separatore
icona fisi  
 icona fantaski titoletto linguaicona italia icona bandiera italia icona bandiera svizzeraicona bandiera inglese icona bandiera inglese icona bandiera americanatitoletto tedesco icona bandiera germania icona bandiera austria icona bandiera svizzeratitoletto francia icona bandiera francia icona bandiera svizzera 
fantaski_header
icona baffo fantaski titoletto home icona baffo fantaski titoletto cosa fantaski icona baffo fantaski titoletto faq help icona baffo fantaski titoletto regolamento icona baffo fantaski titoletto forum icona baffo fantaski titoletto fotogallery  
mercoledì 23 ottobre 2019 - ore 21.10 
titoletto coppa del mondo
separatore
titoletto coppa fantaski
separatore
titoletto gioca fantaski

Ciao Coppa del Mondo, adesso si balla!

Clicca sulla foto per ingrandire
Gobbo C.
Gobbo C.
commenti 38 Commenti icona rss

Beh! le danze in effetti sono già iniziate da mesi, da quando in pratica i tre aspiranti presidenti hanno cominciato a fare campagna elettorale per la nuova Fisi! Il presidente uscente Flavio Roda, il Presidente del Comitato AOC Pietro Marocco e Manuela di Centa....tre bei pezzi da "novanta", ciascuno con un sacco di frecce pesanti da scagliare, ciascuno con le idee giuste per innovare o rinnovare, ciascuno con tanta legittima voglia di prendere per mano gli sports invernali italiani e condurli verso i Giochi Sud Coreani del 2018...e non solo!

La stagione si è conclusa con il Gran Finale di Lenzerheide, bravi gli amici svizzeri ad ottimizzare ancora una volta il loro progetto di ospitare il Circo Bianco, un investimento che si ripaga con una vetrina mediatica di "gran classe". Chissà se un giorno gli organizzatori delle gare italiane capiranno l'importanza di dotare ogni spettatore di un tricolore da sventolare davanti alle telecamere del mondo!? Mah!
Non è il caso di ritornare sui risultati e le classifiche delle varie discipline, le conosciamo a memoria! Dopo un'intera stagione troviamo ai vertici i più bravi, non si può parlare di sfortuna e di tracciati nemici perchè la classe e la qualità sono sempre stati gli ingredienti per dare valore e rigore alle classifiche, hanno vinto i più forti, i più regolari, i più bravi, applausi per i piazzati, tanti incoraggiamenti per gli altri...
 
Quante gare abbiamo vinto in questa stagione?!? Quante coppe o piazzamenti nelle diverse specialità maschili e femminili??!! Nella classifica maschile per nazioni l'Italia è terza, dopo Austria e Francia e precediamo la Norvegia di circa 300 punti, nella Discesa l'Italia è 3/a, nello slalom siamo 3/i, nel gigante 4/i, nel supergigante 6/i.  Numeri belli, positivi, quindi bilancio sorridente  :-) :-) ...anche grazie alle medaglie olimpiche di Innerhofer.
Dietro come stiamo? Ai mondiali juniores di Jasna, bollicine per De Vettori (che bello il suo recupero) e per Tommaso Sala, bravissime Marta Bassino e Karoline Pichler, ma dietro si fatica un po'...
E in Coppa Europa? I maschietti non hanno fatto alcun posto fisso! Meglio le ragazze con Camilla Borsotti in superg e Nicole Agnelli in slalom. A questo punto si inserisce un'altra variante, che è poi l'equivoco di ogni quadriennio. Le elezioni della Fisi sono in programma a metà aprile, e chi vincerà difficilmente potrà mettere in piedi il proprio organigramma tecnico in tempi brevi! Allenatori ed atleti quindi in balìa dell'incertezza, giornate di allenamento ufficiali e di test perdute perchè nessuno può decidere, e se anche lo si facesse  chi subentrerà (nel caso di sconfitta di Roda) verrebbe contestato!

Si riuscirà mai ad evitare questa situazione che alla fine penalizza soprattutto gli atleti?
 
