separatore
icona fisi  
 icona fantaski titoletto linguaicona italia icona bandiera italia icona bandiera svizzeraicona bandiera inglese icona bandiera inglese icona bandiera americanatitoletto tedesco icona bandiera germania icona bandiera austria icona bandiera svizzeratitoletto francia icona bandiera francia icona bandiera svizzera 
icona baffo fantaski titoletto home icona baffo fantaski titoletto cosa fantaski icona baffo fantaski titoletto faq help icona baffo fantaski titoletto regolamento icona baffo fantaski titoletto forum icona baffo fantaski titoletto fotogallery  
mercoledì 18 settembre 2019 - ore 02.42 
titoletto coppa del mondo
separatore
titoletto coppa fantaski
separatore
titoletto gioca fantaski

Coppa del Gobbo - Il fascino antico del Kandahar

Clicca sulla foto per ingrandire
Gobbo C.
Gobbo C.
commenti 5 Commenti icona rss

Le vertiginose emozioni che hanno caratterizzato lo scorso, intenso, fine settimana sciistico non ci devono far dimenticare un pezzo di storia, riemerso con il rientro di Chamonix nel Circo Bianco: Il Kandahar! A La Thuile, su di una pista molto bella, sacrificata dalle paure dei tracciatori, abbiamo visto discesiste coraggiose ed azzurre di grande temperamento cingersi di allori meritati, come Nadia Fanchini e Dada Merighetti, accanto a ragazze quali Elena Fanchini e Federica Brignone ormai prontissime a dare del "tu" alle velocità anche più intriganti! Brave, brave ragazze, bravo il Ghezze che, da buon ampezzano (romano di nascita) ha capito come il dialogo sia più efficace della frusta (soprattutto con le fanciulle), brava La Thuile che ha fatto tutto per bene, anche se un po' di aggiustamenti saranno indispensabili per il futuro.
 
A Chamonix si è consumato un evento che, reso ancor più nobile dal successo del Domme, riporta alla ribalta uno dei templi sacri di quello sci antico che, nella valle dell'Arve (ma non solo), seppe far nascere e crescere la leggenda dell'agonismo alpino.
 
Kandahar, un nome, un mito. Una parola che associa i luoghi sacri dei pionieri: Chamonix, Sant'Anton, Muerren, Garmisch, Sestrieres. Le gare, le piste Kandahar sono state palcoscenico eroico del trofeo più ambito del Circo Bianco, la data era quella del 1928. Combinata, cioè discesa più slalom, con tracciati e disegni d'altri tempi, e classifiche che ancor oggi mettono i brividi! Una tradizione che all'ombra del Monte Bianco, questa volta, con la nuova formula della combinata, ha fatto uscire dallo scrigno dei ricordi un profumo lieve, sufficiente però per rievocare il passato di un nome che arriva da molto lontano. Dall'Afghanistan. La un maggiore di Sua Maestà Elisabetta d'Inghilterra salvò eroicamente il suo battaglione meritandosi il titolo nobiliare di Lord. Di Kandahar appunto. Il suo nome era Frederick Sleight Roberts e nel 1911 organizzò a Montana, in Svizzera, la prima discesa libera (allora sì, lo era) internazionale. In suo onore tredici anni dopo il connazionale Sir Arnold Lunn fondò a Chamonix lo Ski Club di Kandahar ed organizzò i Primi Giochi Olimpici d'inverno, anche se per la verità il nome era diverso e quelli riconosciuti dal CIO per lo sci alpino iniziarono solo nel 1936 a Garmisch!
 
