separatore
icona fisi  
 icona fantaski titoletto linguaicona italia icona bandiera italia icona bandiera svizzeraicona bandiera inglese icona bandiera inglese icona bandiera americanatitoletto tedesco icona bandiera germania icona bandiera austria icona bandiera svizzeratitoletto francia icona bandiera francia icona bandiera svizzera 
icona baffo fantaski titoletto home icona baffo fantaski titoletto cosa fantaski icona baffo fantaski titoletto faq help icona baffo fantaski titoletto regolamento icona baffo fantaski titoletto forum icona baffo fantaski titoletto fotogallery  
domenica 22 settembre 2019 - ore 22.34 
titoletto coppa del mondo
separatore
titoletto coppa fantaski
separatore
titoletto gioca fantaski

Roda: "I risultati non ci aiutano, ma c'è fiducia"

Clicca sulla foto per ingrandire
Roda F.
Roda F.
commenti 37 Commenti icona rss

All'indomani della deludente prestazione della squadra azzurra anche nel gigante femminile della rassegna iridata a Beaver Creek, il presidente Fisi Flavio Roda cerca di gettare acqua sul fuoco delle polemiche che inevitabilmente si stanno sollevando da più parti.

Dopo otto gare di questi mondiali sulle nevi del Colorado l'Italia vede il suo medagliere ancora fermo a quota zero. Sono nove le nazioni andate a medaglia in questo mondiale, tutte le principali squadre del circo bianco, eccezione fatta proprio dell'Italia. Quello che pesa però in questo momento non certo felice per il nostro sci in terra statunitense sono anche i piazzamenti deludenti complessivi degli azzurri. Al momento possiamo contare solo sull'8/o posto di Daniela Merighetti in discesa e di Francesca Marsaglia in combinata alpina, il 10/o posto di Dominik Paris sempre nella combinata e quello di Elena Curtoni nel super-g di apertura.

"I risultati non ci aiutano però penso in questo momento dobbiamo restare tutti vicini ad atleti tecnici e non perdere la calma - ha dichiarato il presidente Flavio Roda al termine del gigante donne - Tutto lo staff e tutti devono sapere che da parte mia c'è la massima fiducia in loro. Vorrei che nessuno caricasse di troppa responsabilità gli atleti impegnati nelle prossime gare ai Mondiali. Questo è il messaggio che mi sento di voler trasmettere a tutta la squadra in vista degli ultimi appuntamenti a Beaver Creek".

Restano ancora tre gare a questi mondiali, il gigante maschile di oggi e i due slalom speciali. Obiettivamente l'unica possibilità concreta di medaglia o di medaglie potrebbe arrivare proprio nell'ultima gara del programma iridato, lo slalom speciale maschile di domenica 15 febbraio, dove possiamo schierare almeno tre atleti in grado di puntare concretamente ad un podio: Stefano Gross, Patrick Thaler e Giuliano Razzoli.

Come già accaduto in occasione dell'Olimpiade del 2010 a Vancouver - anche se lì i piazzamenti nel complesso erano stati decisamente migliori di quelli odierni - dovremmo forse attendere l'ultimo giorno per vedere cancellato quello zero dalla casella delle medaglie? Noi speriamo proprio di no, soprattutto per atleti e tecnici azzurri che hanno passato questi due anni a prepararsi e sacrificarsi per ben figurare a questa rassegna iridata. Certo è che quando si ritornerà a casa, indipendentemente da quello che andremo a raccogliere in queste ultime giornate di mondiale, con calma bisognerà sedersi ad un tavolo e analizzare quanto accaduto, mettendo da parte certi personalismi. Bisognerà cercare di trovare per quanto possibile le giuste soluzioni, per iniziare un lavoro proficuo in vista del prossimo appuntamento, quello del mondiale di St.Moritz 2017.  