E se il Governo, nel suo mettere le mani della Spending Review anche nello Sport decidesse di rivedere  o meglio rifare, il volto dello sport italiano...ridisegnando il Coni e le Federazioni...snellendo macchine elefantiache che tolgono risorse a chi lavora sui terreni di gara, snellendo nel contempo anche gli organici degli stessi atleti? Leggo di proposte sulla stesura dei calendari, sull'inizio delle attività...eccetera, resto sempre dell'idea che il nostro sport sia strutturato in modo troppo dispersivo e che, senza l'apporto dei Corpi Militari, il cammino verso le eccellenze sarebbe molto tortuoso! In alcuni casi atleti italiani supervincenti si sono avvalsi di un "team" ristretto ed esclusivo, ciò che rende legittima la domanda: "Qual'è il compito ed il ruolo delle Federazioni?"  Già, un interrogativo che è comparso in queste settimane di intrecci elettorali, e chissà che in un momento di riscatto delle etiche non ci si accorga che parole e promesse hanno fatto il loro tempo. Anche i fatti concreti potrebbero non essere creduti!


(lunedì 17 marzo 2014)



@RIPRODUZIONE RISERVATA

  • venerdì 18 ottobre 2019

    La Fisi ai nastri di partenza, presentata stagione

    lunedì 14 ottobre 2019

    Comitato Lazio e Sardegna:la squadra di sci alpino

    domenica 13 ottobre 2019

    La Fisi ancora targata Audi

  • venerdì 11 ottobre 2019

    Milano-Cortina 2026 al Festival di Trento

    mercoledì 9 ottobre 2019

    Fisi e Val Senales insieme per altri 3 anni

    giovedì 3 ottobre 2019

    Val Senales:il 9 ottobre Media Day con gli Azzurri

  • sabato 28 settembre 2019

    Markus Ortler nuovo presidente Fisi Alto Adige

    lunedì 16 settembre 2019

    Atleta dell'anno FISI: in lizza Paris e Wierer

    lunedì 2 settembre 2019

    Ad ottobre la Fisi si presenta


    Tutt i commenti disponibili:
    1 | Mikko il 17/03/2014 23.55.29
    Visto che si parla di elezioni in FISI, premetto che non mi interessa minimamente chi possa vincere… non per fiducia in tutti, ma per la certezza che nessuno dei tre ha la “vision” per cambiare realmente : sono tutti “meccanici”, magari bravi, ma non certo “progettisti” delle macchina FISI. Il presidente uscente più che dire le sue idee su come rinnovare dovrebbe dire cosa e come ha rinnovato, mostrando indicatori oggettivi che lo dimostrino. Dagli altri due più che generiche buone intenzioni, dovrebbero dire cosa vogliono cambiare, come, con quali risorse, con chi e che competenze hanno di ristrutturazioni di enti. Se no siamo alla solita aria fritta (e sempre con lo stesso olio… che poi puzza). Da quello che ho sentito si parla di ottimizzare i costi cioè fare efficienza, ma tutti danno per scontato che la struttura sua efficace e idonea: beati loro che ne sono certi. Interessante lo spunto sul Governo: oggi lo sport in Italia è rimasto quello di una struttura simile allo sport sovietico (senza averne però i mezzi): atleti militari, federazioni con status “semi pubblico”, forte foraggiamento economico da parte dello stato e conseguente dipendenza dall’”azionista di maggioranza”: è una situazione che in ogni caso non può più essere considerata la via per il futuro. Occorre pertanto non una “mano di vernice alle pareti” ma re-ingegnerizzare il sistema (chi si occupa di progettazione sa cosa intendo): chi verrà eletto dovrebbe avere il coraggio, la forza e la capacità di indire gli “stati generali” dello sci e eleborare la visione per il futuro e nel contempo gestire la quotidianità del presente. Mentre scrivevo, mi sono accorto del contenuto e mi è scappato da ridere: saltiamo un turno, ne riparliamo alle elezioni successive.
    2 | mntr86 il 18/03/2014 8.58.34
    Mi permetto di dire che pensare che in Gardena si mettano tutti a sventolare il tricolore italiano sia un pò utopistico... Certo a Bormio potrebbero farlo... Io credo che si debba innnovare assolutamente in coppa del mondo per aumentare introiti da sponsor e interessati. Per esempio facciamo un paio di giganti in notturna e soprattutto diamo possibilità a nuove località di affacciarsi alla coppa del mondo. Il programma delle gare dovrebbe essere molto più vario, invece da 10 anni andiamo praticamente sempre nelle stesse località.
