separatore
icona fisi  
 icona fantaski titoletto linguaicona italia icona bandiera italia icona bandiera svizzeraicona bandiera inglese icona bandiera inglese icona bandiera americanatitoletto tedesco icona bandiera germania icona bandiera austria icona bandiera svizzeratitoletto francia icona bandiera francia icona bandiera svizzera 
icona baffo fantaski titoletto home icona baffo fantaski titoletto cosa fantaski icona baffo fantaski titoletto faq help icona baffo fantaski titoletto regolamento icona baffo fantaski titoletto forum icona baffo fantaski titoletto fotogallery  
lunedì 15 luglio 2019 - ore 22.59 
titoletto coppa del mondo
separatore
titoletto coppa fantaski
separatore
titoletto gioca fantaski

La Coppa del Gobbo - XVI - E adesso...?

Clicca sulla foto per ingrandire
Gobbo C.
Gobbo C.
commenti 23 Commenti icona rss
Scusate il ritardo! Concluso il Gran Finale di Garmisch mi sono dedicato un paio di giorni alla famiglia ed ai nipotini, per cui nella prossima stagione (sempre se Voi ed il Buon Admin mi Vorrete ancora...) direi di chiamare questa rubrica "La Coppa del Nonno Gobbo"!
Allora! Stagione finita, passioni riposte sino al prossimo ottobre e sogni rimandati! Già...quanti sogni! Tanti, troppi, ma nello sport come nella vita contano i risultati, gli scarni numeri che ti danno l'esatta dimensione di un bilancio anche se è pur vero come ogni situazione sia "leggibile" in mille modi diversi! I Giochi Olimpici e le gare premondiali tedesche, a mio parere, hanno detto come lo sci azzurro goda di buona salute e NON abbia bisogno di "cambiamenti tecnici" alla guida delle diverse discipline. Semmai qualche spostamento, per stimolare ragazzi e ragazze (ma sarebbe un grande errore, per esempio, privarsi del valore di uno stupendo tecnico come Ghidoni). Claudio Ravetto e Much Mair sono professionisti seri, capaci e generosi e TUTTI gli allenatori si sono impegnati con enorme passione. Ho sentito parlare in questi giorni di cambiamenti epocali nel disegno degli organigramma...Vedremo tra l'altro come sarà il volto del nuovo consiglio della FISI(!!!???), ma credo che si debba piuttosto guardare a quanto accada a livello "ricambi generazionali", dove peraltro non siamo i soli ad avere problemi...basti pensare all'Austria! Comunque qualche riflessione deve pur essere fatta. La velocità gode ottima salute, anche tra le ragazze! Con il rientro di Peter Fill, la maturazione di Paris, l'arrivo di Klotz, Plank e compagni il gruppo di Heel potrà fare la voce grossa per molte stagioni! Nelle discipline tecniche il "nuovo che arriva" sta "facendosi le ossa", nel senso che i vari Fantino, Tonetti, Pangrazzi, Gross hanno ancora bisogno di tempo ma hanno dimostrato di avere doti sufficienti per salire sul palcoscenico della coppa del mondo. Spero che il Pianeta Giovani, curato con straordinaria bravura dall'indio Flavio Roda, possa continuare ancora. Il suo lavoro è prezioso. Magari con un po' di risorse in più si potrebbe fare qualcosa come i francesi che, non solo nei campionati mondiali juniores, hanno dato la sensazione di aver trovato formule diverse per garantire ai ragazzi studio ed agonismo ad alto livello. Attorno a Razzoli, Blardone, Simoncelli, Moelgg non c'è il vuoto, anzi! Ma il contatto con gli atleti, il rapporto con i loro problemi, eccetera eccetera non deve essere demandato troppo allo psicologo (io personalmente ho sempre creduto che è l'atleta il miglior conoscitore di se stesso)! Ci sono sicuramente altre vie da seguire, per dare ai ragazzi quella sicurezza e quella consapevolezza di cui hanno bisogno...prima che si giunga alla fragilità dell'anima! Mannaggia! Come è possibile che Manuela Moelgg (complimenti tra l'altro per la scelta della Lange!) non abbia ancora vinto in Coppa? Il suo carattere e la sua totale abnegazione per questo sport che ama avrebbero meritato altri riscontri! Il discorso potrebbe allungarsi e ciascuno avrebbe vari e motivati elementi da inserire...la sostanza però non cambia. Lo sci agonistico ad alto livello non ha mai risposte complete per tutti i problemi. Spesso basta una sola idea per dare la giusta sferzata all'ambiente. Ricordate i cartelli messi in Svizzera sulla "sparizione" degli atleti...Era stato molto forte l'abbinamento con gli "animali", però è servito parecchio...anche se non del tutto perché le loro ragazze continuano a faticare (Ansermoz è stato sostituito da Mauro Pini proprio per rilanciare il settore). Da noi non sarebbe servito perché lo sci in Italia ha sempre occupato un posto "strano". Siamo tutti tecnici, tutti bravi a giudicare, pronti a salire sul carro del vincitore e a criticare. Già, ma in fondo - forse - la vita è bella anche per questo! Buon cammino a tutti!