(venerdì 13 febbraio 2015)



@RIPRODUZIONE RISERVATA

  • lunedì 16 settembre 2019

    Atleta dell'anno FISI: in lizza Paris e Wierer

    lunedì 2 settembre 2019

    Ad ottobre la Fisi si presenta

    venerdì 30 agosto 2019

    Ushuaia: tanti Azzurri e Azzurre al lavoro

  • venerdì 30 agosto 2019

    Bormio: un nuovo comitato per la Coppa del Mondo

    sabato 24 agosto 2019

    Fiori d'arancio in vista per Lindsey Vonn

    giovedì 1 agosto 2019

    Formia: Roda con i gruppi Coppa Europa e Osservati

  • lunedì 22 luglio 2019

    Imola: i campioni FISI in pista con Audi

    lunedì 22 luglio 2019

    Goggia e Roda mercoledì a San Marino

    martedì 16 luglio 2019

    Menghini commissario per Comitato AA


    Tutt i commenti disponibili:
    1 | Umberto il 13/02/2015 11.15.15
    Il Presidente Valentino dopo il disastroso Mondiale di Vail 1999 si era dimesso...
    2 | didibi il 13/02/2015 11.25.45
    Umberto ha scritto:
    Il Presidente Valentino dopo il disastroso Mondiale di Vail 1999 si era dimesso...
    no, confermò solo quello che aveva già detto e cioè che non si sarebbe ricandidato
    3 | franz62 il 13/02/2015 11.38.43
    a me frega niente di Roda o di qualunque altro presidente FISI, non mi piace come sono andati questi mondiali e il fatto che nemmeno sia stato riempito il contingente, significa dire da soli di essere scarsi. detto questo il mondiale dice tutto e dice niente dal punto di vista tecnico, riguardo alle donne mi piace come hanno affrontato le altre gare durante l'anno idipendentemente dai risultati, Paris è in corsa per la coppa di discesa manco fosse austriaco, Gross e Razzoli son tornati e anche altri nel momento in cui erano in forma hanno sciato bene...per cui non mi lamenterei, si può far decisamente peggio.
    4 | wex13 il 13/02/2015 11.54.12
    franz62 ha scritto:
    a me frega niente di Roda o di qualunque altro presidente FISI, non mi piace come sono andati questi mondiali e il fatto che nemmeno sia stato riempito il contingente, significa dire da soli di essere scarsi. detto questo il mondiale dice tutto e dice niente dal punto di vista tecnico, riguardo alle donne mi piace come hanno affrontato le altre gare durante l'anno idipendentemente dai risultati, Paris è in corsa per la coppa di discesa manco fosse austriaco, Gross e Razzoli son tornati e anche altri nel momento in cui erano in forma hanno sciato bene...per cui non mi lamenterei, si può far decisamente peggio.
    perfettamente concorde...dispiace certo non avere risultati rilevanti, ma sarebbe stato peggio se anche durante la stagione di coppa fossa stato questo l'andazzo...c'è da chiedersi se sia meglio una medaglia di bronzo al mondiale o andar forte durante la stagione?
    5 | marc girardelli il 13/02/2015 12.06.45
    Andar forte in stagione...senza dubbi
    6 | Umberto il 13/02/2015 12.08.58
    hai ragione Didibi, però indirettamente fu un ammissione di responsabilità per gli scarsi risultati... anche per me un politico vale un altro... il problema è che da Roda forse ci si aspettava qualcosa di diverso visti i trascorsi... sul mio giudizio incide molto la figuraccia del team event, che è molto peggio a mio modo di vedere del rischio di tornare in Italia senza medaglie...
    7 | Umberto il 13/02/2015 12.10.36
    detto questo forza azzurri! che non si facciano condizionare da quanto successo finora...
    8 | Lucas il 13/02/2015 12.24.21
    franz62 ha scritto:
    a me frega niente di Roda o di qualunque altro presidente FISI, non mi piace come sono andati questi mondiali e il fatto che nemmeno sia stato riempito il contingente, significa dire da soli di essere scarsi.
    Certo Franz, e cosa pensavi che significasse?? Se avessimo un team di fenomeni credi che sarebbero stati così autolesionisti da non portarli tutti?? Diciamo la verità, alla luce dei risultati ne han portati fin troppi, e non so dar torto a chi, qua e là sul web, parla di "vacanze pagate" per questo o quell'atleta. Non conta la quantità, conta la qualità!! Se non erro, noi siamo il secondo contingente per numero, eppure cosa abbiamo portato a casa sinora?? Niente di niente!! E, aspetto ancor più grave, non ci siamo andati nemmeno vicini...
    9 | lbrtg il 13/02/2015 12.32.34
    marc girardelli ha scritto:
    Andar forte in stagione...senza dubbi
    Certo. D'accordissimo.
    10 | Lucas il 13/02/2015 12.33.27
    marc girardelli ha scritto:
    Andar forte in stagione...senza dubbi
    Io non sono troppo d'accordo!! Nella stagione dei Mondiali -non parliamo poi di quella olimpica- tutti gli atleti normalmente focalizzano l'attenzione e la preparazione su quell'appuntamento e così deve essere!! Tanto è vero che, anche fra gli sciatori di spicco, non di rado capita che si ottengano meno successi lungo l'arco della stagione per poi raggiungere il top nei dintorni della grande manifestazione. Con questo non voglio dire che successi o podi in Coppa non contino o non facciano piacere -sarebbe decisamente peggio se mancassero pure quelli- ma se si fallisce pesantemente un Mondiale (come purtroppo sta accadendo), tali risultati non possono e non devono servire da alibi per nessuno!
