separatore
icona fisi  
 icona fantaski titoletto linguaicona italia icona bandiera italia icona bandiera svizzeraicona bandiera inglese icona bandiera inglese icona bandiera americanatitoletto tedesco icona bandiera germania icona bandiera austria icona bandiera svizzeratitoletto francia icona bandiera francia icona bandiera svizzera 
fantaski_header
icona baffo fantaski titoletto home icona baffo fantaski titoletto cosa fantaski icona baffo fantaski titoletto faq help icona baffo fantaski titoletto regolamento icona baffo fantaski titoletto forum icona baffo fantaski titoletto fotogallery  
giovedì 2 luglio 2020 - ore 08.38 
banner 120x90
titoletto coppa del mondo
separatore
titoletto coppa fantaski
separatore
titoletto gioca fantaski

Consiglio FISI: Ravetto e Plancker per l'alpino

Clicca sulla foto per ingrandire
Ravetto C.
Ravetto C.
commenti 43 Commenti icona rss
Riportiamo il comunicato pubblicato poco fa dal sito FISI. Seguiranno commenti e approfondimenti.
"Si è svolto a Saint Vincent (AO) il nono Consiglio Federale della Federazione Italiana Sport Invernali. L'Assemblea, tenutasi in un clima di massima serenità, disponibilità e collaborazione, ha approvato all'unanimità il bilancio preventivo per l'anno 2011. Sono state analizzate, in particolare, le relazioni dei consiglieri referenti e dei direttori agonistici delle varie discipline che, oltre a sottolineare gli ottimi risultati raggiunti nell'annata appena conclusa, hanno evidenziato alcune carenze a cui la Federazione è chiamata a porre rimedio. Per quanto riguarda il biathlon, i tecnici investiranno maggiormente nella fase di tiro; l'obiettivo nel bob è quello di migliorare la fase di spinta, mentre nel salto si cercherà di aggiungere allo staff un tecnico di caratura internazionale che innalzi ulteriormente il livello qualitativo.
Lo sci di fondo, preso atto dell’abbandono dell’attività agonistica di una campionessa come Arianna Follis (a cui è andato un lungo applauso dei presenti) e della non più giovane età di alcuni nostri atleti di punta come Giorgio Di Centa e Pietro Piller Cottrer, favorirà un rapido ricambio generazionale. Nello sci alpino, infine, la Federazione lavorerà allo scopo di migliorare le prestazioni degli atleti nelle discipline tecniche maschili (anche a livello di squadre B e C) e nello slalom femminile, specialità nella quale presentavamo una sola atleta di livello ai recenti Mondiali di Garmisch.
La Federazione ha inoltre siglato un importante accordo con il Politecnico di Milano e il Politecnico di Torino per la sperimentazione sui materiali e pianificato i test da realizzare in collaborazione con il Policlinico di Monza che vedrà atleti e tecnici utilizzare l’apparato sanitario e logistico dell’ospedale brianzolo, sia per quanto riguarda l’allenamento fisico, sia sotto l’aspetto di formazione e cura dell’atleta. Il Presidente Morzenti ha dato comunicazione delle dimissioni presentate dal consigliere Kristian Ghedina, ringraziandolo per il contributo svolto, e ha confermato che nelle prossime settimane si terrà a Roma una festa delle medaglie per rendere il giusto tributo agli atleti che si sono messi in evidenza nella stagione appena conclusa.
Il Consiglio Federale ha deliberato all'unanimità di proporre a tutti i direttori agonistici attualmente in carica un contratto triennale, rinnovabile di anno in anno. Nel caso dello sci alpino si tornerà ad avere due distinti responsabili, uno per la squadra maschile e uno per la squadra femminile, invariati invece quelli delle altre discipline. Settimana prossima i direttori agonistici discuteranno la proposta di contratto (uguale per ogni disciplina) con Presidente, Segretario Generale, consiglieri referenti e rappresentante dei Gruppi Sportivi Militari. Una volta accettato l'incarico, gli stessi presenteranno una proposta di definizione degli organici di loro competenza, che dovrà essere approvata dal Consiglio Federale.

Ma ecco disciplina per disciplina i nomi dei direttori agonistici deliberati dal Consiglio:
SCI ALPINO: Uomini - Claudio Ravetto; Donne - Raimund Plancker
SCI DI FONDO: Silvio Fauner
SALTO SPECIALE E COMBINATA NORDICA: Ivo Pertile
BOB ARTIFICIALE: Antonio Tartaglia
SKELETON: Omar Sacco
BIATHLON: Fabrizio Curtaz
SLITTINO ARTIFICIALE E NATURALE: Karl Damian
SNOWBOARD E FREESTYLE: Cesare Pisoni
SCI D'ERBA: Armando Calvetti
SCI VELOCITA': Alberto Monticone
SCI ALPINISMO: Oscar Angeloni"

(giovedì 24 marzo 2011)

Argomenti:


@RIPRODUZIONE RISERVATA

  • lunedì 29 giugno 2020

    Stelvio: tutti gli Azzurri a casa per precauzione

    domenica 28 giugno 2020

    Stelvio: positivo un coach azzurro

    lunedì 15 giugno 2020

    Zazzaro e Lani inseriti nei gruppi Junior

  • lunedì 8 giugno 2020

    Le squadre ASIVA per la stagione 2020/2021

    venerdì 5 giugno 2020

    Cortina 2021: verso una conferma della data?

