Fantaski Forum Fantaski Forum Fantaski Forum
Fantaski Forum
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Msg privati | Sondaggi | Utenti | Album Fotografico | Regolamento | Cerca | FAQ | il Tuo Spazio ]
[ Coppa del Mondo: Calendario | Risultati | Classifiche | Atleti | Tool Uomini / Donne | Sci in TV | Fotogallery ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password rss icon
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Coppa del Mondo ed Agonismo
 Fantaski News
 Supergigante: non è facile vincere con il n.1
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

FantaskiNews




0 Messaggi

Inserito il - 28 gen 2019 : 16:53:05   Permalink alla discussione  Visita l'Homepage di FantaskiNews Invia a FantaskiNews un Messaggio Privato Aggiungi FantaskiNews alla tua lista di amici  Rispondi Quotando
Supergigante: non è facile vincere con il n.1
di Matteo Pavesi

Josef Ferstl succede a...Josef Ferstl! Era stato proprio lui l'ultimo a vincere in SG per i colori teutonici, in Val Gardena nel dicembre 2017.
E quella vittoria era stata particolarmente significativa perchè in casa Germania mancava dal marzo 1991, oltre 16 anni prima, grazie ad un grande velocista come Markus Wasmeier.

I successi tedeschi nella velocità sono pochi: Wasmeier è stato per lungo tempo l'unico punto di riferimento, con 8 sigilli (2 discesa, 6 superg) tra il 1986 e il 1992.
Dopo di lui, in discesa, ricordiamo la vittoria in Val Gardena nel 2004 di Max Rauffer e poi - ancora freschi nelle memoria - i due successi di Thomas Dressen del 2018, il primo nel Tempio di Kitzbuehel, il secondo a Kvitfjell.

Ieri Josef ha stupito tutti con una prova pulita e minimizzando gli errori su un tracciato difficile e impegnativo come la Streif, che non ha bisogno di presentazioni: partito con il pettorale n.1, pur sciando bene, si è pensato che fosse la "solita" vittima sacrificale che parte per prima in superg, una disciplina che non ti permette di provare la pista ma ti chiede di buttarti a oltre 100 km/h sulla neve.
Una considerazione che in tempi recenti aveva espresso anche Christof Innerhofer, in particolare da quando è cambiato il regolamento dell'assegnazione dei pettorali nelle prove veloci, che al momento prevede che i primi 10 della WCSL possano scegliere un numero dispari tra 1 e 19, mentre i pari da 2 a 20 sono riservati agli atleti dalla 11/a alla 20/a posizione della WCSL.
Dunque chi è verso la 10/a posizione della WCSL è generalmente svantaggiato perchè costantemente a rischio di prendere un pettorale molto basso.

In effetti analizzando i dati storici della Coppa del Mondo negli ultimi 18 anni (più o meno da quando sono disponibili in digitale le startlist), e senza considerare le modifiche nelle regole di assegnazione dei pettorali, in superg solo 3 volte (ieri compreso) è capitato che vincesse l'atleta scelto con il pettorale n.1.
Nel 2006 il canadese John Kucera ha vinto il superg di Lake Louise con il n.1: Mario Scheiber con il #16 si avvicinò a 8 centesimi e Patrick Jaerbyn con l'#11 a +0.28, ma nessuno fece meglio.
Stesso copione il 3 dicembre 2007 a Beaver Creek quando vinse Hannes Reichelt dopo aver aperto le danze: anche in questo caso il secondo, casualmente ancora Mario Scheiber (con il #20), arrivò vicinissimo al leader, a soli 2 centesimi, e il terzo fu Gruber a +0.21 con il pettorale #22.

Anche tra le ragazze è piuttosto raro riuscire a vincere in superg con il pettorale n.1: è capitato 4 volte negli ultimi 18 anni.
Ci è riuscita Michaela Dorfmeister ad Altenmarkt 2002; Maria Holaus a Cortina nel gennaio 2008; Lara Gut a St.Moritz nel dicembre 2008 e Ilka Stuhec a Cortina nel gennaio 2017.

 

Jeppo
Pronto per il Comitato




3103 Messaggi

Inserito il - 28 gen 2019 : 19:33:00   Permalink al post Invia a Jeppo un Messaggio Privato Aggiungi Jeppo alla tua lista di amici  Rispondi Quotando
Sicuramente partire avendo qualche indicazione aiuta, però su queste analisi bisogna anche sottolineare chi parte col numero 1 con in vari regolamenti:

- Regolamento in vigore fino al 2016-2017: con l'1 un atleta a caso tra il 16esimo ed il 30esimo delle liste di partenza. Sarebbe da fare un'analisi che prenderebbe ore e non ho tempo di fare, ossia vedere quante volte nelle varie discipline vince un'atleta in questo range, ma a priori direi che a parità di condizioni, non darei più dell' 1% di probabilità di vittoria ad uno specifico atleta in queste posizioni. Contando 70 gare circa corse con questo regolamento ed una sola vittoria, siamo al 1.5%.

- Regolamento in vigore fino al 2006-07: I primi 30 di WCSL invertiti, quindi con l'1 il 30esimo della WCSL: qui mi aspetterei una percentuale ancora più bassa, invece siamo a 1 vittoria su 40, quindi 2.5%.

- Regolamento attuale: nella stragrande maggioranza dei casi, il decimo al mondo parte con quel pettorale. Qui darei una probabilità un pochino più alta, magari attorno al 5%, ed in effetti per ora siamo a 1 vittoria su 17 gare, circa 6%.

Ora, tutte queste analisi sono basate su poche gare, grandi approssimazioni e considerazione zero di forma degli atleti, condizioni atmosferiche, scelta pettorali atipica ( Paris a Wengen) etc etc, ma solo per dire che i dati in sè non sono così clamorosi. Anzi, guardando SOLO i dati, a me verrebbe da pensare che partire con l'1 per un atleta di quel livello sia stato un vantaggio. Ripeto, guardando solo i dati, e non ragionando più approfonditamente.
Torna all'inizio della Pagina

Google Adsense

USA
Mountain View

  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Vai all'inizio della pagina Fantaski Forum - © 1995-2015 Fantaski.it
Questa pagina è stata generata in 1,16 secondi. Snitz Forums 2000