    11 | Lucas il 13/02/2015 12.44.08
    E aggiungo -senzo offesa e col massimo rispetto per il parere di tutti- che questo rientra nella tipica mentalità italica dell'accontentarsi! Guardate, ad esempio, Tina Maze. L'anno scorso ha deluso in Coppa, ma poi è arrivata a Sochi e sappiamo bene com'è andata... ecco, voi pensate che lei baratterebbe le sue medaglie olimpiche con un'eccellente stagione nel circuito maggiore?? Non credo proprio!!
    12 | franz62 il 13/02/2015 12.51.15
    Lucas ha scritto:
    franz62 ha scritto:
    a me frega niente di Roda o di qualunque altro presidente FISI, non mi piace come sono andati questi mondiali e il fatto che nemmeno sia stato riempito il contingente, significa dire da soli di essere scarsi.
    Certo Franz, e cosa pensavi che significasse?? Se avessimo un team di fenomeni credi che sarebbero stati così autolesionisti da non portarli tutti?? Diciamo la verità, alla luce dei risultati ne han portati fin troppi, e non so dar torto a chi, qua e là sul web, parla di "vacanze pagate" per questo o quell'atleta. Non conta la quantità, conta la qualità!! Se non erro, noi siamo il secondo contingente per numero, eppure cosa abbiamo portato a casa sinora?? Niente di niente!! E, aspetto ancor più grave, non ci siamo andati nemmeno vicini...
    significa che non hai nemmeno i coglioni di portare gli atleti che hai
    13 | Hundschopf il 13/02/2015 12.58.11
    Io non credo che se uno va male a Kitz e bene ai Mondiali, a due settimane sole di distanza, sia perché ha impostato la preparazione al millesimo sull'appuntamento iridato o perché non si è impegnato con tutte le proprie forze fisiche e mentali a Kitz. Se sei in forma a Vail, eri in forma anche a Kitz; e se sei un campione ti impegni al massimo in tutte e due le gare. Semplicemente è capitato che gli azzurri siano andati bene a Kitz e male a Vail. Questione di sci, o di neve, o di caratteristiche della pista, non so; ma non credo sia stata una questione di preparazione o di istinto vincente. Le discesiste americane hanno dominato a L.Louise in dicembre e fallito completamente il mondiale di casa, l'appuntamento che per loro era sicuramente e di gran lunga il più importante dell'annata. Quello che mi rende difficoltoso capire il senso dei Mondiali di sci è proprio questo: in fondo i mondiali sono come una qualsiasi tappa di Coppa del mondo, valgono di più solo perché "per legge" si è deciso così. Partecipano gli stessi sciatori della Coppa, le piste non sono in genere più difficili delle più difficili del circuito, non sono più lunghe o più faticose. I Mondiali di ciclismo sono la gara più lunga della stagione e l'unica dove si corre con squadre nazionali. I mondiali di atletica forse sono l'unica occasione nella quale tutti i migliori gareggiano insieme. Ma nei mondiali di sci gli atleti e le piste sono fondamentalmente quelle della coppa del mondo, e lo stato di forma degli sciatori è fondamentalmente quello delle gare di coppa di fine gennaio o fine febbraio. Perciò, va bene, diamo pure più clamore mediatico a queste gare di Vail, ma mi sembra ingiusto dare molto più peso a una gara mondiale che a una gara di coppa, figuriamoci dargli più peso che all'intera stagione di coppa. Parere personale, naturalmente
    14 | Jeppo il 13/02/2015 13.02.41
    Standing ovation per Hundschopf. [:21]
    15 | franz62 il 13/02/2015 13.02.56
    Poi Lucas già detto in passato che i miei messaggi son brevi e si quotano facilmente per intero, a pezzi quota quelli di tua sorella se vuoi farle dire qualcosa di particolare.[;)]
    16 | Lucas il 13/02/2015 13.45.19
    Data la simpatia che ho per te, Franz, mi dispiace molto leggere questa tua risposta, il rispetto dovrebbe venire prima di tutto e in questo caso, debbo dirtelo, ne hai avuto ben poco. Io ho quotato la parte su cui mi interessava risponderti e non vedo cosa ci fosse di male, non c'è alcun obbligo specifico di quotare messaggi per intero. Vuoi replicare?? Ben felice di leggerti, a patto che lasci perdere "sorelle" e magari ti focalizzi su ciò che scrivo (come in effetti non hai fatto nemmeno nel precedente messaggio). Non siamo d'accordo su un punto?? Pazienza, non è che si debba esserlo per forza.
    17 | Lucas il 13/02/2015 13.46.03