    domenica 31 maggio 2020

    Le squadre del Comitato AOC per la stagione 2021

  • domenica 31 maggio 2020

    Da lunedì lo Stelvio torna ad essere "Casa Italia"

    venerdì 29 maggio 2020

    Gli Azzurri ripartono dallo Stelvio!

    giovedì 28 maggio 2020

    FISI:aggiornate le disposizioni per gl allenamenti


    Tutt i commenti disponibili:
    1 | truddo il 24/03/2011 16.43.52
    1° contratto triennale rinnovabile di anno in anno? in poche parole una presa per i fondelli... 2° la proposta di contratto (uguale per ogni disciplina) in poche parole un'altra presa per i fondelli
    2 | Enrico il 24/03/2011 17.11.37
    Da RACE A RAVETTO SOLO GLI UOMINI: "AL 90% LASCIO" Settore femminile a Raimund Plancker Ora è ufficiale. Il Consiglio federale Fisi ha votato all'unanimità la separazione delle direzioni agonistiche per quanto rigurda lo sci alpino. Claudio Ravetto è stato indicato come direttore tecnico esclusivamente del settore maschile, invece le donne passano sotto la direzione di Raimund Plancker. Ecco i primi commenti dei diretti interessati. Ravetto sembra al momento non accettare la proposta: "Lunedì siamo stati convocati in Fisi per parlare della decisione del Consiglio. Mi proporranno un triennale solo per i maschi, tuttavia al 90% lascio. Avevamo intrapreso una linea di indirizzo comune per entrambi i settori, se mi tolgono quello femminile hanno evidentemente giudicato fallimentare il mio operato. Probabilmente lascio". Ecco Plancker: "Innanzitutto sono lusingato di questa indicazione. Sono cosciente che è necessario lavorare molto nel settore femminile. Già quest'anno abbiamo portato novità nel gruppo femminile della velocità, metodologie trasferite dall'ambito maschile. Questa è la strada". Aspettiamo ulteriori sviluppi.
    3 | lbrtg il 24/03/2011 17.14.37
    Enrico ha scritto:
    Da RACE A RAVETTO SOLO GLI UOMINI: "AL 90% LASCIO" Settore femminile a Raimund Plancker Ora è ufficiale. Il Consiglio federale Fisi ha votato all'unanimità la separazione delle direzioni agonistiche per quanto rigurda lo sci alpino. Claudio Ravetto è stato indicato come direttore tecnico esclusivamente del settore maschile, invece le donne passano sotto la direzione di Raimund Plancker. Ecco i primi commenti dei diretti interessati. Ravetto sembra al momento non accettare la proposta: "Lunedì siamo stati convocati in Fisi per parlare della decisione del Consiglio. Mi proporranno un triennale solo per i maschi, tuttavia al 90% lascio. Avevamo intrapreso una linea di indirizzo comune per entrambi i settori, se mi tolgono quello femminile hanno evidentemente giudicato fallimentare il mio operato. Probabilmente lascio". Ecco Plancker: "Innanzitutto sono lusingato di questa indicazione. Sono cosciente che è necessario lavorare molto nel settore femminile. Già quest'anno abbiamo portato novità nel gruppo femminile della velocità, metodologie trasferite dall'ambito maschile. Questa è la strada". Aspettiamo ulteriori sviluppi.
    Non so che dire...... Se lascia, secondo me, è per una questione di orgoglio più che di principio. Boh!
    4 | lbrtg il 24/03/2011 17.17.16
    Inoltre, Plancker è già un suo collaboratore e quindi potrebbe lavorare con unione di intenti.
    5 | Enrico il 24/03/2011 17.18.29
    Come volevasi dimostrare! 1) Si è fatta l'offerta inaccettabile per spingerlo a non accettare il ridimensionamento, 2) Si è preso atto delle dimissioni di Ghedina e pur potendolo non hanno deliberato la cooptazione con il primo dei non eletti in lista atleti; 3) si prosegue nella strada degli sprechi preannunciata dal prossimo appalto ad una bella agenzia stampa esterna che dovrebbe fare concorrenza alle riviste specializzate con il prodotto di cui si sentiva veramente bisogno per risolvere tutti i mali federali: SPORT INVERNALI ON LINE"!! Davvero dei geni!! Indovinate un po a chi affideranno con una trasparentissima gara l'appalto della redazione giornalistica dell' Organ House federale? risposta retorica.
    6 | lbrtg il 24/03/2011 17.24.17
    Enrico ha scritto:
    3) si prosegue nella strada degli sprechi preannunciata dal prossimo appalto ad una bella agenzia stampa esterna che dovrebbe fare concorrenza alle riviste specializzate con il prodotto di cui si sentiva veramente bisogno per risolvere tutti i mali federali: SPORT INVERNALI ON LINE"!!
    Il giornale di "partito".[;)]
    7 | Enrico il 24/03/2011 17.30.38
    lbrtg ha scritto:
    Inoltre, Plancker è già un suo collaboratore e quindi potrebbe lavorare con unione di intenti.
