fa forte il nome del vice presidente Coni, preferito alla Di Centa, come già accadde 5 anni fa Il Vice Presidente Coni Riccardo Agabio potrebbe essere il Commissario scelto dal Coni per traghettare la Fisi alle prossime elezioni. E' una possibilità più forte rispetto a quella di Manuela Di Centa per diversi motivi. Innanzitutto la Federsci è sicuramente tra le più importanti dello sport italiano pertanto la figura del vice presidente Coni sarebbe più rappresentativa su tutti i fronti. L'alternativa Pancalli è di difficile credibilità in quanto ha già una presenza nella danza sportiva, settore attualmente in mezzo ai guai per reiterati scandali scoppiati nele giurie durante le gare. Manuela Di Centa, da parte sua, dovrebbe dimettersi da deputato ed è impegnativo credere che pur per amor di Fisi, ciò possa accadere. Agabio aveva già assunto il ruolo di commissario quando 5 anni fa Gaetano Coppi decise di dimettersi. In seguito a ciò ad aprile salì alla Presidenza Giovanni Morzenti che prevalse su Elio Grigoletto, che nell'ultimo consiglio occupava il ruolo di Revisore dei Conti. Dunque come potrebbero profilarsi ora i lavori in via Piranesi? In questi casi il Coni prende in considerazione tre figure fondamentali: il Commissario che manda avanti l'ordinaria amministrazione dei lavori, un Amministrativo che affianca il segretario generale, quindi Cartasegna e una terza figura che sovraintende l'aspetto più sportivo ed è qui che spunta fuori nuovamente il nome di Claudio Ravetto. ma attenzione, non solo come "superiore" di Plancker e Rulfi, ma di tutte le discipline della Fisi. Ravetto, in questo disegno, sarebbe stipendiato dal Coni, poi, una volta eletto il nuovo Presidente, dovrebbe passare a pieno controllo della Fisi, secondo, appunto, il volere del nuovo consiglio. Non resta, allora, che attendere il 14 luglio.
    135 | Enrico il 13/07/2011 22.38.49
    eugenio ha scritto:
    le spese del SAI Roma sono state liquidate in sentenza e quello è il limite dell'onere posto a carico della FISI come spesa di soccombenza nel giudizio. Io mi riferisco ai costi degli avvocati che il Presidente Morzenti dovrà pagare per la propria difesa (o più correttamente per la difesa della legittimità dell'assemblea elettiva) oltre a quella (a mio parere del tutto inutile) delle difese di ciascun consigliere che ha deciso di costituirsi per difendere la propria posizione. Mi domando se questi costi li sosterrà la FISI o Morzenti e i consiglieri personalmente... la risposta me la sono già data... e non mi piace !!! (peraltro potrei sbagliarmi) [;)]
    OK allora avevo inteso bene e sono identicamente preoccupato anch'io!
    136 | Enrico il 13/07/2011 22.44.43
    Altra notiziola interessante pubblicata sempre dal sito di SCIARE. parla delle reazioni del vice presidente Noris che a quanto pare si starebbe attivando per difendere il proprio operato inviando lettere a tutte le riviste di settore ed a vari quotidiani. Fisi: Domani parlerà Morzenti Domani alle 11.30 presso il Circolo della stampa di Milano, Gianni Morzenti parlerà ai giornalisti riguardo all'azzeramento della sua presidenza e del Consiglio Nel giorno in cui il Presidente del Coni Gianni Petrucci procederà con il commissariamento della Fisi, Gianni Morzenti ha indetto una conferenza stampa dal titolo "Perché il Coni ha deciso il commissariamento della Fisi?". Questo avverrà giovedì mattina alle 11.30 presso il Circolo della Stampa di Milano. L'unica dichiarazione ufficiale rilasciata dal presidente dopo la decisione presa dall'Alta Corte di Giustizia sportiva, alludeva all'eventualità di appellarsi alla giustizia ordinaria tramite i sui avvocati. Il titolo scelto per questo incontro potrebbe anche sottintendere tale prospettiva. Intanto il Vice Presidente Vicario Antonio Noris è sceso in aperta polemica con diversi organi di stampa, sia quotidiani che di settore, con lettere cariche di disappunto inviate ai direttori delle testate. Noris lamenta un linciaggio mediatico preconcetto e premeditato nei confronti dell'intera Fisi con l'obiettivo di far decadere Presidente e l'intero Consiglio, i cui membri, secondo appunto queste testate, non hanno fatto altro che recitare il ruolo di zerbino di Morzenti. Attacchi indiscriminati alle persone senza conoscere la vita interna della Federazione e delle tante persone che vi lavorano con innegabile passione. Oltre a vestire i panni di Vice Presidente, Antonio gestiva il settore snowboard, freestyle e carving.