    E comunque, a questo punto, comincio a essere stufo! Di problemi nella vita ne ho già sin troppi senza bisogno di farmi venire il sangue amaro pure sul Forum. Fate voi ragazzi, dite tutti le stesse cose, uniformatevi al parere dominante, che è così che la comunità avrà una vita lunga e prosperosa. A me non interessa farlo, non mi è mai importato compiacere o arruffianarmi la gente, credo di avere sempre avuto il fegato di dire la mia, motivando il mio pensiero (e non tutti, mi spiace dirlo, lo fanno così spesso). Sono un po' polemico?? Non l'ho mai negato, ma a me, lo ripeto, piace discutere e confrontarmi e non attirare consensi. In una settimana in cui si banna a destra e a manca -a ragione, sia chiaro- debbo dire che mi sono più divertito a leggere certe stronzate, piuttosto che tante altre volte in cui, nonostante l'apparente tranquillità, un certo clima teso e inopportuno si percepiva chiaramente, quindi non stupitevi troppo di questa mia "uscita" odierna. Chiudo dicendo che d'ora in poi limiterò i miei interventi alla sola sezione tv: buon proseguimento a tutti!
    18 | franz62 il 13/02/2015 13.57.49
    Risposto nel mio stilacciio bruto senza volerti male..quanto al fatto che i messaggi hanno senso nel loro complesso è un mio giudizio e non un regolamento del forum per cui ti puoi quotarmi a pezzi e io far notare quello che desidero.
    19 | Hundschopf il 13/02/2015 14.01.04
    Mah, Lucas, se qualcuno la pensa diversamente da te non vuol dire che ce l'ha con te o che lo fa per uniformarsi al pensiero dominante. Non c'è bisogno né di prendersela, stiamo parlando di sci e non di politica o fame nel mondo. Dì pure la tua qui e in tutte le sezioni che vuoi; se qualcuno la penserà diversamente da te, significherà solo che la pensa diversamente da te (va bè, non è un concetto molto profondo ma non mi viene niente di meglio)
    20 | Hundschopf il 13/02/2015 14.02.05
    Non avevo ancora letto la risposta di Franz, penso che quella metta tutto a posto
    21 | leo85 il 13/02/2015 14.07.17
    Eh Hund...in effetti, visto il tuo post precedente...mi aspettavo qualcosa di più profondo!!![:p][:p][:o)][;)] @Lucas: a Franz piace fare un pò la suocera ogni tanto....ma non prendertela...se ti risponde è perchè ci tiene e ha piacer di farlo! quindi non prendertela assolutamente! Io ci ho fatto il callo....sai quante me ne sono prese a dietro io....??[:D][;)] Ma da lui, se lo sai prendere, c'è tanto da imparare (almeno per quanto mi riguarda!)
    22 | Fairyking il 13/02/2015 14.48.03
    tornando al discorso importanza Coppa rispetto a mondiali ed olimpiadi, ci terrei a sottolineare come in effetti i mondiali (ed in un certo senso anche l'evento olimpico) contino meno di un dominio in Coppa che dura una stagione intera. E' più facile vincere una coppa generale (4 mesi di durata e decine di gare a cui prendere parte) o un evento di un singolo giorno? io dubbi non ne ho... In più come è stato sottolineato da altri, spesso le gare ai mondiali o alle olimpiadi vengo fatte nelle medesime località della Coppa e quel che è peggio sspesso dove neppure ci sono tracciati selettivi. A mi parere per esempio questo tracciato per giganti e speciali (non selettivo) di Vail non vale lontanamente la difficoltà tecnica di un Adelboden, la gran Risa,... ed allora mi chiedo: una gara di un giorno solo seppur vinta e su un tracciato che non esalta le capacità tecniche, vale una Coppa, direi di no!
    23 | kaiser il 13/02/2015 15.44.56
    mmmmm per noi appassionati vale sicuramente di + una vittoria a Kitz che una ai mondiali di Vail.... senza dubbio..... ma per gli sponsor? Non so....... la stessa gara sulla uccelli da preda - nome tanto amato da Franz non tanto per la preda ma per il resto [:D][:D] - circa due mesi fa ha lo stesso seguito in termini di media di quelle di questi giorni?
    24 | GRINGO il 13/02/2015 16.03.25
    Per me le gare dei mondiali hanno poca piu' importanza di quelle di coppa del mondo ma perdere tira il c..o a tutti ma vanno interpretati con la giusta importanza che meritano. Sono daccordo con Franz quando dice che complessivamente la stagione fino ad ora non è male, poteva andare molto peggio. In coppa siamo partiti abbastanza male poi ci siamo ripresi con diversi podi e ottimi piazzamenti sia con i maschi che con le femmine. Detto questo confermo la mia delusione non tanto perche' siamo a un mondiale quanto perche' in otto gare il miglior piazzamento e' un 8 posto, se fossero state 8 gare di coppa del mondo sarebbe stata la stessa cosa, penso che è da una vita che in 8 gare di seguito il massimo che riusciamo a fare e' solo un 8 posto. Poi volevo parlare delle dichiarazioni di Roda che dice di stare vicini a tecnici e atleti quando secondo me i primi responsabili sono i dirigenti con lui in testa e per responsabilita' non intendo sicuramente le pessime prestazioni e soprattutto gli atteggiamenti in gara degli atleti (vedi la Moelgg ieri), quanto l'incapacita' o la troppa capacita' (questo non lo so e lo lascio dire a chi ne sa piu' di me) di intervenire ed evitare figure di m...a tipo il team event, Brignone che non fa il superg, Irene Curtoni che lascia un posto vuoto in slalom, contingente non riempito.
    25 | Fairyking il 13/02/2015 16.18.33