    Tutto verissimo, ma professionalmente, mettendosi nei suoi panni questa è una punizione ingiustificata. Un boccone amarissimo da mandare giù. Probabilmente se ne avesse la reale possibilità si potrebbe mettere ad imparare il Francese o l'Inglese ed emigrare da un'altra parte. In qualche nazione che sicuramente saprebbe molto meglio apprezzare quest'ottimo professionista. Sia ben inteso io spero che resti per non dargliela del tutta vinta a quella banda di improvvidi personaggi che gli sci club hanno avuto la dabbenaggine di votare il 24 aprile! Lui resterà sempre una spina nel fianco di Morzenti. Molto più efficace e con una visibilità più ampia dei consiglieri dell'opposizione che non vengono nemmeno menzionati (forse perché anche questa volta hanno disertato il Consiglio), se non quando rassegnano le loro dimissioni.
    8 | leo85 il 24/03/2011 17.31.53
    Io sono e sarò sempre dalla parte di Claudio...però non dovrebbe lasciare!!! Con gli uomini ha fatto un ottimo lavoro ed ha l'opportunità di continuare!!!! Come dice Ibrtg, Plancker è proprio un suo collaboratore, quindi avrebbero modo di confrotnarsi direttamente e seguire una linea comune....E poi, la differenzizione dei settori la trovo forse più appropriata....Anche perchè quest'anno lo stesso Ravetto ha dovuto fare i salti mortali nello stesso week-end per stare per una gara dai maschi e l'altra dalle ragazze....Invece così, i due DT avrebbero l'occasione di seguire in toto le prove...e dare pieno appoggio e supporto agli atleti!! Non mi sembra così male...ovvio che la "cavolata" (per usare un eufemismo) del contratto triennale rinnovabile di anno in anno, non la commento...
    9 | truddo il 24/03/2011 17.50.39
    Avete ragione ma ogni tanto non dimentichiamoci delle questioni di principio. Niente da dire se dietro questa scelta ci fosse il ragionamento che potrebbe portare a pensare che sia meglio che i due settori stiano divisi ma rendiamoci conto che è solo una vendetta. E questo non mi va proprio giù!
    10 | franz62 il 24/03/2011 18.47.07
    Propendo per il 10%...
    11 | Enrico il 24/03/2011 18.52.41
    La crisi è sempre la crisi [;)]. Con i soldi che prende Ravetto non si può certo permettere un corso iper accelerato di Lingue come i nostri strapagatissimi allenatori di calcio che vanno all'estero.
    12 | Paratici il 24/03/2011 22.52.25
    Mi pare invece sensata la suddivisione tra uomini e donne... Ravetto dovrebbe rimanere e proseguire il suo lavoro. Senza dimenticare che se i Mondiali hanno dato risultati eccezionali in Coppa non siamo sempre stati così brillanti... tantomeno prima di Garmisch...
    13 | alesfurl il 24/03/2011 23.58.19
    Beh, al di là del fatto che messa in questi termini può essere vista come una "punizione", dunque non accettabile dall'interessato (giustamente!) io comunque in linea di principio sono favorevole alla divisione. Ravetto è da tutti considerato un tecnico eccezionale, però non credo abbia il dono dell'ubiquità..Se gli uomini sono in gara a Kitzbuehel e le donne lo stesso giorno a Val d'Isere (sto sparando a caso), o gli uni o le altre non avranno in pista il capo tecnico.. Nel settore del nordico è diverso, se non sbaglio (ma non seguo molto il settore) spesso le gare sono accorpate nella stessa località per uomini e donne.. Visto che tra l'altro quest'anno proprio la squadra femminile è stata molto avara di soddisfazioni, e che nell'immediato c'è il grossissimo problema di avere delle atlete tempo fa fortissime ma ormai quasi a fine carriera, e senza vedere molto "ricambio" per il futuro (fatto salvo la Brignone in gigante e la Curtoni in slalom..nelle discipline veloci invece la situazione è proprio grama..), forse l'avere un responsabile a tempo pieno può aiutare.. Domanda da ignorante..ma nelle altre nazioni come funziona? In austria, Svizzera, ecc settori maschili e femminili sono unificati?
    14 | FRENK il 25/03/2011 0.03.40
    Se avessero accettato la richiesta di Ravetto di affiancarli un vice di sua fiducia il buon Claudio avrebbe avuto la possibiltà di decidere in primis per tutti e due i settori ma nello stesso tempo di poter assistere alle gare con più serenità ora da una parte ora dall'altra coprendo comunque sempre sia gli uomini che le donne alternandosi con il suo vice. Possiamo parlare di collaborazione con Plancker quanto vogliamo ma la realtà è che così Ravetto non avrà più voce in capitolo nel settore femminile. Comunque rispetto al previsto siluramento che ci aspettavamo l'innominato un passo indietro è stato costretto a farlo e sinceramente spero che Ravetto accetti non solo per non dargliela vinta ma anche perchè sono sicuro che Morzenti non avrà una lunga vita in Fisi e Claudio potrà lavorare in futuro con molta più serenità.
    15 | noborderbiking.com il 25/03/2011 1.31.28
    morzenti fino a quando ha il mandato in fisi? non riesco a capire perchè faccia ste tipologie di scelte ha confermato tutto i tecnici tranne il ruolo di capo dello sci alpino di Ravetto... Anche il fatto che Fauner sia rimasto li dopo i tragici mondiali di sci di fondo la dice lunga sulla lungimiranza in casa FISI...
    16 | Umberto il 25/03/2011 11.11.08
