separatore
icona fisi  
 icona fantaski titoletto linguaicona italia icona bandiera italia icona bandiera svizzeraicona bandiera inglese icona bandiera inglese icona bandiera americanatitoletto tedesco icona bandiera germania icona bandiera austria icona bandiera svizzeratitoletto francia icona bandiera francia icona bandiera svizzera 
fantaski_header
icona baffo fantaski titoletto home icona baffo fantaski titoletto cosa fantaski icona baffo fantaski titoletto faq help icona baffo fantaski titoletto regolamento icona baffo fantaski titoletto forum icona baffo fantaski titoletto fotogallery  
martedì 2 giugno 2020 - ore 14.34 
titoletto coppa del mondo
separatore
titoletto coppa fantaski
separatore
titoletto gioca fantaski

Waldner: "possibili discese in due manche in CdM"

Clicca sulla foto per ingrandire
Waldner M.
Foto: FIS/ZOOM
Waldner M.
commenti 39 Commenti icona rss

La FIS ha intervistato il Chief Race Director Markus Waldner a due settimane dall'opening di Coppa del Mondo a Soelden.

PERCHE' L'AVVIO A SOELDEN - per la neve e le garanzie sul meteo, Soelden è il posto ideale per aprire la CdM. In passato abbiamo provato altri ghiacciai come Tignes e Saas-Fee ma il tasso di annullamenti è stato alto a causa del meteo. Anche il Rettenbach soffre del riscaldamento globale ma grazie agli impianti di innevamento può garantire continuità. Inoltre è in posizione centrale e facile da raggiungere, il che facilita la logistica e inoltre c'è sempre grande entusiasmo per le gare.

I MERCATI DELLO SCI ALPINO - Di sicuro Austria, Svizzera, Italia e Francia sono mercati importanti per lo sci alpino, da qui vengono la maggior parte degli atleti, qui in generale c'è il maggior interesse per lo sci alpino e si svolgono le teppe più importanti. Ma lo sci sta diventando sport globale e dopo Slovenia e Germania, le nazioni scandinave e il Nord America che si sono affermati come organizzatori classici, la Coppa si sta espandendo a Est. Eventi di primo livello sono stati organizzati a Sochi, Corea e Giappone. La difficoltà è che dobbiamo offrire un blocco di gare nell'estremo Est, non possiamo viaggiare così lontano solo per una gara. Per cui molto dipende dalle Olimpiadi. L'idea è di tornare a Est ogni 3 anni circa, combinato con un test event olimpico, e sarà possibile ancora con i Giochi in Cina nel 2022. Con un potenziale di 300 milioni di nuovi fan, l'industria dello sci è molto interessata ad avere gare ad Est. Far diventare queste persone fans dello sci sarebbe un grande passo avanti per la sostenibilità del nostro sport.

LA POPOLARITA' DELLO SCI - Ci sono molte discussioni e riflessioni sul numero di discipline e sull'attrattività dello sci. Il problema è che alcune delle nostre discipline sono cresciute in un modo che non è più molto interessante per i normali telespettatori, ma solo per i fans più accaniti che conoscono tutti i dettagli tecnici. Quindi per catturare e coinvolgere una audience più ampia, abbiamo bisogno di un prodotto facile da capire. I paralleli sono un esempio, perchè il formato del testa-a-testa è molto entusiasmante e facile da capire. Potrebbe essere un buon modo di attirare i giovani, i dati mostrare che la maggior parte dei telespettatori ha 45 anni. Nel lungo periodo dobbiamo cambiare qualcosa nel calendario e ci stiamo già lavorando. Nessuna rivoluzione ma una costante evoluzione verso una CdM migliore.

DISCESE IN DUE MANCHE - La tendenza è di andare verso formati compatti. Per esempio nelle prove veloci potremmo gareggiare in due manche, per avere i migliori atleti vicini alla fine per la decisione finale. Questi format sono già stati provati nei circuiti continentali e potrebbero presto arrivare in CdM. Naturalmente nelle classiche come Wengen o Kitz si manterrebbe la formula originale dove il vincitore è "il più veloce dalla cima in fondo" ma forse altri eventi potrebbero considerare l'idea. Inoltre verrà lanciato ai Mondiali un nuovo progetto di raccolta dati in tempo reale. I velocisti indosseranno un transponder che invia in tempo reale dati sull'accelerazione, il tempo di volo etc. Questa tecnologia è già usata in altri sport, e ora Swiss Timing l'ha implementata nello sci, per migliorare la visione per l'utente. E' un grande passo avanti, con molto potenziale per il futuro.