    3 | Katunga il 18/03/2014 14.10.21
    Caro Carlo, un anno fa esatto ci conoscevamo a Verona, o meglio S. Giovanni Lupatoto, ed oggi sono qui a quotarti in toto. Da tempo sostengo la necessità di avere team privati sulla falsariga del ciclismo, con federazioni ad organizzare i vari campionati, mondili, continentali, nazionali, regionali e provinciali e a far crescere giovanotti. Al momento dell'ingaggio i team dovranno riconoscere alle federazioni un premio di preparazione da calcolarsi anche in base ai risultati ottenuti nei primi tre anni da professionista. Gli stessi atleti dovranno riconoscere alle federazioni un tot sugli ingaggi e montepremi incassati. Quindi strutture più snelle con il compito di crescere giovani campioni. Cosa ne pensi/pensate? Ciao
    4 | mntr86 il 18/03/2014 15.53.34
    Mah, mi sembra troppo complicato, io credo che il sistema attuale possa andar bene ma bisogna aumentare l'appeal variando le località secondarie mantenendo solo le 7-8 classiche degne di nota. Inserimento di un altra tappa su ghiacciaio il week end successivo a quello di Soelden, e magari uno slalom indoor in Olanda. Tutto questo ovviamente nella primissima parte della stagione.
    5 | franz62 il 18/03/2014 15.56.31
    Penso che tutti si arrangino già in gran parte da soli per arrivare al vertice e che le federazioni siano delle mangiatoie per politici, non solo la FISI naturalmente, per cui qualunque cambiamento ne riduca il peso e il potere è benvenuto.
    6 | mntr86 il 18/03/2014 16.00.41
    franz62 ha scritto:
    Penso che tutti si arrangino già in gran parte da soli per arrivare al vertice e che le federazioni siano delle mangiatoie per politici, non solo la FISI naturalmente, per cui qualunque cambiamento ne riduca il peso e il potere è benvenuto.
    Vero ma un sistema in mano a sponsor richiederebbe molti denari che al momento non vedo. Una squadra di ciclismo costa dai 3-4 ai 10-15 milioni di euro a stagione...
    7 | cancliatomic il 18/03/2014 16.16.47
    mntr86 ha scritto:
    Mi permetto di dire che pensare che in Gardena si mettano tutti a sventolare il tricolore italiano sia un pò utopistico... Certo a Bormio potrebbero farlo...
    propongo per Bormio [;)]
    8 | Katunga il 18/03/2014 16.42.18
    mntr86 ha scritto:
    franz62 ha scritto:
    Penso che tutti si arrangino già in gran parte da soli per arrivare al vertice e che le federazioni siano delle mangiatoie per politici, non solo la FISI naturalmente, per cui qualunque cambiamento ne riduca il peso e il potere è benvenuto.
    Vero ma un sistema in mano a sponsor richiederebbe molti denari che al momento non vedo. Una squadra di ciclismo costa dai 3-4 ai 10-15 milioni di euro a stagione...
    Vero, ma una squadra ciclistica quanti atleti ha? 20? 30? Quante gare fa?, Trasferte? In CdM corrono in 70, quindi ci vogliono poche squadre, e non solo gestite dai fabbricanti di sci. Che ne so, prendi ad esempio Lampre che corre con la tal marca di biciclette = due grandi sponsor che si dividono le spese. Metti insieme Rossignol e Comunità Montana Alta Valtellia = pubblicità gratuita in TV, ritiri ed allenamenti in valle, sedute di allenamento con i giovani controllati da Rossignol ad imparare ed a crescere,ecc ecc. Magari è una cretinata, ma a me pare un bel salto in avanti. Così com'è adesso lo sci è troppo ingessato.
    9 | mntr86 il 18/03/2014 16.56.46
    l'idea mi pare buona ma ho molti dubbi sulle cifre in gioco e sul poco appeal che offre lo sci per i marchi "non tecnici". Nel senso che il ciclismo offre molta più visibilità secondo me.
    10 | Mikko il 18/03/2014 17.19.09