    io spero che ravetto rimanga. Secondo me potrà fare un lavoro ancora migliore con gli uomini, seguendo un solo settore... Non dimentichiamoci che fino a prima dei mondiali la stagione non è stata esaltante...qualcosa che non andava c'era...poi a garmisch come d'incanto è andato tutto benissimo...secondo me avere due direttori tecnici è meglio... ravetto magari prenderà questa decisione come una sfida...ma spero che non anteponga l'orgoglio al senso di responsabilità...DEVE continuare a lavorare con i ragazzi...
    17 | Lucas il 25/03/2011 11.39.49
    Pur apprezzando da tempo il lavoro di Ravetto, devo dire che ho sempre nutrito delle perplessità sul ruolo del dt unico, per cui anch'io accolgo favorevolmente il ritorno al doppio incarico, che, come avete già detto, consente indubbiamente di lavorare meglio e sempre a contatto coi propri atleti. E spero vivamente che il buon Claudio accetti! Se, come sembra, non lo farà stavolta non mi schiererò dalla sua parte. Infatti quando due parti molto distanti cercano un accordo è buona norma che entrambe facciano un passo indietro, Morzenti l'ha fatto -non è un mistero che volesse mandarlo via- Ravetto invece mi sembra ancora parecchio intransigente. La prenderebbe come una bocciatura?? Ragazzi, non gli si propone di punto in bianco di fare l'autista Fisi, stiamo sempre parlando di un ottimo incarico appena un gradino, nemmeno quello, sotto a quello precedente. E che, tra l'altro, garantirebbe continuità del lavoro, considerando anche la nomina di Plancker. Se Ravetto lascerà spezzerà, lui per primo, tale continuità!
    18 | Enrico il 25/03/2011 14.18.33
    Mettiti un pochino nei suoi pani e pensa se una decisione del genere l'avessi subita tu. Non la vedresti anche tu come una ripicca e basta? Non ti girerebbero un pochino anche a te?! Tra l'altro Morzenti non ha potuto cacciarlo (ma avrebbe voluto fortissimamente farlo) solo perché il CONI gli ha chiaramente detto: se cacci il DT che ti ha vinto più medaglie dall'epoca di Tomba e Compagnoni ti tagliamo i viveri! Quindi lo ha ridimensionato apposta solo per non dargli partita vinta! Perché sul piano sportivo e mediatico il presidente questa partita l'ha strapersa e solo l'arroganza del potere gli permette di presentarsi con il coltello dalla parte del manico.
    19 | truddo il 25/03/2011 14.32.21
    ... e ha trovato quello che lui reputa essere un modo occulto per cacciarlo... non per niente il coni è "sconcertato"!
    20 | Enrico il 25/03/2011 14.34.09
    Ravetto verso addio all'Italia "C.t. dimezzato? No, grazie" Strappo tra il tecnico delle nazionali azzurre e la federazione, che gli ha proposto di limitarsi alla guida degli uomini. "Se queste sono le condizioni, al 90 per cento non accetterò" MILANO, 24 marzo 2011 - Da una parte Claudio Ravetto, direttore agonistico di tutta l'Italia dello sci alpino. Dall'altra il presidente della Fisi (Federazione Italiana Sport Invernali) Giovanni Morzenti. In mezzo uno strappo che sembra ormai irricucibile, tanto che nemmeno al Coni è riuscita la mediazione. Una situazione che ora rischia di complicarsi ulteriormente. "no al 90 per cento" — L'ultimo capitolo in una faida che va avanti da tempo è il ruolo di Ravetto, che Morzenti vorrebbe ridimensionare e che il direttore agonistico vorrebbe portare avanti per prepare al meglio il cammino verso l'Olimpiade di Sochi 2014. Dal consiglio federale è però arrivata a quello che adesso è il responsabile di tutte le nazionali italiane di sci alpino la proposta di proseguire solo con la squadra maschile, affidando la squadra femminile a Raimund Plancker. "La settimana prossima - si legge in una nota Fisi - i direttori agonistici discuteranno la proposta di contratto con il presidente ed il segretario generale Fisi insieme ai consiglieri referenti per disciplina e al rappresentante dei gruppi sportivi militari. Una volta accettato l'incarico gli stessi direttori agonistici presenteranno una proposta di definizione degli organici di loro competenza, che dovrà essere approvata dal Consiglio federale". Ma l'ok di Ravetto non arriverà, come ha spiegato all'Ansa il diretto interessato. "Se le cose stanno così allora al 90 per cento non ci sto - ha chiarito il direttore agonistico dello sci azzurro -. Non conosco nel dettaglio la proposta. Lunedì ci sarà un incontro, ma se le cose stanno in questo modo allora credo che al 90 per cento non accetterò". Gasport© RIPRODUZIONE RISERVATA l'articolo è di Ieri ma non lascia dubbi sul fatto che lunedì Ravetto, ascoltata nei dettagli la proposta a suo parere "irricevibile" alzerà i tacchi sbattendo la porta. A questo punto il Gufatore numero uno avrà partita vinta.
    21 | Enrico il 25/03/2011 14.47.38