IL NUOVO ORDINE DI PARTENZA NELLE VELOCI - l'idea è di aumentare il tempo in cui i migliori velocisti sono in TV, per portare gli spettatori a vedere più a lungo le gare. Ora i migliori 10 saranno tra il numero 1 e il 19, mentre prima erano dal 16 al 22. Anche il fatto di scegliere è un vantaggio, sarà diverso in base a tanti fattori, le persone si chiederanno il perchè delle scelte e ne parleranno.


(lunedì 10 ottobre 2016)

Argomenti:


@RIPRODUZIONE RISERVATA

  • martedì 26 maggio 2020

    I calendari per la stagione 2020/2021

    martedì 26 maggio 2020

    Tutte le decisioni del Consiglio FIS

    lunedì 25 maggio 2020

    Rinvio Cortina 2021: decisione Fis il 1 luglio

  • venerdì 22 maggio 2020

    Gardena, Kronplatz e poi Sestriere in calendario

    giovedì 21 maggio 2020

    Parallelo: cambiano le regole

    martedì 19 maggio 2020

    Come sarà la prossima Coppa del Mondo?

  • martedì 12 maggio 2020

    Lehmann: "no alla discesa in due manche"

    venerdì 1 maggio 2020

    Quali le "Epic Race" degli ultimi 10 anni?