    L'idea di Katunga varrebbe la pena di essere sviluppata per capirne la sostenibilità economica senza i soldi del CONI e dei Gruppi Militari. Comunque il passaggio ad un reale professionismo, dovrebbe partire da una radicale modifica delle modalità di partecipazione alla CdM. Se ne era già parlato credo a inizio stagione: finchè saranno i DT delle varie federazioni a decidere chi gareggia non potremo parlare di veri atleti professionisti (legati ai voleri di qualcun altro). Si era parlato del modello tennis, in cui si partecipa non per nazionalità , contingenti o similari, ma per il proprio ranking. In questo modo cadrebbe immediatamente la necessità delle squadre nazionali e si creerebbero le condizioni per il discorso che faceva Katunga, al quale si possono aggiungere team personali, consorzi, i gruppi militari stessi e nulla vieta di avere squadre con atleti di diverse nazionalità (proprio come il ciclismo)... ovvero ognuno si ingegna per arrivare tra i i primi 70 del mondo. Altrimenti la vedo difficile: prevarrebbe la forza "ricattatoria" di chi ha il potere di farti gareggiare oppure no.
    11 | Katunga il 18/03/2014 17.36.51
    Ovvio che è tutto da verificate, ma peggio di così ..... Intanto le case già forniscono materiali, skiman e pagano gli atleti, mettici in fianco un consorzio turistico ed una casa di abbigliamento ed hai fatto uno squadrone con un budget importante con un ritorno assicurato (penso io) Ad esempio: Atomic Italia-Dolomitisuperski-Colomar oppure Rossignol Italia-Vallè-Robe di Kappa oppure ancora Nordica-Cortina 2019-Energia Pura Passo e chiudo
    12 | brunodalla il 18/03/2014 17.37.35
    c'è già un sistema simile nello sci. i punti fis e le liste wcsl. quale sistema migliore di quello basato sui piazzamenti gara dopo gara, e a confronto con la socrsa stagione, e di un sistema che tiene in considerazione i distacchi? al limite si può semplificare e scieglierne uno solo. quindi i team personali avrebbero già la strada spianata, è che non c'è assolutmente la volontà, perchè tutto è in mano ad una sorta di dittatura che è la fis. e che mai si taglierà le palle cambiando l'attuale sistema delle nazionali in favore dei team privati.
    13 | Mikko il 18/03/2014 17.50.38
    Che non ci sia la volontà è perlomeno scontato: di sicuro non si autolimitano il potere assoluto da soli.[;)] Ne avevamo già parlato, ma occorrerebbe che siano gli atleti o ex-atleti a prendere coscienza, come avvenne nel tennis ormai oltre 40 anni fa. E non è che lì la Federazione del tennis accolse la cosa a braccia aperte. Ma alla fine le gare di sci le disputano i ragazzi mica Kasper & Co. Ecco potrebbe essere un tipo come Bode Miller a ergersi come "liberatore" dalla schiavitù FIS [8D]
    14 | brunodalla il 18/03/2014 17.56.39
    è ovvio, e sono anni che su queste pagine vado dicendo queste cose. ci vuole una bella rivoluzione stile atp di tennis.[;)]
    15 | didibi il 18/03/2014 18.29.51
    nel tennis basta un campo, una racchetta, delle palle e qualcuno che te le ributta per allenarti; se proprio ci tieni ti metti anche dei pantaloncini
    16 | Enrico il 18/03/2014 18.37.36
    direi che siete ampiamente andati fuori OT
    17 | skitzato il 18/03/2014 21.57.48
    Premetto che sono ignorante. Secondo me,il discorso FISI,rispecchia grosso modo il governo italiano. Si va alla ricerca della poltrona a tutti i costi. Da quanti anni la FISI è mal gestita? ditemelo voi In Italia esiste il Calcio e poi gli altri sport,ed è un dato di fatto e non una polemica. Dobbiamo rassegnarci,non siamo l'Austria,e non lo saremo mai,a patto che possa arrivare un Tomba piuttosto che un Gros o un Thoni,ma per il loro talento,non per l'appoggio della FISI. Dal basso della mia ignoranza vedo queste cose
    18 | Enrico il 18/03/2014 22.41.24
    Quindi cosa proporresti?
    19 | mntr86 il 18/03/2014 23.30.51
    Il discorso è interessante ma io credo che non ci sia nessuno disposto a mettere nuovi denari nello sci. Non in Europa di certo...e invetimenti da fuori allontanerebbero la coppa dall'Europa.
    20 | antivedar il 19/03/2014 9.40.54