(mercoledì 17 marzo 2010)



@RIPRODUZIONE RISERVATA

  • martedì 19 febbraio 2019

    Kvitfjell recupera la libera annullata a Garmisch

    domenica 10 febbraio 2019

    La Coppa del Gobbo: Aksel e Lindsey, Grazie!

    domenica 3 febbraio 2019

    Are2019: le big arrivano in volo da Maribor

  • domenica 3 febbraio 2019

    Garmisch: cancellato gigante per neve

    sabato 2 febbraio 2019

    Garmisch: cancellata discesa causa pioggia

    giovedì 31 gennaio 2019

    Garmisch: prova a Kilde, 5/i Casse e Marsaglia

  • martedì 29 gennaio 2019

    25 anni fa la tragica scomparsa di Ulli Maier

    lunedì 28 gennaio 2019

    Fede Brignone:lieve distorsione ginocchio sinistro

    lunedì 28 gennaio 2019

    Stagione finita per Michelle Gisin


    Tutt i commenti disponibili:
    1 | lbrtg il 17/03/2010 12.29.41
    Che dire.............., se non di "essere d'accordo" un'altra volta con te, Carlo.[:D]
    2 | FRENK il 17/03/2010 13.32.51
    Ciao Carlo, come al solito sei stato preciso e puntuale ti quoto in tutto salvo il ricambio che abbiamo nelle discipline tecniche. Hai fatto dei nomi che fino ad ora hanno avuto solo qualche lampo in coppa europa e non sono ancora sicuramente maturi per il grande circuito mentre in slalom, sia quello maschile ma soprattutto quello femminile siamo già arrivati alla frutta con solo 4 elementi in grado di andare a punti. Per le veloci concordo e sono molto ottimista anche io ma per le tecniche soprattutto in slalom il ricambio serviva già ora ma purtroppo non c'è.
    3 | Enrico il 17/03/2010 15.27.43
    Scusate, ma vi pongo questo quesito: se per anni si è imputato al nostro vivaio (Cotelli era uno dei più feroci critici) di curare unicamente le discipline tecniche (in primis lo slalom) a scapito della velocità che alla luce dell'evoluzione dei materiali rappresenta il bagaglio indispensabile per sfondare in C.d.M., possiamo oggi lamentarci di avere tutti giovani di belle speranze che vanno forte solo dal gigante in su? Se negli ultime due stagioni si è vinto il titolo mondiale jr. significa che il vivaio c'è e che serve solo far fare esperienza ai giovani portandoli a fare più gare in C.d.M. visto che queste si differenziano veramente tanto rispetto alle stesse gare di C.E.
    4 | lbrtg il 17/03/2010 16.47.38
    Enrico ha scritto:
    significa che il vivaio c'è e che serve solo far fare esperienza ai giovani portandoli a fare più gare in C.d.M. visto che queste si differenziano veramente tanto rispetto alle stesse gare di C.E.
    E soprattutto, bisogna avere un pò di pazienza e non pretendere il risultato subito.....
    5 | rebus il 17/03/2010 20.04.24
    Rimani con noi, "nonno" Gobbo!! [:)]
    6 | emanueza il 17/03/2010 20.30.55
    tutto dipenderà dall'esito delle elezioni federali anche se, almeno nel settore maschile, l'oro di Razzoli ha salvato più di una testa. Più "delicata" la situazione dello sci femminile. Terminati i campionati italiani assoluti farò il mio pronostico
    7 | Gobbo Carlo il 17/03/2010 21.19.46
    Caro Frenk,..in effetti le discipline itecniche potrebbero sembrare più " fragili " sul fronte del ricambio ...Conosco però il programma del lavoro di allenatori e tecnici bravissimi che stanno operando sul settore e ho fiducia che presto tanti ragazzi e ragazze ..metteranno la freccia per il sorpasso...!!!Poi , sai ...io sono un ottimista nato ed ho una smisurata fiducia nel valore dell'Italia sportiva ..!!
    8 | skitzato il 17/03/2010 21.27.21
    Bravo Gobbo, analisi lucidissima,ciao skitzato
    9 | otto piedi il 18/03/2010 11.56.44
    ... Carlo, è sempre un piacere ... Ciao Nonno! Sei sempre il benvenuto su queste pagine... [;)][:D]