    giovedì 30 aprile 2020

    Cortina 2021: svolto 8/o FIS Coordination Meeting


    Tutt i commenti disponibili:
    1 | Fairyking il 10/10/2016 9.46.49
    Un secco NO alle due manches in discesa... diventano un terno al lotto ed un po' un circo. Un no ai paralleli tipo gigante in Badia dove si corre sul piano finale con nessuna difficoltà tecnica (ed infatti andarono forte Svindal e Jansrud che normalmente nel gigante sopra sulla Gran Risa prendono 2-3 secondi per manche). La gente non competente in TV dovrà anche capire ma non a scapito della serietà della gara.
    2 | didibi il 10/10/2016 11.54.42
    Mai stato un fan della discesa in due manche, manco delle discesette corte sul minuto e 40. La discesa deve rimanere epica, un interminabile lotta per due minuti o anche più come a Wengen. I paralleli mi stanno simpatici ma probabilmente solo perché da bambino/ragazzo vi battevo quelli che in gara vera mi davano delle randellate di secondi.[:D] Poi i gusti son gusti.
    3 | jos235 il 10/10/2016 12.49.41
    Sono perfettamente d'accordo con i commenti precedenti sulla discesa in due manches. Magari possono essere un'opportunità nei circuiti minori dove capisco le difficoltà di mettere giù una discesa intera, magari se ne può parlare come soluzione di emergenza, ma se queste sono le idee che dovrebbero "rinnovare" la coppa del mondo direi che non ci siamo proprio (idem per il parallelo). Anzi, secondo me si rischia perfino di peggiorare la situazione facendo disamorare anche l'appassionato competente.
    4 | il calmo il 10/10/2016 13.09.01
    Alla gente non competente, o che non segue abitualmente lo sci, basta e avanza la presenza di un campione carismatico per guardare le gare. Basti pensare a cosa accadeva da noi ai tempi di Tomba.. Bisognerebbe favorire tracciati più selettivi, in grado di fare emergere grosse differenze tra il campione, l'ottimo atleta e il buon sciatore. Se fai delle discese in due manche (ho un ricordo ancora vivo di quanto fu orribile la prima discesa della storia disputata a Kitzbühel in 2 manches) o 7-8 paralleli il campione molto probabilmente non vince, i non appassionati continuano a non guardare lo sci, perchè la formula della gara è un pò macchinosa ed il tutto dura un pò troppo, e si crea disaffezione e disorientamento anche tra gli appassionati. Favorissero tracciati davvero selettivi e piste un pò più difficili, che quando capita, quasi per sbaglio, che c'è una discesa tipo Santa Caterina 2015 alcuni atleti, usualmente bravi o bravini sul "facile", quasi se la la fanno sotto dalla paura e si lamentano che è troppo difficile. Magari mi sbaglio, ma io la vedo così! Un saluto dalle pendici dell'Etna!
    5 | Fairyking il 10/10/2016 14.53.18
    il calmo ha scritto:
    Alla gente non competente, o che non segue abitualmente lo sci, basta e avanza la presenza di un campione carismatico per guardare le gare. Basti pensare a cosa accadeva da noi ai tempi di Tomba.. Bisognerebbe favorire tracciati più selettivi, in grado di fare emergere grosse differenze tra il campione, l'ottimo atleta e il buon sciatore. Se fai delle discese in due manche (ho un ricordo ancora vivo di quanto fu orribile la prima discesa della storia disputata a Kitzbühel in 2 manches) o 7-8 paralleli il campione molto probabilmente non vince, i non appassionati continuano a non guardare lo sci, perchè la formula della gara è un pò macchinosa ed il tutto dura un pò troppo, e si crea disaffezione e disorientamento anche tra gli appassionati. Favorissero tracciati davvero selettivi e piste un pò più difficili, che quando capita, quasi per sbaglio, che c'è una discesa tipo Santa Caterina 2015 alcuni atleti, usualmente bravi o bravini sul "facile", quasi se la la fanno sotto dalla paura e si lamentano che è troppo difficile. Magari mi sbaglio, ma io la vedo così! Un saluto dalle pendici dell'Etna!
    hai centrato perfettamente. Alla massa incompetente non frega nulla delle gare in sé ma solo se c'è il campione nostrano che vince. Ma questo non c'entra nulla con il format delle gare. Io credo che nei Paesi dove c'è un grosso campione locale le gare siano seguite sempre...viceversa dove manca. La Coppa ai tempi di Tomba NON era affatto piu' interessante di adesso. Come dice Jos poi cerchino piuttosto di non disamorare anche chi continua a seguirla piuttosto.