    137 | brunodalla il 13/07/2011 22.48.20
    eugenio ha scritto:
    le spese del SAI Roma sono state liquidate in sentenza e quello è il limite dell'onere posto a carico della FISI come spesa di soccombenza nel giudizio. Io mi riferisco ai costi degli avvocati che il Presidente Morzenti dovrà pagare per la propria difesa (o più correttamente per la difesa della legittimità dell'assemblea elettiva) oltre a quella (a mio parere del tutto inutile) delle difese di ciascun consigliere che ha deciso di costituirsi per difendere la propria posizione. Mi domando se questi costi li sosterrà la FISI o Morzenti e i consiglieri personalmente... la risposta me la sono già data... e non mi piace !!! (peraltro potrei sbagliarmi) [;)]
    io attendo il commissario, e spero che questi si rivalga sui singoli personaggi.
    138 | Enrico il 13/07/2011 22.50.38
    sarebbe il minimo!
    139 | Enrico il 14/07/2011 0.15.29
    Dal sito di RACE la lettera di risposta alla lettera aperta dell'ex presidente Morzenti Redazione - 13/07/2011 23:58 Riceviamo e pubblichiamo la replica di Angelo Dalpez alla lettera di Giovanni Morzenti Caro direttore, mi scuso innanzitutto con te per lo spazio che ancora una volta tolgo ad argomenti, proposte, iniziative certo molto più importanti a favore dello sci, ma mi corre l’obbligo di rispondere pubblicamente mentre per il passato inviavo direttamente al presidente Morzenti le risposte alle sue missive che naturalmente ho archiviato. Una breve premessa prima di rispondere al dott. Morzenti. Lui abituato a dettare i comunicati stampa pensa che anche gli altri abbiamo bisogno dello stesso sistema per portare a conoscenza un proprio pensiero o solo un’opinione su fatti che hanno dell’incredibile e che meriterebbero davvero intere pagine per raccontare il sistema gestionale della federazione degli ultimi anni. Parlo di sistema non di risultati soprattutto tecnici. Aggiungo solo che il sottoscritto, forse si arrangia ancora a scrivere e fede ne fa l’iscrizione all’Ordine dei giornalisti datata 29 aprile 1980, due premi giornalistici di prestigio, direttore per 15 anni di emittenti radio – televisive ecc. Sono orgoglioso del mio passato da giornalista e di quanto riesco ancora a fare ora così come sono orgoglioso di portare avanti per il secondo mandato il compito di primo cittadino di Peio e presidente della Conferenza dei sindaci della Valle di Sole, nonché di Presidente del Settore Trentino del Parco Nazionale dello Stelvio. Questo non certo per mettere in mostra quanto cerco di fare per il bene delle nostre comunità di montagna, ma per ribadire il mio concetto di istituzione che è sinonimo di trasparenza e democrazia doti con le quali cerco quotidianamente di convivere. Certo sono orgoglioso di fare il sindaco - una parola che lei riporta ironicamente virgolettata – e orgoglioso di portare la fascia tricolore magari cantando sommessamente l’Inno di Mameli e non certo sguaiatamente come avviene in certe caciare sollecitato da rigurgiti alcolici così come sono contento quanto vengo accolto con simpatia in tutti i Pubblici Uffici della mia provincia. Una cosa l’illuminato Morzenti fa fatica a capire: le sue travolgenti ambizioni non trovano riscontro in altri soggetti, e meno che meno nel sottoscritto. Io ho sempre lavorato e lo ribadisco per il bene del mio Comitato e della Federazione – sono lontani i tempi in cui pubblicamente Morzenti mi