    Torno allo sci sciato. E' stata una stagione entusiasmante sia per gli uomini che per le donne, forse la più bella degli ultimi 15-20 anni. La coppa del mondo assoluta maschile e femminile si é decisa solo nelle gare delle finali. I mille punti sono stati passati da 6 atleti, autentici fuoriclasse che si sono dovuti impegnare moltissimo data l'enorme concorrenza in ogni specialità. Ben 10 atleti sono arrivati a ridosso o hanno superano i 900 punti. Tantissime nuove promesse o giovani confermati vincenti come Pinturault, Shiffrin, Kristoffersen, Gut, Fenninger, Weirather, Mayer, Innerhofer. Uniche note meno felici, i tanti piccoli o grandi infortuni. Complimenti a tutti gli atleti! Chissà che molti si appassionino e imitino la loro grinta e voglia di far bene!
    21 | quilodico il 19/03/2014 9.54.21
    D'accordo. E' stata un'edizione divertente e combattuta, che ha mostrato veri campioni. A me la CDM piace così com'è... certo qualche piccolo aggiustamento al calendario ancora ci sta; ma le gare più belle ci sono ormai (quasi) tutte. Un piccolo sforzo e ci siamo... [:D]
    22 | marc girardelli il 19/03/2014 10.29.33
    Le grandi classiche direi che sono intoccabili..per il resto si può togliere qualcosa (x esempio kvitfjell io nn la posso più vedere, di una noia mortale quella pista.....) e metterei posti nuovi o diversi (riproporrei Bansko dove son stati 2-3 anni fa, pista e luogo molto interessante....La Thuile con un week di discesa e super g nn sarebbe male...ecco potrebbe sostituire Kvitfjell o Gressoney-Weissmatten con un bello slalom in notturna)...
    23 | TheMustang100 il 19/03/2014 11.09.22
    A me, invece, Kvitfjell piace parecchio. Dall'alto ovviamente, non le mini-robe di quest'anno. Lancio una provocazione utopistica: Vi immaginate in uno stesso calendario 3 discese a Ktiz, 2 a Bormio e Wengen; 2 Superg a Beaver Creek e Garmisch; 2 giganti in Val Badia, Adelboden e Kranjska Gora; 2 slalom a Schladming e Wengen? [:D][:D][:D], ecc.
    24 | marc girardelli il 19/03/2014 11.43.38
    Ma al di la della pista...Kvitfjell mi fa sempre una tristezza...a fine stagione...all'arrivo non c'è mai nessuno, forse xchè la preferiscono il fondo o è un posto sperduto, secondo me anche la questione pubblico e atmosfera sono importanti...è bello vedere gli spalti pieni e tanto pubblico come a Lenzereide x esempio o a Kranjska, anche se a fine stagione (e pure le gare americane hanno quel problema)...
    25 | muntzer il 19/03/2014 11.58.20
    marc girardelli ha scritto:
    Ma al di la della pista...Kvitfjell mi fa sempre una tristezza...a fine stagione...all'arrivo non c'è mai nessuno, forse xchè la preferiscono il fondo o è un posto sperduto, secondo me anche la questione pubblico e atmosfera sono importanti...è bello vedere gli spalti pieni e tanto pubblico come a Lenzereide x esempio o a Kranjska, anche se a fine stagione (e pure le gare americane hanno quel problema)...
    la Norvegia ha diritto ad avere gare di CdM dato che ha atleti di primo piano come Svindal,Kristoffersen e Jansrud..
    26 | mntr86 il 19/03/2014 14.18.08
    marc girardelli ha scritto:
    Le grandi classiche direi che sono intoccabili..per il resto si può togliere qualcosa (x esempio kvitfjell io nn la posso più vedere, di una noia mortale quella pista.....) e metterei posti nuovi o diversi (riproporrei Bansko dove son stati 2-3 anni fa, pista e luogo molto interessante....La Thuile con un week di discesa e super g nn sarebbe male...ecco potrebbe sostituire Kvitfjell o Gressoney-Weissmatten con un bello slalom in notturna)...
    Mi associo alla lettera. E' una gara inguardabile, fosse per me sostituirei anche lake Louise, anche se non credo che ci siano molte alternative in quel periodo. Un altra gara che secondo me ha fatto il suo tempo è la libera della Val Gardena, ci sarebbe molto di meglio in giro. Uno slalom in notturna al Weissmatten potrebbe essere inserito magari dopo un week di discesa e super g a la Thuile, sarebbe davvero bello...e vicino a casa..
    27 | marc girardelli il 19/03/2014 15.10.52