    6 | mntr86 il 10/10/2016 15.39.47
    D'accordissimo con tutti voi, aggiungo poi che se l'obiettivo è portare il 25-30 enne davanti alla tele l'unica è avere il Bode o il Tomba della situazione... Tolto il calcio i giovani raramente si mettono davanti alle tele a vedere lo sci, mase possonop vanno a praticarlo o in alternativa fanno altro...
    7 | Fairyking il 10/10/2016 16.10.44
    Ma l'obiettivo non dev'essere quello di portare il tifoso incompetente alla Tv, o meglio non lo puoi decidere tu Federazione internazionale, visto che tanto il campione locale non lo puoi programmare. Quindi manteniamo gare tecnicamente valide anzi ancora piu' difficili ed evitiamo format con baracconate tipo due manches in discesa o paralleli giganti farlocchi.
    8 | qrier il 11/10/2016 11.50.10
    Dichiarazioni preoccupanti. A me paralleli e team event non piacciono. La discesa in 2 manche la farei solo per casi estremi se mezza pista è inagibile. Ci vogliono piste belle e preparate bene. E poi chiaramente i campioni che danno spettacolo.
    9 | brunodalla il 11/10/2016 12.45.57
    forse non avete letto bene fra le righe dell'intervista: sostenibilità dello sci, con apertura verso nuovi mercati, ed attrarre di più i giovani. qundi in futuro vedremo gare a dubai, in cina, e nell'est europeo, per cui discese in due manche (per mancanza di lunghe piste nell'est europeo), e paralleli ( a dubai nel capannone). questo è il futuro. sarà un cambiamento graduale, come detto da waldner, ma questo sarà.
    10 | Fairyking il 11/10/2016 14.00.35
    ma la sostenibilità anche commerciale dello sci non la fai, secondo me, facendo gare farlocche senza significato tecnico. Come dicevo in precedenza la maggiore visibilità della massa incompetente (che però potrebbe andare sulle piste) la da la presenza del campione locale che esalta le folle anche sul pendìo del trofeo Topolino. Ma il fuoriclasse non lo puoi programmare. Allora facciamo gare serie su pendìì seri e della durata che serve ad una gara di livello mondiale. Via giganti paralleli, no discese in due manches...che tanto di sicuro non portano uno spettatore in piu' alla TV.
    11 | quilodico il 11/10/2016 20.28.22
    scusatemi, ma secondo me siete troppo appassionati e competenti per comprendere questi cambiamenti. In questi anni TUTTI gli sport, e dico tutti, sono andati più o meno incontro alle esigenze della TV e dell'audience. Persino sua maestà (sigh) il pallone. Io per primo rimpiango le domeniche con tutte le partite assieme nel pomeriggio, ascoltate alla radio. Ma quel mondo è finito, travolto dal cambiamento. Ok, ammetto che nemmmeno a me piace del tutto l'idea, intendiamoci. Ma facciamoci una domanda: quanti potenziali spettatori saprebbero riconoscere una discesa libera diversa da quella di Kitz o Wengen? E forse nemmeno quelle? Lo sci ha bisogno di nuovi spettatori come della neve; e l'età di chi guarda le gare in TV continua a salire. Poi l'arrivo di un campione tipo Tomba risolverebbe tanti problemi, sicuramente, ma questo in Italia sarebbe così per qualunque sport che non fosse sempre il maledetto pallone. Quando non ci sarà più Valentino Rossi, e i gran premi delle moto saranno solo una questione tra spagnoli, quanti spettatori rimarranno nello stivale? Qualcosa va fatto, e dò merito a Waldner che almeno ci sta provando. Rischiando pure, qualche volta.
    12 | brunodalla il 11/10/2016 20.38.30
    direi che concordo totalmente con quilodico. lo dice waldner nell'intervista. vogliono portare la coppa del mondo verso i mercati dell'est e svecchiare l'età media dei telespettatori. soluzione: paralleli e discesa in due manche nelle nuove località, sempre dell'est, che verranno e che non hanno piste sufficientemente lunghe per farci una discesa di due minuti. che a noi vecchi telespettatori che amano kitz e wengen piaccia o meno. è stato ripetuto forse più volte. prendete l'esempio del fondo, che già da una decina d'anni ha introdotto le gare sprint, il tour de ski e così via. all'inizio sembravano obbrobi, adesso non se ne può più fare a meno per lo spettacolo e per le tv. succederà lo stesso con lo sci alpino.