    beh ma la singola gara sullo stesso tracciato forse no... ma io intendevo il confronto tra singole gare di mondiali e olimpiadi con l'intera Coppa. E il paragone fra il peso sportivo specifico di vincere una coppa generale ed un oro olimpico o mondiale. Per me c'è una bella differenza. a parte che poi vincere a Kitz in discesa e vincere su un pista normale da discesa di un evento iridato a volte non sempre all'altezza, non c'è paragone, ma è u altro discorso però...
    26 | Umberto il 13/02/2015 16.36.21
    A mio parere c'è solo una gara che può superare mondiali e olimpiadi per gli atleti... ed è la discesa di Kitz... e lo deduco dal fatto che in coppa del mondo gli atleti ridono e scherzano invece in questi eventi quanto stress e tensione hanno addosso??? evidentemente sentono queste gare di più rispetto a una di coppa del mondo... Vincere Adelboden, Gran Risa, Schladming, Kitz, Wengen è sicuramente un sogno per tutti gli atleti... io sinceramente non so se baratterei una vittoria a Kitz in Dh per una medaglia d'oro alle olimpiadi... probabilmente no, forse se fossi austriaco... in effetti da fuori, con gli occhi del tifoso, le rassegne iridate e olimpiche possono sembrare poco diverse da un week end di coppa... ma nella sostanza non è così.
    27 | roccaraso il 13/02/2015 18.13.24
    Roda:" soprattutto per atleti e tecnici azzurri che hanno passato questi due anni a prepararsi e sacrificarsi per ben figurare a questa rassegna iridata..." io sono un po' fissato sulla differenza tra frasi che significano o non significa nulla. questa affermazione significa che due anni fa è stata iniziata una preparazione che puntava a questi mondiali? due anni fa? con le olimpiadi di mezzo? e no dai...Roda per favore dai
    28 | didibi il 13/02/2015 19.58.39
    L'ho pensato anch'io ma siccome oggi e venerdì e siamo tutti più rilassati in vista del fine settimana volevo soprassedere [;)]
    29 | franz62 il 13/02/2015 20.15.40
    Diversamente politico..
    30 | roccaraso il 15/02/2015 9.29.49
    diversamente onesto intellettualmente!
    31 | quilodico il 15/02/2015 10.42.58
    Hundschopf ha scritto:
    Io non credo che se uno va male a Kitz e bene ai Mondiali, a due settimane sole di distanza, sia perché ha impostato la preparazione al millesimo sull'appuntamento iridato o perché non si è impegnato con tutte le proprie forze fisiche e mentali a Kitz. Se sei in forma a Vail, eri in forma anche a Kitz; e se sei un campione ti impegni al massimo in tutte e due le gare. Semplicemente è capitato che gli azzurri siano andati bene a Kitz e male a Vail. Questione di sci, o di neve, o di caratteristiche della pista, non so; ma non credo sia stata una questione di preparazione o di istinto vincente. Le discesiste americane hanno dominato a L.Louise in dicembre e fallito completamente il mondiale di casa, l'appuntamento che per loro era sicuramente e di gran lunga il più importante dell'annata. Quello che mi rende difficoltoso capire il senso dei Mondiali di sci è proprio questo: in fondo i mondiali sono come una qualsiasi tappa di Coppa del mondo, valgono di più solo perché "per legge" si è deciso così. Partecipano gli stessi sciatori della Coppa, le piste non sono in genere più difficili delle più difficili del circuito, non sono più lunghe o più faticose. I Mondiali di ciclismo sono la gara più lunga della stagione e l'unica dove si corre con squadre nazionali. I mondiali di atletica forse sono l'unica occasione nella quale tutti i migliori gareggiano insieme. Ma nei mondiali di sci gli atleti e le piste sono fondamentalmente quelle della coppa del mondo, e lo stato di forma degli sciatori è fondamentalmente quello delle gare di coppa di fine gennaio o fine febbraio. Perciò, va bene, diamo pure più clamore mediatico a queste gare di Vail, ma mi sembra ingiusto dare molto più peso a una gara mondiale che a una gara di coppa, figuriamoci dargli più peso che all'intera stagione di coppa. Parere personale, naturalmente
    completamente d'accordo. Faccio fatica a capire il senso della manifestazione "mondiali di sci". E aggiungo una cosa: la decisione, presa a suo tempo, di raddoppiarli facendoli ogni due anziché quattro anni li ha pure inflazionati, rendendoli meno memorabili e "unici".
    32 | lbrtg il 15/02/2015 12.07.27
    Sulla frequenza dei mondiali, sono completamente d'accordo. Se non l'hanno ancora fatto "quelli del calcio", non capisco perchè abbiano dovuto farlo quelli della FIS.[;)]
    33 | Katunga il 15/02/2015 18.13.30
    Semplice il calcio è molto più macchinoso, tante nazioni iscritte, due anni di qualificazione per un mese di gare. Ovvio che non li puoi fare ogni due anni. Tieni però presente che si alternano con i campionati continentali che nello sci non ci sono, quindi ogni due anni c'è una competizione importante.
    34 | sellata il 15/02/2015 23.42.35