    Concordo in pieno...nn ho detto Valgardena solo xchè storica e in Italia ma effettivamente ormai di tecnico solo le tre curve del Ciaslat e solo quando c'è poca neve come quest'anno, x il resto è scorrimento...week end a La Thuile e slalom notturno il martedi a Gressoney sarebbe uno spettacolo...ma penso anche un utopia...
    28 | didibi il 19/03/2014 15.16.09
    ma bravi, cancelliamo la Scandinavia e il Canada dalla mappa dello sci alpino maschile, tanto sono due nazioni insignificanti da questo punto di vista [:0] io a Weissmatten non ci sono mai stato ma so che è in ci.ulo al mondo; presumo che l'affluenza di spettatori li sarà strepitosa e se mi dite che la pista è spettacolare alzi la mano chi non ha dalle sue parti una bella pista da slalom; mi sa che c'è la fila con Campiglio e Sestriere a fare da capo fila se poi si cancella Gardena gioco forza salterebbe l'Alta Badia; che cosa proponiamo come alternativa? Quanto pensate crescerà la nostra considerazione presso le altre federazioni in FIS se facciamo proposte di questo tipo? [;)] Piuttosto io sono dell'avviso che bisogna andare in Estremo Oriente tra Corea e Giappone ed anche la Cina almeno 14 giorni li dobbiamo fare là; è difficile con il calendario, lo so, ma bisogna farsi venire un idea Sforzatevi piuttosto in questo senso che poi proponiamo una bozza alla Fis in 5-6 lingue [:D][:D]
    29 | mntr86 il 19/03/2014 15.48.46
    didibi ha scritto:
    ma bravi, cancelliamo la Scandinavia e il Canada dalla mappa dello sci alpino maschile, tanto sono due nazioni insignificanti da questo punto di vista [:0] io a Weissmatten non ci sono mai stato ma so che è in ci.ulo al mondo; presumo che l'affluenza di spettatori li sarà strepitosa e se mi dite che la pista è spettacolare alzi la mano chi non ha dalle sue parti una bella pista da slalom; mi sa che c'è la fila con Campiglio e Sestriere a fare da capo fila se poi si cancella Gardena gioco forza salterebbe l'Alta Badia; che cosa proponiamo come alternativa? Quanto pensate crescerà la nostra considerazione presso le altre federazioni in FIS se facciamo proposte di questo tipo? [;)] Piuttosto io sono dell'avviso che bisogna andare in Estremo Oriente tra Corea e Giappone ed anche la Cina almeno 14 giorni li dobbiamo fare là; è difficile con il calendario, lo so, ma bisogna farsi venire un idea Sforzatevi piuttosto in questo senso che poi proponiamo una bozza alla Fis in 5-6 lingue [:D][:D]
    Gressoney sarebbe a 2 ore di macchina da Milano e 1 ora e mezza da Torino, prima di parlare informiamoci please...oltre ad avere una pista degna illuminata che ha già ospitato più volte la coppa europa. E' tutt'altro che in c...o al mondo come dici tu. Non ho detto di abolire lake Luise ma di provare a pensare ad un alternativa nei dintorni... Per la Gardena si può benissimo trovare un alternativa nei dintorni.
    30 | mntr86 il 19/03/2014 15.57.04
    In sostanza io credo che al di la di cosa togliere e cosa mettere si debba puntare moto di più sull'alternanza e ampliare il aprco delle località, che sonop uguali da troppi anni. Io salverei: -WENGEN -KITZBHUEL -ADELBODEN -SCHLADMING Tutte le altre gare si potrebbero alternare negli anni, comprese le ns classiche Badia (che negli ultimi anni ha perso un pò), Gardena, Bormio. Alternare le località vuol dire persone diverse a vedere le gare, maggiore visibilità sia per le località che per il pubblico, sia presente nei siti che a livello televisivo. Cosa ne pensate?
    31 | didibi il 19/03/2014 16.34.26
    allora visto che oggi Franz latita mi ci metto io; qualsiasi navigatore mi da Milano Gressoney in 2 ore e mezza e di solito sono ottimistici nell'uscita dalla città; mettici i casini in loco gli ultimi km ed il parcheggio e stiamo allegramente sopra le 3 1/2 ore il che per me equivale ad essere in ci-ulo al mondo (che poi non so neanche Gressoney dove sta riguardo a Weissmatten e se la pista arriva giù in valle cioè devo prendere un impianto o ci vado a piedi) per quanto riguarda le sole 4 località da salvare tu vorresti cancellare Bormio e Beaver Creek che sono le più toste libere del circuito per quanto riguarda il Canada una volta si gareggiava a Whistler ma li il meteo 9 su 10 volte non funziona; dopo i casini con Tomba Lake Louise ha promesso di fare la brava e sinceramente altri posti sulla parte orientale in Canada sono difficili da trovare per quanto riguarda Gardena al momento nei dintorni non mi viene in mente una pista; a Cortina la pista per i mondiali è ancora un progetto