ringraziava per la mediazione che portavo avanti, con la Provincia di Trento, particolarmente attenta con sensibilità alle richieste federali. Non c’erano “emissari” o accoliti” in questi frangenti – termini a Morzenti molto cari – e nemmeno non sono mai state inviate, da parte del Trentino, richieste di posti federali tanto ambiti da quanti ora “risalgono in disordine e senza speranza le valli che avevano disceso con orgogliosa sicurezza”. Con la gestione Morzenti, al di la delle cose che riusciva a comunicare – tanto che gli stessi componenti dell’ufficio di Presidenza spesse volte non erano al corrente di quanto succedeva in Federazione (ma figuriamoci se era lui il padre – padrone!), anche la vita di alcuni Comitati regionali sarebbe da trasmettere per la storia. Il Comitato Alpi Occidentali aveva silurato Morzenti e lui per un classico ricorso della storia, dopo essere tornato in sella, ha ribaltato la situazione e con un colpo maldestro e con l’aiuto di “generosi” cecchini ha commissariato il CAO mandando a casa l’incolpevole Gianni Santilli, bravo e sensibile presidente. Ci sarebbe da ricordare il Comitato Alto Adige con l’altro siluramento di un altro bravo presidente, Alfred Jud. Unica colpa quella di dialogare con i Comitati organizzatori di eventi internazionali, assieme al Trentino, per equi diritti televisivi. Al mio Comitato, mentre la Provincia di Trento collaborava economicamente con la Federazione, continue minacce di commissariamento direttamente a me o attraverso i consiglieri federali trentini anche loro sempre uniti nel contrasto della politica morzentiana. Chissà forse un giorno rimanderò a puntate storie e vicende a me note della Federazione. Per il momento voglio rassicurare tutti. In apertura ho evidenziato parte dei miei impegni istituzionali – non certo per mettermi in mostra – ma solo per far capire a chiare lettere che io non cerco poltrone o incarichi federali, come del resto mai ho cercato, e quindi non ho nessuna intenzione di candidarmi a Presidente della FISI nazionale. Si metta il cuore in pace anche Morzenti, già alla ricerca di un degno sostituto, che c’è ancora gente disposta a lavorare nell’ombra, con passione e generosità e soprattutto che sa dialogare con i vari attori del nostro variegato mondo dello sci. In questo momento c’è solo voglia di aria pulita. Caro direttore, mi scuso nuovamente con te e con i lettori e per quanto mi riguarda penso di aver ribadito, ancora una volta, il mio pensiero libero da ogni coinvolgimento elettorale. Angelo Dalpez - Presidente del Comitato Trentino Fisi
    140 | kaiser il 14/07/2011 6.43.59
    brunodalla ha scritto:
    eugenio ha scritto:
    le spese del SAI Roma sono state liquidate in sentenza e quello è il limite dell'onere posto a carico della FISI come spesa di soccombenza nel giudizio. Io mi riferisco ai costi degli avvocati che il Presidente Morzenti dovrà pagare per la propria difesa (o più correttamente per la difesa della legittimità dell'assemblea elettiva) oltre a quella (a mio parere del tutto inutile) delle difese di ciascun consigliere che ha deciso di costituirsi per difendere la propria posizione. Mi domando se questi costi li sosterrà la FISI o Morzenti e i consiglieri personalmente... la risposta me la sono già data... e non mi piace !!! (peraltro potrei sbagliarmi) [;)]
    io attendo il commissario, e spero che questi si rivalga sui singoli personaggi.