    Azzeramento immediato dei quadri tecnici...qua bisogna tirare una riga e ripartire da zero. Lo sci italiano in Colorado ha decretato la sua fine, dimostrando l'imbarazzante mediocrita e impreparazione(tecnica e mentale) di atleti e tecnici che si è presentata all'appuntamento che contava in condizioni imbarazzanti.
    35 | Hatfjell il 16/02/2015 9.50.16
    Il direttore di Race Ski Magazine chiede le dimissioni di Roda nel suo editoriale. Naturalmente Roda non se ne andrà (come non se ne andò dopo le zero medaglie di Torino 2006) e lo sci continuerà ad essere in mano lla stessa gente di sempre. "Il presidente della FISI, specialmente dopo il rinnovo delle cariche dell’ultima assemblea, ha agito da DT dello sci alpino. Ha preso molte decisioni di natura tecnica e durante il Mondiale ha espresso la sua posizione attraverso i comunicati stampa federali con valutazioni sulle scelte degli allenatori. STRUTTURA DECAPITATA - Ma possiamo andare indietro di qualche mese. Tra maggio e giugno Roda ha decapitato una struttura che stava lavorando da anni e che aveva portato medaglie iridate e olimpiche, decidendo in prima persona di tagliare alcuni allenatori. Esempi? Parliamo di Claudio Ravetto, messo alla porta ‘reo’ di volersi occupare dello sci alpino senza ingerenze nelle scelte del presidente o del consiglio federale. Parliamo anche di Jacques Theolier, lasciato per strada senza nemmeno un preavviso. Non stiamo a discutere se i predecessori siano meglio degli attuali tenutari dei vari ruoli e nemmeno lo vogliamo affermare, ci limitiamo a sottolineare che sono state fatte delle scelte. Questo è degno del massimo rispetto, in fondo chi riveste ruoli di responsabilità è tenuto a farlo. Però nello sport, nel lavoro e nella vita chi prende una decisione deve assumersene la responsabilità. C’è sempre un prezzo da pagare, sarebbe troppo comodo se no. Un direttore tecnico che porta a casa ‘zero tituli’ ad un Mondiale, nella celebre frase di José Mourinho, deve lasciare il proprio incarico. Per cui il messaggio è chiaro: se Flavio Roda fosse coerente con il suo operato, dovrebbe rassegnare le dimissioni al termine di questo disastroso Mondiale, in cui hanno vinto medaglie l’Austria (una caterva), Stati Uniti, Slovenia, Svizzera, Canada, Svezia, Germania, Norvegia, Francia e Repubblica Ceca. E in cui noi non ci siamo mai nemmeno arrivati vicini. Insieme a lui dovrebbero farlo le persone designate a gestire l’area tecnica dello sci alpino. L’ESEMPIO DEL CALCIO - Spesso il calcio viene additato come esempio da non seguire. Dopo l’eliminazione a Brasile 2014 (qualche ora dopo) il presidente federale Giancarlo Abete si è dimesso, accompagnato dal commissario tecnico Cesare Prandelli. E allora prendiamo esempio. Dimissioni immediate, dunque, e FISI da rifondare. Ma da rifondare per davvero e questo messaggio va dritto al presidente del CONI Giovanni Malagò. RIFONDARE LA FEDERAZIONE - Qualche punto su cui basare la riforma? Un presidente che faccia il presidente e che si occupi di pubbliche relazioni con le istituzioni, che svolga un ruolo di rappresentanza. Un amministratore delegato moderno con autonomia d’azione che si preoccupi del funzionamento della struttura, con stipendio e bonus commisurati alla crescita del fatturato dell’azienda FISI. Valore alla tessera federale: un tesserato, un voto all’assemblea, meglio se on-line. Basta con gli scambi di favori, i pacchetti di deleghe, con le cariche blindate, decise nelle cene pre-elettorali dai soliti noti. Spostare drasticamente il tiro sull’attività giovanile e degli sci club, rivoluzionando il calendario e l’impostazione delle categorie, per privilegiare la crescita tecnica e umana generale dei giovani sciatori e non i risultati nel breve e nell’immediato. SENIOR E COMITATI - Valorizzare una volta per tutte la categoria Senior: il nostro è l’unico sport non praticato seriamente nella fascia tra i venti e i trent’anni, se non dai professionisti. Resettare la suddivisione territoriale dei Comitati che ricordano tanto Regioni e Province nella politica. Andiamo avanti? Ci sarebbero un’infinità di altri temi da affrontare, anche con una certa urgenza. Il rapporto con la scuola, la promozione dell’attività, il famoso ‘fare sistema’ con gli operatori turistici e i produttori di attrezzatura… E molto altro. Però ci vuole un presidente vero e non un direttore tecnico dello sci alpino travestito da presidente (o viceversa). Specialmente se questo non porta nemmeno una medaglia, come già successo a Torino 2006 quando i soldi c’erano e la carica, almeno, era ufficialmente quella".
    36 | merenda il 16/02/2015 22.46.52
    Ancora tre anni di Roda alla guida della Fisi, e quanto di buono c'è rimasto nello sci, sparirà del tutto.
    37 | franz62 il 17/02/2015 7.10.05
    Tutti temi interessanti..diciamo che da 40 anni son sempre quelli nella sostanza (più indietro non posso andare che son giovane[:D]) quindi non c'è da aspettarsi nulla, Roda può restare o andarsene che nella sostanza cambia nulla.