Luoghi e nomi del mito, appunto. Luoghi e nomi segnati dall'Italia che nello sci, allora, muoveva i primi passi tra lo Stelvio e Sestrieres, passando dalle nevi appenniniche dell'Abetone a quelle ossolane del Mottarone.  Sul Colle del Sestrieres insegnava il maestro Leo Gasperl , sul Passo dello Stelvio nasceva Cinto Sertorelli, settimo degli undici figli di Costante, il guardiano della Quarta Cantoniera della Strada Imperiale, ideatore di una scuola di sci tutta italiana. Il Mitico e sfortunato Cinto fu la prima medaglia iridata ufficiale dello sci alpino azzurro proprio qui a Chamonix nel 1937, con il secondo posto nella discesa libera dietro all'elegante e talentuoso Emile Allais.
Una bella soddisfazione per Cinto che, nel 1936, aveva applaudito il fratello Stefano capace di esaltare l'Italia vincendo la gara delle pattuglie militari ai Giochi di Garmisch, conquistando così la prima medaglia d'oro Olimpica del nostro Paese! Per Cinto invece, a Chamonix , c'era stata la caduta provocata da un concorrente bulgaro trovato sul percorso...sufficiente per perdere quei 17 secondi che lo separarono dalla medaglia d'oro. Sfortuna che si trasformò in dramma a Garmisch, sempre sulla Kandahar, nel 1938, con uno schianto contro un albero e la vita spezzata a 23 anni.
 
L'Italia tornò a far parlare di sè, sempre a Chamonix, con un altro figlio dello Stelvio...SECONDA PARTE


(venerdì 26 febbraio 2016)



@RIPRODUZIONE RISERVATA

  • lunedì 16 settembre 2019

    Atleta dell'anno FISI: in lizza Paris e Wierer

    lunedì 16 settembre 2019

    Velocisti e slalomisti rientrano da Ushuaia

    venerdì 16 agosto 2019

    I velocisti partono il 19 per Ushuaia

  • martedì 6 agosto 2019

    Kitz: un'altra gondola per Dominik Paris

    mercoledì 29 maggio 2019

    Azzurri: il programma estivo degli allenamenti

    martedì 30 aprile 2019

    Squadre FISI maschili 2019/2020: cosa cambia?