    Un momento...... supponi che tu sia uno dei consiglieri federali che ad un certo punto si trova in una situazione analoga o similare a questa..... bene.... tu in quel momento stai impersonificando la federazione stessa e quindi i suoi interessi.... metti caso altresì che tu sia in assoluta buona fede e che i cattivi stiano dall'altra parte con tanti soldini e Perry Mason coadiuvato da Taormina sotto contratto.... con il terrore di perdere e di dover pagare di tasca tua un buon avvocato che fai????? Lasci stare ancorchè tu abbia tutte le ragioni del mondo???? Argomento spinoso......
    141 | lbrtg il 14/07/2011 7.50.18
    Dal sito della FISI News | Sci di Fondo LA NUOVA FISI OLTRE A CALUDIO RAVETTO RICHIAMERA' MARCO ALBARELLOo? di Dario Puppo, pubblicato mercoledì 13 luglio 2011 alle 16:50 Nel giorno in cui si aspetta la nomina del commissario che dovrà traghettare la Fisi verso le nuove elezioni, a seguito della decisione dell’Alta corte del Coni che ha annullato i vertici della federazione, è giusto guardare avanti e pensare a chi affidare il rilancio lo sci. In prima fila, da più parti, è stato indicato il nome di Claudio Ravetto, messo da parte dall’ex presidente Giovanni Morzenti, nonostante le 6 medaglie dei Mondiali di Garmisch 2011 conquistate dalle sue squadre, compreso il tris e l’oro in super-g di Christof Innerhofer. Per le stesse ragioni avanzate dai molti che vorrebbero il ritorno di Ravetto, dovrebbe essere naturale richiamare al più presto Marco Albarello nel fondo. Il campione olimpico e iridato valdostano, allontanato dalla Fisi con l’arrivo di Morzenti, potrebbe essere l’uomo giusto per ricostruire dalle fondamenta il movimento del fondo che ha toppato negli ultimi due grandi appuntamenti (Vancouver e Oslo)? Con i ritiri di Arianna Follis e Marianna Longa, le due punte della nazionale, c’è bisogno di una persona di esperienza e carisma che ha già dimostrato le sue capacità. Al di là del fallimento in Val di Fiemme nel 2003, con Albarello nei panni di direttore tecnico Giorgio Di Centa (oro 50 km a Torino 2006), Pietro Piller Cottrer (oro 15 km skating a Oberstdorf 2005) e Christian Zorzi (oro sprint a coppie Sapporo 2007) hanno ottenuto i loro successi più prestigiosi, a cominciare dal trionfo nella staffetta dei Giochi di casa. C’è chi dice che Albarello sarebbe osteggiato da una parte dell’ambiente degli sci stretti oltre che dagli ex vertici federali. A prescindere da ogni valutazione squisitamente politica, in vista di un nuovo Mondiale in Italia (Val di Fiemme 2013) e delle Olimpiadi di Sochi 2014 è prioritario chiedersi se il fondo può permettersi altre scelte tecniche sbagliate? Se vale per Ravetto perché non dovrebbe valere per Albarello?
    142 | eugenio il 14/07/2011 8.32.51
    kaiser ha scritto:
    brunodalla ha scritto:
    eugenio ha scritto:
    le spese del SAI Roma sono state liquidate in sentenza e quello è il limite dell'onere posto a carico della FISI come spesa di soccombenza nel giudizio. Io mi riferisco ai costi degli avvocati che il Presidente Morzenti dovrà pagare per la propria difesa (o più correttamente per la difesa della legittimità dell'assemblea elettiva) oltre a quella (a mio parere del tutto inutile) delle difese di ciascun consigliere che ha deciso di costituirsi per difendere la propria posizione. Mi domando se questi costi li sosterrà la FISI o Morzenti e i consiglieri personalmente... la risposta me la sono già data... e non mi piace !!! (peraltro potrei sbagliarmi) [;)]
    io attendo il commissario, e spero che questi si rivalga sui singoli personaggi.