      Cerca una parola nelle news:        

      Ultime 15 Notizie correlate: (Flavio Roda Fisi Mondiali Vail 2015 Vail St. Moritz 2017 )

      [16/09/2019] Atleta dell'anno FISI: in lizza Paris e Wierer
      [02/09/2019] Ad ottobre la Fisi si presenta
      [30/08/2019] Ushuaia: tanti Azzurri e Azzurre al lavoro
      [30/08/2019] Bormio: un nuovo comitato per la Coppa del Mondo
      [24/08/2019] Fiori d'arancio in vista per Lindsey Vonn
      [01/08/2019] Formia: Roda con i gruppi Coppa Europa e Osservati
      [22/07/2019] Imola: i campioni FISI in pista con Audi
      [22/07/2019] Goggia e Roda mercoledì a San Marino
      [16/07/2019] Menghini commissario per Comitato AA
      [11/07/2019] Fisi Alto Adige commissariata
      [05/07/2019] Roda: "Sestriere meritava l'opportunità della CdM"
      [02/07/2019] Alpi Centrali: le squadre di comitato 2019/2020
      [01/07/2019] Milano:2 giorni di confronto tra i tecnici azzurri
      [25/06/2019] Roda:"Occasione per rilanciare gli sport invernali
      [24/06/2019] Olimpiadi 2026: quest'oggi il verdetto finale