  • lunedì 29 aprile 2019

    Le squadre maschili FISI per la stagione 2019/2020

    venerdì 12 aprile 2019

    A Prowinter la FISI celebra i suoi campioni

    sabato 6 aprile 2019

    Galà della Neve Gazzetta: premitati Paris e Goggia


    Tutt i commenti disponibili:
    1 | Admin il 26/02/2016 9.58.39
    SECONDA PARTE L'Italia tornò a far parlare di sè, sempre a Chamonix, con un altro figlio dello Stelvio. Molti anni dopo Gustavo Thoeni infatti si impose nello slalom davanti allo svedese Stenmark e nella combinata (la discesa si era svolta a Megeve) sullo spagnolo Ochoa e all'austriaco Klammer. Nel 1978 Paolo De Chiesa è terzo nello slalom e bisogna attendere il 1994, a fine gennaio, per applaudire un altro azzurro sul posto più alto del podio: Alberto Tomba domina lo slalom sullo svedese Thomas Fogdoe. Un successo imitato tre anni dopo da Kristian Ghedina, in discesa, mentre tra le porte strette nel 2000 arriva la "riga" di Greta Angelo Weiss, dopo una seconda manche consegnata alla storia. Ed ancora Giorgio Rocca....e poi e poi...fino alla magia di Dominique Paris al quale la Verte di Les Ouches pare pennellata addosso! Le montagne che si ammirano da Chamonix sono particolari, non per niente l'alpinismo è nato qui a Chamonix, la storia ci racconta come nel 1760 Horace Benedict de Saussure ascendesse il Mont Brévent, inventando l'alpinismo! E guardando la discesa di Paris, spalle alla Cassure, si intravvede lontano, in fondo, il Petit Dru con i suoi 3.733 metri, una parete Ovest ancor più vertiginosa della Franco Berthod, strapiombi scoscesi dove Walter Bonati nell'agosto del 1955, in 6 giorni, da solo, liberò una via IMPOSSIBILE, una via che la montagna, riconoscendo la bravura, il coraggio ed il rispetto di Bonatti, volle dedicargli per sempre...facendola crollare pochi anni dopo! L'ultima annotazione è per il prestigioso distintivo del Kandahar, una spilla che veniva data ai vari vincitori, di maggior pregio a seconda del numero dei successi conseguiti nelle diverse specialità... Solo una volta la spilla di "diamanti", quella più ambita, è giunta in Italia, per merito di una fanciulla che ancor oggi, più che 90enne si diverte a disegnare arabeschi argentati sulle nevi calde dell'Abetone: Celina Seghi. Un abbraccio affettuoso Celina, con un inchino!
    2 | quilodico il 26/02/2016 12.41.35
    Giusto: le grandi classiche dello sci mondiale sono un patrimonio irrinunciabile! In ordine di anzianità, il Lauberhorn di Wengen (86 edizioni), l'Hannenkamm di Kitz (77), la Kandahar di Garmish e Chamonix (63), la 3Tre di Campiglio (62) e le gare di Adelboden (60). La grande tradizione di questo sport è racchiusa in primis in questi eventi. PS - per Carlo, che ben conosce quel mondo, avrei una domanda che nasce da una mia curiosità: quest'anno in coppa del mondo due eventi (appunto Garmisch e Chamonix) hanno condiviso lo stesso nome "Kandahar", un caso più unico che raro. I comitati organizzatori sono gli stessi? Collaborano tra loro? Grazie!... [:)]
    3 | Gobbo Carlo il 26/02/2016 14.44.36
    ...Sì..esiste da molto tempo un protocollo di collaborazione tra gli organizzatori delle gare , ormai poche , rimaste con il marchio del K..!! Nella prossima stagione ritorna Sestrieres ...! Mi dispiace che , quando se ne presenti l'occasione ,...non si colga l'occasione per ridare vigore alla Storia . Noi " vecchi " ..teniamo duro ...!!
    4 | draghetto il 26/02/2016 16.24.59
    Finalmente un articolo che valorizza la storia di Chamonix, andando oltre coloro che si limitano a ripetere a pappagallo che si tratta di una pista "facile" senza capirne granché.
    5 | didibi il 26/02/2016 17.36.28
    A Garmisch le gare di coppa del mondo maschile e femminile si gareggiano sulle piste Kandahar 1 e Kandahar 2. Anche a Sestriere la pista porta nel nome la dicitura Kandahar Banchetta.



      Cerca una parola nelle news:        

      Ultime 15 Notizie correlate: (Coppa del Gobbo Chamonix Kandahar Garmisch Gustavo Thoeni Giorgio Rocca Dominik Paris )

      [16/09/2019] Atleta dell'anno FISI: in lizza Paris e Wierer
      [16/09/2019] Velocisti e slalomisti rientrano da Ushuaia
      [16/08/2019] I velocisti partono il 19 per Ushuaia
      [06/08/2019] Kitz: un'altra gondola per Dominik Paris
      [29/05/2019] Azzurri: il programma estivo degli allenamenti
      [30/04/2019] Squadre FISI maschili 2019/2020: cosa cambia?
      [29/04/2019] Le squadre maschili FISI per la stagione 2019/2020
      [12/04/2019] A Prowinter la FISI celebra i suoi campioni
      [06/04/2019] Galà della Neve Gazzetta: premitati Paris e Goggia
      [28/03/2019] Milano, FISI Media Day con 31 medaglie mondiali
      [22/03/2019] Assoluti 2019: Marsaglia oro anche in superg
      [20/03/2019] C.I.Cortina: Paris e Innerhofer veloci in prova DH
      [18/03/2019] Shiffrin e Hirscher Paperoni della Coppa 2019
      [15/03/2019] Fantaski Stats - Soldeu - superg maschile
      [14/03/2019] Paris: "Sognavo la coppa, finalmente è arrivata!"