    posto l'editoriale di Davide Marta sul nuovo numero di RACE (114 di marzo 2011) che è stato anche pubblicato sul sito della rivista. Lo trovo puntualizzante di tutta la situazione. UN BOCCONE INDIGESTO Editoriale di Race 114 di marzo 2011 L'articolo 18 dello statuto della FISI caratterizza il ruolo del presidente federale. Nei punti che vanno dalla 'a' alla 'd' si enunciano le sue funzioni operative principali: ha rappresentanza legale in ambito nazionale ed internazionale, convoca e presiede il consiglio federale e provvede alla formulazione dell'ordine del giorno, convoca l'assemblea federale. Fin qui tutto ok. Si arriva poi ad un punto che sembrerebbe interpretato in modo un po' personale da Morzenti, quello che si trova alla lettera 'e'. «Il presidente esercita un generale potere di vigilanza e coordinamento sulla gestione ed amministrazione della FISI». Me lo fa pensare la polemica che infuria tra il presidente e il direttore tecnico Ravetto, che si è gonfiata con il passare dei giorni, dopo i primi timidi accenni di inizio inverno e che si è spostata dalle stanze di Chalet Italia a Garmisch, fino alle pagine di quotidiani nazionali, come il Corriere della Sera, che ha recentemente ospitato un botta e risposta epistolare tra i due. Il fraintendimento sta nell'interpretazione del ruolo. Senza voler entrare nel merito della politica - non è questa la sede per farlo - qualche giorno fa ho sentito un'intervista al presidente della Camera dei Deputati che si riferiva al presidente del Consiglio dei Ministri citando il secondo capoverso dell'articolo 1 della costituzione: «La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione». A questo aggiungendo che «essere eletti dal popolo, anche col 99,9% dei voti, non comporta il sentirsi al di sopra della legge e quindi in qualche modo 'unto del Signore', perché a lungo andare questa presunzione determina un conflitto istituzionale». Perché confrontare una questione del genere ai casi, ben meno determinanti per le sorti del paese, della Federazione Italiana Sport Invernali? Perché anche nel mondo dello sci sembra esserci un malinteso sui ruoli. L'Italia ha fatto una gran bella figura a Garmisch, che è stato forse il Mondiale più ricco di sempre, perché nella faretra di Claudio Ravetto c'erano sì frecce acuminate, ma non i dardi infallibili di Sestriere '97 (Tomba, Compagnoni, Ghedina, Kostner). Risultato di squadra, di gruppo insomma. Perché dunque il presidente della federazione dovrebbe pensare di rimuovere dall'incarico o limitare le funzioni di un direttore tecnico che ha ottenuto un 'bottino' del genere? Probabilmente perché, eletto dall'assemblea federale, ritiene di esercitare un potere assoluto sulle sorti della FISI, come si diceva sopra - una sorta di 'unto del Signore', appunto - generando un conflitto tra i ruoli politici e amministrativi che cercano di insinuarsi nelle faccende tecniche e i ruoli esecutivi sul campo che difendono la propria autonomia decisionale e la competenza specifica. Tengo a precisare che non sono contro Morzenti o a favore di Ravetto. Mi aspetto però che ognuno svolga al meglio i propri incarichi: il direttore tecnico a quanto pare l'ha fatto, il presidente non del tutto, dato che a livello internazionale non contiamo più nulla, visto che l'Italia ha perso il diritto di voto nell'assemblea FIS. Che cosa dovrebbe spingere al licenziamento di Ravetto? Ha un brutto carattere? Può darsi, lo dice più di un atleta e anche noi talvolta ci siamo trovati a discutere con lui a proposito dei contenuti di certi articoli o altre faccende. E allora? Non vuole stare alle regole imposte dal presidente e dalla maggioranza del consiglio che lo rappresenta? Chissenefrega. Lui deve operare in modo che gli atleti vadano forte, che gli allenatori svolgano il proprio lavoro all'unisono, secondo un progetto tecnico condiviso, che comprenda anche la ricerca, la preparazione atletica e numerosi altri aspetti. Ravetto lo sta facendo. Ci sono diversi punti della sua gestione su cui si potrebbe discutere per migliorare pro-futuro, ma attualmente è l'uomo giusto per guidare lo sci alpino italiano. Il problema è che a Morzenti questo non interessa. Non sembra voler 'governare' la FISI, ma voler comandare. Una stortura nell'interpretazione dei ruoli istituzionali che in Italia parte dall'alto e si declina fino agli organismi territoriali più piccoli. Insomma: i problemi da risolvere in FISI sono altri, non certo il ruolo del direttore tecnico. Per esempio si potrebbe approfondire la questione del precariato in cui vivono allenatori e skiman, che hanno recentemente ricevuto una lettera di revoca dei contratti e che ogni anno si ritrovano con un punto interrogativo sul proprio futuro. C'è da capire come si ovvierà al mancato pagamento della sponsorizzazione di Vuarnet, che potrebbe incidere pesantemente sul bilancio. C'è da ricostruire quasi del tutto un rapporto con la base, completamente slegata dalla gestione federale, perché il sistema di voto a deleghe toglie di fatto ogni voce in capitolo ai tesserati. C'è da consolidare il rapporto con il CONI, che resta comunque il canale di finanziamento principe di ogni federazione sportiva. Ma potrei andare avanti ancora a lungo. A proposito, qualche giorno fa, durante l'inaugurazione dei nuovi uffici del Comitato Olimpico in via Piranesi, il presidente Petrucci ha rilasciato una dichiarazione sul tema alla Gazzetta dello Sport. «Abbiamo sempre appoggiato Morzenti perché ha risanato la federazione e spero, come abbiamo già auspicato, che alla fine prevalga il buonsenso. Ma se davvero intenderà licenziare un tecnico così vincente, dovremo rivedere le nostre posizioni». Il pesce grande mangia quello più piccolo, una legge vecchia come il mondo. Una cosa è certa: Ravetto rischia di diventare un boccone davvero indigesto per Morzenti.