      Altre notizie di Coppa del Mondo:

      [21/09/2019] Salta il City Event di Stoccolma?
      [21/09/2019] Ushuaia: per Midali vittoria nel gigante FIS
      [20/09/2019] Schwzarz torna ad allenarsi coi compagni
      [20/09/2019] Brignone:"buon lavoro che servirà in inverno"
      [20/09/2019] Atomic Day il 10 ottobre senza però Hirscher
      [19/09/2019] Stop per Kira Weidle
      [19/09/2019] Bing Dwen Dwen sarà la mascotte di Pechino 2022
      [18/09/2019] Cerro Castor: riparte la SAC con azzurri sul podio
      [18/09/2019] Olimpiadi 2026: oggi prima riunione
      [16/09/2019] Atleta dell'anno FISI: in lizza Paris e Wierer
      [16/09/2019] Velocisti e slalomisti rientrano da Ushuaia
      [15/09/2019] Clement Noel e Alex Vinatzer entrano in Red Bull
      [15/09/2019] Heinz Peter Platter nuovo coach della Cina
      [13/09/2019] Ushuaia: ultimi arrivi e prime partenze
      [11/09/2019] Rulfi:"programma rispettato,le ragazze stanno bene
      [11/09/2019] Madrid: una medaglia per Blanca Fernandez Ochoa
      [10/09/2019] Inner e Gross allo Stelvio
      [10/09/2019] Elena Curtoni e sorelle Delago verso Ushuaia
      [10/09/2019] Clement Noel rinnova con Dynastar
      [10/09/2019] Cardrona: a Walch e Klomhaus il circuito ANC
      [09/09/2019] Stelvio:stage tecnico per i giovani del centro-sud
      [08/09/2019] Ispezione FIS positiva a La Thuile
      [07/09/2019] Anna Veith rimette gli sci
      [06/09/2019] Hirscher Day: le reazioni
      [06/09/2019] L'addio di Hirscher: l'omaggio di Atomic
      [06/09/2019] Ushuaia: attese polivalenti e slalomiste
      [05/09/2019] Hischer: le tappe di una carriera straordinaria
      [04/09/2019] Marcel Hirscher annuncia: "mi ritiro!"
      [04/09/2019] Ispezione FIS al Sestriere in vista della CdM
      [04/09/2019] Trovata purtroppo morta Blanca Fernandez Ochoa
      [04/09/2019] Hirscher: vigilia di addio o ci ripenserà?
      [02/09/2019] Squadre di Coppa Europa verso Ushuaia
      [02/09/2019] ANC: chiusa la tappa di Coronet Peak
      [02/09/2019] Media austriaci sicuri: Marcel Hirscher si ritira
      [02/09/2019] Ad ottobre la Fisi si presenta
      [01/09/2019] Scomparsa misteriosa di Blanca Fernandez Ochoa

      Altre notizie Fantaski:

      [26/03/2019] La Thuile: diamo una manche al Telefono Azzurro
      [23/02/2018] Fantanotti Olimpiche - Analisi dei Giochi 2018
      [06/02/2018] Aperte le FantaOlimpiadi 2018!
      [14/12/2017] Fantaski.it disponibile anche su Telegram !
      [05/12/2017] A La Thuile stagione aperta dal 2 dicembre
      [03/11/2017] Fantaski 2018 - mercato maschile aperto fino Levi
      [05/12/2016] Aperto il primo mercato - stagione 2016/2017
      [13/11/2016] A Milano di scena il Big Air Snowboard
      [21/03/2016] La Thuile: il 9 Aprile gara per Telefono Azzurro
      [26/02/2016] La Thuile: 1/a Gara dei Sogni in favore di FISIP



     
    titoletto copyright fantaski
     baffo fantaski titoletto contatti baffo fantaski titoletto riconoscimenti