    10 | FRENK il 18/03/2010 14.08.51
    Spero con tutto il cuore che i nostri giovani campioncini siano già in pista altrimenti in slalom tra un paio d'anni rischiamo di avere 2/3 uomini in grado di andare a punti.
    11 | leo85 il 18/03/2010 15.11.57
    E se fossero tutti così i nonni carissimo Carlo!!!![:D][;)] Il settore della velocità mi sembra davvero in buona salute, anzi, in ottima visti i risultati che stiamo ottenendo...Speriamo si riesca a portare questo primato anche in Coppa del Mondo, perchè se così fosse i nostri azzurrini potrebbero giocarsi negli anni futuri le coppette di specialità....Per quanto riguarda le provee tecniche in effetti siamo un pochino più indietro...ma la concorrenze è ancora più agguerrita in queste discipline...quindi non è così facile emergere...Ma lo stesso Fantino (davvero molto molto giovane) ha già dimostrato di avere talento e di saper sciare proprio bene! E poi, non ne servono mica 1000 di atleti di gran livello...Ne basta solo uno...[:D] Scherzi a parte...Aspettiamo con ansia la prossima stagione che culminerà coi Mondiali a Garmisch....in compagnia di un grande telecronista e non solo! Grande Carlo![;)]
    12 | fabio.bdr il 18/03/2010 17.34.52
    caro carlo, non prendertela a male, ma da ragazzo deglia anni 80/90, spero che l'hanno prossimo ti sostituiscano con la vera leggenda delle telecronache di sci: BRUNO GATTAI!
    13 | brunodalla il 18/03/2010 18.23.41
    intervento inutile e inelegante, che da il segno di quale persona sia chi l'ha scritto. inutile perchè chi scrive forse non sa che Bruno Gattai ormai si è dedicato a fare altro e mai più si dedicherà al microfono, almeno per il momento, e di sicuro non l'anno prossimo. inelegante perchè sottintende il non apprezzamento per il lavoro di Carlo. le critiche o si fanno costruttive, oppure se devono essere gratuite, come in questo caso (cioè parlando di "sostituzione"), è meglio lasciar stare. con questo posso affermare tranquillamente che la tua presenza qui, caro fabio.fdr, non è gradita.
    14 | bodetasso il 18/03/2010 20.12.37
    premetto di non aver mai sentito o almeno apprezzato (come potrei fare adesso) in diretta una telecronaca di Gattai a causa della mia giovane eta', ma ritengo che Carlo Gobbo abbia preso il posto del suo predecessore con immensa umilta' e dedizione, riuscendo nel corso degli anni a conquistare la stima e l'affetto di tutti gli appassionati di questo meraviglioso sport, noi stessi appassionati che abbiamo gioito nel risentire il suo appassionato commento su eurosport.
    15 | giò il 19/03/2010 1.09.39
    Ciao Carlo è sempre un piacere leggere le tue riflessioni e ascoltare le tue telecronache, l'anno prossimo devi continuare anche su queste pagine. Lo sci è uno sport bellissimo ma allo stesso tempo crudele e complesso, basta una frazione di secondo per mandare all'aria il lavoro di più stagioni, troppe cose devono trovarsi al posto giusto e al momento giusto e non sempre ci si riesce. Condivido in pieno la tua analisi, ragazzi in gamba ci sono, devono solo avere il tempo di crescere e maturare. Un caro saluto e a presto.
    16 | kaiser il 19/03/2010 8.57.12
    Grande Carlo...... mi permetto di aggiungere il nome di Mattia Casse......
    17 | Gobbo Carlo il 19/03/2010 13.43.21
    Hai ragione Kaiser...Mattia può ripercorrere- in tempi brevi - il percorso di Domi Paris..! Poi, ripeto , "giovani " bravi ne abbiamo...allenatori bravissimi , anche ...!!E' indispensabile dare " in periferia " un pò di risorse in più e " tantissima considerazione " in pù..!!Saper dire a chi lavora , con umiltà , nell'ombra.." bravo , hai fatto un gran lavoro"...si galvanizzerebbe l'ambiente ed i ragazzi troverebbero gli stimoli per " divertirsi " di più!! Leggete l'editoriale di Davide Marta sul numero di Race ...dice cose splendide e sacrosante..!!Bravo!