    13 | Katunga il 12/10/2016 15.17.52
    Io sono per la discesa in due manche, sempre ed ovunque. 1° manche: parte alta della pista 2° manche: parte bassa della pista ovviamente per non raffreddare l'atleta tra una manche e l'altra e per non causargli stress eccessivo dovuto alla doppia ricerca di concentrazione, la seconda dovrà essere la naturale prosecuzione della prima. Chi farà registrare il miglior tempo nella somma delle due manche sarà dichiarato vincitore della gara. Jos, traducila in tutte le lingue ed inviala alla Fis [:o)]
    14 | mntr86 il 12/10/2016 15.21.34
    Io non sono d'accordo, per il fondo è diverso, una gara di fondo si potrebbe fare ovunque volendo...nello sci alpino è diverso, senza contenuti tecnici le gare diventerebbero ridicole e verrebbe snaturata completamente la tecnica a scapito solamente della potenza fisica. nello sci esistono già discipline come le gobbe, il freestyle, lo skicross, ecc...per chi cerca spettacolo e divertimento... Poi che sia utile per fini promozionali fare gare nell'est o in Cina o uno slalom in capannone sono più che d'accordo, ma infatti le gare a Sochi, in Corea o in futuro in Cina mi vanno benissimo, ma lo sci alpino si pratica in montagna, non in città...
    15 | jos235 il 12/10/2016 15.49.51
    Katunga ha scritto:
    Io sono per la discesa in due manche, sempre ed ovunque. 1° manche: parte alta della pista 2° manche: parte bassa della pista ovviamente per non raffreddare l'atleta tra una manche e l'altra e per non causargli stress eccessivo dovuto alla doppia ricerca di concentrazione, la seconda dovrà essere la naturale prosecuzione della prima. Chi farà registrare il miglior tempo nella somma delle due manche sarà dichiarato vincitore della gara. Jos, traducila in tutte le lingue ed inviala alla Fis [:o)]
    Mi piace, poi non c'è nemmeno la scocciatura di montare il traguardo alla fine della prima, nè il casottino di partenza nella seconda [:D]. E si eliminano anche i tempi morti tra una manche e l'altra, il tutto per la felicità del telespettatore. Quattro lingue e spedisco, vado [:246]
    16 | GhiaccioVerde il 12/10/2016 17.19.25
    Vabbè la discesa in 2 manches decreta che Marcellino vincerà la 1^ Coppetta del Mondo di discesa eguagliando il nostro Peter che si è sbattuto per anni per averla! [:245]
    17 | ellisse il 12/10/2016 17.29.03
    l'unica cosa che potrei tradurre in quattro lingue per questa occasione è :MAI PIU UNA DISCESA IN DUE MANCHE, DOVRETE PASSARE SUL MIO CORPO! O è un tantino drastica? [:137]
    18 | TEX il 12/10/2016 17.38.16
    Toh mi stavo giusto chiedendo cosa avrebbe potuto pensare la casalinga di Voghera, in merito alla DH in due manches. [:D]
    19 | GhiaccioVerde il 12/10/2016 17.47.19
    Che tutti gli slittoni potrebbero vincere qualsiasi gara se riescono a imparare a far bene le 3/4 curve decisive!! Ma stiamo scherzando?! [:0]
    20 | didibi il 12/10/2016 21.16.06
    La discesa in due manche nacque per l'allora supponenza e incapacità degli organizzatori di Kitzbuehel che si rifiutavano di ricorrere alla neve artificiale perché secondo loro non era necessario, pensavano di essere i favoriti del signore. Quando poi ci fu un anno una crisi acuta l'allora gran capo della CdM Demetz si inventò la discesa in due manche per non fargli perdere la faccia. Poi in seguito la discesa in due manche venne spesso usata per coprire le inadeguatezze e la non capacità di lavorare con l'innevamento artificiale. Oggi ha il sapore di essere un aiutino per chi non vuole impegnarsi più di tanto, cosa che sembra vada molto di moda in Estremo Oriente. In Cina manca (mancava?) il dislivello per la discesa anche se non penso che per le olimpiadi si voglia ancora disputare una gara in due manche. Ma chissà che gara che vien fuori. Già mi piace poco la garetta in Corea. Se fanno le modifiche alla pista per farla diventare più libera si arriva ad un minuto e 30 secondo me. Son più lunghe certe discese Fis a 'sto punto
    21 | Fairyking il 12/10/2016 21.39.54