    Un momento...... supponi che tu sia uno dei consiglieri federali che ad un certo punto si trova in una situazione analoga o similare a questa..... bene.... tu in quel momento stai impersonificando la federazione stessa e quindi i suoi interessi.... metti caso altresì che tu sia in assoluta buona fede e che i cattivi stiano dall'altra parte con tanti soldini e Perry Mason coadiuvato da Taormina sotto contratto.... con il terrore di perdere e di dover pagare di tasca tua un buon avvocato che fai????? Lasci stare ancorchè tu abbia tutte le ragioni del mondo???? Argomento spinoso......
    il problema, kaiser, è che posso capire che il presidente di una federazione difenda l'interesse della federazione stessa (e non il proprio) a mantenere le cariche elettive da lui ritenute legittime. Non riesco invece a giustificare il fatto che alcuni consiglieri partecipino allo stesso giudizio. E' ovviamente un loro diritto, ma a cosa serve ? ritengono che gli avvocati del presidente non siano abbastanza bravi ? pensano forse che se le stesse ragioni vengono sostenute da più persone, il diritto penda dalla loro parte ? ovviamente non è così... appare solo un inutile spiegamento di forze in campo che comporta dei costi altrettanto inutili e che, in quanto tali, andrebbero sostenuti personalmente da quei consiglieri. Anche perchè, mentre esiste un diritto/dovere del presidente di farsi carico della controversia (come dici tu è legittimo che ritenga di essere dalla parte della ragione e che lo dimostri) non mi pare che si possa dire altrettanto dei singoli consiglieri, i quali intervengono solo per solidarietà o per salvaguardare la propria elezione... entrambe le cose non giustificano un costo a carico della federazione.
    143 | kaiser il 14/07/2011 11.05.16
    Concordo Eugenio.....
    144 | Admin il 14/07/2011 14.17.37
    sono stato "assente" per oltre una settimana e ho letto solo ora tutta la discussione.. aggiungo solo una cosa Lara: non ti sentire attaccata o incompresa, non mi sembra il caso. Le persone esprimono opinioni, il vincolo è che sia fatto con rispetto ed educazione. Non ho visto alcun accanimento verso di te, anzi un piacere nell'averti tra noi. poi: anche Race ha sbagliato perchè parla di 4000 voti, numero non corretto, e cita i nomi degli sci club che nel documento ufficiale sono coperti da omissis.
    145 | Enrico il 14/07/2011 15.11.06
    Perché c'è un indagine penale aperta presso la Procura di Milano, non dimentichiamolo.



      Cerca una parola nelle news:        

      Ultime 15 Notizie correlate: (Morzenti Fisi Coni )

      [10/11/2019] GP Italia 2019/2020: regole e calendari
      [01/11/2019] Dorothea Wierer atleta Fisi dell'anno 2019
      [31/10/2019] Vialattea firma il logo 100 anni Fisi
      [25/10/2019] Sestriere si candida ad ospitare il Mondiale
      [18/10/2019] La Fisi ai nastri di partenza, presentata stagione
      [14/10/2019] Comitato Lazio e Sardegna:la squadra di sci alpino
      [13/10/2019] La Fisi ancora targata Audi
      [11/10/2019] Milano-Cortina 2026 al Festival di Trento
      [09/10/2019] Fisi e Val Senales insieme per altri 3 anni
      [03/10/2019] Val Senales:il 9 ottobre Media Day con gli Azzurri
      [28/09/2019] Markus Ortler nuovo presidente Fisi Alto Adige
      [16/09/2019] Atleta dell'anno FISI: in lizza Paris e Wierer