    18 | lbrtg il 19/03/2010 13.47.00
    Gobbo Carlo ha scritto:
    Leggete l'editoriale di Davide Marta sul numero di Race ...dice cose splendide e sacrosante..!!Bravo!
    . L'ho appena acquistato. Leggerò appena torno dal lavoro.
    19 | larousse il 19/03/2010 14.25.01
    kaiser ha scritto:
    Grande Carlo...... mi permetto di aggiungere il nome di Mattia Casse......
    ci sono da aggiungere anche nomi di giovani fanciulle che si sono distinte in c.e.
    20 | artarannon il 19/03/2010 20.37.50
    FantaskiNews ha scritto:
    La Coppa del Gobbo - XVI - E adesso...? <br>di Carlo Gobbo<br><br><img align="left]http://www.fantaski.it/images/media/img_gt9718.jpg" id="left[/img]Scusate il ritardo! Concluso il Gran Finale di Garmisch mi sono dedicato un paio di giorni alla famiglia ed ai nipotini, per cui nella prossima stagione (sempre se Voi ed il Buon Admin mi Vorrete ancora...) direi di chiamare questa rubrica "La Coppa del Nonno Gobbo"!<br> Allora! Stagione finita, passioni riposte sino al prossimo ottobre e sogni rimandati! Già...quanti sogni! Tanti, troppi, ma nello sport come nella vita contano i risultati, gli scarni numeri che ti danno l'esatta dimensione di un bilancio anche se è pur vero come ogni situazione sia "leggibile" in mille modi diversi! I Giochi Olimpici e le gare premondiali tedesche, a mio parere, hanno detto come lo sci azzurro goda di buona salute e NON abbia bisogno di "cambiamenti tecnici" alla guida delle diverse discipline. Semmai qualche spostamento, per stimolare ragazzi e ragazze (ma sarebbe un grande errore, per esempio, privarsi del valore di uno stupendo tecnico come Ghidoni). Claudio Ravetto e Much Mair sono professionisti seri, capaci e generosi e TUTTI gli allenatori si sono impegnati con enorme passione. Ho sentito parlare in questi giorni di cambiamenti epocali nel disegno degli organigramma...Vedremo tra l'altro come sarà il volto del nuovo consiglio della FISI(!!!???), ma credo che si debba piuttosto guardare a quanto accada a livello "ricambi generazionali", dove peraltro non siamo i soli ad avere problemi...basti pensare all'Austria! Comunque qualche riflessione deve pur essere fatta. La velocità gode ottima salute, anche tra le ragazze! Con il rientro di Peter Fill, la maturazione di Paris, l'arrivo di Klotz, Plank e compagni il gruppo di Heel potrà fare la voce grossa per molte stagioni! Nelle discipline tecniche il "nuovo che arriva" sta "facendosi le ossa", nel senso che i vari Fantino, Tonetti, Pangrazzi, Gross hanno ancora bisogno di tempo ma hanno dimostrato di avere doti sufficienti per salire sul palcoscenico della coppa del mondo. Spero che il Pianeta Giovani, curato con straordinaria bravura dall'indio Flavio Roda, possa continuare ancora. Il suo lavoro è prezioso. Magari con un po' di risorse in più si potrebbe fare qualcosa come i francesi che, non solo nei campionati mondiali juniores, hanno dato la sensazione di aver trovato formule diverse per garantire ai ragazzi studio ed agonismo ad alto livello. Attorno a Razzoli, Blardone, Simoncelli, Moelgg non c'è il vuoto, anzi! Ma il contatto con gli atleti, il rapporto con i loro problemi, eccetera eccetera non deve essere demandato troppo allo psicologo (io personalmente ho sempre creduto che è l'atleta il miglior conoscitore di se stesso)! Ci sono sicuramente altre vie da seguire, per dare ai ragazzi quella sicurezza e quella consapevolezza di cui hanno bisogno...prima che si giunga alla fragilità dell'anima! Mannaggia! Come è possibile che Manuela Moelgg (complimenti