    Dovrei capire cosa c'entra la discesa in due manches con Marcello che manco le fa'... :) cio' detto no allo sci burla con gare ridicole. la discesa spesso già è povera di contenuti ove è piatta e dritta figuriamoci dovesse anche essere accorciata in due manche. Anche in F1 vorrebbero aumentare lo spettacolo, o meglio aumentare l'audience, invertendo o sorteggiando la griglia di partenza. sarebbe la volta che non guarderei piu' una gara. Stessa cosa se lo sci diventasse una baracconata.
    22 | GhiaccioVerde il 12/10/2016 22.09.59
    Fairyking ha scritto:
    Dovrei capire cosa c'entra la discesa in due manches con Marcello che manco le fa'... :)
    Esageravo per dire che se diventa mini la discesa potrebbe quasi farla con risultati modesti anche un non specialista non abituato a farle, visto che son brevi..come Marcello che nei super g era molto veloce e che nella discesa in k non era da buttare [;)]
    23 | eugenio il 17/10/2016 10.26.24
    brunodalla ha scritto:
    ... vogliono... svecchiare l'età media dei telespettatori.
    mi stai dicendo che, per il bene dello sci, devo smettere di guardare la Coppa del mondo e invitare Katunga e qualcun altro a fare altrettanto?[:o)]
    24 | eugenio il 17/10/2016 10.27.34
    TEX ha scritto:
    Toh mi stavo giusto chiedendo cosa avrebbe potuto pensare la casalinga di Voghera, in merito alla DH in due manches. [:D]
    [:D][:D][:D][:D]
    25 | Katunga il 17/10/2016 10.51.18
    eugenio ha scritto:
    brunodalla ha scritto:
    ... vogliono... svecchiare l'età media dei telespettatori.
    mi stai dicendo che, per il bene dello sci, devo smettere di guardare la Coppa del mondo e invitare Katunga e qualcun altro a fare altrettanto?[:o)]
    [:(][:(][:(]
    26 | TEX il 17/10/2016 10.53.01
    GhiaccioVerde ha scritto: ..come Marcello che nei super g era molto veloce e che nella discesa in k non era da buttare [;)]
    "era" ? [:137]
    27 | eliacodogno il 17/10/2016 12.25.20
    brunodalla ha scritto:
    direi che concordo totalmente con quilodico. lo dice waldner nell'intervista. vogliono portare la coppa del mondo verso i mercati dell'est e svecchiare l'età media dei telespettatori. soluzione: paralleli e discesa in due manche nelle nuove località, sempre dell'est, che verranno e che non hanno piste sufficientemente lunghe per farci una discesa di due minuti. che a noi vecchi telespettatori che amano kitz e wengen piaccia o meno. è stato ripetuto forse più volte. prendete l'esempio del fondo, che già da una decina d'anni ha introdotto le gare sprint, il tour de ski e così via. all'inizio sembravano obbrobi, adesso non se ne può più fare a meno per lo spettacolo e per le tv. succederà lo stesso con lo sci alpino.
    Sarei d'accordo con l'idea di esportare lo sci (ammesso che ai nuovi mercati lo sci interessi, che non è assolutamente detto) anche a costo di organizzare gare particolari con eventi connessi, ma farei valere meno nell'economia di una CDM queste gare. Quindi bene il parallelo e la discesa a due manches ma non in alternativa alle gare classiche, che peraltro potrebbero essere l'attrattiva anche per i nuovi mercati, e meno punti per le gare particolari.
    28 | brunodalla il 17/10/2016 16.56.46
    elia, io sono sarei anche d'accordo con te e con le tue proposte. ma sono cose che noi diciamo e proponiamo in quanto "vecchi" (scusa eugenio[:D] e anche tu katunga[:D]) spettatori della coppa del mondo. in pratica noi la vediamo da questo punto di vista, se vuoi lo possiamo definire "datato". il grosso problema è che la fis alla fine se ne fregherà di queste opinioni, chiamiamole ancora "vecchie", perchè sarà più orientata ad espandersi nei nuovi mercati, dell'est. puntanto anche ai giovani. e che cosa piace ai giovani e ai mercati nuovi come potrebbe essere la cina? molto probabilmente le gare spettacolo, che non saranno kitz o wengen, i cinesi forse manco sanno cosa è e dove è kitz, saranno paralleli e gare simili. oppure vorranno vedere le gare sul loro territorio, e se sul loro territorio non ci sono piste adatte a fare una discesa in un asola manche, le faranno in due, con nostra buona pace.
    29 | jos235 il 17/10/2016 20.07.57
    Se Kitz non è una gara spettacolo, non so cosa lo sia [:(]. Se puntano ai giovani vabbè, ma se puntano alle casalinghe di Voghera mi sa che sono fottuti, il primo sondaggio dà già esito negativo [:246]
    30 | eliacodogno il 17/10/2016 20.08.51