    22 | franz62 il 25/03/2011 14.49.41
    Propendo per il 10%..
    23 | Enrico il 25/03/2011 14.59.17
    Lo spero Franz, lo spero! Ma la vedo davvero dura. Vincerà l'orgoglio o la pazienza?
    24 | franz62 il 25/03/2011 15.09.51
    La pazienza.... penso che Ravetto sia un personaggio da federazione, penso che faccia la sua guerra, persa una battaglia aspetterà tempi migliori, fosse innamorato della tecnica e vincente in quel campo se ne sarebbe già andato con meno proclami. Idea del tutto personale che può essere smentita dai fatti in ogni momento.
    25 | truddo il 26/03/2011 6.58.39
    venghino signori, si accettano scommesse...
    franz62 ha scritto:
    La pazienza.... penso che Ravetto sia un personaggio da federazione, penso che faccia la sua guerra, persa una battaglia aspetterà tempi migliori, fosse innamorato della tecnica e vincente in quel campo se ne sarebbe già andato con meno proclami. Idea del tutto personale che può essere smentita dai fatti in ogni momento.
    [:284]
    26 | franz62 il 26/03/2011 8.34.19
    Non conviene..secondo Ibrtg nell'altra discussione adesso ha dato le dimissioni al 100%.. sempre che non diventi un 99% nel week-end...si sa mai con le notizie di stampa.
    27 | lbrtg il 26/03/2011 13.26.45
    franz62 ha scritto:
    sempre che non diventi un 99% nel week-end...si sa mai con le notizie di stampa.
    Io lo spererei!
    28 | enzigua il 26/03/2011 21.21.22
    Enrico ha scritto:
    Mettiti un pochino nei suoi pani e pensa se una decisione del genere l'avessi subita tu. Non la vedresti anche tu come una ripicca e basta? Non ti girerebbero un pochino anche a te?! Tra l'altro Morzenti non ha potuto cacciarlo (ma avrebbe voluto fortissimamente farlo) solo perché il CONI gli ha chiaramente detto: se cacci il DT che ti ha vinto più medaglie dall'epoca di Tomba e Compagnoni ti tagliamo i viveri! Quindi lo ha ridimensionato apposta solo per non dargli partita vinta! Perché sul piano sportivo e mediatico il presidente questa partita l'ha strapersa e solo l'arroganza del potere gli permette di presentarsi con il coltello dalla parte del manico.
    29 | enzigua il 26/03/2011 21.22.13
    Enrico ha scritto:
    Mettiti un pochino nei suoi pani e pensa se una decisione del genere l'avessi subita tu. Non la vedresti anche tu come una ripicca e basta? Non ti girerebbero un pochino anche a te?! Tra l'altro Morzenti non ha potuto cacciarlo (ma avrebbe voluto fortissimamente farlo) solo perché il CONI gli ha chiaramente detto: se cacci il DT che ti ha vinto più medaglie dall'epoca di Tomba e Compagnoni ti tagliamo i viveri! Quindi lo ha ridimensionato apposta solo per non dargli partita vinta! Perché sul piano sportivo e mediatico il presidente questa partita l'ha strapersa e solo l'arroganza del potere gli permette di presentarsi con il coltello dalla parte del manico.
    30 | enzigua il 26/03/2011 21.26.01
    concordo pienamente cosa dice Enrico, conoscendo Claudio nn credo proprio che ci ripenserà peccato perchè così fa il gioco del nostro simpatico presidente....che a questo punto dubito che sia di nuovo rieletto
    31 | Lucas il 26/03/2011 23.42.44
    Guardate, io credo che in questa "partita" non ci saranno nè vincitori nè vinti, semplicemente perchè, a mio giudizio, hanno sbagliato entrambi. Che i due non si siano mai amati è un fatto ormai acclarato, ma se Morzenti ha esagerato in un senso (con arroganza e tutto quel che volete) Ravetto non è stato da meno nell'altro. Perchè non ritengo ammissibile che un dipendente di una federazione si presenti alla stessa con "aut aut" del tipo "o si fa come dico io o me ne vado". Il Coni ha mediato, e penso in maniera eccellente, se poi Ravetto non è soddisfatto fa benissimo ad andarsene, ma allora, forse, era meglio evitare tutti quei discorsi sulla continuità del lavoro e via discorrendo... Enrico, possono girarti fin che vuoi, ma un conto è mirare a un accordo, un altro è rimanere fermo e inflessibile sulle proprie posizioni: Ravetto ha scelto la seconda via! Forse farebbe meglio a essere onesto fino in fondo e dire chiaramente che lui con Morzenti non vuol più lavorare (ma di certo non può pretendere che il Presidente sia cacciato per fargli un favore)! E personalmente mi dispiacerà molto, visto che questo rischia di scatenare altri abbandoni o ripicche che tutto faranno fuorchè il bene dei nostri atleti. Senza contare, lo ripeto, che ho sempre apprezzato il lavoro del buon Claudio. P.S. Scusatemi la franchezza, ma forse credevate che il Coni potesse esautorare Morzenti dicendo a Ravetto "si fa come dici tu"?? Vi rendete conto del pericoloso precedente che si sarebbe venuto a creare??