tra l'altro per la scelta della Lange!) non abbia ancora vinto in Coppa? Il suo carattere e la sua totale abnegazione per questo sport che ama avrebbero meritato altri riscontri! Il discorso potrebbe allungarsi e ciascuno avrebbe vari e motivati elementi da inserire...la sostanza però non cambia. Lo sci agonistico ad alto livello non ha mai risposte complete per tutti i problemi. Spesso basta una sola idea per dare la giusta sferzata all'ambiente. Ricordate i cartelli messi in Svizzera sulla "sparizione" degli atleti...Era stato molto forte l'abbinamento con gli "animali", però è servito parecchio...anche se non del tutto perché le loro ragazze continuano a faticare (Ansermoz è stato sostituito da Mauro Pini proprio per rilanciare il settore). Da noi non sarebbe servito perché lo sci in Italia ha sempre occupato un posto "strano". Siamo tutti tecnici, tutti bravi a giudicare, pronti a salire sul carro del vincitore e a criticare. Già, ma in fondo - forse - la vita è bella anche per questo! Buon cammino a tutti!
    21 | artarannon il 20/03/2010 9.08.29
    Carlo Gobbo ha scitto:
    anche se non del tutto perché le loro ragazze continuano a faticare (Ansermoz è stato sostituito da Mauro Pini proprio per rilanciare il settore).
    Ansermoz ha perso il posto a capo del settore femminile dello sci alpino svizzero perchè non ha raggiunto l'obbiettivo posto da swiss ski dopo le olimpiadi di Torino. L'obbiettivo consisteva nel mandare a Vancouver almeno una ragazza che gareggiasse nello slalom speciale. In generale, infatti, il settore femminile non sta andando male, anzi, si potrebbe dire che sta andando discretamente bene, calcolando anche i numerosi infortuni avvenuti prima e durante la stagione e le olimpiadi. Basti pensare a Lara Gut. La diciassettenne ticinese ha infatti perso la stagione e le olimpiadi a causa di un infortunio, dopo aver vinto due argenti ai mondiali dell'anno precedente. Domenique Gisin è caduta a pochi metri dal traguardo nella prima gara delle olimpiadi, Fränzi Aufdenblatten si é infortunata a poche settimane dall'inizio dei giochi,... In stagione si sono comunque difese bene, ottenendo diversi podi e vittorie, e terminando al quinto rango la classifica femminile a nazioni, poco dietro alla squadra femminile americana... Alle olimpiadi si può notare anche una gran dose di sfortuna: nella prima gar (discesa), Domenique Gisin è caduta (quando era ancora in zona medagle) proprio prima della partenza delle altre ragazze rossocrociate. Non credo sia stato molto incoraggiante...anche se la Suter è riuscita a terminare quinta. Nella supercombinata la stessa Suter si è classificata sesta, e sempre sesta è arrivata Nadia Styger nel super-g, gara invece andata molto male alla Suter (tredicesima), che era seconda nella classifica di specialità della Coppa del Mondo. Per la squadra femminile le olimpiadi terminarono con il bruciante quarto posto della Suter in gigante, dopo una rimonta che l'ha vista passare dall'undicesimo rango dopo la prima manche al terzo parziale fino a metà gara della Görgl. L'austriaca, infatti, fino a metà tracciato era alle spalle anche della Suter, ma ha terminato in terza posizione er soli due decimi...
    22 | FRENK il 21/03/2010 12.48.22