    Ma siamo sicuri che eventuali sciatori cinesi di domani (se mai ci saranno) sogneranno di vincere il city event di Pechino piuttosto che Kitzbuhel? La mia perplessità è tutta qui, anche prendendo per buono che ai cinesi freghi qualcosa dello sci, oggi, domani o fra 10 anni, che è grosso il tempo che ritengo realistico per l'apertura di una eventuale parentesi orientale fissa (cioè più di due gare ogni qualche anno) all'interno del calendario di Coppa del Mondo. Perché c'è anche la possibilità che i cinesi continuino a prediligere altre attività, sempre con nostra buona pace [8D]
    31 | jos235 il 17/10/2016 20.11.58
    ellisse ha scritto: MAI PIU UNA DISCESA IN DUE MANCHE, DOVRETE PASSARE SUL MIO CORPO! O è un tantino drastica? [:137]
    Meglio cambiarla, non vorrei che poi ti prendano in parola [:D], sai quelli della fis non è che vadano tanto per il sottile [:246]
    32 | jos235 il 17/10/2016 20.16.36
    eliacodogno ha scritto: Perché c'è anche la possibilità che i cinesi continuino a prediligere altre attività, sempre con nostra buona pace [8D]
    Anche perchè se ad ogni mondiale i migliori sciatori cinesi continuano a prendere venti secondi a manche in slalom, mi sa che le discese possono farle anche con 11/12 manche ma poi i risultati saranno gli stessi [:246], la vedo dura con atleti di questo calibro trascinare folle oceaniche di cinesi verso lo sci [:D]
    33 | brunodalla il 17/10/2016 20.22.59
    vabbè ma ho detto cina solo come esempio, può darsi che sia soltanto una delle varie parti del mondo a cui si rivolgerà la fis per i suoi scopi. il discorso generale è: la fis ha deciso di fare questi passi per allargare la platea e per attirare i giovani, non è neppure detto che quello che ha deciso funzioni, ma ci proveranno. e ci beccheremo pure una garetta a dubai, fra le varie cose[;)], prima o poi accadrà.
    34 | jos235 il 17/10/2016 20.43.39
    ..Non oso pensare 1) al distacco che prenderebbe ai mondiali lo sciatore nato nel capannone di Dubai 2) all'opinione della nostra casalinga di Voghera riguardo la gara a Dubai [:261]
    35 | eliacodogno il 17/10/2016 22.20.25
    Ma certamente ci saranno queste novità, però dubito che anche se dovessero avere grandissimo successo diventeranno il fulcro della stagione, semmai saranno eventi promozionali fatti appositamente a margine, un po' come il calcio, che va a giocare la Supercoppa italiana in Cina o in Qatar, ma evidentemente lo fa per attirare attenzione e investimento sul campionato italiano, che seguita a giocarsi in Italia e fra squadre italiane, almeno per ora. E se parliamo di calcio, che può essere giocato allo stesso modo a Milano o a Shanghai, a maggior ragione credo che il discorso valga in uno sport in cui il "dove" non è indifferente.
    36 | ellisse il 17/10/2016 23.30.09
    Caro Jos..ti evidenzio che DUBAI fa rima con GIAMMAI.. Quel che temo è di leggere presto un post di questo tenore : Ciao, sono lo sciatore nato sotto il capannone..[:4]
    37 | franz62 il 18/10/2016 11.04.22
    io son d'accordo con didibì, anche perchè in parallelo mi succedeva la sua stessa cosa. poi finchè non mi fanno la piscina in engadina o in alta lombardia con le onde artificiali per surfare temo che sarò contrario a qualunque altra cosa in qualsivoglia settore. chiuderò un occhio su proposte che coinvolgano la gnocca.[:D]
    38 | eugenio il 19/10/2016 17.09.03
    Troppo facile la discesa in due manche... condizioni omogenee dalla partenza all'arrivo, meno problemi di sciolina, fine dei carichi di lavoro per resistere più di due minuti, poca sabbia nelle clessidre svizzere e chissà cos'altro !!! Non oso allinearmi al pensiero della casalinga, soprattutto nella parte in cui si deve mettere a repentaglio il proprio corpo, ma condivido il proverbio che dice che una bella discesa dura a lungo. Con buona pace dei nuovi mercati, che più che trovarsi ad est o ad ovest, cercano di frammentare l'attenzione sull'evento per concentrarla sugli spazi pubblicitari.
    39 | Carcentina il 20/10/2016 13.48.10
    io l'avevo già detto a Franz (8 anni fa) che doveva andare a Dubai e farsi ricoprire d'oro dall'Emiro ......e adesso rischia di farsi fregare dalla FIS [:D][:D] http://www.fantaski.it/forum/topic.asp?whichpage=9&topic_id=14949#490721