    32 | mntr86 il 19/03/2014 16.55.46
    Io prima di parlare mi informerei magari...Io da Novara ci metto 1 ora e mezza per arrivare a Gressoney alla partenza della seggiovia che serve la pista rispettando i limiti, ci sarò andato almeno 10 volte quindi se permetti...da Novara a milano ci vogliono 40 min quindi dire che 2 ore abbondanti sono una stima corretta. Poi se leggessi quello che scrivo prima di giudicare magari,Io non voglio abolire Bormio, Beaver Creek e la Gardena ma credo che un alternanza con altre località sia possibile oltre che corretta e conveniente sotto tutti i punti di vista. Se al giro d'Italia riescono dalla sera alla mattina a spostare 200 corridori con attrezzature e squadre al seguito dall'Irlanda alla Puglia credo si possa fare qualcosa di simile anche nello sci in tempi un pò più lunghi.
    33 | brunodalla il 19/03/2014 18.24.02
    ma com'è che si è finiti a parlare di calendari di coppa del mondo da una discussione sul prossimo presidente della fisi? e poi come devo ripeterlo di non quotare i messaggi immediatamente precedenti????[}:)][}:)][}:)]
    34 | marc girardelli il 19/03/2014 18.52.15
    Io non volevo abolire la scandinavia...ma Kvitfjell......si può anche andare in Svezia a correre, ad are mi sembra ci sia una bella pista da discesa e superg...xchè i norvegesi dovrebbero avere le gare di coppa e la Svezia no...ci son quasi più atleti svedesi in coppa...si può cmq sempre fare un alternanza tra le due nazioni....Gressoney è davvero a due ora da milano e poco più di un'ora da Torino...sicuro più vicina e comoda di sestriere e bormio....giusto x citarne due che hanno o hanno avuto gare di coppa,,,,quindi non diciamo cavolate....
    35 | marc girardelli il 19/03/2014 18.55.56
    Tra l'altro questa mattina alle 8 Skardall, Roda e altri delegati fis erano su a la Thuile con pista pronta e preparata x super e discesa a verificare se è adeguata ad ospitare gare di coppa e se possibile inserirla in calendario......speriamo bene....
    36 | JeanNoelAugert il 19/03/2014 23.37.39
    Ueilà che bella discussione frizzante ! Complimenti a tutti gli appassionati per le varie proposte lanciate. E' stata una delle più belle stagioni degli ultimi anni, con numerose atlete e atleti a contendersi i podi delle varie discipline, con vecchie glorie al tramonto ma sempre pimpanti come Bennie, o impensabili ritorni come Bode e Mario Matt, distacchi abissali dati da Ligety, Marlies che ha dovuto inchinarsi a Mikaela, Maria che non ha saputo approffittare dell'assenza della amica/rivale Lindsay, Tina smarrita. Insomma si potrebbe andare avanti a lungo con mille temi legati agli atleti, alle scelte tecniche, alle piste/località vecchie e nuove, alle tracciature... All'Italia è mancato qualche guizzo in più per salire sul primo gradino ma l'ossatura c'è e qualche merito Roda lo avrà, io non so nulla della politica FIS ma tutto sommato se ben ricordo la FISI è venuta fuori da una crisi spaventosa e tutto il mondo comunque vive una crisi economica globale di cui il Circo Bianco con TV e spettatori a fondo pista -o sul divano- non possono essere esenti. E per finire con le innovazioni, richiamiamo Cotelli che aveva la vista lunga e creò il famoso POOL, già allora, ai tempi in cui io facevo gli SL con i pali di legno e gli sci 204 [:D]
    37 | Enrico il 20/03/2014 15.59.23
    Oh! Finalmente un richiamo a rientrare nei ranghi, anche se mi sembra che non tutti l'abbiano colto[;)]
    38 | Patamunzo il 20/03/2014 21.58.15
    Giusto per rimanere OT: se da Milano a Gressoney ci metti 3 ore e 1/2 spera di non incontrarmi sulla strada altrimenti ti prendo a sportellate [}:)]