    32 | Lucas il 26/03/2011 23.43.54
    enzigua ha scritto:
    peccato perchè così fa il gioco del nostro simpatico presidente....
    Ecco, fosse anche solo per questo, io al suo posto rimarrei!
    33 | lbrtg il 27/03/2011 8.48.15
    Lucas ha scritto:
    enzigua ha scritto:
    peccato perchè così fa il gioco del nostro simpatico presidente....
    Ecco, fosse anche solo per questo, io al suo posto rimarrei!
    Idem.[;)]
    34 | quilodico il 27/03/2011 17.35.41
    non ritengo ammissibile che un dipendente di una federazione si presenti alla stessa con "aut aut" del tipo "o si fa come dico io o me ne vado"
    E perché, di grazia? Se un tecnico è convinto delle proprie capacità, sicuro dei propri mezzi, secondo me fa bene a non accettare intromissioni esterne, politiche e non sportive. Poi, ovvio, ne risponde a stagione finita, se i risultati sono negativi.
    35 | franz62 il 27/03/2011 18.17.32
    Magari non fa il tecnico in una Federazione statale, non riesco a capire come si possa pensare che non ci siano intromissioni esterne. Stiamo parlando di aria fritta...manco Ravetto fosse arrivato ieri in Fisi. Per me la Fisi può bruciare domattina, detto questo non posso che quotare Lucas.
    36 | Enrico il 28/03/2011 9.47.25
    @Lucas, Le balle giravano in senso figurato, mica a me! Ribadivo solo che un professionista vivendo della propria immagine e dei risultati (solo quelli buoni) quando si trova in una posizione di forza ci prova eccome ad imporre le proprie condizioni. Un General Manager così si comporta. Può piacere o no, ma un professionista (non è un dipendente, né per trattamento lavorativo né tanto meno per rapporto contrattuale, viene pagato a Co.Co.Pro. e senza nemmeno il TFR[;)]) così DEVE comportarsi altrimenti perde punti sul mercato.
    37 | C4 il 28/03/2011 12.35.03
    Lucas ha scritto:
    Guardate, io credo che in questa "partita" non ci saranno nè vincitori nè vinti, semplicemente perchè, a mio giudizio, hanno sbagliato entrambi. Che i due non si siano mai amati è un fatto ormai acclarato, ma se Morzenti ha esagerato in un senso (con arroganza e tutto quel che volete) Ravetto non è stato da meno nell'altro. Perchè non ritengo ammissibile che un dipendente di una federazione si presenti alla stessa con "aut aut" del tipo "o si fa come dico io o me ne vado". Il Coni ha mediato, e penso in maniera eccellente, se poi Ravetto non è soddisfatto fa benissimo ad andarsene, ma allora, forse, era meglio evitare tutti quei discorsi sulla continuità del lavoro e via discorrendo... Enrico, possono girarti fin che vuoi, ma un conto è mirare a un accordo, un altro è rimanere fermo e inflessibile sulle proprie posizioni: Ravetto ha scelto la seconda via! Forse farebbe meglio a essere onesto fino in fondo e dire chiaramente che lui con Morzenti non vuol più lavorare (ma di certo non può pretendere che il Presidente sia cacciato per fargli un favore)! E personalmente mi dispiacerà molto, visto che questo rischia di scatenare altri abbandoni o ripicche che tutto faranno fuorchè il bene dei nostri atleti. Senza contare, lo ripeto, che ho sempre apprezzato il lavoro del buon Claudio. P.S. Scusatemi la franchezza, ma forse credevate che il Coni potesse esautorare Morzenti dicendo a Ravetto "si fa come dici tu"?? Vi rendete conto del pericoloso precedente che si sarebbe venuto a creare??
    Poteva esonerarlo sulla base dei risultati disastrosi di Oslo e della situazione economica ancora precaria della Federazione. E? un generale della GdiF se non è capace nemmeno di sistemare i conti a che serve?
    38 | truddo il 28/03/2011 12.41.11
    scusa C4 ma chi è un generale della GdF? il personaggio?
    39 | Enrico il 28/03/2011 17.53.52
    Temo che C4 non abbia afferrato il senso della discussione e che si stia confondendo con ben altro presidente.
    40 | truddo il 28/03/2011 18.27.17
    Ho anche io questo sospetto, a meno che il personaggio abbia millantato anche quel ruolo...
    41 | FRENK il 28/03/2011 23.55.26
    Il C4 andrebbe bene usarlo in Fisi
    42 | Enrico il 29/03/2011 11.27.32
    FRENK ha scritto:
    Il C4 andrebbe bene usarlo in Fisi
    Intendevi forse così? [:64]
    43 | Lucas il 30/03/2011 15.57.03
    Enrico ha scritto:
    @Lucas, Le balle giravano in senso figurato, mica a me!
    Lo so Enrico, probabilmente mi sono espresso male! Facevo riferimento alle tue parole in merito a un possibile stato d'animo di Ravetto, non a te personalmente! [;)]