      Altre notizie di Coppa del Mondo:

      [16/09/2019] Atleta dell'anno FISI: in lizza Paris e Wierer
      [16/09/2019] Velocisti e slalomisti rientrano da Ushuaia
      [15/09/2019] Clement Noel e Alex Vinatzer entrano in Red Bull
      [15/09/2019] Heinz Peter Platter nuovo DT della Cina
      [13/09/2019] Ushuaia: ultimi arrivi e prime partenze
      [11/09/2019] Rulfi:"programma rispettato,le ragazze stanno bene
      [11/09/2019] Madrid: una medaglia per Blanca Fernandez Ochoa
      [10/09/2019] Inner e Gross allo Stelvio
      [10/09/2019] Elena Curtoni e sorelle Delago verso Ushuaia
      [10/09/2019] Clement Noel rinnova con Dynastar
      [10/09/2019] Cardrona: a Walch e Klomhaus il circuito ANC
      [09/09/2019] Stelvio:stage tecnico per i giovani del centro-sud
      [08/09/2019] Ispezione FIS positiva a La Thuile
      [07/09/2019] Anna Veith rimette gli sci
      [06/09/2019] Hirscher Day: le reazioni
      [06/09/2019] L'addio di Hirscher: l'omaggio di Atomic
      [06/09/2019] Ushuaia: attese polivalenti e slalomiste
      [05/09/2019] Hischer: le tappe di una carriera straordinaria
      [04/09/2019] Marcel Hirscher annuncia: "mi ritiro!"
      [04/09/2019] Ispezione FIS al Sestriere in vista della CdM
      [04/09/2019] Trovata purtroppo morta Blanca Fernandez Ochoa
      [04/09/2019] Hirscher: vigilia di addio o ci ripenserà?
      [02/09/2019] Squadre di Coppa Europa verso Ushuaia
      [02/09/2019] ANC: chiusa la tappa di Coronet Peak
      [02/09/2019] Media austriaci sicuri: Marcel Hirscher si ritira
      [02/09/2019] Ad ottobre la Fisi si presenta
      [01/09/2019] Scomparsa misteriosa di Blanca Fernandez Ochoa
      [30/08/2019] Da Salisburgo Marcel Hirscher svelerà il futuro
      [30/08/2019] Ushuaia: tanti Azzurri e Azzurre al lavoro
      [30/08/2019] Bormio: un nuovo comitato per la Coppa del Mondo
      [30/08/2019] Liski fornitore per Pechino 2022
      [29/08/2019] Tamara Wolf entra nella squadra TV della SRF
      [29/08/2019] Elisabeth Kappaurer nuovamente infortunata
      [28/08/2019] Goggia, Brignone e Bassino in volo verso Ushuaia
      [28/08/2019] ANC: dopo Mount Hotham si gareggia a Coronet Peak
      [28/08/2019] Hirscher: l'addio in diretta tv?

      Altre notizie Fantaski:

      [26/03/2019] La Thuile: diamo una manche al Telefono Azzurro
      [23/02/2018] Fantanotti Olimpiche - Analisi dei Giochi 2018
      [06/02/2018] Aperte le FantaOlimpiadi 2018!
      [14/12/2017] Fantaski.it disponibile anche su Telegram !
      [05/12/2017] A La Thuile stagione aperta dal 2 dicembre
      [03/11/2017] Fantaski 2018 - mercato maschile aperto fino Levi
      [05/12/2016] Aperto il primo mercato - stagione 2016/2017
      [13/11/2016] A Milano di scena il Big Air Snowboard
      [21/03/2016] La Thuile: il 9 Aprile gara per Telefono Azzurro
      [26/02/2016] La Thuile: 1/a Gara dei Sogni in favore di FISIP



     
    titoletto copyright fantaski
     baffo fantaski titoletto contatti baffo fantaski titoletto riconoscimenti