      [02/09/2019] Ad ottobre la Fisi si presenta
      [30/08/2019] Ushuaia: tanti Azzurri e Azzurre al lavoro
      [30/08/2019] Bormio: un nuovo comitato per la Coppa del Mondo

      Altre notizie di Coppa del Mondo:

      [05/12/2019] CE: Albano e Cillara al 5/o posto in superg
      [05/12/2019] Beaver Creek: cancellata la 2/a prova
      [05/12/2019] Isere: allenamento per Vinatzer,Razzoli,Gross,Sala
      [05/12/2019] Le Big in allenamento sulle Dolomiti
      [05/12/2019] Marc Gisin rinuncia a Beaver Creek
      [05/12/2019] Problemi al ginocchio per Jasmine Flury
      [04/12/2019] Manuel Feller out per ernia al disco acuta
      [04/12/2019] Beaver Creek: 1a prova a Cochran-Siegle,Casse 6o
      [04/12/2019] Lake Louise: cancellata per neve la 2/a prova
      [04/12/2019] Mowinckel operata, Gauthier infortunata
      [04/12/2019] Botta all'anca per Matthias Mayer
      [04/12/2019] Fiocco azzurro in casa Fanchini: è nato Nicolò
      [04/12/2019] Val di Fassa: dicembre capitale della Coppa Europa
      [04/12/2019] Presentata a Milano la Borrmio Ski world cup
      [03/12/2019] Fede Brignone a Lake Louise corre solo in superG
      [03/12/2019] Goggia 5/a in prova Lake, vinta da McKennis e Lie
      [03/12/2019] CE: bis di Hilzinger, Rossetti ancora 7/a
      [03/12/2019] CE: Sala e Nani, doppio podio azzurro a Trysil
      [03/12/2019] Borgo San Dalmazzo festeggia Marta Bassino
      [02/12/2019] Lake Louise:il ritorno di Stuhec,Goggia e le altre
      [02/12/2019] Trauma distorsivo per Roberta Melesi
      [02/12/2019] CE: Nani torna a brillare, è 4/o a Trysil
      [02/12/2019] CE: Rossetti 7/a in slalom
      [02/12/2019] Innerhofer torna a casa, niente Beaver Creek
      [02/12/2019] Tommaso Sala:"Sono da primi 20 del mondo".
      [01/12/2019] Paris:"Contento per i podi.Ora voglio vincere"
      [01/12/2019] Fantaski Stats - Lake Louise 2019 - sg maschile
      [01/12/2019] Lake Louise: Paris 2/o in superG vinto da Mayer
      [01/12/2019] Fantaski Stats - Killington 2019- slalom femminile
      [01/12/2019] Killington: Shiffrin ne fa 62. Curtoni 10/a
      [01/12/2019] Killington: Shiffrin domina la 1/a dello slalom
      [01/12/2019] Bassino:"una gara che ricorderò per tutta la vita"
      [01/12/2019] Fantaski Stats - Killington - gigante femminile
      [01/12/2019] Fantaski Stats - Lake Louise - discesa maschile
      [30/11/2019] Paris è 2/o a Lake, discesa a tedesco Dressen
      [30/11/2019] Killington:esplode la gioia di Bassino! Brignone 2

      Altre notizie Fantaski:

      [26/03/2019] La Thuile: diamo una manche al Telefono Azzurro
      [23/02/2018] Fantanotti Olimpiche - Analisi dei Giochi 2018
      [06/02/2018] Aperte le FantaOlimpiadi 2018!
      [14/12/2017] Fantaski.it disponibile anche su Telegram !
      [05/12/2017] A La Thuile stagione aperta dal 2 dicembre
      [03/11/2017] Fantaski 2018 - mercato maschile aperto fino Levi
      [05/12/2016] Aperto il primo mercato - stagione 2016/2017
      [13/11/2016] A Milano di scena il Big Air Snowboard
      [21/03/2016] La Thuile: il 9 Aprile gara per Telefono Azzurro
      [26/02/2016] La Thuile: 1/a Gara dei Sogni in favore di FISIP



     
    titoletto copyright fantaski
     baffo fantaski titoletto contatti baffo fantaski titoletto riconoscimenti