      Cerca una parola nelle news:        

      Ultime 15 Notizie correlate: (Fisi Claudio Ravetto )

      [29/06/2020] Stelvio: tutti gli Azzurri a casa per precauzione
      [28/06/2020] Stelvio: positivo un coach azzurro
      [15/06/2020] Zazzaro e Lani inseriti nei gruppi Junior
      [08/06/2020] Le squadre ASIVA per la stagione 2020/2021
      [05/06/2020] Cortina 2021: verso una conferma della data?
      [31/05/2020] Le squadre del Comitato AOC per la stagione 2021
      [31/05/2020] Da lunedì lo Stelvio torna ad essere "Casa Italia"
      [29/05/2020] Gli Azzurri ripartono dallo Stelvio!
      [28/05/2020] FISI:aggiornate le disposizioni per gl allenamenti
      [27/05/2020] Roda:"Mondiali Cortina 2022 al posto delle Finali"
      [22/05/2020] Roberto Saracco lascia i gigantisti azzurri
      [21/05/2020] FISI: Nota del 17/o Consiglio Federale
      [19/05/2020] Come sarà la prossima Coppa del Mondo?
      [14/05/2020] Maurberger: "il recupero sta andando bene"
      [11/05/2020] Come si allenaranno gli Azzurri allo Stelvio?

      Altre notizie di Coppa del Mondo:

      [01/07/2020] Marie Michele Gagnon passa a Head
      [01/07/2020] Un'altra gondola per Matthias Mayer
      [30/06/2020] I 100 anni di Zeno Colò in diretta da Abetone
      [29/06/2020] Stelvio: tutti gli Azzurri a casa per precauzione
      [29/06/2020] Cortina 2021: rinviata al 2. luglio riunione Fis
      [28/06/2020] Stelvio: positivo un coach azzurro
      [27/06/2020] Stelvio: le Azzurre si allenano in parallelo
      [26/06/2020] Alpi Centrali: le squadre per la stagione 2021
      [26/06/2020] Senoner confermato presidente Saslong Classic
      [25/06/2020] Le ragazze USA in allenamento a Copper Mountain
      [25/06/2020] Saslong Classic: verso la rielezione di Senoner
      [25/06/2020] Hannes Reichelt è tornato sugli sci
      [24/06/2020] Un anno fa l'assegnazione di Milano-Cortina 2026
      [24/06/2020] Soelden 2020: pubblico sì, pubblico no.
      [23/06/2020] Gruppo Osservati in allenamento allo Stelvio
      [22/06/2020] Elite e Polivalenti tornano allo Stelvio
      [19/06/2020] Stelvio: tornano i velocisti,arrivano B e C donne
      [19/06/2020] TdG - Zazzaro, la C finalmente
      [18/06/2020] Stelvio: il primo bilancio di Lorenzi sul gigante
      [18/06/2020] Gli Spagnoli per la stagione 2020/2021
      [17/06/2020] Hanna Schnarf in dolce attesa
      [16/06/2020] TdG - I calendari WC nella stagione di Cortina2021
      [15/06/2020] Kriechmayr lascia Fischer per Head
      [15/06/2020] Zazzaro e Lani inseriti nei gruppi Junior
      [15/06/2020] Tedeschi allo Stelvio,Croati in Austria
      [14/06/2020] Italia archivia Usuhaia, si resta sulle Alpi
      [14/06/2020] Manny Moelgg: divorzio in vista da Fischer?
      [14/06/2020] Tommaso Sala passa a Dynastar,Gross rinnova
      [14/06/2020] Voci dallo Stelvio:Buzzi,Casse,Marsaglia e Delago
      [14/06/2020] Voci dallo Stelvio: Marta Bassino e Marta Rossetti
      [12/06/2020] Tendine d'Achille KO per Mauro Caviezel
      [12/06/2020] La squadra canadese per la stagione 2020/2021
      [10/06/2020] Brignone Goggia e Inner:1o bilancio dallo Stelvio
      [10/06/2020] Caviglia KO per Henrik Kristoffersen
      [09/06/2020] Si ritira il norvegese Stian Saugested
      [09/06/2020] Da venerdì anche gli slalomgigantisti allo Stelvio

      Altre notizie Fantaski:

      [18/01/2020] Benvenuto Luigi! Al via il Taglio di Grasscutter
      [04/10/2019] Circo Bianco: ritiri e cambi di materiale (2020)
      [26/03/2019] La Thuile: diamo una manche al Telefono Azzurro
      [23/02/2018] Fantanotti Olimpiche - Analisi dei Giochi 2018
      [06/02/2018] Aperte le FantaOlimpiadi 2018!
      [14/12/2017] Fantaski.it disponibile anche su Telegram !
      [05/12/2017] A La Thuile stagione aperta dal 2 dicembre
      [03/11/2017] Fantaski 2018 - mercato maschile aperto fino Levi
      [05/12/2016] Aperto il primo mercato - stagione 2016/2017
      [13/11/2016] A Milano di scena il Big Air Snowboard



     
    titoletto copyright fantaski
     baffo fantaski titoletto contatti baffo fantaski titoletto riconoscimenti