    bodetasso ha scritto: premetto di non aver mai sentito o almeno apprezzato (come potrei fare adesso) in diretta una telecronaca di Gattai a causa della mia giovane eta', ma ritengo che Carlo Gobbo abbia preso il posto del suo predecessore con immensa umilta' e dedizione, riuscendo nel corso degli anni a conquistare la stima e l'affetto di tutti gli appassionati di questo meraviglioso sport, noi stessi appassionati che abbiamo gioito nel risentire il suo appassionato commento su eurosport. quote Bruno Gattai non è stato il predecessore di Carlo in quanto non ha mai fatto telecronache alla rai ma se non ricordo male a telemontecarlo. Due modi diversi di trasmettere: il primo molto tecnico in quanto ex discesista nazionale, molto tifoso ma nello stesso tempo critico verso gli atleti della nazionale italiana in qualche caso anche troppo, molto impulsivo ed esplosivo (vedi la volta che avrebbe dovuto mangiare un pollo vivo); Carlo all'inizio meno tecnico ma poi è cresciuto molto con il sostegno del buon De Chiesa, anche lui gran tifoso degli azzurri ma sempre con parole di conforto quando le cose non vanno e soprattutto con critiche sempre costruttive, sa andare oltre l'aspetto tecnico svelando retroscena anche fuori dell'ambito sportivo che aiutano i telespettatori a capire ancora meglio lo "status" di ogni atleta, molto riflessivo e soprattutto molto misurato in ogni circostanza come lo è qui nel forum. Ha sempre dato l'idea veramente del "nonno" anche dei nostri atleti. Due modi completamente diversi di apparire ma sicuramente due persone vere che come le vedi e le senti nel piccolo shermo poi le ritrovi nei momenti non lavorativi come ho avuto modo di constatare nelle poche gare che ho visto dal vero. Quando ero ragazzo Gattai mi piaceva moltissimo perchè la sua esplosività si avvicinava molto al mio carattere poi crescendo ho capito che le telecronache di Gobbo risultavano molto interessanti proprio per quel continuo "scavare" intorno ai vari atleti, dal più famoso al più sconosciuto, dal fattore tecnico a quello caratteriale, dalla forma fisica a quella psicologica, dai problemi sportivi a quelli di tutti i giorni e perchè no anche un pò di gossip che ogni tanto non guasta mai. Due modi diversi che possono far preferire l'uno piuttosto che l'altro secondo la soggettività di chi guarda. Sinceramente non ho mai pensato di fare un paragone e devo dire che per quanto mi riguarda li ho saputi apprezzare entrambi. Una cosa è certa, il fatto che Carlo ora sia uno di noi su questo forum ci fa capire quanto sia appassionato e legato a questo sport. Purtroppo di Gattai non ho saputo più nulla se non il fatto che sia completamente immerso nel suo lavoro di avvocato e che non ne voglia più sapere di ritornare.
    23 | magimail il 21/03/2010 19.25.59
    Due modi di essere, e due modi di "trasmettere" emozioni ! Io son partito dai tempi di Pigna, poi Focolari, che arrivava dall'ippica (sig, mi pare ancora di sentire le sue "tirate su" di naso, e i suoi"gliela fa, gliela fa"...).[:0] Focolari a mio avviso deve tutto a Tomba, infatti se il nostro Albertone non avesse riempito le scene....beh, ci sarebbe stato poco di commento tecnico....Fin quando non gli misero in cabina Piero Gros. Ma.....mai dire mai, il "NONNO" ha sette vite, chissa'.... P.s. il pollo vivo, era Coteli che avrebbe dovuto mangiarselo, parlando in telecronaca di un impossibile - poi possibile- recupero credo (ma posso sbagliarmi senz'altro) di Nierlich, su Tomba...."....non ce la fa a recuperare, non ce la fa, mi mangio un pollo vivo, se gli passa davanti...". Furono gentili e magnanimi, la settimana dopo mangio' in studio un pollo arrosto. O come quella volta che insisteva sull'inutilità del casco che Albertone - primo al mondo- adotto' in gigante.(Anche qui, i detrattori, a dire che era stupido....).Cotelli sosteneva che non servisse a nulla, che facesse perdere l'equilibrio, finche' non venne in studio Tomba, che prima gli fece vedere le "frustate" dei pali, blu e rosse, incise sul casco, e poi glielo tiro' dietro.... Della serie: quando lo sci tirava e la tv non aveva solo il calcio....[:(]