      Cerca una parola nelle news:        

      Ultime 15 Notizie correlate: (Coppa del Gobbo Coppa del Mondo Lenzerheide Flavio Roda Pietro Marocco Manuela Di Centa FISI )

      [18/10/2019] La Fisi ai nastri di partenza, presentata stagione
      [14/10/2019] Comitato Lazio e Sardegna:la squadra di sci alpino
      [13/10/2019] La Fisi ancora targata Audi
      [11/10/2019] Milano-Cortina 2026 al Festival di Trento
      [09/10/2019] Fisi e Val Senales insieme per altri 3 anni
      [03/10/2019] Val Senales:il 9 ottobre Media Day con gli Azzurri
      [28/09/2019] Markus Ortler nuovo presidente Fisi Alto Adige
      [16/09/2019] Atleta dell'anno FISI: in lizza Paris e Wierer
      [02/09/2019] Ad ottobre la Fisi si presenta
      [30/08/2019] Ushuaia: tanti Azzurri e Azzurre al lavoro
      [30/08/2019] Bormio: un nuovo comitato per la Coppa del Mondo
      [21/08/2019] La Thuile ai nastri di partenza per la coppa
      [01/08/2019] Formia: Roda con i gruppi Coppa Europa e Osservati
      [22/07/2019] Imola: i campioni FISI in pista con Audi
      [22/07/2019] Goggia e Roda mercoledì a San Marino

      Altre notizie di Coppa del Mondo:

      [23/10/2019] Caso Liensberger: deve rinunciare a Soelden
      [23/10/2019] Robinson entra in Energiapura e rinnova con Voelkl
      [23/10/2019] Kristoffersen rinnova con Rossignol fino al 2022
      [23/10/2019] I 15 Norvegesi per Soelden
      [23/10/2019] Jansrud: "voglio il record di Kvitfjell"
      [22/10/2019] Gigantisti a Hintertux,Coppa Europa in Senales
      [22/10/2019] Salomon: in arrivo Fanara e il Performance Center
      [22/10/2019] Hirscher candidato sportivo dell'anno in Austria
      [22/10/2019] E' Midali l'ottava azzurra per Soelden
      [21/10/2019] A Soelden week end con il sole per l'Opening
      [21/10/2019] Ispezione Fis a Cortina d'Ampezzo
      [21/10/2019] Gigante donne in diretta anche prima manche
      [21/10/2019] Gli Svedesi per Soelden
      [21/10/2019] Doping: in Austria altri 10 casi?
      [21/10/2019] A Lindsey Vonn il premio Principessa delle Asturie
      [20/10/2019] Grave infortunio per Sabrina Maier,stagione finita
      [19/10/2019] Soelden: prima manche femminile non in diretta RAI
      [18/10/2019] Svizzeri, Francesi e Sloveni per Soelden
      [18/10/2019] Gli Austriaci per Soelden
      [18/10/2019] Tutti i convocati azzurri per Soelden
      [18/10/2019] La Fisi ai nastri di partenza, presentata stagione
      [17/10/2019] Azzurri a Soelden,ultimi posti da assegnare
      [17/10/2019] Luce verde per Soelden
      [17/10/2019] Skjoeld e Staalnacke ferme per infortunio
      [16/10/2019] Kitz: montepremi record per la 80/a edizione
      [16/10/2019] Archiviata posizione doping Hannes Reichelt
      [15/10/2019] Kristoffersen: "finalmente ho un team personale"
      [15/10/2019] Puelacher: "il calendario è troppo fitto"
      [14/10/2019] Azzurri in allenamento tra Senales e Pitztal
      [14/10/2019] Verso Soelden: 10 Azzurre a Hintertux
      [14/10/2019] Kranjec vuole essere protagonista in gigante
      [14/10/2019] Comitato Lazio e Sardegna:la squadra di sci alpino
      [14/10/2019] Osservati in stage a Saas Fee
      [14/10/2019] Caso Liensberger: Katharina torna in Rossignol
      [13/10/2019] Stop per Andrea Ballerin
      [13/10/2019] La Fisi ancora targata Audi

      Altre notizie Fantaski:

      [26/03/2019] La Thuile: diamo una manche al Telefono Azzurro
      [23/02/2018] Fantanotti Olimpiche - Analisi dei Giochi 2018
      [06/02/2018] Aperte le FantaOlimpiadi 2018!
      [14/12/2017] Fantaski.it disponibile anche su Telegram !
      [05/12/2017] A La Thuile stagione aperta dal 2 dicembre
      [03/11/2017] Fantaski 2018 - mercato maschile aperto fino Levi
      [05/12/2016] Aperto il primo mercato - stagione 2016/2017
      [13/11/2016] A Milano di scena il Big Air Snowboard
      [21/03/2016] La Thuile: il 9 Aprile gara per Telefono Azzurro
      [26/02/2016] La Thuile: 1/a Gara dei Sogni in favore di FISIP



     
    titoletto copyright fantaski
     baffo fantaski titoletto contatti baffo fantaski titoletto riconoscimenti