      Cerca una parola nelle news:        

      Ultime 15 Notizie correlate: (Markus Waldner FIS )

      [26/05/2020] I calendari per la stagione 2020/2021
      [26/05/2020] Tutte le decisioni del Consiglio FIS
      [25/05/2020] Rinvio Cortina 2021: decisione Fis il 1 luglio
      [22/05/2020] Gardena, Kronplatz e poi Sestriere in calendario
      [21/05/2020] Parallelo: cambiano le regole
      [19/05/2020] Come sarà la prossima Coppa del Mondo?
      [12/05/2020] Lehmann: "no alla discesa in due manche"
      [01/05/2020] Quali le "Epic Race" degli ultimi 10 anni?
      [30/04/2020] Cortina 2021: svolto 8/o FIS Coordination Meeting
      [28/03/2020] La stagione FIS è finita...in Russia!
      [27/03/2020] Rimandato il Congresso FIS 2020
      [26/03/2020] Tanguy Nef vince il premio Matteo Baumgarten
      [19/03/2020] Kasper:"la famiglia dello sci deve rimanere unita"
      [12/03/2020] Cancellate le gare di Kranjska Gora.Coppa a Kilde
      [12/03/2020] Kranjska Gora: ha davvero senso?

      Altre notizie di Coppa del Mondo:

      [31/05/2020] I Norvegesi si allenano.Jansrud NO a Cortina 2022
      [31/05/2020] Le squadre del Comitato AOC per la stagione 2021
      [31/05/2020] Brunner con Atomic,cambiano Leitinger e Alphand
      [31/05/2020] Da lunedì lo Stelvio torna ad essere "Casa Italia"
      [29/05/2020] Gli Azzurri ripartono dallo Stelvio!
      [29/05/2020] Mikaela Shiffrin rinnova con Atomic
      [28/05/2020] Buzzi rinnova con Head,Marsaglia con Salomon
      [28/05/2020] FISI:aggiornate le disposizioni per gl allenamenti
      [27/05/2020] Roda: "Saracco non sarà sostituito"
      [27/05/2020] Roda:"Mondiali Cortina 2022 al posto delle Finali"
      [26/05/2020] I calendari per la stagione 2020/2021
      [26/05/2020] Tutte le decisioni del Consiglio FIS
      [25/05/2020] Rinvio Cortina 2021: decisione Fis il 1 luglio
      [25/05/2020] Asta di beneficenza per i cimeli di Fede Brignone
      [25/05/2020] Rinvio Cortina 2021: il segreto di Pulcinella
      [25/05/2020] Murisier passa ad Head,Chable a Salomon
      [24/05/2020] Cortina 2021 verso il rinvio di un anno
      [24/05/2020] Donazione privata per salvare Wengen
      [23/05/2020] E' ufficiale: Anna Veith si è ritirata
      [23/05/2020] TdG - Saracco torna in famiglia
      [22/05/2020] Roberto Saracco lascia i gigantisti azzurri
      [22/05/2020] Marta Rossetti si affida a Energiapura
      [22/05/2020] Zermatt annuncia la discesa più lunga del mondo
      [22/05/2020] Gardena, Kronplatz e poi Sestriere in calendario
      [22/05/2020] Oltre 100 resort sperano di riaprire in giugno
      [22/05/2020] Brignone su RaiUno il 2 giugno
      [21/05/2020] Parallelo: cambiano le regole
      [21/05/2020] FISI: Nota del 17/o Consiglio Federale
      [20/05/2020] Veith annuncerà il ritiro sabato sulla ORF?
      [20/05/2020] Zermatt sostituirà Wengen dal 2022?
      [20/05/2020] Wengen a rischio cancellazione dal 2021-22
      [19/05/2020] Come sarà la prossima Coppa del Mondo?
      [17/05/2020] Riaprono a breve Hintertux e Les Deux Alpes?
      [17/05/2020] L'amarezza di Maren Skjoeld
      [15/05/2020] I Norvegesi per la stagione 2020/2021
      [15/05/2020] Primo caso Covid19 nell'Austria Ski Team

      Altre notizie Fantaski:

      [18/01/2020] Benvenuto Luigi! Al via il Taglio di Grasscutter
      [04/10/2019] Circo Bianco: ritiri e cambi di materiale (2020)
      [26/03/2019] La Thuile: diamo una manche al Telefono Azzurro
      [23/02/2018] Fantanotti Olimpiche - Analisi dei Giochi 2018
      [06/02/2018] Aperte le FantaOlimpiadi 2018!
      [14/12/2017] Fantaski.it disponibile anche su Telegram !
      [05/12/2017] A La Thuile stagione aperta dal 2 dicembre
      [03/11/2017] Fantaski 2018 - mercato maschile aperto fino Levi
      [05/12/2016] Aperto il primo mercato - stagione 2016/2017
      [13/11/2016] A Milano di scena il Big Air Snowboard



     
    titoletto copyright fantaski
     baffo fantaski titoletto contatti baffo fantaski titoletto riconoscimenti