      Cerca una parola nelle news:        

      Ultime 15 Notizie correlate: (Coppa del Gobbo Garmisch )

      [19/02/2019] Kvitfjell recupera la libera annullata a Garmisch
      [10/02/2019] La Coppa del Gobbo: Aksel e Lindsey, Grazie!
      [03/02/2019] Are2019: le big arrivano in volo da Maribor
      [03/02/2019] Garmisch: cancellato gigante per neve
      [02/02/2019] Garmisch: cancellata discesa causa pioggia
      [31/01/2019] Garmisch: prova a Kilde, 5/i Casse e Marsaglia
      [29/01/2019] 25 anni fa la tragica scomparsa di Ulli Maier
      [28/01/2019] Fede Brignone:lieve distorsione ginocchio sinistro
      [28/01/2019] Stagione finita per Michelle Gisin
      [28/01/2019] Fantaski Stats - Garmisch - discesa femminile
      [27/01/2019] Infortunio anche per Cornelia Huetter
      [27/01/2019] Roda: "Garantire la sicurezza delle atlete".
      [27/01/2019] Federica Sosio operata, tutto ok per Fede Brignone
      [27/01/2019] Federica Brignone in ospedale per accertamenti
      [27/01/2019] Federica Sosio in ospedale, frattura tibia

      Altre notizie di Coppa del Mondo:

      [15/07/2019] Squadra C tra Stelvio (donne) e Formia (uomini)
      [14/07/2019] I programmi estivi della nazionale francese
      [14/07/2019] Julia Mancuso è diventata mamma!
      [11/07/2019] Fisi Alto Adige commissariata
      [10/07/2019] Gruppo Osservati al lavoro allo Stelvio
      [09/07/2019] FA Consulting gestirà l'immagine di Ema Buzzi
      [09/07/2019] Hanna Schnarf: "proseguirò solo se al 100%"
      [09/07/2019] Hirscher svelerà il suo futuro il 6 agosto
      [08/07/2019] Max Franz è tornato sugli sci
      [08/07/2019] Max Blardone si è sposato
      [08/07/2019] Le polivalenti allo Stelvio per 4 giorni
      [07/07/2019] Si ritira il canadese Phil Brown
      [05/07/2019] Buzzi, Fill, Casse e Marsaglia allo Stelvio
      [05/07/2019] Thomas Dressen è tornato sugli sci
      [05/07/2019] Rossel e Puyol coordineranno la Coppa Europa
      [05/07/2019] Gruppo Coppa Europa ad Amneville
      [05/07/2019] Roda: "Sestriere meritava l'opportunità della CdM"
      [03/07/2019] Comitato FVG: ecco le squadre 2019/2020
      [03/07/2019] Intervento per Ragnhild Mowinckel
      [02/07/2019] ARD: Maria Riesch lascia il posto a...Neureuther?
      [02/07/2019] Alpi Centrali: le squadre di comitato 2019/2020
      [01/07/2019] Milano:2 giorni di confronto tra i tecnici azzurri
      [28/06/2019] Nuovi ingressi nei Centro Sportivo Carabinieri
      [27/06/2019] JB Grange: "amo allenarmi e gareggiare"
      [26/06/2019] Stelvio: secondo giorno di raduno delle Azzurre
      [26/06/2019] Manuel Feller sarà papà
      [26/06/2019] Emanuele Buzzi è tornato sugli sci
      [25/06/2019] Il DT Cattin lascia Swiss-ski
      [25/06/2019] Roda:"Occasione per rilanciare gli sport invernali
      [24/06/2019] Goggia: "2026, per me forse l'ultima Olimpiade".
      [24/06/2019] Milano-Cortina 2026: tutte le sedi olimpiche
      [24/06/2019] Milano-Cortina organizzerà i Giochi Olimpici 2026
      [24/06/2019] Olimpiadi 2026: quest'oggi il verdetto finale
      [23/06/2019] La squadra canadese per la stagione 2019/2020
      [21/06/2019] Attesa per i Giochi 2026: il programma di lunedì
      [21/06/2019] Ancora uno stop per Breezy Johnson

      Altre notizie Fantaski:

      [26/03/2019] La Thuile: diamo una manche al Telefono Azzurro
      [23/02/2018] Fantanotti Olimpiche - Analisi dei Giochi 2018
      [06/02/2018] Aperte le FantaOlimpiadi 2018!
      [14/12/2017] Fantaski.it disponibile anche su Telegram !
      [05/12/2017] A La Thuile stagione aperta dal 2 dicembre
      [03/11/2017] Fantaski 2018 - mercato maschile aperto fino Levi
      [05/12/2016] Aperto il primo mercato - stagione 2016/2017
      [13/11/2016] A Milano di scena il Big Air Snowboard
      [21/03/2016] La Thuile: il 9 Aprile gara per Telefono Azzurro
      [26/02/2016] La Thuile: 1/a Gara dei Sogni in favore di FISIP



     
    titoletto copyright fantaski
     baffo fantaski titoletto contatti baffo fantaski titoletto riconoscimenti